www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 17 Ottobre 2019

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Ronna Paulina
[18-01-2008, a  14:20]
Re: Vecchie nenie
Questa che segue è la prima ninna nanna che io ricordi con certezza; fu cantata a me da mia madre e io la cantai a mio figlio.

E nonna, nonna e nunnarella,
lu lupo s'ha mangiat' 'a pecurella.
E pecurella mia comme faciste
quanno 'mmocca a lu lupo te veriste?
E pecurella mia comme farraje
quanno 'mmocca a lu lupo te verraje?
E suonno suonno, ca trich’(1) e nun viene
vien’a cavalle e nun venì a piede
ca si viene a piede ce pierd’e pedate
e nun s’addorme chi nun è vucato (2).
E nonna nonna e nunnarella
tutte sò brutte e ‘stu figlio mio (3) è bello
‘stu figlio mio è nato ‘mparato
e nun s’addorme si nun è vucato
e si nun è cantato da tre donne:
Maria Matalena e a Madonna(4)

(1) Ritardi
(2) Ninnato, dondolato, cullato.
(3) Qui si può sostituire il nome del bambino:es “Giannino mio”
(4) che poi son due...

Mio figlio, anche quando ormai non era più neonato, si faceva tuttavia ancora cullare e cantare, ma più avanti divenne maggiormente esigente e decideva preventivamente lui l’argomento della ninna-nanna da inventare al momento, per es. “Il nonno va in macchina col gatto e poi spunta la luna” e dovevo inventare le varie strofe dando anche uno svolgimento alla storia, sperando che si addormentasse prima dell’epilogo. A volte non si addormentava e faceva in tempo a cambiare argomento.

Tra le filastrocche e conte invece da piccola mi piacevano soprattutto quelle fatte da mia nonna con le dita (il pollice dice questo, l’indice quest’altro ecc.), o resistendo al solletico in mezzo al palmo della mano:
Mmiez’a manella-
ce sta na funtanella-
addò tutt’e paparelle-
vanno a bevere-
pio pio pio...

o quella lungo il braccio (‘o maccarone curto, o maccarone luongo...) che finiva col solletico sotto le ascelle; o quella di forte movimento sulle sue ginocchia, tenuta per le mani, in cui la testa andava all’indietro giù giù giù e poi tornava su:
Sega sega Mastu Ciccio... (ecc., già citata)...

la “sorella” di quest'ultima filastrocca, a Ferrara invece faceva così:
Lava lava le scodelle-
per mangiare le tagliatelle-
lavale ben, lavale mal-
butta l’acqua nel canal!

Oppure quelle dove si davano i pizzicotti sui dorsi di tutte le manine di tutti i bambini:
“Pizzi pizzi trangula
e la morta di Santrangula
e Santrangula è pipì
e pipì faceva o pane
tutt’e mosche s’o mangiavano
parlerò, parlerò,
chi è bello jesce fore.
Jesce for’a lu sciardino
pizze roce e tagliuline.
Tagliuline a me, tagliuline a te,
chella vecchia mariola
s’ha arrubbato a Ron Nicola,
RoN Nicola pigliaje
e pigliaje ‘o ribbotto
‘o ribbotto sparaje...
uno, ddoie, tre e quatto
Ron Nicola int’a buatta!”


O quella dove la nonna pizzicava e poi baciava (‘o vaso a pizzichillo) ogni zona del viso del bambino nominata e lodata:
Mussillo doce
varvella n’zuccherata
naso a quadriglia
uocchi a lucernella
faccella a pagnuttella...


Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up