www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Venerdi 27 Aprile 2018

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Barbara
[22-03-2012, a  22:46]
Re: Vecchie nenie
Non ho una buona memoria, e ricordo molto poco di quando ero piccola, ma qualcosa è tornato in mente anche a me da quando ho due birbe che scorrazzano per casa.
Ho in comune con alcuni di voi "sedia sediola", "coccia pelata con sette capelli" ed una versione leggermente di versa da quella del post n°65... la mia faceva così:

Pimpirulin piangeva
voleva mezza mela,
la mamma non l'aveva
e Pimpirulin piangeva.
A mezzanotte in punto
passava un'aereoplano
e sotto c'era scritto:
Pimpirulin stà zitto!

Ricordo che mia madre recitava questa filastrocca a mio fratello, ogni volta che faceva i capricci... La ripeteva più volte, poi la recitavo anche io insieme a lei ridendo... e alla fine mio fratello smetteva di fare i capricci e recitava anche lui la filastrocca insieme a noi...

Un'altra filastrocca ci veniva raccontata al momento di andare a letto e recitava così:

Lucciola lucciola vieni da me
ti darò un pan da re
pan da re e da regina
lucciola lucciola vieni vicina.

Una cosa che ci faceva ridere molto era quando ci prendevano una mano facendoci tenere il palmo rivolto verso l'alto, ricordo che mia zia ce lo faceva spesso; con due dita "camminava" sul palmo della nostra mano recitando:

Questa è una bella piazza
ci passa una pupazza
ci passa una pecorella
che fa be bee beee beeee beeeeeee

e con l'ultima frase le dita "correvano" lungo il braccio fino ad arrivare a farci il solletico sotto l'ascella... anche le mie bimbe ci si divertono tantissimo!

C'era poi una canzoncina, che io associo sempre ai lunghi viaggi in macchina (non andavamo mai tanto lontano, ma a me quei "viaggi" sembravano interminabili...), e recitava così:

Un elefante si dondolava
sopra il filo di una ragnatela
e ritenendo la cosa interessante
andò a chiamare un altro elefante.

Due elefanti si dondolavano
sopra il filo di una ragnatela
e ritenendo la cosa interessante
andarono a chiamare un altro elefante.

Tre elefanti si dondolavano
sopra il filo di una ragnatela
e ritenendo la cosa interessante
andarono a chiamare un altro elefante.

...e così via... io e mio fratello perdevamo spesso il conto, e allora si ricominciava da capo...

In ultimo, chi di voi non ha mai fatto la "conta" con questa?

Ammaramà ciccì coccò
tre galline sul comò
che facevano l'amore
con la figlia del dottore
il dottore si ammalò
ammaramà ciccì coccò


Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up