www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Lunedi 22 Ottobre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Alfonso 
( )
  strani oggetti
[02-11-2008]  
ma secondo voi a cosa possono servire questi oggettini in argento che rappresentano suonatori di ogni strumento ? se non ricordo male fanno parte di un rituale religioso ma non so dirvi altro






Risposta Condividi


[16]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: strani oggetti
[04-03-2013]  
Bravo Gianluca!
Anche da noi, in Molise, ha la funzione "liturgica" di sostituire le campane nei tre giorni prima di Pasqua.
...Durante il Purin (carnevale ebraico) la raashan (raganella) è utilizzata dai bambini, durante la lettura della Meghilah (rotolo) per far baccano, insieme al battere dei piedi, per coprire il nome di Haman, crudele consigliere del Re al quale fece firmare, con un sotterfugio, un decreto di distruzione del Popolo ebraico.

Risposta Condividi


[17]   
Da: Umberto 
(roma)
  Re: strani oggetti
[05-10-2018]  
se posso permettermi vorrei dire che non esiste il concetto di oggetto sacro nell'ebraismo, né rituali sacri, da quando è stato distrutto il tempio di gerusalemme per la seconda volta dai Romani.

Cominciando dal fondo, le raganelle si usano durante la festa chiamata Purim in cui si ricorda lo scampato pericolo di sterminio ai tempi del Re Assuero in Persia. Si racconta questa storia in presenza del pubblico nelle sinagoghe e quando si nomina Aman, il ministro di Assuero che voleva uccidere tutti gli ebrei del regno, si maledice il suo nome e lo si copre di rumori per "cancellare" il suo ricordo (paradossalmente nel momento in cui si ricorda l'episodio e il personaggio).

Il candelabro che si accende durante un'altra festa ebraica, Chanukkà, ha nove bracci; quello a sette bracci rappresenta il candelabro che si trovava nel santuario di Gerusalemme e che fu depredato insieme agli arredi e agli altri "chelim" strumenti del tempio dagli stessi romani.

Risposta Condividi