www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Giovedi 13 Dicembre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  scambiamoci le canzoni
[22-10-2008]  
Vorrei invitare tutti gli amici del forum a inviare il testo e le carateristiche esecutive di canzoni
che ritengono particolarmente significative della zona di loro appartenenza.
Ritengo che possa essere utile a chi come me (pur appartenendo al territorio delle
Marche basse) ritiene che sia lecito rappesentare un repertorio popolare che può
interessare tutto il centro sud.
Non credo che un marchigiano non possa eseguire (magari mediandolo) un canto alla cilentana
o un siciliano eseguire un saltarello abruzzese.
Che ne pensate?
Io, per il momento inserisco una canzone forse poco nota appartenente alla
tradizione laziale-abruzzese-marchigiana.


Lu Cacciatore Caitano

In terra di Romagne
Ce stava nu patro, un matro e un figlie
Successe un parapiglie
Lu patro li ‘ccidò

Li ‘ccidò li ‘ccidò li ‘ccidò li ‘ccidò ‘ccidò ‘ccidò
Li ‘ccidò li ‘ccidò li ‘ccidò li ‘ccidò ‘ccidò ‘ccidò

Lu Cacciatore Caitano
Andando a spasso col suo cano
‘ncontrossi in una coccia di cristiano
dai carbonieri s’arricò

S’arricò s’arricò s’arricò s’arricò rricò rricò
S’arricò s’arricò s’arricò s’arricò rricò rricò

Lu capitano dei carbonieri
Sapute di queste fatte
A momenti ce diventava miezze matte
E di a Caitano:
“Tu sarai lu testimonie de questa coccia de cristiane senza lu troncò

Lu troncò lu troncò lu troncò lu troncò troncò troncò
Lu troncò lu troncò lu troncò lu troncò troncò troncò

La Vergine Santissima
Cacciateve lu cappielle
Armetteteve lu cappielle
La grazia gli faciò

Gli faciò gli faciò gli faciò gli faciò faciò faciò
Gli faciò gli faciò gli faciò gli faciò faciò faciò


La canzone si sviluppa su due accordi (tonica e dominante La Mi)
e i versi sono alternativamente recitativi (con la dominante fissa)
e a tempo (....gli faciò, gli faciò, ecc. con tonica e dominante)

(sembrerebbe che sia stata raccolta negli anni '60 a Roccaraso - portatore un montanaro)

Saluti a tutti


Risposta Condividi


[61]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: scambiamoci le canzoni
[09-07-2009]  
Alfo', provincia che vai e titolo che trovi.

Anche noi del gruppo "La Piazza" abbiamo in repertorio una canzone simile (per non dire uguale).
La versione che invio è già sulle raccolte del Nigra con il titolo "Amore inevitabile", ed a noi ce l'ha cantata, circa trant'anni fa, Italia Ranaldi di Poggio Moiano (RI).

DIMMI ROSETTA CHE FAI
(registrata a Poggio Moiano (RI) dall’informatrice Italia Ranaldi)
(già “Amore inevitabile” dalla raccolta di canti popolari del Nigra, 59)


Dimmi Rosetta che fai pe’ nun sposare a me.
Io mi farò da rosa e nel giardino andrò.

Se tu da rosa te fai e nel giardino andrai,
me faccio giardiniere, te vengo a coltiva’.

Se giardiniere te fai pe’ coltivare a me,
io me farò colomba e in cielo volerò,

Se tu colomba te fai e in cielo volerai,
me faccio cacciatore, te vengo a cacceggia’.

Se cacciatore te fai pe’ cacceggiare a me,
io me farò da pesce e in alto mare andrò.

Se tu da pesce te fai e in alto mare andrai,
me faccio pescatore, te vengo a ripesca’.

Se pescatore ti fai pe’ ripescare a me,
io me farò da monaca e nel convento andrò.

Se monaca te fai e nel convento andrai,
io me farò da frate, te vengo a confessa’.

Se tu da frate te fai pe’ confessare a me,
io me farò da sposa e volo in braccio a te.
io me farò da sposa e volo in braccio a te.


Risposta Condividi


[62]   
Da: Valerio 
(casertaperugiatorino)
  Re: scambiamoci le canzoni
[10-01-2010]  
ciao avevo,e ho perso, ua versione di quann' 'o sole è doce cantanta da carlo d'angio'...trovo solo quella della de sio...quacuno potrebbe mandarmela...?

Risposta Condividi


[63]   
Da: Valerio 
(casertaperugiatorino)
  Re: scambiamoci le canzoni
[11-01-2010]  
lìho rotrovata su yu tubb..ma mi è venuto un dubbio..è d'angio' o franco tiano che canta...?
http://www.youtube.com/watch?v=_tpsCbvN1_k&feature=related

Risposta Condividi


[64]   
Da: Gianfranco P 
  Re: scambiamoci le canzoni
[11-01-2010]  
Francesco Tiano
GP

Risposta Condividi


[65]   
Da: Francesco 
(Ciampino Roma)
  Re: scambiamoci le canzoni
[24-01-2010]  
Salve Signori......qui sembra che ci siamo andati vicino......forse qualcuno può aiutarmi!
Io sto cercando il testo e magari anche gli accordi di un Inno alla Madonna di Montevergine che si chiama "Figliule ca ‘nce jate a la Madonna". E' un canto inciso dal Collettivo Teatro Folk e anche da Enzo Avitabile nell'album Sacro Sud.

Vi posto un link così magari vi aiuto a ricordarlo:
http://www.youtube.com/watch?v=3y9wqUitQd0&feature=related

Vi ringrazio della collaborazione.....e ringrazio l'autore di questo forum che da una bella possibilità a tutti di ritrovare cose perdute e quasi dimenticate!



.................................................................................
nota dell'amministratore:
ciao francesco, venvenuto sul forum, ho visto che avevi aperto un nuovo topic con questo stesso post, non credo sia il caso perchè come vedi, l'argomento, ossia "scambiamoci le canzoni" è lo stesso..



Risposta Condividi


[66]   
Da: Francesco 
(Ciampino Roma)
  Re: scambiamoci le canzoni
[25-01-2010]  
ok va bene.....spero di ricevere qualche risposta al mio appello!!!
Grazie.

Risposta Condividi


[67]   
Da: Betsabea 
  Re: scambiamoci le canzoni
[25-01-2010]  
Un canto di sdegno... con chitarra.. ;)

Sona catarra nova e dammi vuci
ca cu la bella mia simu nimici
Io tandu, bella mia, farò la paci
quandu l'acqua d'u mari si fa duci
e quandu a u mpernu trasino li cruci..

Suona Chitarra nuova e dammi voce
che con la mia bella siamo nemici
Io allora farò la pace, bella mia,
quando l'acqua del mare diventa dolce
e le croci entrano all'inferno..






Risposta Condividi


[68]   
Da: alfonso 
  Re: scambiamoci le canzoni
[26-01-2010]  
certo che deve avergliela fatta grossa.. ;)

Risposta Condividi


[69]   
Da: Damiano Nicolella 
(Martina Franca TA)
  Re: scambiamoci le canzoni
[26-01-2010]  
Bello Betsabea! (ma è con te che ci siamo visti a Pagani?)

Dato che ci siamo, vi posto una canzone a dispetto della Murgia, "Mamma lu zito vene". Non è altro che la celebre tarantella, diffusa in tutto il Sud Italia, ed eseguita dalla NCCP, dagli Uaragniaun, da "U Munacidd" e dal gruppo folk di Mottola (Ta).

"Mamma lu zito vene,
bim bo bim bo!
Japre la puorte e fallu trasé,
peratarapì, peratarapà!

Mamma mangià vò,
bim bo bim bo!
Miette a tavule e fallu mangià,
peratarapì, peratarapà!

Mamma bere vò,
bim bo bim bo!
Pigghie lu vine e dalle da bere,
peratarapì, peratarapà!

Mamma fumare vò,
bim bo bim bo!
Dalle lu séghere e fallu fumà,
peratarapì, peratarapà!

Mamma cucà se vò,
bim bo bim bo!
Prepare lu litte e fallu cucà,
peratarapì, peratarapà!

Mamma siente frédde,
bim bo bim bo!
Spùgghiete e cuchete apprisse a jédde,
peratarapì, peratarapà!

Mamma vrazzà me vò,
bim bo bim bo!
Pegghie a mazze e fallu scappà,
peratarapì, peratarapà!

Io vi chiederei in cambio se qualcuno mi può postare il testo di qualche tarantella "sangiuannare" (di San Giovanni Rotondo, FG), in particolare quella che fa più o meno così:

Vurria salì in ciele, in ciele me trove,
vulesse fà na scala de ciente gradune,
a lu mienze de la scale 'nce cade a mare....

Saluti dalla Valle d'Itria,

vostro Damiano



Risposta Condividi


[70]   
Da: betsabea 
  Re: scambiamoci le canzoni
[30-01-2010]  
No Damiano mai stata a Pagani.. e neanche alle altre feste campane... aaaaaaaaaaah!! :(


Luci di l'occhi mia parramu chiaru
cà tu hai da fari comu dicu iu:
mancu di l'acqua t'hai fari tuccari
cà puru i l'hacqua iu tegnu gelusia.
Cà si pè casu tu ti voi lavari
sangu mi sbegnu di li veni mea..

Luce dei miei occhi parliamo chiaro
che tu devi fare come ti dico io:
neanche dall'acqua devi farti toccare
che pure dell'acqua porto gelosia.
Che se per caso tu ti vuoi lavare
sangue mi tolgo dalle vene mie..




Risposta Condividi


[71]   
Da: antonio 
(viterbo)
  Re: scambiamoci le canzoni
[02-02-2010]  
sperando di non essere cancellato....

cerco il testo integrale di una filastrocca, o canzone di cui conosco solo frammenti
fa più o meno così:

Mamma surena, mamma surena llentimi llentimi sti catena..
...li curtieddi sò ffilati ca aggia cciteri li tuoi frati
so che ha a che fare con una favola diffusa in puglia lungo tutte le coste salentine e tarantine in particolare che narra la storia di questa surena (sirena) che tiene separati due innamorati tenendone uno incatenato sul fondo del mare...
Aiuto!


Risposta Condividi


[72]   
Da: Damiano Nicolella 
(Martina Franca TA)
  Re: scambiamoci le canzoni
[03-02-2010]  
mah, a occhio e croce mi pare di aver letto qualcosa di simile alla fiaba che dici tu in un libro che si chiama "Superstizioni, pregiudizi e tradizioni in Terra d'Otranto" di Giuseppe Gigli di Manduria (TA), se riesci a contattare qualche libreria di Manduria lo trovi, è stato ristampato qualche anno fa. Comunque io in tutte le campagne etnografiche che ho effettuato in provincia di Taranto non ne ho mai trovato traccia.

Risposta Condividi


[73]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: scambiamoci le canzoni
[03-02-2010]  
Caro Damiano
le ottave sotto riportate sono state scritte – la prima e la terza dall’Ortolana – la seconda l’ho fatta io . Le ho trascritte tutte e tre per una questione di continuità, ma quella importante è la prima nella sua parte finale.
Nella terza, l’Ortolana, rispondendo alla mia, ti chiama in causa indicandoti come la persona che potrebbe dare risposta alla sua domanda.
Io ho provato, cercando e chiedendo qua e là, ma non sono riuscito a sapere nulla. Potresti dirci qualcosa in proposito?
I migliori saluti e tanti ringraziamenti per quanto potrai fare.

Peppino di Rosa


Quanno mammà : “Te manno a San Martino!”
a papà mio riceva cu dispietto
nun era de novembre ‘nu festino
ma re corna minaccia (‘e cagnà lietto);
ma nun sapevo ca ‘a parola ‘e Fino
“STRUNZ !” appartene a ‘n’ anticu rialetto
re strana e strèuza lengua longobarda!
Viva Santu Martì e Santa Bernarda!

Leggo, rileggo e ancora m'arrovello
su quanto ha domandato l'Ortolana.
L'elenco fatto sembra un orticello,
più bello d'un giardino all'italiana.
Al meeting del nostro tamburello,
che fanno al C.I.P. nel fine settimana,
domanderò se loro hanno capito,
quale risposta dare a quel quesito.


Cogliesti- che piacere!- il mio invito
ed ora devo dir: mi sembra strano
che nessun musicante pio e istruito
abbia finor compreso ancor l’aracano;
chi potrebbe saper io l’ho intuito:
sicuramente lo saprà Damiano
perchè proviene dalla sua regione
questo stornello un poco... sporcaccione!


Risposta Condividi


[74]   
Da: Irpino 
  Re: scambiamoci le canzoni
[03-02-2010]  
Ne pubblica una versione anche il poeta dialettale pugliese N. G. De Donno:
Tuttu dipende de Mamma Surena, /
ca sì o no de l'acque e dde le sponde /
e la tira e la llenta la catena ...

ma non ne so altro.

Risposta Condividi


[75]   
Da: Irpino 
  Re: scambiamoci le canzoni
[03-02-2010]  
Naturalmente l'ultimo mio post si riferisce alla richiesta sulla canzone: mamma surena. Evidentemente stavamo scrivendo in contemporanea, Peppino di Rosa ed io.
Invece, per meglio aiutare la richiesta di Peppino di Rosa, segnalo a Damiano che lo stornello dell'Ortolana che più potrebbe metterlo sulla strada giusta, è questo che segue, ancora precedente a quelli ricordati da Peppino (ehehe...ma ancora ce stai a pensà???)
(1184) Ortolana
Col vino un dì mangiai in osteria
una folkaricetta in fede mia
ma essendo la mia età bella avanzata
la forma musicale l’ho scordata;
io gl’ingredienti li ricordo tutti:
CIRASA, MANDARINA ed altri FRUTTI;
c’erano poi d’ortaggi dei bei mazzi
di PIPIRUSSU e pur di CUMMARAZZI
(che poi son peperone e cetriolo)
infin lattuga e pure PUMMITORU;
... ma ‘sto stornello nn’allicordo più!
quel canto l’hai “riccorto” forse tu?
Lo rilevò a Racal ‘Tello Profazio
Parafrasi chi vuol , io vi ringrazio!
Chi vuol parafrasare lo stornello
io me ne vo, postai l’indovinello.

Vi metto sulla buona strada: andate a vedere nell'archivio musicale di Bari quale canto, a Racale, secondo l'Ortolana rilevò Otello Profazio.


Risposta Condividi