www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Mercoledi 22 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: giancarlo
[01-02-2008, a  11:56]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Ciao a tutti.

Per Michele:
Mi permetto di tornare un attimo indietro, a quando hai detto:

“Per fare un buon friscaletto siciliano non esistono delle dimensioni standard, esiste l'esperienza soltanto, infatti la distanza e le dimensioni dei fori dipendono dalla portata in aria dello strumento, e come sapete ci sono friscaletti più o meno grossi... ogni costruttore ha le sue.”

E' vero solo in parte: per fare un friscaletto si possono variare leggermente le dimensioni di partenza, ma per fare un friscaletto “buono” bisogna per forza rispettare delle misure più o meno standard.

In particolare ci si accorge che ci sono dei rapporti matematici fra le misure delle varie “parti” che compongono lo strumento.
Non so se qualcuno si sia messo mai a studiare tali regole, ma io cerco di ricavarne qualcuna, ogni tanto, esaminando un discreto numero di strumenti “buoni”.

Nello specifico quella che tu definisci “costante” 4, cioè la distanza tra il primo foro superiore e la finestrella, intesa come inizio scivolo, altro non è che il DIAMETRO X 3, oppure, la LUNGHEZZA / 4.
Questo vale solo per i Friscaletti 7+2 fori, e non per gli altri tipi di flauto.
Chiaramente sono formule ottenute per osservazione e confronto, che potrebbero comunque subire delle piccolissime variazioni.


Sarebbe comunque sbagliato partire da quella distanza, per la costruzione, per il semplice motivo che ti dovrebbe venire automaticamente, se lo strumento è forato bene ed intonato bene!

Quanto alla lunghezza, nel tuo caso, partendo da un diametro di 1,4-1,5 cm dovresti avere una lunghezza di 17 – 18 cm, più il becco.

Comunque, senza scomodare numeri aurei, per logica, se devi realizzare un friscaletto 7+2, tenendo conto che devi fare 7 fori, quindi mettere sette dita, per circa 1,5 cm avrai 7x1,5cm = 10,5 cm + circa 2 cm dal primo foro alla fine del flauto, più i famosi 4 cm , avremo 10,5+2+4= 16,5 cm più il becco, circa 2,5 = Lunghezza totale minina = 19 cm!!!

Riassumendo un buon friscaletto ha lunghezza minima di circa 18-19 cm!!!
Un flautino di sette cm, non potrà mai essere un friscaletto 7+2.

Ti devo fare però un'altro appunto.

Hai detto “ Tra l'altro ricordo che usando canna maschio (più spessa) si ottengono strumenti di solito in do, re, mentre usando canne femmine si ottengono strumenti in sol, la (a dimensioni standard ovviamente...).”:
é una grossa balla!!
Ormai sarete stanchi, ma lo ripeto: la tonalità Do, Re, ecc., dipende dalla lunghezza dello strumento e dal suo diametro!!! Non da altro.
A dimensioni standard si ottiene una tonalità Standard, a prescindere dalla canna “maschio” o “femmina”.

Saluti, Giancarlo.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up