www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 23 Settembre 2021

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Alfonso
[21-03-2009, a  07:23]
Re: Ingegnamoci
mi sembra un ottimo lavoro, e quella rosetta dà un tocco particolare, complimenti Pierfi !! anche per la sonata,

io invece ho appena terminato una lira calabra ..da ginocchio,
nel senso che ho voluto provare a rendere più ergonomica la lira scolpendo nella cassa una protesi che permette di tenerla senza sforzo e più comodamente sul ginocchio (come spesso si usa), senza il rischio di slittamento,

in questo modo ci si può dedicare più agevolmente alla diteggiatura senza sottrarre energie e concentrazione al mantenimento dell'equilibrio dello strumento sul ginocchio,

inoltre la stessa protesi, nel caso si prefersica suonare la lira tra le gambe, permette di serrare comodamente lo strumento senza bloccare con le ginocchia la vibrazione della cassa

appena ci riesco vi farò sentire pure la voce

l'archetto l'ho ricavato da una doga di botte di rovere dle 1800 a cui evidentemente il vino ha regalato una sorprendente elasticità, sull'impugnatura c'ho lasciato "per ricordo" uno strato naturale di 3 mm di tartaro

per questo strumento ho usato cinque titpi di seghe:

1) sega mentale
2) sega circolare
3) sega a nastro
4) sega circolare dremel
5) seghetto alternativo

{{img:-1909265842}}


x Giancarlo:

purtroppo per il piegafasce sono momentaneamente fermo perchè sto aspettando che un amico accenda il forno per la ceramica per farmi smaltare la superficie esterna del tubo, che così com'è è troppo ruvida e non permetterebbe lo scivolamento adeguato delle fasce bagnate

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up