www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Giovedi 18 Gennaio 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Alfonso 
(Lucania)
  Iconografia della zampogna (2)
[14-02-2007]  
vogliamo tentare una ricerca iconografica sulla zampogna ?


Zampogna gigante a chiave di Monreale (Sicilia) cartolina del 1900





Risposta Condividi


[91]   
Da: alfonso 
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[06-04-2010]  
un'anonima natività, con classico zampognaro






Risposta Condividi


[92]   
Da: Damiano Nicolella 
(Martina Franca)
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[02-09-2010]  
Cari amici,

v'informo che sul mio sito alla pagina seguente:

http://www.pugliafedefolklore.it/mus/zampogna.html

ho inserito varie foto di zampogne e zampognari dei secoli passati ritrovate qui in Puglia. Per chi vuole darci un'occhiata...

Damy

Risposta Condividi


[93]   
Da: alfonso 
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[03-10-2010]  
ecco l'ultima opera che ho trovato, si tratta di un olio su tela di discrete dimensioni, invito appassionati ed esperti a formulare ipotesi sull'area in cui sembra ambientata








Risposta Condividi


[94]   
Da: Quirino 
(Roma - Portuense)
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[04-10-2010]  
A me sembra nel Lazio, dove non so.

Risposta Condividi


[95]   
Da: Damiano 
(Martina Franca TA)
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[04-10-2010]  
A me sembra Ciociaria, guardatevi questo danzatore di saltarello su questo sito e poi confrontate: http://www.myspace.com/saltarellofelix.

Risposta Condividi


[96]   
Da: Pelizzari 
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[04-10-2010]  
Partecipo anch’io al concorso indetto da Alfonso.
Tre contadini tengono in mano delle lunghe falci e uno di loro danza; a sinistra, una donna porta un covone di grano mentre, a destra, altre tre stanno sui sacchi e sui covoni.
Due contadini invece tengono in mano il bastone ferrato da portatore, usato per aiutarsi a portare sacchi pesanti.
Sul carro c’è un altro sacco su cui riposa un vecchio. Potrebbe contenere il grano già battuto, anche se non riesco a vedere il bastone da battitura.
Sempre sul carro un uomo, vestito alla foggia seicentesca, tiene un telo tra le mani, potrebbe essere il telo per raccogliere il grano (?), sempre che non si tratti di una vela per qualche barca.
Il bambino, in braccio alla madre, è fasciato secondo un’usanza rimasta in voga fino agli anni cinquanta del novecento.
La bara, grosso carro a due ruote, è trainata da due bufali o bufale.
Sullo sfondo a destra si intravedono altri due uomini.
A sinistra, tra la donna che ci guarda e la ruota si vedono delle costruzioni che penetrano come una penisola nel mare, forse si tratta di un paese.
Il quadro raffigura un momento di festa campestre dopo la mietitura.
Secondo me si tratta di un quadro campano, della seconda metà ottocento.
Voglio rischiare, a costo di perdere i ricchi premi in palio, scommetto sulla zona di Salerno, anzi, punto tutto sulla piana del Sele.
Lorenzo


Risposta Condividi


[97]   
Da: alfonso 
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[09-10-2010]  
caro Lorenzo,
mi dice Marco Cignitti, famigerato zampognaro, che il dipinto è una imitazione dell'originale di Coleman (1846-1911, considerato il caposcuola del naturalismo della pittura romana della seconda metà dell’Ottocento) , bè se ha riprodotto bene quella zampogna non è tipica del salernitano ma del nord campania / basso lazio.., ma tutto può essere,

in effetti quel telo anche a me è sembrata una vela.. che quello che si intravede sia un lago ?..


intanto se qualcuno potesse mostrarci l'originale ben venga, io non riesco a trovarlo



Risposta Condividi


[98]   
Da: Pelizzari 
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[10-10-2010]  
Carissimo,
ecco quanto ho trovato in internet cercando Coleman.
Il sito parla di Aprilia e della pianura Pontina e accanto all'immagine uguale a quella da te pubblicata riporta:
"Gli agricoltori.
Nel perimetro dell'ex palude non mancavano i terreni adatti alla coltivazioni, talvolta, per comodità o per vicinanza all'abitato, tratti di bosco venivano tagliati per destinarli alla semina di grano, riso e mais (le cese). La mietitura estiva doveva essere effettuata nel più breve tempo possibile per sfuggire alle febbri malariche. Dai paesi dell'entroterra giungevano allora festanti compagnie di mietitori. Il romantico quadro di R. Hébert, conservato al Louvre, per simboleggiare l'estate, ritrae l'arrivo dei mietitori dalla Ciociaria nella Pianura Pontina,"
Ho preso una bufala ma mi sono divertito ugualmente.
Ciao
Lorenzo

Risposta Condividi


[99]   
Da:  
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[10-10-2010]  
Lo stesso dipinto l'ho visto "commercializzato" come stampa su un catologo di libri antichi.
Il prezzo era di 52 €, si parlava di "mietitori ciociari".
Strappai la pagina e l'ho messa da qualche parte per conservarla: m'incuriosiva l'immagine ed il commento che parlava di "insolita rappresentazione con zampogna e buoi insieme".

Se il dipinto è di Hébert, perchè si parla di "copia da un'originale di Coleman"?

...Il telo non è affatto una vela: sarebbe fuori luogo in mano ad un mietitore.
E' sicuramente il telo che montato costituiva un riparo, soprattutto dal sole, per le persone sul carro.


Saluti.

Risposta Condividi


[100]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[10-10-2010]  
...Scusate... sono io (Giancarlo) che ho scritto il post precedente!
Saluti!

Risposta Condividi


[101]   
Da: alfonso 
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[10-10-2010]  
in effetti sembra che il dipinto sia di Hèbert, evidentemente il nostro Cignitti si è confuso, d'altra apre sappiamo tutti che l'iperventilazione provoca stordimento e confusione mentale..,

purtroppo non si riesce a trovare una foto perbene dell'originale, quindi questo raffronto fra l'originale e la "copia di Arezzo" non la possiamo fare come vorremmo, ma ci accontentiamo nell asperanz adi rimediare,

certo che così è difficilissimo notare le differenze, si vedono solo quelle evidenti, difatti io l'unica differenza (a parte i colori, la luce, lo stile e la pannellata) la noto nel danzatore accanto allo zampognaro, che nell'originale ha il cappello mentre nella copia no,

e voi ?






Risposta Condividi


[102]   
Da: Quirino 
(Roma - Portuense)
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[11-10-2010]  
Alla fine la zona l'ho azzeccata io; è che dietro al carro si intravedono le "classiche" campagne desolate tipiche delle raffigurazioni sull'"agro romano".

Risposta Condividi


[103]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[11-10-2010]  
me pare de sta a fa' la settimana enigmistica "scopri le differenze" e a questo proposito oltre la differenza notata da Alfonso vedo che la donna seduta in terra in secondo piano rispetto lo zampognaro si poggia su due cose differenti, nella copia sembra una fascina di fieno o di grano non saprei

Risposta Condividi


[104]   
Da: alfonso 
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[11-10-2010]  
caro Tiziano hai ragione, il gioco sarebbe proprio quello ma non potrà riuscire finchè non avremo una foto perfetta del dipinto originale, ma il gioco non è fine a se stesso, trovate le diferenze mi piacerebbe riuscire a capire perchè il pittore della copia ha ritenuto di modificare anche un solo particolare,

intano metto le due foto che mi hai mandato : " trattasi di due foto di uno stesso soggetto. Uno stucco che ho fotografato a Firenze all'interno di un palazzo nobiliare credo del 500-600 mentre ero ad un congresso"

vedo che hai lo stesso vizio di un'altro caro amico.. vi consiglio quando scattate le foto di appoggiarvi a qualche supporto, una spalla, una colonna ecc.., di curare di più la messa a fuoco e di esercitarvi a scattare senza muovere la macchinetta..











Risposta Condividi


[105]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: Iconografia della zampogna (2)
[11-10-2010]  
un po' il mio Parkinson un po' la foto fatta di soppiatto mentre vi erano relatori che parlavano di chirurgia mininvasiva del colon, il risultato non è stupendo. Ci faro' piu' attenzione in futuro

Risposta Condividi