www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Lunedi 20 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Giancarlo
[04-01-2008, a  08:26]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Ciao Alfonso.
Hai ragione: siamo nel periodo giusto per la raccolta della canne da utilizzare per la costruzione di strumenti musicali e delle ance per le ciaramelle e zampogne.
I "germogli" delle stesse, cioè quelle che semnbrano delle "cannucce" che crescono lateralmente verso la sommità delle stesse canne, possono essere usate per realizzare le ance semplici.
La data ideale per la raccolta, quest'anno, è il 30 Gennaio, ma il periodo buono va dal 22 Gennaio, al 7 Febbraio.
Questo è il periodo di luna calante, durante il quale i vasi linfatici, in un periodo di riposo vegetativo, sono più sgombri di linfa circolante.
L'importante è comunque che le canne siano secche, è questo lo si capisce guardandole.
Non dovrebbe esserci nessuna foglia ancora verde ed il colore sia delle canne che delle foglie dovrebbe essere giallo-marrone.
Le canne raccolte, saranno conservate in un posto asciutto, al riparo dalla pioggia per almeno sei sette mesi, prima di poter utilizzarle senza rischi successivi.
Se poi si lasciano stagionare per almeno due o tre anni.... è molto meglio!
Se invece si utilizzano subito, c'è il rischio, una volta realizzata l'opera, che una successiva stagionatura, a strumento finito, ne faccia variare lo spessore e le dimensioni, compromettendone l'intonazione.
Saluti e buona raccolta.
Giancarlo

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up