www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Domenica 21 Gennaio 2018

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: giancarlo
[15-04-2010, a  10:12]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Valè facci sapere come va col secchio!
:-)
...Esistono delle formule, che aiutano solo in parte.
Sono diverse se lo strumento (tubo o canna) è aperto ad una sola estremità (flauto di pan, canna tappata sotto o canna immersa nel secchio d'acqua “degli incas”) o aperte ad entrambe le estremità (tubo o canna) come il flauto a becco normale.
Le formule sono valide prendendo per assunto che la canna non disperda energia acustica all' estremità, come se l'onda sonora rimanesse intrappolata all' interno della canna stessa, senza poter essere irradiata verso l'esterno.
Quindi sarebbe uno strumento musicale “irreale”, il cui suono non potrebbe essere udito all'esterno.
Nonostante ciò il modello, in alcuni casi funziona ed approssima bene le frequenze di risonanza, in altri casi darebbe solo una prima e “larga” approssimazione, con la necessità dell' applicazione di una correzione di lunghezza.
Tale correzione dipende dalla frequenza, ed è ottenibile “ad occhio” o meglio “ “ad orecchio”, grazie all'esperienza, oppure attraverso calcoli molto più complessi, ed avere la simulazione di uno strumento reale.
... Vediamo se Stefano (che è un fisico) concorda.
Saluti!



Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up