www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Sabato 25 Maggio 2024

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Avvocatista 
  Il costo degli strumenti popolari
[30-10-2007]  
In un recente incontro al Circolo Gianni Bosio, uno dei presenti alla domanda: "Lei cosa fa?".

Ha risposto (più o meno):

"Io costruisco chitarre battenti per i giovani, ossia, strumenti popolari accessibili a tutti, secondo lo spirito che animava i "vecchi" costruttori". "Potrei anche fare chitarre impreziosite da avori, madreperla, ecc... ma non ne comprendo l'utilità e la coerenza con lo spirito della musica di tradizione"

Sullo stesso piano filosofico si pone l'amico molisano Gianfranco, che addirittura regala i suoi flauti di canna ed anche un altro "liutaio", Giuseppe Salamone, che produce e vende zampogne, totarelle, tamburelli, ecc... a prezzi decisamente "popolari".

Ritengo questo modo di rapportarsi alla tradizione estremamente corretto e coerente, soprattutto nell'ottica di quello che è uno dei principi sui quali si basa la tradizione orale: il suo perpetuarsi.

D'altra parte rilevo, sempre più spesso, la presenza di "costruttori" che propongono i loro articoli a prezzi assolutamente esorbitanti: tamburelli "normali" a 120/180 Euro; ance di plastica a 30/40 €; ecc...

Il mestiere che faccio mi porta a dire che se c'è gente che acquista a quei prezzi è bene che ci sia gente che offre strumenti a quei prezzi.

Ma quegli strumenti, mi chiedo, a cosa servono veramente?



Risposta Condividi


[31]   
Da: Betsabea 
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[09-03-2008]  
Ragazzi volevo aggiungere che alla fine della presentazione ci sposteremo alla Folkosteria di Gianluca Zammarelli.. e non solo! sarà presente Mimmo con la sua zampogna e altri suonatori di Cataforio.. a cui potrai chiedere tutto sulla zampogna "calabro-aspromontina".. : )

Risposta Condividi


[32]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[23-04-2008]  
sempre a proposito di costo degli strumenti popolari le sorprese non mancano, addirittura Della Noce propone nel suo catalogo un putipù alla modica cifra di 160 euro !!! http://www.dellanoce.com/organetti/visualizza1.asp?pagina=3&id_cat=1#

Risposta Condividi


[33]   
Da: Salvatore Venerato 
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[24-04-2008]  
Eh Alfò sai le canne costano care....
E questi se ne fanno tante!!!!!



Risposta Condividi


[34]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[24-04-2008]  
Magari si tratta di putipù "altamente" professionali, visto che il monopolio degli organetti altamente professionali è di altri.........

Risposta Condividi


[35]   
Da: Tiziano 
(roma)
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[24-04-2008]  
Avevo già notato il putipù della ditta che non cito per non fare pubblicità e che ritengo un vero furto, a meno che il dipinto sul bidone non sia un Cascella o un Mirò allora converrebbe acquistarne più di uno. Esistono strumenti che per la continua usura a cui vanno incontro debbono rimanere costruzioni artigianali e gestiti da chi sa' come poi metterci le mani, un putipù vuoi per effetto dell'acqua utilizzata per suonarlo che fa marcire il legno, vuoi per l'incuria nel trasporto e nel suonarlo, si rompe con grande facilità ed il punto debole è appunto la canna, soprattutto li dove si inserisce nella pelle, se si spezza va sostituita, quindi questo significa smontare la pelle, ripreparare la canna da sostituire rifissarla alla pelle e rifissare la pelle al barattolo,credo che molti decidano di gettare via il tutto (160E). Non si può pertanto pagare quella cifra un qualcosa che non si sa riparare.
I bufù Molisani sono fatti con una tela robusta, con la canna fissata ad essa con del fil di ferro o del semplice spago e la tela è fissata alla botte con una corda che viene stretta a mo' di torchio da un bastone, si rompe?... Allenti la corda smonti la canna ripratichi la tacca e la rifissi alla botte, basta un coltellino a serramanico, ma una pelle incollata, rivettata o altro come la smonti senza doverla lacerare?

Risposta Condividi


[36]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[28-04-2008]  
questa è proprio un'occasione da non lasciarsi sfuggire!!!!!!!!!!!!
l'ideale per farsi una schitarrata a battente con gli amici davanti a un bel fuoco, mentre il capretto si coce piano piano.. e fra un bicchiere di vino e una bruschetta aglio e peperonicno con zi 'Ntonio che 'ntona "..io me ne voglio ji ssu monte monte..", e poi magari per concludere la pigli (la battente..) e la butti nel fuoco.. eeehhh?? un pò alla gimmyhendrix..!!







come acquistarla ? semplice:

mercoledì 7 maggio presso Bloomsbury Auctions Roma
Via della Pilotta, 18
Tel: +39 06 6791107

Orario d’apertura:
Lunedì-venerdì 10-13 14-18

prezzo base d'asta: 50.000 euro, alla faccia del popolo



Risposta Condividi


[37]   
Da: alfonso 
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[05-03-2009]  
250 euro un tamburello ?

a prima vista mi sembra troppo, e "li vale tutti" non credo che giustifichi il prezzo, ho ascoltato cose bellissime fatte con un tamburello da 40 euro, e ho ascoltato cose pessima con una tamburello da 140 euro

-ha più volume ? e a cosa serve ?
-ha più armonici ? ottimo ! ma non basta, bisogna saperlo usare
-ha i sonagli di ottone ? da un foglio di ottone 1 metro x 1 metro (costo 70 euro) si ricavano 400 sonagli di 5 cm di diametro

considerazioni:

a) se sai suonare bene il tamburello ne basta uno da 35 euro
b) se non lo sai suonare non serve che sia costato 250 euro
c) a meno che non suoni da solo

ci possono però essere delle spiegazioni e me ne vengono in mente tre

1) il costruttore potrebbe essere un approfittatore
2) il costruttore potrebbe avere un alto costo di approvvigionamento dei tiranti, del cerchio e della pelle (ma in questo caso sarebbe più corretto chiamarlo assemblatore..)
3) il costruttore potrebbe realizzare il tamburello in ogni più piccolo particolare e con materie prime di qualità, provvedendo personalmente ad ogni fase di lavorazione di tutti i materiali impiegati

- il primo caso lo escludiamo a priori non fosse altro che per non rischiare una denuncia,

- il secondo caso ci mette di fronte ad un oggetto che costa molto perchè è frutto di una filiera lunga, e non sappiamo quanto, ed in questo caso ci troviamo di fronte ad un prezzo esorbitante ma pur sempre onesto, ma comunque soggetto alle considerazione a) e b)...

- il terzo caso potrebbe essere giustificato, se fai tutto da solo a cominciare dalla concia delle pelli, al taglio e piegatura della fascia ed alla forgiatura dei tiranti, tenendo conto dei costi di ammortizzazione di macchine utensili, del costo della materia prima, del costo dei materiali di consumo (abrasivi, vernici, allume, colle ecc..) e sopratutto del tempo impiegato, allora diciamo che ci si impiega 4 giorni e quindi un compenso di 55 euro (togliendo 30 euro complessivi di spese) è anche poco per un artigiano, anche in considerazione dei costi dei contributi previdenziali, quindi prezzo onestissimo !! non c'è dubbio,

a meno che non lo si faccia come secondo lavoro.., allora le cose cambiano..

o no ?



Risposta Condividi


[38]   
Da: guglielmo 
(pozzuoli)
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[05-03-2009]  
Alfò, hai dimenticato il quarto caso, che poi è il più diffuso:

se non ci sono i fessi i dritti non campano ...
e la madre dei fessi è sempre in cinta !!!

ogni riferimento a persone o fatti è puramente casuale ...

A bientot

Risposta Condividi


[39]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[05-03-2009]  
Caro Alfonso,
io non so come Amici realizza
il suo tamburello.
So solo che quasi tutti i gruppi di musica
diciamo popolare delle Marche usano questo
tipo di tamburello che sembrerebbe essere
quello tradizionale.
E' anche vero che all'interno ci sono campanelle
e sonaglietti di ottone appesi a un tirantino metallico,
pom pon di lana o altro, tiranti, ecc.
Io ho dei tamburelli di Giannone che costano 40/50 euro e vanno benissimo
(per chi li ha provati) per cui figurati se non condivido quello che tu dici.
Ma siccome l'informazione mi veniva da Domenico Candellori che è un percussionista
tra i più accreditati mi è sembrato naturale fidarmi delle sue valutazioni.
Sarebbe come dubitare se Vitale ti consigliasse su una chitarra battente.
Ma tutto questo, è qui posso anche essere in parte d'accordo con te,
è giusto arrivare a spendere cifre eccessive per strumenti che dovrebbero essere popolari?
Il problema va impostato, secondo me, in maniera diversa:
Chi non può, non vuole, non sa, deve avere a disposizione strumenti
dal costo accessibile (per tutte le tipologie di strumenti).
Chi invece, come il musicista professionista o chi se lo può
permettere deve avere a disposizione strumenti più curati e quindi più costosi.
Però, caro Alfonso, vorrei farti notare che un giovane che inizia a suonare
la chitarra elettrica al 99% dei casi compra una Fendere o una Gibson (pechè la maggior
parte decide di dedicarsi al repertorio rock-metal e quindi fa una
scelta di tipo "culturale") con relativo amplificatore per una spesa media di 2500/3000 euro e forse
anche di più.
Non credo che tutti questi giovani siano figli di papà.
Allora, mi chiedo: se uno ha fatto la scelta "culturale" di suonare la battente
perchè non può spendere 1000/2000 euro per uno strumento più pregiato?
Si potrebbe correre il rischio di alimentare l'errata ma diffusa concezione, che la musica popolare
deve essere per forza eseguita con quattro barattoli o due pezzi di legno.
Io non credo che un giovane non si avvicina alla battente o alla zampogna
perchè costano tanto (a meno che non si voglia fare una distinzione tra strumenti di
serie A e strumenti di serie B) è solamente un fatto di cultura e di motivazioni che
forse non ci sono alla base.
Ciao
Pir Filippo




Risposta Condividi


[40]   
Da: alfonso 
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[05-03-2009]  
scelta culturale ? non mi è chiaro il concetto ossia non mi è chiaro il concetto che gli attribuisci

premesso che uno può spendere quello che vuole per una battente, anzi, se me lo potessi permettere mollerei senza fiatare 10.000 euro a Pasquale Scala chiedendogli di farmi una battente in ebano, avorio, madreperla e oro, e non scherzo, lo farei sul serio, questo è assodato,

però immagino che una scelta per essere definita "culturale" dovrebbe quanto meno essere operata nel pieno rispetto della cultura che nel caso specifico è riferita alla tradizione, e se parliamo di tradizione dobbiamo guardare a quelli che la perpetrano, cioè ai suonatori di tradizione

e i suonatori usano queste battenti






semplici, scarne, essenziali, popolari, alla portata del popolo, ed è grazie a questo tipo di battenti che la tradizione ci è arrivata,

la tradizione non ci è arrivata dalle battenti "belle e preziose", o come dice qualcuno "da arredamento", la tradizione ci è venuta da queste battenti








non so se queste battenti siano state realizzate assemblando "quattro barattoli e due pezzi di legno", so solo che hanno svolto egregiamente il loro dovere (la seconda pur essendo stata costruita nel 1937 da un falegname funziona ancora)

poi è chiaro che altra cosa è il musicista, che vuole la massima efficienza (anche perchè non sa intervenire sullo strumento al contrario dei suonatori ..) e quindi si orienta su strumento costosi, che diano garanzia di affidabilità, e per forza, devono fare un concerto, mica devono cantare sull'aia..

e il ragazzo che spende 2-3000 euro per una fender non fa una scelta, segue una moda..


Risposta Condividi


[41]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[05-03-2009]  
Mi spieghi allora perchè tra i portatori della tradizione
hai inserito alcuni musicisti che mi sembra
diffondono la tradizione utilizzando strumenti costosi,
ma più che costosi direi c o n t e m p o r a n e i.
Ti sei mai chiesto cosa pensava un suonatore di flauto di corteccia
quando vedeva un suonatore di flauto di canna di legno
(certamente più rifinito e duraturo di quello di corteccia).
Secondo me non faceva le considerazioni su chi fosseil portatore della tradizione:
secondo me lo erano tutti due solo che utilizzavano strumenti diversi.
Il problema è un'altro: non è il ragazzino che compra la Fender
(fidati per fare un certo repertorio si vuole la Fender)
che segue la moda (la prima Fender è del 1930/40)
ma chi vuole a tutti i costi sostenere che la tradizione si diffonde solo
con strumenti popolari (nel senso del costo, uso, materiale, ecc.).
La tradizione si diffonde con ogni strumento possibile altrimenti invece
che usare internet dovremmo usare i segnali di fumo o i tamburi.
La motivazione culturale a cui mi riferivo è che se uno ci crede
può anche fare un sacrificio per acquistare uno strumento che sia
C O N T E M P O R A N E O visto che spesso
si spendono soldi per tante frescacce inutili.
ciao
Pier Filippo

Risposta Condividi


[42]   
Da: alfonso 
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[06-03-2009]  
caro Pierfi, fra i portatori della tradizione ci sono inseriti personaggi che usano strumenti di tutti i tipi e fanno musica di ogni genere, ma quando so trovano in occasioni in cui gli viene chieste di "mostrare" la tradizione usano gli strumenti appropriati, e questo è l'importante, cioè è importante che il messaggio venga tramandato fedelmente per farlo conoscere come era, è un aperazione culturale identica a quella che fa l'Accademiua di Santa Cecilia nel momento in cui allestisce una mostra di chitarre battenti d'epoca, nel nostro caso non abbiamo il documento originale (cioè l'anziano cantore-suonatore) e quindi lo sostituiamo con qualcuno che ha imparato da lui, con preferenza per coloro che hanno ricevuto la tradizione direttamente dalle mani dell' "albero del canto", è l'unico mezzo che abbiamo per allestire una "mostra musicale" il più fedele possibile

ciò non toglie che questi personaggi poi, in altre situazioni, usino qualunque strumento, Zammarelli per esempio è un esempio "involontario" di portatore della tradizione, alla riunione di Salerno dedicata alla chitarra battente, fra musicisti di fama (Marcello Vitale) e liutai di razza (Scala e Campitiello) si è presentato e ha cantato accompagnandosi con una battente da 50 euro, (dico 50 euro per dire da 2 soldi), eccolo in quell'occasione, non ha avuto bisogno d'altro (oltre alla stupenda voce) per incantare la platea.. (e qui ci ricolleghiamo al discorso del tamburello da 250 euro)






ed alla fine della esibizione un etnomusicologo ben noto, Ciro Calendo (autore dell'unico libro esistente sulla chitarra battente, frutto di una ricerca sull'argomento), che non lo conosceva, ha esordito con "mi devo ricredere, pensavo che la tradizione fosse morta ma Zammarelli ci smentisce"

e Zammarelli, oltre a perpetrare inconsapevolmente la tradizione, non si sente certo sminuito o "fuori dai panni" (e nemmeno io) quando suona con gruppi di cui fa parte, tipo Nedd Ludd o Ypsos, che mischiano chitarre elettriche, bouzoky, zampogne campionate, sax ecc..

vorrei poi farti presente che quelle due battenti che ho mostrato sono CONTEMPORANEE, difatti diversi artigiani le costruiscono, magari non sono in rete ma esistono, basta alzarsi e andare..

ma oggi certo troviamo più comodo o magari solo più "di moda" quello che vediamo e sentiamo via web


ma sia chiaro che non ho nulla contro le battenti di alta liuteria, anzi, anche io ne possiedo orgogliosamente una

Risposta Condividi


[43]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[06-03-2009]  
Nell'ambito della rassegna musicale "Vacanze Romane" organizzata dal
CIP, via delle Ciliegie 42 (P.Togliatti), Roma, dal 23 al 25 maggio 2008 in occasione del:
"1° Meeting del Tamburello Italiano"
-Le vie del Tamburo sono infinite-
tra gli altri musicisti presenti alla manifestazione c'era anche Stefano Amici col suo gruppo.
In quell'occasione ho avuto modo di fare alcune foto ai suoi tamburelli che allego alla presente.







gli altri li potete vedere nel topic "Tamburelli dipinti" (post n.38) http://www.alfonsotoscano.it/forum/subject.asp?S_ID=436&H_ID=36&pageid=2&Show=1

La qualità dell'immagine è quello che è, nel senso che posso dare una vaga idea della cosa, ma i particolari sono poco visibili... La prossima volta cercherò di essere più preciso.
Saluti a tutti compreso Pierfilippo.

PdR

Risposta Condividi


[44]   
Da: alfonso 
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[06-03-2009]  
grazie Peppì, da quel poco che ho potuto vedere dalle foto sia i cerchi che i tenditori che i sonagli sono acquistati, quindi probabilmente il costo elevato sarà giustificato dai dipinti, che al di là dei gusti di ognuno e al di là del fatto che rendono l'oggetto più un souvenir che uno strumento musicale, mi sembrano di indubbio interesse artistico, ed in questo caso il costo intrinseco dei materiali e mano d'opera va in secondo ordine

Risposta Condividi


[45]   
Da: Qurino 
(Roma - Portuense)
  Re: Il costo degli strumenti popolari
[06-03-2009]  
Quelli fotografati sono dipinti; non c'ero alla manifestazione in questione, io in giro di suoi ho visto quelli non dipinti soprattutto, però il prezzo di quelli non lo conosco.
Dopo di che il rpezzo mi sembra comunque alto, c'è da dire però che suonano bene, se li usa per le cose tradizionali marchigiane.

Risposta Condividi