www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 25 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Alfonso
[23-09-2007, a  07:43]
Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
Gianfrà, più ci penso e più questo metodo costruttivo non mi convince per niente,
nota che attorno ai fori ci sono segni di torsione, probabilmente provocati da due bastoncelli di alcuni cm. infilati nell'occhiello della corda

non mi convince affatto

intanto la presenza delle abrasioni attorno ai fori non è compatibile con l'ipotesi fatta dal Maestro Cecconi nel post n.18, infatti per tenere immobili le fasce durante l'incollaggio sarebbe stato sufficiente tirare lo spago fino a raggiungere la distanza voluta fra le fasce e poi annodare lo spago, e quindi senza provocare alcuna torsione dei legnetti

se l'abrasione fosse stata provocata dall'azione di girare contemporaneamente i bastoncelli in opposta direzione per tendere la corda e far sì che si avvicinassero le fasce, sarebbe stato sufficiente inserire un bastoncello fra le corde come ho mostrato nel deisegno del post n.21, per ottenere un risultato migliore con minor sforzo ed evitando di lasciare segni di abrasione attorno ai fori

adottando il sistema descritto nel mio disegno poteva ugualmente accadere che i bastoncelli girassero accidentalmente se questi fossero stati di lunghezza minima, ma il problema non si sarebbe verificato se questi avessere avuto una lunghezza pari almeno all'altezza delle fasce

e sono sicuro che chi costruisce una chitarra abbia una minima manualità sufficiente a giungere a queste davvero semplicissimi espedienti

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up