www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Venerdi 21 Settembre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Canti sull'acqua
[10-03-2008]  
Nell'ambito dell'accordo tra il Ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare e l'ENEA (ente per il quale io lavoro), denominato DesertArte, sono previsti dei cicli di lezioni tenute da ospiti esterni in tele-conferenza con alcune scuole italiane. Le lezioni affronteranno il tema della lotta alla desertificazione e del degrado del suolo attraverso una chiave di lettura storico e umanistico-antropologica del fenomeno.

Premesso che, dal punto di vista scientifico, stanno sviscerando il problema un gran numero di persone, sarebbe molto interessante scoprire come la cultura popolare, nelle varie regioni, ha in passato affrontato il rapporto tra l'uomo e l'acqua (sia nell'abbondanza sia nella siccità).

Vi invito a segnalare sul forum canti, poesie, fiabe e quant'altro che rapportino la comunità con l'acqua; naturalmente citandone le fonti.

Nel Lazio non ho ancora trovato nulla, forse nelle regioni del sud e nelle isole ......

Pino

Risposta Condividi


[16]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Canti sull'acqua
[13-03-2008]  
Prima o poi, cara Ronna, ci dobbiamo incontrare !

Risposta Condividi


[17]   
Da: giancarlo 
  Re: Canti sull'acqua
[13-03-2008]  
Con la desertificazione, credo abbiano molto attinenza questi due canti popolari, famosissimi nelle rispettive zone di provenienza:
(la e senza accento non si pronuncia)

Le funtanèlle (Molise-Abruzzo)

Tutte le funtanèlle se so sèccàte,
Povèr' amor mi'! More de sète.
Trummalari, lirà, llari llalèra.
Trummalari, lirà, vviva ll'Amor!

Amore, amore, amore, mi te' sète.
Dov'è lle l'acqua che mi sî purtate?
Trummalari, lirà, llari llalèra.
Trummalari, lirà, vviva ll'Amor!

T'ajje purtate 'na giarre di crète,
'Nghe ddu catène d'ore 'ngatènate.
Trummalari, lirà, llari llalèra.
Trummalari, lirà, vviva ll'Amor!






Poi in Sicialia, riportato dal Favara nel "Corpus" ed eseguito, magistralmente dalla grande Rosa Balistreri, una vera invocazione della pioggia!!!

Signuruzzu chiuviti chiuviti (Sicilia)

Signuruzzu chiuviti chiuviti
ca l'arbulicchi su morti di siti.

Mannatini una bona
senza lampi e senza trona.

Signuruzzu 'un nni castigati
ca lu panuzzu nni livati.

Signuruzzu ca pirdunati
quannu l'acqua nni rigalati.

L'acqua di ncielu sazìa la terra
funti china di pietà.

Li nostri lacrimi posanu nterra
e Diu nni fa la carità.



Traduzione in italiano:

Oh Signore...
Signore fate che piova,
fate che piova Oh Signore, fate che piova, che piova
chè gli alberelli sono assetati.

Mandatene (la pioggia) una buona
senza lampi e senza tuoni.

Signore non ci castigate
perchè il pane ci levate.

Signore che perdonate
quando l'acqua ci regalate.

L'acqua del cielo sazia la terra
fonte piena di pietà.

Le nostre lacrime si posano a terra
e Dio ci fa la caritá.

Ps in Molise decine e decine di canti, parlano di acqua, di fiumi, di fontane, spesso privilegiandone, il ruolo sociale e di luogo di incontro!!

Saluti, Giancarlo.


Risposta Condividi


[18]   
Da: giancarlo 
  Re: Canti sull'acqua
[13-03-2008]  
Sia l'una che l'altra, sono molto famose e se t'interessano, su google, troverai qualcosa.
Intando ti allego lo spartito di "Tutte le funtanèlle"

Saluti, Giancarlo.






Risposta Condividi


[19]   
Da: Ronna Paulina 
(Emilia/Campania)
  Re: Canti sull'acqua
[30-04-2008]  
Girovagando per la Rete, hi trovato questo Canto sull'acqua, di pescatori e di "tofa" o "tufa", quella conchiglia di cui abbiamo parlato nel post di Tiziano:

Sonate la tufa

Accòrte! Accòrte!! Mèna la cima.. la cima!!
Sòna... la tùfa..... sòna!!

Vocàte, sarpàte, sbriàteve a ssarpàre,
se mette maletièmpo e scenne lu mare.

Sonàte la tufa, mettìtivi a sonàre,
facimonge sènde, ne venen'a 'iutàre.

Pecchè chèsta notte, tutti hama turnàre,
pecchè chèsta notte, à la casa hama turnàre.

Fratiè 'spetta llòco, addò no' frange mare,
ne' serve 'na cima, li 'uzzi ham'attaccàre.

Uè Le' te raccomànno, ccà tu m'hara 'spettàre,
fratiè stamm'a sènde, nu' pazzià cu' lu mare.

Attièndo, attièndo te vèo abbotecàre,
ma tu ca' sai natàre, nun te può anneàre.

Addò si' nun te vèo, ma non te 'ngarricàre,
ca' mo lo fràte tuo te vène a ppigliàre.
Menàtevi ra terra, ca' nùi l'ama truvàre,
pecchè nu piscatòre re mare hadda campàre.

Pecchè friddo mare, tu l'ha volùto fare?
Lo cerco juorno e notte, nu' mme lu fai cchiù avère.

La forza re preàre, chi mme la pote ràre,
no' ttengo cchiù 'ulio mango re ì' a stagnàre.

Fratièllo, fratièllo, ra llòco 'ngoppa n'hara 'uardàre,
fanne turnà a la casa, quanno jamo pe' mare.

Uè Le' nun te vèo, ma nun te 'ngarricàre,
ca po' a li figli tuoi so' io a 'ngè penzàre.
Fin'a ca' stào 'nderra, ra patre r'aggia fare,
e quanno so' cresciuti re te r'aggia 'cundàre.

E quanno so' scresciuti, hana perdunà 'stù mare.


Il canto è collegato a una triste storia di pescatori di Ascea, e... c'è pure Peppo de Rosa!
Te lo posto più giù...

Risposta Condividi


[20]   
Da: Ronna Paulina 
(Emilia/Campania)
  Re: Canti sull'acqua
[30-04-2008]  
"LELLO" PESCATORE, TRADITO DAL SUO MARE

Ascea Marina, negli anni '40 era un piccolo borgo marinaro, dove guadagnarsi da vivere per i pescatori, era molto faticoso: si usciva in mare anche con condizioni meteorologiche proibitive, a volte rischiando molto, anche la vita.
Ancora vive nella mente degli anziani asceoti, il ricordo di quella tragica notte di febbraio dell'anno 1944, quando "Lello", a largo del golfo di Velia, era andato a pescare le alici con la lampara. C'erano anche altre barche e fra queste quella del fratello, "u' Bbirbànti".
In barca si usciva in due.
In coppia con "Lello" quella volta c'era "Peppo re Rosa". La serata sembrava calma, intanto "Lello" aveva già avvertito grazie alla sua esperienza, che il tempo meteorologico stava mutando. "U' Bbirbanti" che aveva percepito i cattivi presagi, già gridava animosamente a tutte le barche vicine: "stai pe' se mette lù viènto! Sarpàti! Sarpàti!!"
Erano trascorsi pochissimi minuti, che quel lieve vento si era già trasformato in un libeccio freddo e minaccioso.
"Lello" e gli altri pescatori trovarono corpose onde. Intanto, il pescatore addetto a suonare la "tufa", già soffiava con tutto il suo fiato nella concentrica cavità della conchiglia, per ricevere aiuto dai pochi abitanti del borgo.
La barca di "Lello" fu travolta da una poderosa onda e si capovolse. I due sfortunati pescatori furono letteralmente scaraventati in mare: "Peppo re Rosa" fu sospinto da un'onda fin sulla battigia; "Lello" molto probabilmente, nel cadere fu colpito duramente da un oggetto pesante riposto in barca, e non riemerse mai più. Il suo corpo non fu mai trovato. Quell'amara esperienza rimase sempre impressa nelle loro menti, insieme al ricordo di Lello, pescatore coraggioso e di indole allegra, scomparso nel nulla.... in una tragica notte di febbraio.
Un vecchio pescatore di Ascea da tempo emigrato in Venezuela, dice che "Lello" veniva anche chiamato "capo r'aucièddo", poiché era tanto veloce e leggero nel nuotare, da sembrare un uccello . Se ci capiterà, alzando gli occhi al cielo, di vedere sul mare di Velia un intrepido gabbiano, sottovoce sussurreremo: vola "Lello", vola ancora!

Risposta Condividi


[21]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Canti sull'acqua
[30-04-2008]  
ma quella è una canzone di Franco d'Angiolillo, cilentano e cantore del mare...

autore del cd "li cunti ca re lu mare cùntano.." , se andate in questa pagina http://www.alfonsotoscano.it/cilento.htm#voci e cliccate su "VOCI" ne potrete ascoltare dei pezzi

Risposta Condividi


[22]   
Da: Ronna Paulina 
(Emilia/Campania)
  Re: Canti sull'acqua
[30-04-2008]  
Eh, infatti, l'avevo scritto che l'avevo trovato girovagando per la rete, ehehheh... D'Angiolillo, per l'appunto! cilentano!

Si 'stu mare putèsse parlà,
quanta cùndi n'avessa 'cùndà,
quanta ggente ha bbìsto arrivà
ra luntano.

E ruimìla e cchiù r'anni fà
'cu le nnavi 'avèra sbarcà,
e berèro 'ste ccuosti ccà
ra luntano.

E re parette, re se truvà,
a chèra terra c'avèra lassà.
Uno penziero, 'inda la mente:
chisto è lu pizzo addò hama campà.

Juorni a vocàre, 'uerre pe' mmare,
e po' lu viento le pportào ccà.

E ssì Velia se putèsse scetà,
e ogni prèta putèsse parlà,
quanta storie n'avèssa fa'
re dù tiempo luntano.

E re parètte, re se truvà
fòre a Focea c'avèra lassà.
Uno penziero 'inda la mente:
ra ccà nisciuno ne pòte caccià

Juorni a vocàre, juorni pe' mare,
e po' lu vineto le straccquào ccà.

Velia è ddà nu' l'hama abbandunà,
Velia chisto nu' sé mméreta,
Velia nun'addaiesse pe' nui
nu 'cùndo luntano, nu 'cùndo luntano,
nu 'cùndo luntano.



Risposta Condividi


[23]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Canti sull'acqua
[30-04-2008]  
e qui http://www.alfonsotoscano.it/poesia.htm cliccando su "canzoni del mare" potete trovare altri testi..

Risposta Condividi


[24]   
Da: RonnaPaulina 
(Emilia/Irpinia)
  Re: Canti sull'acqua
[01-05-2008]  
Grazie, Alfonso, vado a cliccà!


Risposta Condividi


[25]   
Da: Ombretta 
(Como)
  Re: Canti sull'acqua
[04-11-2012]  
Ciao a tutti!!
un amico mi ha segnalato questo forum.
Sono un'insegnante e cerco testi di canzoni popolari ( con traduzione) sull'acqua o tutto quello che riguarda l'acqua....aspetto notizie

Ombretta



Risposta Condividi


[26]   
Da: Damiano Nicolella 
(Martina Franca TA)
  Re: Canti sull'acqua
[05-11-2012]  
Ciao Ombretta, benvenuta in questa gabbia di matti...

Ti segnalo il meraviglioso "La via la fontanella", di cui praticamente ogni paese in Puglia ha la sua versione. Una fu fatta dal grande Matteo Salvatore, un'altra dagli Uaragniaun di Altamura (Bari) http://www.youtube.com/watch?v=JOsnTc-M4_Y interpretata dalla magnifica voce di Maria Moramarco, mia amica personale. Io nel mio archivio posseggo la versione di Lizzano (Ta), dove era canto di raccolta delle olive; e ti segnalo anche la versione di Ostuni che puoi ascoltare dai gruppi folk se dovessi venire in vacanza in Puglia.

Risposta Condividi