www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Sabato 18 Agosto 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Vincenzo Cipriani 
  Musica popolare ..e liuteria
[07-12-2006]  
Ciao Alfonso,
la mia generazione, quella del dopo-guerra, ha vissuto l'oblio forzato della nostra musica. Personalmente mi sono battuto da sempre: il risultato che oggi mi sento un po' un Don Quijote de la Mancha......ma, nel vedere il video, mi è parso di scoprire un risveglio della nostra musica popolare e, ancor di più, della nostra fantasia.
Vincenzo Cipriani - Assisi

Risposta Condividi


[316]   
Da: alfonso 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[06-03-2012]  
caro Pierfilippo, ti ringrazio per la risposta ma vedo che c'è bisogno di precisare che:

a) nel disegno (esplicitamente limitato alle parti concave) ho evidenziato che il mio dubbio si riferisce al punto D, dove è evidente che sia presente una forza costante e che tende alla frattura

b) come ho accennato nel post 312 non ritengo problematico il posizionamento classico della controfascia nelle parti convesse, non ho quindi alcun dubbio su questo ma ti ringrazio ugualemnte per esserti ..sperticato

c) nel punto D indicato nel disegno, nel caso viceversa delle parti concave, nel medesimo punto D si avrebbero delle forze di compressione anzichè di frattura, e come tu sai visto che sei un valente architetto un legno compresso lateralmente si può sfibrare e indebolire ma non può mai fratturarsi specialmente se ha una faccia incollata saldamente ad un'altra superfice, mentre invece un legno che subisce forze di frattura per la nota legge fisica tende costantemente a fratturarsi anche se questo non avverrà mai,

in questa caso specifico questo fa si che sia molto più pericolosa la forza che tende alla frattura, che può avvenire, rispetto alla forza che tende alla compressione, che non può dare frattura

quindi ti sono grato del tuo volenteroso intervento ma il mio dubbio permane

Risposta Condividi


[317]   
Da: marco 
(melito porto salvo)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[07-05-2012]  
salve....navigando su internet mi sono imbattuto in questo forum e sono rimasto colpito da quanto è ben organizzato....mi ha colpito in particolare quanto detto sulla chitarra battente....è uno strumento che da sempre mi appassiona....un pò di tempo fà ho iniziato a costruirla e la cosa che più di tutte mi fa sorgere dubbi è l'incatenatura della tavola armonica...mi potete dare informazioni relative a questa parte della chitarra?
grazie



Risposta Condividi


[318]   
Da: alfonso 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[07-05-2012]  
ciao marco,

il mio sogno sarebbe quello di vivere tre quattro vite ed in una di queste avere il tempo (e il denaro :) ) per dedicarmi a catalogare tutte le centinaia di costruttori di chitarre battenti e il loro rispettivi sistemi di incatenatura..

ma nel frattempo dobbiamo accontentarci degli scarsi dati che abbiamo raccolto in questo forum quindi ti segnalo questo link http://www.alfonsotoscano.it/forum/Subject.asp?S_ID=133&H_ID=36&seekword=de+bonis&pageid=2&show=1

che rimanda al topic "reperto De Bonis" generosamente aperto dal Maestro Vincenzo Cipriani di Assisi che ci ha fatto preziosissimo dono di una foto della parte posteriore di una tavola armonica dei liutai De Bonis

colgo l'occasione per darti il benvenuto su questo forum e ti invito a continuare a frequentarlo, se poi vorrai raccontarci qualcosa di te e di questa tua passione ne saremo felici

Risposta Condividi


[319]   
Da: marco 
(melito porto salvo)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[08-05-2012]  
ciao alfonso,
ti ringrazio vivamente per avermi risposto...farò sicuramente tesoro della tua informazione...

Risposta Condividi


[320]   
Da: marco 
(melito porto salvo)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[08-05-2012]  
ti ringrazio inoltre x l'accoglienza e per la tua gentilezza....non appena riuscirò a scoprire qualcosa in più rispetto a quanto già detto nel forum non esiterò a farla presente.

Risposta Condividi


[321]   
Da: alfonso 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[12-10-2012]  
un amico mi ha inviato le foto di una chitarra alquanto strana che gli è capitata fra le mani, a prima vista si potrebbe pensare ad una chitarra sarda ma la vita mi sembra troppo stretta, ma quello che colpisce sono le meccaniche e il manico basculante !

meccaniche così non ne ho mai viste, potrebbero essere state realizzate dallo stesso artigiano che l'ha costruita, così come per il sistema di sgancio del manico, che mi ricorda un pò quello di alcuni fucili con il calcio ribaltabile..

..aspetto le vostre ipotesi


















Risposta Condividi


[322]   
Da: Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[12-10-2012]  
Il manico con l’arpionismo. Non l'avrei immaginato.
Chi ha commissionato questa chitarra si è preoccupato dell’ingombro, la chitarra con il manico ripiegato stava in una custodia piccola.
Un suonatore giramondo che non si preoccupava di rimontare ogni volta le corde?
Non sottovaluterei questo strumento, costruita da un liutaio, che conosceva la meccanica e ha saputo soddisfare esigenze così particolari.
Oltretutto, in foto, la chitarra dimostra più di cento anni.
Manico e paletta sembrano meno curati della cassa.


Risposta Condividi


[323]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[12-10-2012]  
Salve!
Il concetto di ripiegare il manico è stato ripreso in epoca più recente, ma c'è di più: il problema di togliere-mettere le corde (come nella chitarra delle foto) è stato eliminato ripiegando il manico in avanti, lasciando le corde al loro posto.
Se volete posto una foto.
Saluti.

Risposta Condividi


[324]   
Da: alfonso 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[13-10-2012]  
caro Giancarlo ogni contributo è ben acetto,
qui si vede meglio il meccanismo in questione e la paletta

la chitarra sembra ben fatta ma non so se è un lavoro da liutaio o da buon falegname..













Risposta Condividi


[325]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[13-10-2012]  
Perfetto Alfò!
...La foto che hai postato è chiarissima.
La chitarra è molto bella e, dopo aver fatto un timido tentativo d'acquisto (più che altro era un'illusione!) ho appreso dal proprietario che forse sarà esposta in un museo, restando di sua proprietà.
...Invio una foto della tipologia di chitarra di cui parlavo al post precedente.
Non cito la ditta costruttrice per non fare pubblicità, ma se mi dici di farlo...
Saluti!
:-)







Risposta Condividi


[326]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[13-10-2012]  
Ragazzi, sono sbalordito!
Non si finisce mai di stupirsi, bellissime chitarre. Non me lo sarei mai immaginato che si potesse fare una chitarra "pieghevole"; In effetti il problema era stato risolto già per il contrabbasso.


Risposta Condividi


[327]   
Da: alfonso 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[16-10-2012]  
capisco per il contrabbasso, che quasi non ti entra nemmeno in casa.. ma per una chitarra ho dei seri dubbi (e se non ne avessi mi preoccuperei..)

- nelle mie foto la chitarra è priva di corde: una volta montate le corde si riuscirebbe ugualmente a ribaltare il manico all'indietro? magari anche allentandole ? ribaltarlo in avanti come nella foto di Giancarlo non ci sono problemi ma all'indietro ?? ..non lo so...

- mi pare ovvio che l'esigenza di "spezzare" una chitarra è sentita da qualcuno che ha la necessità di trasportarla
- quella del trasporto è davvero l'unica esigenza ?

ribaltando il manico si riduce l'ingombro: ma è proprio così ?!?! qui il nostro magico Giancarlo potrà darci una inequivocabile risposta, ammesso che si riesca a capire se le cerneire usate permettano il ribaltamento completo del manico (in avanti o all'indietro che sia)

- ma questo espediente che tipo di trasporto faciliterebbe ? il trasporto in auto ? è tutto da dimostrare, una chitarra entra tranquillamente anche nel portagagli delle piccole utilitarie

- c'entra meglio col manico piegato ? ne dubito perchè in questo caso l'ingombro aumenta non potendoci poggiare niente sopra, a meno che non lo si infili in una cassa, ma poi l'ingombro aumenta ancora..

- è più comoda da trasportare a piedi ? ne dubito fortemente
- è più comoda da trasportare a cavallo ?? per niente

e allora ???? dov'è il vantaggio ??

-potrebbe essere una necessità nata dall'esigenza di farla rientrare in determinate misure di ingombro obbligate da qualche spedizioniere ? ..mha..

e allora ?!?



Risposta Condividi


[328]   
Da: Vincenzo Cipriani 
(symphonia)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[16-10-2012]  
Della serie: - "NON SANNO PIU' CHE INVANTARE".........
Ma non vedo nè l'esigenza nè la praticità per il trasporto.

INOLTRE ricordo che tanti anni fa, quando per la prima volta mi trovai a dovere sostituire una T.A., tagliai la tastiera al XII tastino e, dopo avere montato la nuova T.A., rincollai il tratto di tastiera originale..........montate le corde mi resi conto che qualcosa non andava nel suono.
Dopo essermi scervellato per cercare di capire il perchè ed innumerevoli telefonate a liutai con esperienza.....sostituii l'intera tastiera......e la chitarra tornò a suonare.

In sintesi l'interruzione della tastiera non permette alle vibrazioni di questa di arrivare alla T.A. e quindi alla cassa armonica.

Risposta Condividi


[329]   
Da: Vincenzo Cipriani 
(symphonia)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[16-10-2012]  
Non condivido tali controfasce.
Io uso il sistema delle chitarre spagnole: le controfasce al fondo in legno di faggio senza tacche mentre alla T.A. gli zoquettillos (detti anche peones che sono singoli blocchetti) in legno di cedro......un eccellente antitarlo in "dotazione" allo strumento.

P.S.: Il mio post sulle controfasce....intendevo metterlo sotto quello di Alfonso (310)....ma non ci sono riuscito......



Risposta Condividi


[330]   
Da: alfonso 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[16-10-2012]  
caro Vincenzo,
ecco altre due foto (purtroppo lasciano un pò a desiderare),
quelle strane chiavette, lo strano battipenna, la tastiera così sottile, l'azzardo del manico spezzato, la scultura al tallone, il fatto che sembra priva di controfasce (e difatti si è scollata.. ), appena ho visto le foto la prima impressione che ho avuto è che lo strumento fosse stato costruito da un buon ebanista, non da un liutaio, che ne pensi ?

e cosa mi dici sulla possibilità di ribaltare il manico senza sfilare le corde ? a me sembra impossibile..






sulla "piastra" di aggancio delle corde mi sembra di vedere due alette ruotabili... che senso avrebbero ??








su quanto mi dici delle controfasce sono assolutamente daccordo che sia il sistema migliore, anche perchè elimina il problema su quel dubbio di cui avevo parlato.. :)

Risposta Condividi