www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 21 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Giancarlo Petti 
  Costruttori di flauti di canna.
[06-07-2007]  
Vogliamo provare a fare un censimento dei costruttori di flauti di canna, magari per Regione?

Risposta Condividi


[391]   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
Io ci ho provato cn rami giovani ma ho dovuto arrotondarli con la carta vetrata ... nn so che risultato avrò xchè ancora nn ho cominciato, ho solo provato .... poi canne stagionate nn ne ho al momento....però appena possibile, il legno d'olivo è bellissimo ho pure una scacchiera in olivo e una ciaramella....

Risposta Condividi


[392]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
sì Calogero, è come dici tu

Risposta Condividi


[393]   
Da: Pippo 
((Sicilia))
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
X Giancarlo, si, l'avevo letto che la zeppa non si incolla, io lo faccio per comodità, ti immagini uno che suona in un gruppo in mezzo a persone che spingono se si dovesse perdere la zeppa?

X Michele, se vuoi trovare rami di olivo dritti per fare la zeppa, basta andare a cercare quelli selvatici, dalle mie parti si chiamano volgarmente "gghiastro", il problema che è mooolto consistente, necessita veramente di tornio.

Ciao Pippo

Risposta Condividi


[394]   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
Minchia verooooooooooooooo
'gghiastru....io pure siciliano sono compà.... non ci avevo pensato....devo andare a Castelbuono, lì quest'autunno ne ho potati un sacco.... la prossima settimana....

Risposta Condividi


[395]   
Da: calogeo 
(licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[04-04-2008]  
caro michele
ti ringrazio per l'invito, se i miei amici salgono a pa con la macchina vengo, ma non do nulla di scontato!
per adesso siamo praticamente "a piedi" dove suoni tu dalla zona universitaria è un po distante!!!
ci provo cmq!!!
miche potresti un pezzo di rametto anhe per me???
grazie a presto!!!!


Risposta Condividi


[396]   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[04-04-2008]  
Ok, però a pensarci forse passerà più di una settimana ma appena ci vado carico la macchina...
Domenica farà il compleanno mio fratello, perciò io pensavo di andare in questa villa di pomeriggio e rimanerci per sera, a festeggiare, mancherei solo il tempo per suonare, se mi riesce azzizzo con gli amici e portiamo vino, strumenti (io per forza!) e io ci metterei pure da arrostire ma siccome c'è pure il buffet nn so se conviene...

Risposta Condividi


[397]   
Da: Pippo 
((Sicilia))
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[04-04-2008]  
X Edoardo, le canne molto invecchiate, cosa hanno di speciale?

Io ne ho trovata qualcuna invecchiata da circa 10 anni, ho fatto un paio di friscaletti ed entrambi specie negli acuti sono meno brillanti rispetto a quelli fatti da canne invecchiate da 1 o 2 anni, poi ho trovato nella casa di campagna alcune canne e mia mamma mi ha detto che sono lì da più di 30 anni, qualche giorno ne provo qualcuna.

ciao Pippo

Risposta Condividi


[398]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[04-04-2008]  
questo è il fràulo cilentano in sol di cui ho dato le misure al post n.384






Risposta Condividi


[399]   
Da: zammarelli 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[04-04-2008]  
grande Alfò però dillo chi ha costruito il flauto che fai vedere, grazie.
Ah ricordo che costruisco flauti anche per allenarsi alle zamogne.
un caro saluto a tutti

Risposta Condividi


[400]   
Da: zammarelli 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[04-04-2008]  
tuttavi devo dire che il vero flauto cilentano (fraulo, friscareddo, friscarulo) è di 3-4 fori (punti), quello mostrato è di uso per suonatori di ciaramella. Rigorosamente senza zeppa incollata.
Il vero segreto del flauto di canna sta nei rapporti tra: tacca, foro di portavoce e foro di apertura finale. Nel cilento gli anziani iniziavano, dopo aver fatto la tacca, dal portavoce...e c'è un motivo...a voi scoprirlo!

Risposta Condividi


[401]   
Da: anselmo 
(Riano inta lu Cilientu)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[04-04-2008]  



flauto cilentano


ciao a tutti voi costruttori di flauti mi chiamo anselmo ed anche io mi diletto a costruire strumenti musicali questo è il mio contributo a questa discussione che è diventata grande e importante, flauto Cilentano mi è stato regalato che ero un bambino quindi deve avere almeno un'età di 40 anni, il legno non sono riuscito a decifrarlo. riguardo la zona esatta o il costruttore non posso essere preciso so solo che me lo hanno portato dal Cilento e l'opinione mia è che era già vecchio quando mi è stato regalato.
alla prossima anselmo

Risposta Condividi


[402]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[04-04-2008]  
ma certo, il fràulo cilentano del post n. 403 è realizzato dal Maestro Gianluca Zammarelli,

e a proposito di quanto afferma Gianluca vi posto un esemplare miracolosamente conservato e ritrovato in occasione della ristrutturazione di un casale abbandonato da decenni (in pietra), il flauto era custodito in un vano della parete esterna protetto da una pietra, molto probabilmente la costruzione è antecedente al 1960, ha due fori più il portavoce e al momento del ritrovamento era integro ma privo di zeppa, nell'area del Cilento dove è stato ritrovato viene chiamato "fruscariéddo"






lo vedete esposto ad Arezzo dove l'ho portato in occasione della mostra di strumenti tradizionali nell'ambito della rassegna "Pifferi, Muse e Zampogne 2007", dove tra l'altro ho esposto strumenti dei maestri Zammarelli, Petti, Cernuto e Sollazzo

Risposta Condividi


[403]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[04-04-2008]  
Caro Anselmo, hai qualche indizio sulla località di provenienza di quello strano flauto ? a prima vista sembra provenire da lontano

Risposta Condividi


[404]   
Da: anselmo 
(Riano inta lu Cilientu)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[04-04-2008]  
nè Alfò ero piccolo quando l'ho ricevuto in regalo ciò che ricordo che me lo hanno portato dal cilento, così mi dicevano, comunque è un flauto molto vecchio e di simili, anche per la particolare lavorazione, non me ne sono capitati davanti, ma sicuramente è artigianale , costruito da un esperto in legno credo un buon falegname con attezzi di precisione.
anselmo

Risposta Condividi


[405]   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[05-04-2008]  
Zimmarelli dice:
"Il vero segreto del flauto di canna sta nei rapporti tra: tacca, foro di portavoce e foro di apertura finale. Nel cilento gli anziani iniziavano, dopo aver fatto la tacca, dal portavoce...e c'è un motivo...a voi scoprirlo!"
Per apertura finale si intende apertura all'internodo?
Per quanto riguarda le misure ne abbiamo già parlato e, anzi, Giancarlo è riuscito a correggere un mio grosso difetto, specificando il rapporto fra apertuta finale, finestrella e (non del portavoce ma) primo foro superiore...
Perchè si fa prima il portavoce? (che lo stesso Giancarlo chiama "foro come tutti gli altri"? forse per regolare subito l'ottava? Sto azzardando una risposta: quando costruisco uno strumento io, soprattutto se lo faccio ad occhio e senza misure prestabilite, cioè se lo faccio alla "come viene viene"... spesso regolo la distanza dei fori in in relazione alla comodità, ovvero la distanza che segno con la matita sarà di 1,5-2 cm, ma anche in relazione allo spessore e la lunghezza della canna e, a volte, mi rendo conto di aver sbagliato perchè poi alla fine, per intonare bene i fori devo ricostituire nuove misure; questo succede quando io ho già praticato almeno i primi due fori...
Il motivo perciò potrebbe essere questo: se si fa prima il foro "portavoce" si ha subito il rapporto fra nota più bassa e nota più alta, di conseguenza si possono dimensionare gli altri fori, quelli che stanno nel mezzo.
Ho azzardato una risposta nel tentativo di capire, aiutando così me e tutti coloro che vogliono che questo strumento sopravviva nella cultura della gente alla faccia di una cultura mediatica che non lascia scampo alla tradizione che per sua natura non porta etichette e non ha una marca nè una fabbrica.
Ringrazio vivamente il contributo!

Risposta Condividi