www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Domenica 5 Aprile 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Pino Pontuali
[21-04-2008, a  11:21]
Re: Costruttori di organetti
Ieri, 20 aprile 2008, su una bancarella di giocattoli, ho comprato un melodeon (organetto a due bassi irlandese o cajun) di fabbricazione cinese. La curiosità era tanta che l'ho aperto:
La cassa è realizzata in plastica, il mantice (un bel po' duro) in cartone ricoperto di stoffa (come nei nostri modelli italiani ma senza gli angoli di metallo), le meccaniche dei tasti di metallo, le valvole, con riporto di gommapiuma (non tengono benissimo l'aria), le ance, montate su piastrine di alluminio con due ribattini e installate su un "castelletto" di plastica, sono in bronzo, di chiara derivazione cinese, e sono le stesse che sono usate da secoli sullo sheng (antichissimo organo portatile a fiato). Inoltre lo strumento è in "seconda" (ovvero ogni tasto del canto mette in funzione due ance) ed è accordato "a mano" ottenendo un tremolo "italiano".
Sulla cassa dei bassi ci sono i due accordi di tonica e dominante più un terzo bottone che aziona lo sfiato
Dal punto di vista qualitativo non è uno strumento da paragonare ai nostri però è accordato e ci si può suonare.

Considerando poi il fatto che al costo di tutti i pezzi che compongono lo strumento e l'ammortamento degli stampi per la realizzazione delle parti in plastica c'è da sommare il guadagno degli assemblatori, quello degli accordatori, quello dell'imballaggio, quello dei mediatori, quello dei trasportatori, quello delle dogane, quello dell'importatore qui in Italia, quello del grossista e quello del dettagliante, comè possibbile che il prezzo finale sia di 10 € (si, avete capito bene: dieci euro).

Questo è il prezzo al pubblico

{{img:-207292299}}

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up