www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Martedi 23 Ottobre 2018

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Pino Pontuali
[14-12-2007, a  09:42]
Re: Aiuto & info
Caro Luca, un organetto di quelle dimensioni può essere uno strumento buono se è stato costruito da un ottimo atrigiano, è comunque uno strumento con un ridotto pompaggio di aria e perciò adatto ad un repertorio di saltarelli, ballarelle, tarantelle e tutte quelle musiche che hanno un andamento melodico ciclico, ovvero dove l'arternanza degli accordi di tonica e dominante (ad esempio SOL e RE) è sempre unguale (per esempio nel saltarello generalmente ogni due battute si cambia accordo e quindi la direzione del mantice oppure in molte tarantelle il cambio si effettua ogni quattro battute). Questo fa sì che il pompaggio d'aria erogato dal piccolo mantice sia sempre sufficiente.
Il problema si presenta nell'esecuzione di brani da ballo diversi, dove non c'è simmetria nell'alternanza degli accordi; può succedere infatti che una sequenza di note che insistono troppo in una direzione dell'andamento del mantice causino difficoltà a volte serie al musicista (soprattutto al principiante).

la scelta di uno strumento di piccole dimenzioni è in genere dettata da due possibili motivi:
- desiderio di avere uno strumento estremamente portatile, ma avendo la consapevolezza delle sue limitazioni;
- necessità di spettacolarizzazione di una particolare esecuzione, me avendo a portata di mano uno strumento più professionale.

Personalmente preferisco strumenti di dimenzioni standard perché mi permettono di comunicare più compiutamente il messaggio musicale.

Ciao e buona musica
Pino

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up