www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Lunedi 20 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Luigi
[01-02-2008, a  12:35]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Caro giancarlo,

mi permetto di farti una domanda in proposito avendo già carpito le preziosissime informazioni precedenti, esiste una regola invece per la posizione del portavoce...o almeno una posizione approssimata che dipende ovviamente sempre dalla sezione lunghezza dello strumento.

Te lo chiedo perchè io vorrei iniziare a costruire un flauto 6+1, che mi sembra quello più semplice da realizzare nella posizione dei buchi, dato che se non ho capito male questi dovrebbero approsimativamente essere posizionati ad una distanza dalla fine dello strumento pari ai rapporti che esistono tra le note musicali (con le dovute approssimazioni sopracitate). Ma non avevte mai parlato della posizione del portavoce.

In più esistono sul web dei riferimenti alla posizione dei buchi (o meglio della fisica del flauto) presi da due libri in proposito:
"Foundamental of Musical Acoustic" A.H. Benade, Oxford University Press, e "The Physics of Musical Instrument" Fletcher & Rossing, Springer- Verlag .
Che però si riferiscono ai flauti traversi.
Non sono ancora riuscito a farne una lettura dettagliata, se interessa posso mandare i link. Ma la soluzione del problema mi sembra che sia data per approssimazioni succesive, dato che il tutto dipende dai parametri che citi tu (diametro, lunghezza,spessore della canna, diametro dei fori, effetti di coda...etc etc). Il che richiede un minimo di calcolo numerico che mi sono messo in testa di provare a risolvere tramite la scrittura di un programmino. Che ovviamente sarà ad uso e consumo di tutti.

Quello che volevo chiederti invece è se c'è differenza tra un flauto traverso e dritto (non so se si dice così, cmq friscalettu o cufill come diresti tu) e quali sarebbero secondo te i parametri in comune, per estendere quei risultati ad entrambi gli strumenti

Grazie assaj
Luigi

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up