www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Martedi 22 Ottobre 2019

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: giancarlo
[21-04-2008, a  11:38]
Re: la ciaramella
Per michele:
In acustica in generale e per un'ancia in particolare vale sempre il principio che:
-ciò che è più corto, stretto (più piccolo) o sottile (vedi corde) emette un suono più alto (acuto),
-ciò che è più lungo e spesso (grande) emette un suono più basso (grave).
Vale per le corde della chitarre, per i flauti, per le ANCE.

Questo, da bravo musicista quale sei, lo sai bene!

L'imboccare l'ancia della ciaramella in una maniera, piuttosto che un'altra, serve appunto a cambiare la lunghezza della stessa e la sua maniera di vibrare.
E' così che puoi correggere lievemente la tonalità oppure ottenere delle note piuttosto che un'altro!

Detto questo, non resta che sperimentare, cosa che penso tu stia già facendo.
Tieni conto però che ogni ancia "è una storia a parte" e che si comporta in maniera leggermente diversa e che le prestazioni di un'ancia migliorano nel tempo.

C'è una specie di "tempra" della stessa, che si ottiene usandola, bagnandola mentre si suona, lasciandola asciugare e poi risuonandola ecc. ecc.

Per questo la rottura di un'ancia collaudata, per un ciaramellista, resta sempre un evento traumatico.

Non è il valore dell'ancia persa o rotta, ma tutto il tempo per "portare" la nuova allo stesso livello che ce la fa rimpiangere.

Questa è la mia esperienza, e spero che zammarelli possa dirci la sua, da questo punto do vista.

Saluti, Giancarlo.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up