www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 23 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: guglielmo
[19-12-2008, a  10:36]
Re: Chit Barocca/Chit Battente
Ciao Gianfranco,

è chiaro che per le battenti "moderne" è la tradizione che ha "selezionato" un modello piuttosto che un'altro per tutti i fattori che conosciamo (abilità artigiana, materiale a disposizione, repertorio, ecc...).

D'accordo che non sapremo mai chi ha inventato la chitarra , però è certo che con l'espressione "barocco" indichiamo un periodo artistico/culturale successivo al "rinascimento", così come gli autori e le composizioni per chitarra rinascimentale sono precedenti a quelli per chitarra barocca.

Inoltre, da quanto sono riuscito a ricavare dalle varie letture, c'è un altro strumento che, per il periodo in cui è inquadrato, sembra quasi essere il traghettatore dalla rinascimentale alla barocca ed è la "vihuela de mano" che ancora oogi anche i liutai stranieri (ho visto diversi siti) indicano come di "tradizione italiana".

Evidentemente la mia è una ricerca delle origini , ma non fine a se stessa. La domanda è nata dalla ricerca di materiale da studio da potere adottare sulla battente tra gli autori di quei periodi. Ho trovato cose davvero interessanti ed alcune anche molto carine da eseguire. La diversa organologia degli strumenti ci porta a repertori diversi ed allora mi sono chiesto se lo strumento ha condizionato il repertorio o viceversa?

La sensazione è che siano vere entrambe le risposte !

Buona musica

Guglielmo

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up