www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Mercoledi 16 Ottobre 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Valerio Filippi 
(roma)
  ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[07-03-2010]  
Direttore artistico Mimmo Epifani direttore generale Valerio Filippi presentano: Il primo festival a Roma di musica etnica.
con l'amore nei confronti del Comune di Caulonia,roccaforte della tarantella.

PER INFO,SPONSOR,GRUPPI.
335/7423999
romatarantellafestival@gmail.com

Risposta Condividi


[76]   
Da: Bravosedormo 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[24-06-2010]  
vendesi chitarra battente De Bonis Rosalba con meccaniche Schaller tipo Kluson de luxe e amplificata con doppio microfono a contatto K&K a euro 1.060 compreso spese di spedizione contattare Pier Filippo - E mail pfmelchiorre@tele2.it cell. 3288605772

http://www.youtube.com/watch?v=byHsxgkFxCs
http://www. youtube.com/user/pfmelchi#p/u/14/ODp9UTxzTLg
http://www.youtube.com/u ser/pfmelchi#p/u/13/YLi7_AlA4BM
http://www.youtube.com/user/pfmelchi# p/u/9/JW5RkpFGReI

Caro Architetto, noto che anche lei ha "sperimentato" secondo il suo concetto del termine, oltre ad aver scritto un "utile" quanto diffuso tramite mail, prontuario di accordi per battente (anche se non so quanto, quando si suona musica popolare).
Per le registrazioni sul campo concordo che debba essere di competenza di etnomusicologi seri e per essere tali non bisogna necessariamente laurearsi, col solo scopo documentaristico e divulgativo, e non per farne man bassa e scopiazzare malamente come molti (mio figlio non potrà altrimenti apprezzare come cantava bene la mundare di Carpino il leggendario Andrea Sacco, non si potrebbe analizzare l'evoluzione della tradizione, ecc...).
Mi tenga informato su questa chitarra battente midi, e mi raccomando facciamo prezzi popolari :-)


Risposta Condividi


[77]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[24-06-2010]  
Assolutamente no....i prezzi popolari li faccio
per le battenti che costruisco ......per le altre...tra cui quella di rosalba che è stata la mia prima
battente (prima che fossi folgorato sulla via di Damasco) andate dai liutai e non dai costruttori
e spendete quello che volete e fatevele fare secondo le vostre esigenze e i vostri gusti.
Cari miei....quando suonavo con continuità la chitarra acustica avevo, e ho, un parco chitarre di valore (martin, gibson larrivè, ecc.).... il repertorio che esguivo aveva bisogno di certi tipi di chitarre .......per cui se volete la battente midi.....fora li palanchi.......
Per il manualetto è stato solo mettere in bella copia gli appunti dello stage di Marcello Vitale.....
Non ho mai detto che quello fosse il modo di suonare popolare....l'ho fatto e l'ho messo a disposizione del popolo.......ognuno ne faccia l'uso che vuole..........
Per la musica di Sacco mi sta bene che tuo figlio l'ascolti da una registrazione sul campo (al par di me che vado a vedere la Gioconda al Louvre)....forse sarebbe meglio che l'ascoltasse dai giovani e meno giovani che anche nel gargano portano avanti la tradizione orale.......anche se un pò troppo ampilificati.....ma forse non è colpa loro........è il mercato (leggi i vari festival) che lo impone.........pertanto, ob torto collo, per accompagnare l'amico Riggio e per una cortesia nei confronti del maestro Perri, ho suonato a Bisignano
amplificato (con il solo microfono davanti)....ma non ho eseguito musica tradizionale.......quella tradizionale, la mia musica, quella della mia comunità, la eseguo (cerco di eseguirla) con l'organetto o con il bassetto...........
L'hai detto tu....io sono laureato in architettura, non sono laureato in etnomusicologia ma non ho
nenache velleità di etnomusicologo....mi interesso alla tradizione musicale orale.....per passione...per abitudine.
E poi, senti, caro Bravosedormo, non capisco perchè questo "accanimento" nei miei confronti...se è il modo
di ottenere lo sconto sulla De Bonis, dillo chiaramente...ci mettiamo senz'altro d'accordo.........e comunque mi sembra di cattivo gusto utilizzare gli annunci delle vendite di strumenti per contestare un argomento.....anche perchè io do la possibilità agli altri di farlo (mettendoci lo mia faccia)....altri come te no, rimanendo nell'anonimato....caro Bravosedormo....preferirei un....SOMAROCHESTASVEGLIO..........


Risposta Condividi


[78]   
Da: Bravosedormo 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[25-06-2010]  
L'intervento cancellato da Alfonso non era riferito a te ma, a chi usa in maniera poco celata il forum unicamente per i suoi scopi (anche se concordo sul suo pensiero), nonostante sia in contraddizione con le sue volontà espresse altrove e poi cade dalla nuvole (intellgenti pauca). Quindi non ti sentire così "attenzionato" anche se la battuta sullo sconto della De Bonis l'ho trovata molto simpatica,così come le palanche da tirar fuori per una battente midi e credimi non ho copiato il tuo annuncio per il prezzo(perchè magari la battente di rosalba li varrà pure) ma, solo per l'amplificazione annessa alla battente, unicamente per dimostrare che anche tu sperimenti (ecco i vari video di u tube), solo che quando fai un saltarello con la battente amplificato transeat mentre, se qualcun altro fa una pizzica su una battente (vedi Carlo Muccio) ci deve essere il tuo sermone sul fatto che la battente non veniva utilizzata per la pizzica, la follia generale.....ecc....passami il "simpatico" termine non si può essere talebani con l'interruttore. A Carpino preferisco ascoltare chi canta la tradizione e non chi la sciommiotta (ce ne sono fin troppi e sinceramente il mio stomaco non li tollera). Non vedo il motivo di pubblicare il mio codice fiscale e farmi schedare visto che non ho attaccato l'uomo ma, solo le sue idee (a mio parere contraddittorie ma, chi legge può farsene un'idea). Per quanto concerne il nick ho la certezza che se mi fossi chiamato Minìchefalacacca ma, avessimo avuto le stesse idee (on off) da taleban-censori non avresti fatto una piega :-). Buona fortuna
a Valerio perchè almeno c'è qualcuno che si muove e vuol far qualcosa per la musica e per i musicisti, basta che non siano sempre i soliti e che sia davvero buona (qualsiasi critica purchè costruttiva è fondamentale per la crescita in ogni campo) e in bocca al lupo al grandissimo Mimmo Epifani.

Risposta Condividi


[79]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[25-06-2010]  
caro amico,
hai idea di che cosa sia il saltarello....perchè se per te il saltarello è solo
quello che si suona all'organetto nelle marche, umbria, lazio, romagna,
abruzzo e molise allora sei proprio fuori strada......
il saltarello proposto a Bisignano è uno strumentale (al pari della pizzica eseguita
da Muccio e composta dal M° Vitale.....) che si rifà al saltarello medievale e che io
non ho assolutamente spacciato per musica tradizionale....anzi...negli interventi
di presentazione dei brani eseguiti a Bisignano ho tenuto a sottolineare che non si eseguiva
un repertorio tradizionale per chitarra battente ma tutt'altra cosa....il repertorio
per battente lo ha eseguito eccellentemente Valentino Santagati.....pur costretto
a suonare amplificato........
vorrei che ti entrasse bene in testa un concetto: ognuno è libero di fare ciò che vuole
soprattutto nel campo della musica ma bisogna essere chiari......io rivendico solo
il fatto che non si spacci per musica di tradizione orale ciò che invece potrebbe attingere
anche dalla musica di tradizione orale ma di fatto non lo è: è altra cosa e và battezzata
con il nome giusto.......
ti ringrazio per il talebano e tengo a precisare che se lo sono è perchè troppi furbetti
per poter fare concerti tendono a spacciare il loro minestrone musicale come musica di tradizione
e questo non mi sta bene..........
per quanto riguarda il festival della tarantella, che fra l'altro è il tema del topic, vorrei dire che
la denominazione stessa è una contraddizione in termini visto che poi ci saranno, almeno così mi
è sembrato di capire, vari gruppi, che presenteranno le loro musiche che probabilmente
avranno poco a che spartire con la tarantella tradizionale........
un festival della tarantella, anche se non sono d'accordo sui festival, dovrebbe trattare la tarantella nelle sue varie espressioni sia musicali che rituali e diversificate rispetto ai vari ambiti territoriali
in cui è presente.....sennò anche qui è un'altra cosa e si genera solo confusione...sarebbe solo marketing
sul fatto dell'anonimato fai come vuoi....a me sembra una scelta sciocca e se poi ho celiato sul tuo nickname è perchè esso si prestava alla celia........e siccome il fatto delle idee e non delle persone....della critica costruttiva...del fatto che l'importante è fare....e tante altre frasi fatte e rifatte mi hanno annoiato,
ti chiedo scusa ma non ho più il piacere di parlare con chi non conosco.

Risposta Condividi


[80]   
Da: Bravosedormo 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[25-06-2010]  
Hai avvalorato quello che ho scritto prima. Evito di entrare nello specifico di certe tue affermazioni erronee, riferibili alla presunta composizione di Vitale (una parte è sua) e al voluto fraintendimento di quello che scrivo (mi auguro voluto perchè se non fosse tale....) e se quelle che pensi frasi fatte non comprendendole nel profondo( perchè sai esiste anche una categoria di lavoratori chiamati musicisti e che devono lavorare e non parlo di Bennato e company) ti hanno annoiato, posso dirti che le tue idee nazional-socialiste (sempre tese a trovare giustificazioni) mi hai annoiato in toto. Strano a dirsi ribadisco che il mio anonimato non ti ha arrecato disturbo quando hai replicato sull'ibrido, perchè condividevi....poi quando non hai più condiviso, l'idea di Mister X è diventata sciocca (qui mi autocensuro perchè darei considerazioni sulla persona e non sulle idee). Per il resto alcune frasi arroganti me le aspettavo pure, si vede che è il tuo modo di reagire quando ti si contesta. Non tollero le contraddizioni e volevo lumi, tutto qui.

"chiedo scusa ma non ho più il piacere di parlare con chi non conosco"

Credo sia l'unica frase sensata che hai scritto e che condivido anche se mi sono fatto un idea chiarissima di te (e da tempo.....)

Risposta Condividi


[81]   
Da: Marcello 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[26-06-2010]  
"...a chi usa in maniera poco celata il forum unicamente per i suoi scopi (anche se concordo sul suo pensiero), nonostante sia in contraddizione con le sue volontà espresse altrove..."
che significa "poco celata"? io USO il forum per esprimere (come tutti credo) delle mie considerazioni e basta.
però concordi sul mio pensiero! scusa ma allora quale è il problema? qualcosa a che vedere con gli ormoni?
allora visto che l'argomento ti sta particolarmente a cuore: la mia richiesta di collaborazione a loccisano è stata fatta sulla base della mia conoscenza di lui attraverso l'esperienza con bennato (esperienza che ci accomuna), non avendo sentito neanche una nota del suo progetto attuale. ti ribadisco che continuo a stimare francesco come chitarrista ma dopo aver ascoltato qualche sua recente realizzazione ritengo abbia intrapreso una direzione divergente rispetto ad altre che PERSONALMENTE reputo più valide.
e adesso credo sia arrivato il momento di chiudere, fortunatamente ho modi migliori di impiegare il mio tempo che non star dietro ai tuoi deliri.
MARCELLO VITALE

Risposta Condividi


[82]   
Da: Bravosedormo 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[26-06-2010]  
Mi ricordi tanto la storia della volpe e dell'uva. Le "battute" sugli ormoni riservale per familiari ed amici. Se non avevi tempo e ritenevi d'aver cocluso potevi evitare di giustificarti. Amen!

Risposta Condividi


[83]   
Da: Marcello 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[26-06-2010]  
:-))) mi fai tenerezza! fai il bravo, è ora di andare alla nanna. :-)

Risposta Condividi


[84]   
Da: Antonio 
(Viterbo)
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[26-06-2010]  
ho suonato di recente in un festival, non abbiamo detto di suonare tradizione,
ma invece di annoiare il pubblico con inutili ..ttanate di pseudoetnomusicologia, il cantante se ne è uscito con una storia tipo "almost true" all' amatriciana nella quale la gente di varie regioni di Italia ci aveva sentito e plagiato....
La gente si è divertita, noi pure, l'organizzatore soddisfatto...
spero che nessuno si senta offeso

Risposta Condividi


[85]   
Da: Bravosedormo 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[26-06-2010]  
Marcello non avevi tempo e ...continui?-)))) C'è gente che non dorme se non ha l'ultima battuta...ti faccio contento così ti realizzi:-)))))))

Auguro a tutti una buona e serena continuazione del topic.

Risposta Condividi


[86]   
Da: Marcello 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[27-06-2010]  
caro Pierfilippo,
lo sai che non sono quasi mai d'accordo con te ma apprezzo sempre e comunque i tuoi interventi in quanto sei capace di argomentare e soprattutto lo fai in buona fede e sono sicuro che, come tutti quelli che mi conoscono personalmente, mi reputi a tua volta una persona intellettualmente onesta. Citando liberamente Voltaire, dico che non condivido le tue idee ma mi farei ammazzare perchè tu le possa esprimere.
per cui vorrei rinforzare i miei interventi precedenti con 2 riflessioni (oramai abbiamo capito che riflessioni del genere che vanno al di là della portata di Bravosedorme) che spero non ti facciano troppo rabbrividire: 1) purtroppo la chitarra battente è vista da molti come una variante della chitarra classica, un po' come può esserlo la chitarra elettrica, per cui uno appare un tipo cazzuto se esegue Bach con la chitarra elettrica anzichè con la classica. Ma quando è nata la chitarra classica, la battente esisteva già da un paio di centinaia d'anni, come può essere la variante di qualcosa se questo qualcosa non esisteva ancora? quella che oggi definiamo battente/barocca per 200 anni è stata LA chitarra. Quindi, in maniera autonoma rispetto alla chitarra (diciamo) a sei corde, ha sviluppato una sua tecnica e soprattutto si è definita una sua logica del tutto differente. 2) ti sembrerà strano, ma questa logica potrebbe essere applicata abbastanza facilmente alla chitarra classica (o elettrica) ma non viceversa. I musicisti del Mali (es. Ali Farka Toure) sono passati dalla Kora alla Stratocaster senza snaturare minimamente il loro modo di suonare, sarebbe stato molto più inefficace e insensato il passaggio contrario, riprodurre le tecniche della chitarra elettrica sulla Kora.
Personalmente credo che l'utilizzo di uno strumento che non rispetti la logica peculiare dello stesso, si riveli semplicemente inefficace. Con la battente è lecito suonare di tutto, dal rock al pop, purché il linguaggio musicale si adatti alle caratteristiche strutturali, timbriche, organologiche specifiche dello strumento, qualora si costringesse lo strumento ad un utilizzo e ad una funzione differente per cui è stato concepito, il risultato sarebbe non scandaloso, non antifilologico ma molto più semplicemente inefficace e senza senso. sarebbe invece interessante assistere presso i vari festival attualmente in corso, ad esibizioni nelle quali musicisti tradizionali trasferiscono il medesimo approccio legato ai loro strumenti tradizionali su strumenti di più recente origine (ciaramella/sax, tamburello/batteria, chit. battente/chit. elettrica) mettendosi in tal modo alla pari con altre culture che hanno gia completato questo processo.

Risposta Condividi


[87]   
Da: alfonso 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[27-06-2010]  
e vorrei aggiungre che "con la battente si può suonare di tutto" senza sentirsi obbligati ad associarla a "tradizione", "tarantella" e "calabria"

Risposta Condividi


[88]   
Da: valerio 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[27-06-2010]  
Condivido in pieno il maestro Marcello e Alfonso, e ringrazio bravosedormo per l'imbocca al lupo.
Con il Festival spero di far divertire tutti e specialmente arrivare ad un obiettivo quello di portare la cultura calabrese a Roma, piu di quanto sia radicata gia' , conbattere un male che da tempo usurpa tutto quello che di speciale e di magico si trova in Calabria (LA MAFIA) senza pensare se i gruppi che verranno eseguiranno la terzina al posto giusto e se le battute sono giuste.
Ringrazio anche il maestro Pier Filippo per il minestrone servitomi in un suo topic, e ricordo a tutti che sul sito del Roma Tarantella Festival vi e' riportata una strana dicitura. Il primo festival a Roma di musica Etnica. Questo per dire che si critica senza neanche aver letto attentamente.
Vi auguro una buona Domenica, salutandoVi a tutti affettuosamente.

Risposta Condividi


[89]   
Da: Betsabea 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[11-07-2010]  
Con la battente ci si può suonare tutto.. pure con gli altri strumenti.. sono d'accordo Alfonso.. basta saperla suonare!! sempre più in giro si odono strimpelli e strimpellate tali proposte ad un vasto pubblico (e perciò pagate dalle nostre istituzioni e perciò da nostre tasche) che sarebbero a malapena sopportabili dai parenti stretti nella festicciola estiva dell'oratorio.. mi chiedo se gueste disquisizioni da titani non rischiano di farci dimenticare una cosa su cui dovremmo batterci di più: il musicista è un artista e come tale dovrebbe essere tutelato, la musica è arte e come tale andrebbe valorizzata nelle sue forme espressive più alte e nelle persone che riescono a rappresentarle.. non ci si improvvisa musicisti.. il pubblico si prende quello che gli dai ma non è fatto da caproni incompetenti.. cerchiamo di imporre scelte di QUALITA' dai nostri cari organizzatori e finanziatori..

Risposta Condividi


[90]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: ROMA TARANTELLA FESTIVAL
[11-07-2010]  
Cara Bet, pur condividendo quanto dici, come pensi sia possibile "imporre" agli organizzatori e finanziatori scelte di qualità?
Generalmente la direzione artistica viene affidata agli amici dei finanziatori, che non conoscono il mondo della musica popolare e che, dal momento in cui gli viene assegnato l'incarico, si improvvisano grandi esperti e non accettano suggerimenti.
Anche questa credo sia una battaglia persa, come "la tutela del patrimonio culturale immateriale".
E io non sono un pessimista........

Risposta Condividi