www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Mercoledi 22 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Michele
[05-04-2008, a  11:26]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Zimmarelli dice:
"Il vero segreto del flauto di canna sta nei rapporti tra: tacca, foro di portavoce e foro di apertura finale. Nel cilento gli anziani iniziavano, dopo aver fatto la tacca, dal portavoce...e c'è un motivo...a voi scoprirlo!"
Per apertura finale si intende apertura all'internodo?
Per quanto riguarda le misure ne abbiamo già parlato e, anzi, Giancarlo è riuscito a correggere un mio grosso difetto, specificando il rapporto fra apertuta finale, finestrella e (non del portavoce ma) primo foro superiore...
Perchè si fa prima il portavoce? (che lo stesso Giancarlo chiama "foro come tutti gli altri"? forse per regolare subito l'ottava? Sto azzardando una risposta: quando costruisco uno strumento io, soprattutto se lo faccio ad occhio e senza misure prestabilite, cioè se lo faccio alla "come viene viene"... spesso regolo la distanza dei fori in in relazione alla comodità, ovvero la distanza che segno con la matita sarà di 1,5-2 cm, ma anche in relazione allo spessore e la lunghezza della canna e, a volte, mi rendo conto di aver sbagliato perchè poi alla fine, per intonare bene i fori devo ricostituire nuove misure; questo succede quando io ho già praticato almeno i primi due fori...
Il motivo perciò potrebbe essere questo: se si fa prima il foro "portavoce" si ha subito il rapporto fra nota più bassa e nota più alta, di conseguenza si possono dimensionare gli altri fori, quelli che stanno nel mezzo.
Ho azzardato una risposta nel tentativo di capire, aiutando così me e tutti coloro che vogliono che questo strumento sopravviva nella cultura della gente alla faccia di una cultura mediatica che non lascia scampo alla tradizione che per sua natura non porta etichette e non ha una marca nè una fabbrica.
Ringrazio vivamente il contributo!

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up