www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Giovedi 26 Aprile 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Vecchie nenie
[15-01-2008]  
L'altro giorno mi veniva in mente una vecchia nenia che mia madre mi cantava. Faceva cosi':" maccheroni, maccheroni quanto mai sarete boni. C'era un medico napoletano ch'era tanto rinomato.....ecc.". Qualcuno la ricorda? Come continua?

Risposta Condividi


[31]   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Re: Vecchie nenie
[17-01-2008]  
Peppi' quando racconti tu, si sente l'odore del paese. Vedi post n.218 dellasfida allo stornello n. 2 anche se quel povero maiale.......Le tue nenie mi piacciono molto e piace molto questo collegare ricordi d'infanzia di Reggio Emilia (Ronna sei stupenda), Calabria, Lazio....Come vedi il filo rosso dei ricordi unisce l'Italia meglio di Camillo Benso di Cavour!!!!!Dai ragazzi ancora, ancora......

Risposta Condividi


[32]   
Da: Tiziano 
(Roma)
  Re: Vecchie nenie
[18-01-2008]  
Alle nenie si potrebbero associare le "conte", che da bambini si facevano per estrarre chi si doveva accecare a nascondino o altro, tipo:

Sotto il ponte di Malacca
c'è Pierin che fa la cacca
la fa dura dura dura
e il dottore la misura
la misura è 33
toccherebbe precisamente a tè
che sei la figlia del Re

oppure:
Ponte ponente ponte pì
tappe tà Perugia
Ponte ponente ponte pì
tappe tà perì




Risposta Condividi


[33]   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Re: Vecchie nenie
[18-01-2008]  
Quella di Ponte ponente ponte pi......mi son sempre chiesta da dove viene e che significa. Ciao

Risposta Condividi


[34]   
Da: Ronna Paulina 
  Re: Vecchie nenie
[18-01-2008]  
aaahhhh...Gioia Gioia, ecco qui svelato l'arcano, ecco l'origine del ponte ponente tappe piì:

La filastrocca non è perugina, ma francese, è la versione (che ha quasi completamente perso il significato originario) di una conta, dove una venditrice di mele presentava la sua mercanzia cantando: “Pomme de reinette et pomme d’Api/ d’Api d’Api rouge/ pomme de reinette et pomme d’Api, d’Api d’Api gris”. Già i bambini francesi, però, non sapevano niente delle rare mele d’Api rosse e grigie , quindi già loro hanno adottato le parole più facili “tapis rouge” e “tapis gris” perchè i tappeti dicono loro qualcosa di più. Ma quando la conta arrivò in Italia, fu ulteriormente deformata, con tappe-rugia e tappe-rì . Infine, anche il movimento che si fa nella conta, che termina con il braccio dietro la schiena, si spiega con la versione originale francese, in cui a un certo punto spunta pure un infido ladro di mele.

All'apparire di questo lestofante golosastro, la fruttivendola gl'intimava: "Cache ton poing derrière ton dos - Si tu ne veux pas un coup de marteau !" (nascondi il tuo pugno dietro la schiena, se non vuoi una martellata!)
Ed è proprio con questo "coup de marteau" che si spiega quella strana postura della conta: tutti i bambini in circolo, che tenevano le mani chiuse a pugno, verticalmente e chi faceva la conta, "martellava" col suo pugno a turno sulle mani degli altri...
T'è capìi?


Ahahaha! Che storia!!!

Risposta Condividi


[35]   
Da: Ronna Paulina 
  Re: Vecchie nenie
[18-01-2008]  
Questa che segue è la prima ninna nanna che io ricordi con certezza; fu cantata a me da mia madre e io la cantai a mio figlio.

E nonna, nonna e nunnarella,
lu lupo s'ha mangiat' 'a pecurella.
E pecurella mia comme faciste
quanno 'mmocca a lu lupo te veriste?
E pecurella mia comme farraje
quanno 'mmocca a lu lupo te verraje?
E suonno suonno, ca trich’(1) e nun viene
vien’a cavalle e nun venì a piede
ca si viene a piede ce pierd’e pedate
e nun s’addorme chi nun è vucato (2).
E nonna nonna e nunnarella
tutte sò brutte e ‘stu figlio mio (3) è bello
‘stu figlio mio è nato ‘mparato
e nun s’addorme si nun è vucato
e si nun è cantato da tre donne:
Maria Matalena e a Madonna(4)

(1) Ritardi
(2) Ninnato, dondolato, cullato.
(3) Qui si può sostituire il nome del bambino:es “Giannino mio”
(4) che poi son due...

Mio figlio, anche quando ormai non era più neonato, si faceva tuttavia ancora cullare e cantare, ma più avanti divenne maggiormente esigente e decideva preventivamente lui l’argomento della ninna-nanna da inventare al momento, per es. “Il nonno va in macchina col gatto e poi spunta la luna” e dovevo inventare le varie strofe dando anche uno svolgimento alla storia, sperando che si addormentasse prima dell’epilogo. A volte non si addormentava e faceva in tempo a cambiare argomento.

Tra le filastrocche e conte invece da piccola mi piacevano soprattutto quelle fatte da mia nonna con le dita (il pollice dice questo, l’indice quest’altro ecc.), o resistendo al solletico in mezzo al palmo della mano:
Mmiez’a manella-
ce sta na funtanella-
addò tutt’e paparelle-
vanno a bevere-
pio pio pio...

o quella lungo il braccio (‘o maccarone curto, o maccarone luongo...) che finiva col solletico sotto le ascelle; o quella di forte movimento sulle sue ginocchia, tenuta per le mani, in cui la testa andava all’indietro giù giù giù e poi tornava su:
Sega sega Mastu Ciccio... (ecc., già citata)...

la “sorella” di quest'ultima filastrocca, a Ferrara invece faceva così:
Lava lava le scodelle-
per mangiare le tagliatelle-
lavale ben, lavale mal-
butta l’acqua nel canal!

Oppure quelle dove si davano i pizzicotti sui dorsi di tutte le manine di tutti i bambini:
“Pizzi pizzi trangula
e la morta di Santrangula
e Santrangula è pipì
e pipì faceva o pane
tutt’e mosche s’o mangiavano
parlerò, parlerò,
chi è bello jesce fore.
Jesce for’a lu sciardino
pizze roce e tagliuline.
Tagliuline a me, tagliuline a te,
chella vecchia mariola
s’ha arrubbato a Ron Nicola,
RoN Nicola pigliaje
e pigliaje ‘o ribbotto
‘o ribbotto sparaje...
uno, ddoie, tre e quatto
Ron Nicola int’a buatta!”


O quella dove la nonna pizzicava e poi baciava (‘o vaso a pizzichillo) ogni zona del viso del bambino nominata e lodata:
Mussillo doce
varvella n’zuccherata
naso a quadriglia
uocchi a lucernella
faccella a pagnuttella...



Risposta Condividi


[36]   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Re: Vecchie nenie
[18-01-2008]  
Hai capito Tizia', credevi di fare la conta e invece rubavi le mele!!!!!
Comunque veramente noto con piacere, che molte delle nenie menzionate da Ronna le conosco con altri dialetti e vei che razza di passaparola stiamo facendo. Grazie Ronna

Risposta Condividi


[37]   
Da: Giuseppe Chiapponi 
(Vivaro Romano)
  Re: Vecchie nenie
[18-01-2008]  
Un paio di altre nenie, anch'esse molto brevi, ecco la prima:

Il dottore di Senigallia,
quanno piscia fa la battaglia,
quanno caca fa remore,
viva viva il signor dottore!

La seconda riguarda due personaggi del paese.........

Pruncichittu fa le cazette,
Filomena se 'lle mette,
se 'lle mette tantu 'bbè
Pruncichittu e Filomè!

Spero che durante la fine di questa settimana, me ne vengano in mente altre,
buona musica a tutti e Ciaoooooooooooo.

Peppino di Rosa (PdR)



Risposta Condividi


[38]   
Da: Tiziano 
  Re: Vecchie nenie
[18-01-2008]  
La balena Filomena quanno caga fa la crema quanno piscia fa il ragù la ba le na Fi lo me na

La soreca sotto l'ellera gliu medico ci và ci và a tentà la trippa e fa uà uà (Olevano Romano)





Risposta Condividi


[39]   
Da: Tiziano 
  Re: Vecchie nenie
[20-01-2008]  
e che dire di una monta la luna, due il bue, tre tre bacetti alla figlia del re a cavallo co' me e no co' te, quattro la raspatura del gatto, cinque ....... fino a dieci la poderosa culata

Risposta Condividi


[40]   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Re: Vecchie nenie
[20-01-2008]  


E questa da dove l'hai tirata fuori?

Risposta Condividi


[41]   
Da: Tiziano 
(Roma)
  Re: Vecchie nenie
[20-01-2008]  
Era un gioco che facevamo da bambini, nel quale uno di noi si metteva a 90 gradi a bordo marciapiede e gli altri a turno saltavano a mo' di cavallina pronunciando una monta la luna al primo passaggio, due il bue al secondo, ed ogni ulteriore passaggio richiedeva una prova da compiere durante il salto, tipo 4 la raspatura del gatto dovevi pinzare a piena mano la schiena di quello che faceva la cavallina, oppure 8 il calcetto alla cavaliera e mentre saltavi dovevi dare con un piede un calcio sul sedere sempre al poveretto che stava sotto. Il tutto si concludeva con 10 la poderosa culata dove si compiva il salto atterrando col sedere e tutto il peso del corpo sulla schiena del solito sventurato, chi sbagliava o dimenticava la sequenza andava sotto. T'è capì !

Risposta Condividi


[42]   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Re: Vecchie nenie
[21-01-2008]  
O capito si!!!!! Penso al poveretto che ti riceveva sulla sua schiena........

Risposta Condividi


[43]   
Da: Mascia e Remì 
  Re: Vecchie nenie
[21-01-2008]  
la "zompacavallina"!!!

Risposta Condividi


[44]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Vecchie nenie
[21-01-2008]  

Altre nenie

Giuanni Giuanni
co gli cazuni bianchi
cogl'attoppacciu n'gulu
azarea come un mulu.


Crinzu crinzu carecarinzu,
alle coste e San Giuanni,
San Giuanni sta a Castegliu,
sta a pregà u gigliu begliu,
u gigliu begliu fa cuccù.
Sca---ppa Fo---re Scu---ppi---ttù.

Ciaooooo
Peppino di Rosa

Risposta Condividi


[45]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Vecchie nenie
[23-01-2008]  
anche se andrebbe in "segnala un evento" lo metto qua per affinità con l'argomento trattato, è una iniziativa molto interessante:

LABORATORIO SULLA NINNA NANNA

"L'associazione Culturale "Mikrokosmos" propone un laboratorio dal titolo "Mikrokosmos e Microcosmi". Si tratta di un laboratorio musicale gratuito, in cui cittadini italiani e stranieri di ogni età (nonni, genitori, ex-bambini...) sono invitati a cantare la loro ninna nanna e a condividere canti e storie provenienti da paesi e tempi lontani.

Al momento dell'iscrizione al laboratorio (gratuita), chi vorrà potrà portare la melodia o il testo di una ninna nanna. Al termine degli incontri è previsto un concerto finale che coinvolgerà tutti i partecipanti, oltre che il Coro Mikrokosmos.
Il termine per le iscrizioni è il 10 gennaio '08.

Il laboratorio si terrà Domenica 13 gennaio - 10 febbraio e 2 marzo 2008, dalle 15.30 alle 18.30 presso il Centro Interculturale "M. Zonarelli" di Via G. A. Sacco 14 (traversa di Via del Lavoro), Bologna. Bus 20 e 21.

Il concerto finale è previsto per Domenica 30 Marzo 2008.
Clicca qui per scaricare il volantino in pdf (365 Kb).

L'iniziativa ha il patrocinio del Quartiere San Donato di Bologna ed è realizzata in collaborazione con il Centro Interculturale "M. Zonarelli".


Per informazioni e iscrizioni:
Mikrokosmos - Coro Multietnico di Bologna
Tel. 328 9283027 (Sarah) - 329 8986140 (Francesca) - 051 510708 (Michele); info@mikrokosmos-cm.it"

Risposta Condividi