www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Venerdi 23 Agosto 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Venerato Salvatore 
(kalukapu)
  Sanremo
[28-02-2008]  
Lo so che qualcuno mi maledirà, ma ho una domanda da porvi:
Che effetto vi ha fatto vedere una bettente sul palco del festival di Sanremo???

Salvatore

Risposta Condividi


[91]   
Da: Venerato Salvatore 
(kalukapu)
  Re: Sanremo
[05-03-2008]  
Caro Gegè fatto in quel modo NO!!!!
NIENTE di positivo nè ai fini della divulgazione della musica e degli strumenti popolari, nè tantomeno ai fini che aveva proposto il buon Antonio Basile (trattino).
Non è stato spiegato e neanche presentato nessuno strumento... La chitarra battente chi la conosce l'ha vista, ma il 90% del pubblico sanremese ha visto una chitarra strana... Neanche SENTITA!!!!
Ha valorizzato di più i suoi strumentisti/strumenti Cammariere... Almeno li ha presentati!!!

Se tu ci hai visto qualcosa spiegamelo...

Premetto che io sono un fan di Bennato, ma ho anche molto rispetto per gli strumenti (in particolar modo quelli che suono) e la musica popolare....
E a Sanremo gli strumenti si sono solo visti, la musica...


Saluti
Salvatore


Risposta Condividi


[92]   
Da: Gianlu 
(Prov. di Foggia)
  Re: Sanremo
[05-03-2008]  
Caro Gegè,
probabilmente non esistono risposte con un sì o un no di valore assoluto (forse in questo caso ci siamo quasi...). Nel senso che ci saranno anche dei risvolti positivi nella performanz (grazie Marco) di EB ma mettendo sull'altro piatto della bilancia quelli negativi credo che la bilancia si cappotti. Come ho già detto prima, pesano in quel senso sia l'occasione persa, sia le meraviglie sentite dalla sua bocca.
Non posso mica escludere che qualcuno sentendo il suo pezzo, ammirando in una veloce inquadratura la battente, sia caduto da cavallo sulla strada per Ventimiglia e si sia innamorato dello strumento o della tradizione... magari un ragazzo che tra una ventina d'anni salverà da solo tutta la tradizione sconfiggendo IL MAAAAALE. Se penso a tutti quei dj radiofonici che in questi giorni stanno passando il grande sud parlando di ritmo genuino della taranta a Sanremo e radici, e tradizione ecc ecc...mi passa la voglia di aspettare quei vent'anni
Tempo fa ero a fare una pizza con una coppia di miei amici reduci dalla classica prima vacanza salentina. Chiaramente in risposta ad alcune loro domande ed affermazioni ho (spero) chiarito almeno la faccenda tarantate e terminologia relativa e un po' il quadro riguardo alla tradizione (limitatamente alle mie competenze in materia). Mi dissero che questi nuovi dettagli erano molto interessanti e che non credevano ci fosse dietro tutto sto casino... ma mi dissero anche che però la NdT era stata utile per loro come primo approccio, come materia per quella discussione in pizzeria e che probabilmente poteva aver suscitato interesse in tanti altri come loro. Ed io che posso dire? Dal loro punto di vista (che poi in un certo senso è il mio di un po' di anni fa) non si può dargli torto. Possiamo passare ore a decidere se Giuda alla fine meritasse il cerchio giallo in testa o quello di corda intorno al collo per quello che ha fatto, senza sbrogliare la situazione. Dai diamanti non nasce niente, da Sanremo credo nasceranno al massimo tanti altri furbi tarantolati e neopizzicati

Risposta Condividi


[93]   
Da: Gegè 
(Napoli)
  Re: Sanremo
[05-03-2008]  
Capisco.
Quali sono esattamente i lati negativi dell'esibizione di bennato al festival che potrebbero andare a minare la tradizione?
Non vi chiedo ciò che non vi è piaciuto che è chiaro e non necessita di essere ripetuto.
Ciò che vi chiedo è una serie di motivazioni razionali(dunque non dico dimostrabili ma decisamente verosimili)che vi inducono a pensare che l'esibizione di bennato possa risultare nociva alle manifestazioni genuine di musicalità popolare.

Risposta Condividi


[94]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Sanremo
[05-03-2008]  
caro amico trasformista,
personalmente trovo innoqua la performance sanremese, mentre trovo pericolosi i generici accostamenti alla tradizione, che potrebbero ingenerare una serie dannosa di equivoci

Risposta Condividi


[95]   
Da: Gegè 
(Napoli)
  Re: Sanremo
[05-03-2008]  
Dunque non si critica l'operato di Bennato,dato che come decisamente risulta evidente il "mondo genuino" della tradizione non potrebbe avere il minimo danno da un cauntatore di musica leggera che usi il tamburello,così come il mondo della classica non ha certo da temere per il suo futuro da un suonatore tradizionale che usa il violino.
D'altronde un anziano suonatore o un ragazzo cresciuto in clima caratterizzato da una forte identità etnica non ha il minimo interesse per l'influsso sanremese probabilmente.
Dunque il rischio per la tradizione non è ingenerato dall'esibizione di bennato ma da un accostamento della sua esibizione alla tradizione.
Siamo ad un paradosso,bennato non fà musica popolare ma utilizza strumenti appartenenti alla tradizione,dunque anche non essendo nella tradizione di certo,ed ovviamente,si accosta,si avvicina espressivamente, alla musica di tradizione.
A questo punto la vostra critica perde un pò di senso,dunque:
Bennato si richiama dichiaratamente alla tradizione ma allo stesso tempo chiarisce come la sua sia una rilettura di atmosfere musicali di ispirazione mediterranea,e dunque chiarisce di non portare sul palco una tradizione pura(e come si potrebbe mai portare una tradizione fuori dal suo contesto e pretendere che sia pura),negli stessi discorsi riportati da voi nella discussione si rifà al sud,ai suoi problemi ed alla sua cultura in modo molto generale,e mai dichiara di portare sul palco dell'ariston l'autentica tradizione popolare.Chiarendo: criticare Bennato sù questa base significa criticare qualcuno perchè ha dipinto d'azzurro il tetto di una camera,imputandogli di aver voluto imitare il cielo in maniera approssimativa,ma che quello dipinto non è l'azzurro del cielo e potrebbe portare a confusione gli ignari che non sanno distinguere il cielo dal soffitto.
Sono convinto che la vostra intelligenza vada oltre una motivazione così debole,dunque torno a chiedervi qual'è il rischio,enunciabile razionalmente stavolta, che scaturisce dall'esibizione di Bennato che ha innescato questa polemica dalle poco chiare motivazioni?
Grazie intanto per le risposte che avete già voluto fornirmi e che spero mi fornirete.

Risposta Condividi


[96]   
Da: Venerato Salvatore 
(kalukapu)
  Re: Sanremo
[05-03-2008]  
Caro Gegè la critica non è nata perchè bennato ha dichiarato, ha fatto o ha detto, ma che qualcuno ha consigliato di votare Bennato a Sanremo per tutelare il patrimonio immateriale, e cioè il contrario di quello che stai dicendo tu...
Praticamente stai dicendo le nostre stesse cose!!!!

Salva

Risposta Condividi


[97]   
Da: Venerato Salvatore 
(kalukapu)
  Re: Sanremo
[05-03-2008]  
Per Maruko (Post 86)

Questa anche è bella...

http://it.youtube.com/watch?v=wfCspUK3OpU

Qui la battente si sente...

Salva

Risposta Condividi


[98]   
Da: Gegè 
(Napoli)
  Re: Sanremo
[05-03-2008]  
Si me ne rendo conto,dunque non c'è nulla contro bennato ,come logica vuole,dal punto di vista del rischio della tradizione in quel di sanremo ma perchè alcuni hanno consigliato di votarlo.ma hanno consigliato di votare bennato perchè faceva musica di tradizione?



P.S.Alfò sono trasformista ma come in teatro, quasi tutti hanno capito chi sono,d'altronde non faccio nulla per fingermi qualcun altro,dunque non è per prendere in giro ma per assumere un nuovo ruolo come se fossimo nel teatro classico,in cui in base ala maschera cambiano i caratteri. Il nome Gegè,generalmente il tonto o l'idealista vanesio della farsa napoletana, non è casuale,se avessi voluto fingermi un altro mi sarei registrato come Gennaro o Giacomina ed avrei celato l'IP,ma in quel caso sarebbe stato diverso e molto deprecabile.Però le domande non sono meno lecite per la comprensione di questa discussione e dunque prendile per serie hehe.

Risposta Condividi


[99]   
Da: Gegè 
(Napoli)
  Re: Sanremo
[06-03-2008]  
Dunque posso andare al dunque con la mia ultima domanda per non essere troppo tediante:
Se un domani tra le fila dell'orchestra del festival,come di quella della Rai e via discorrendo cominciassero a comparire delle chitarre battenti(chitarre italiane) dei tamburelli,delle ciaramelle e quant'altro,così come accade in tutti i paesi in cui è stata conservata l'identità culturale di quel popolo in cui la zurna accosta l'oboe ed il tombak i timpani,sarebbe a vostro parere un male?
Vi anticipo la mia risposta
Laddove questi strumenti(etnici) venissero impiegati per le più svariate esigenze musicali così come accade nel resto del mondo, potremmo osservare anche in Italia che qualsiasi sia il genere suonato(dal rock alla classica) il timbro degli strumenti ci parlerebbe sempre della nostra cultura d'origine,senza intaccare la tradizione ma rivalutandola.
Questi strumenti con le loro tecniche e la loro storia sono i mezzi attraverso i quali è stata perpetuato ciò che resta del patrimonio immateriale,termine divenuto molto in voga sù queste pagine virtuali.
Non vi era stato chiesto di votare Bennato in quanto artista,era stato espresso un parere anzi sostanzialmente negativo sù quest'ultimo,vi era stato chiesto di votare per l'improvvisa presenza di una cosa tagliata fuori dalla cultura di massa italiana,di uno strumento che appartiene alla nostra tradizione,per la chitarra battente.Daccordo o no l'iniziativa non era certo deprecabile fino agli eccessi a cui ho assistito,e non meritava l'infamia che l'ha coperta
Quand'anche la chitarra battente sia stata tenuta in secondo piano sul palco dell'Ariston, è stata comunque presente,è stata anche ben udibile nel video segnalato da Salvatore,e proprio nella trance del festival più seguita dai giovani,ha potuto attirare curiosità,anche se in un numero di persone davvero limitato,è tornata fuori dalle cantine,fuori dall'attenzione esclusiva degli intelletuali della MP,degli etnoturisti da gita in pulmann Milano-Pagani alla ricerca della tradizione,per qualche giorno è stata in televisione,insomma per ciò che vale,poteva potenzialmente tornare all'attenzione di un'utenza più vasta.
Ci si è invece scontrati con dinamiche che facevano intravedere "troppo di personale",personale come lo scontro reciproco,e privato, che è oramai palese tra alcuni degli utenti,personale come il proprio giudizio negativo nei confronti di Bennato,o come il proprio personale piacere di aprir bocca anche se in maniera del tutto incostruttiva.
Io credo che se ne sarebbe potuto parlare meglio,e con più corretteza reciproca, sù queste pagine,di certo chi per un motivo chi per l'altro ce ne siamo fregati altamente della battente,chi troppo attento a mordere l'altro per chissà quali motivi chi per parlare ancora male di Bennato per l'ennesima superflua,inutile,volta,e della battente non ne ha parlato nessuno.Sta manfrina non la stò a fare per Bennato o per Trattino,ma per l' attegiamento mostrato da alcuni utenti.
Possiamo illuderci di essere nel giusto,che Bennato non era adatto come portavoce dell'esistenza dello strumento in questione,che ci saranno occasioni migliori....ma è un bene aver perso questa?Bho.
Vabbuò i' me ne vac,torno nella farsa da avanspettacolo che mi ha generato,ma prima ci tengo a dire che ,io,non parlo per nessuno soltanto per mè stesso,perchè,uagliù,se questa musica in epoca moderna è stata definita popolare c'è un perchè,questa è una musica che per essere fatta ha bisogno di una partecipazione collettiva,la tammurriata senza cerchio non è tammurriata,quà vi siete arroccati chi nel partito dei gialli, chi in quello dei rossi e chi in quello delle tasche sue, ed il fatto non và bene,ognuno è proprietario a comodo suo del bene tradizione,e non è così che funziona.
Avete dato secondo il mio modestissimo parere,e mò ce vò,di semplice osservatore una pessima immagine dei vostri propositi nei confronti della tradizione.
Spero che torniate a più miti consigli.
Chiudete il sipario




Risposta Condividi


[100]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Sanremo
[06-03-2008]  

caro Gegè, ho capito il tuo innocente "gioco" ed è per questo che non ho ritenuto opportuno smascherarti.. ed anche perchè come dici "..Però le domande non sono meno lecite.."

Risposta Condividi


[101]   
Da: Venerato Salvatore 
(kalukapu)
  Re: Sanremo
[06-03-2008]  
Caro Gegè (ho capito chi sei) hai ragione in tutto, ma non credi che almeno per farla "capire" si potevano spendere DUE, non dico dieci dico DUE paroline in diretta????
Del tipo: Francesco alla CHITARRA BATTENTE???
Almeno il tarlo a qualcuno poteva venire e digitare il giorno dopo su goooooooogle chitarra battente, invece io ho sentito solo TARANTA, BALLO DELLA TARANTA, MORSO DELLA TARANTA, BENNATO...
Ho sentito in un intervista: LEI HA PORTATO LA TARANTA SUL PALCO DI SANREMO!!!!!
E che è la fiera degli insetti?!?!?

Perdonami ma questa è cattiva informazione...

Saluti
Salvatore

Risposta Condividi


[102]   
Da: trattino 
(carpino)
  Re: Sanremo
[06-03-2008]  
La battente doveva essere un pretesto per porre un movimento, che ne fatti non esiste e non vuole essere organizzato, al centro dell'attenzioni di chi oggi deve decidere se le suggestive ed emozionanti voci dei nostri pastori o dei nostri contadini con il loro poveri strumenti musicali siano o meno meritevoli di essere tutelati.

Le grandi trasformazioni socio-culturali avvengono in genere dal basso ed il mio era un modo per agitarlo questo basso anche perchè questo basso si sarebbe in realtà dovuto indignare non del mio appello ma della riduzione della cultura popolare a macchietta e a folclorismo becero.

Ecco io mi indigno quando la cultura ufficiale propone dei paragoni che per essa neanche sono proponibili. Vi indigna il paragone fra il canto struggente di Andrea Sacco "povero core mio ferito ferito" e la dieta mediterranea?
A me si, esattamente come indignerebbe i cultori ufficiali che un loro romanzo, poema o rima venga paragonata allu Roto di Carpino e non perchè non sia meritevole... anzi ma non paragonabili.
Ma è questo che sta avvenendo.

Roto di Carpino- Preparazione - Ingredienti per 4 persone: 1 kg e mezzo di patate, 1 kg di costine di agnello, prezzemolo, aglio, olio extravergine d’oliva di Carpino, peperoncino, sale q.b., formaggio, "cip’duzz" (già cotte in acqua e sale), mezzo bicchiere d’acqua. Prepare il tutto in una casseruola ed infornare a 170° per un’ora. Nota: E’ possibile sostituire le costine d’agnello con i “turc’nedd” oppure con salsicce.

E' il disinteresse, l'ignoranza, ma soprattutto l'avversione della maggioranza degli italiani per queste nostre musiche che dovrebbe indignarvi.

Risposta Condividi


[103]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sanremo
[06-03-2008]  
Caro Trattino, noi siamo indignati, e molto, da decenni di delusioni, ma abbiamo anche imparato a sopravvivere, e se stiamo ancora ad interessarci di musica popolare significa che vogliamo continuare a salvarla proponendola a chi ne è interessato e a chi, scoprendola, la troverà interessante.
Se la maggioranza degli italiani non ne vuol sapere, e questo lo esprime ignorandoci, può dipendere dal fatto che vuol dimenticare antiche sofferenze, oppure perché si è semplicemente fatta plagiare dai media. Imponendoci alla loro attenzione potremmo suscitare una avversione tale che ci potrebbe sopraffare.
La musica popolare merita rispetto anche a costo di essere ignorata.
Io continuerò a suonare ed a cantare per quelle poche decine di persone che vorranno riscoprire, ascoltandomi, valori e sensazioni in cui riconoscere le proprie radici, o semplicemente godere di sonorità "inusuali".
Ho già detto in passato che la musica popolare è tra le più alte espressioni della libertà. Volerla a tutti i costi evidenziare alla pari della musica commerciale vul dire forse schiavizzarla. La musica popolare non lo merita.
Un modo per unirci potrebbe essere quello di esercitare lo scambio delle culture tra regioni. Sarebbe bello far ascoltare nelle valli occitane la musica siciliana , calabrese, pugliese, ecc., e viceversa portare nel sud Italia le ghironde occitane, perché, prima delle parole e dei fatti, la musica, che è un linguaggio universale, trasmette veramente l'anima di un popolo.
Ma poi, alla fine, dovremmo fare i conti con gli euro necessari per realizzare tutto questo.
Forse questa è la vera utopia, oppure ho sbagliato argomento ?
Pino

Risposta Condividi


[104]   
Da: Venerato Salvatore 
(kalukapu)
  Re: Sanremo
[08-03-2008]  
Caro Giuseppe secondo me non cugnuri... (E sono stato gentile...) :-D
1 - Pino parlava di business il tuo esempio parla di cultura!!!
2 - Votare Bennato per metterlo in secondo piano!!!! Votate Berlusconi e dite a tutti che l'avete fatto per metterlo in secondo piano!!! Vediamo chi vi segue come logica...
3 - Secondo me non è così che si diffonde la cultura popolare... Ci vuole informazione, ma giusta!!!
Noi in Italia siamo musiclamente mediocri!!!! Suonando per i festival dell'est, ho scoperto delle cose che noi in Italia ce le sogniamo!!!! Gente che studia approccio alla musica popolare a scuola...
Cattedre di strumenti popolari al conservatorio!!!!
E voi mi venite a dire che per far diffondere la cultura popolare bisogna votare a Sanremo????
MA PER PIACERE!!!
Vedi caro Giuseppe la musica popolare non è fatta di citazioni e paragoni, la musica popolare è sanguigna, talmente rude da sebrare dolcissima, e talmente semplice da essere complicata e solo chi la suona e chi la sente veramente può sapere che poesia , che melodia e quanta cultura ci sia dientro una canto alla stisa, una tragudia sulla zampogna, un canto sulla battente e nu ball ngopp o tamburr...
Ed infine credo che il vero problema della musica popolare in Italia siano i professorini che dopo aver letto un libro credono si saper chissà cosa!!!
Questa musica non è parlata è suonata e tramandata oralmente, sul chi son sap!!!!!

Un saluto
Salva

Risposta Condividi


[105]   
Da: Betsabea 
  Re: Sanremo
[09-03-2008]  
"nu parente dei miei era cabarettista.." è la frase che usiamo tra amici per dire quando uno dice una cosa che non c'azzecca niente..

Ovvero almeno se devi scomodare professoroni anzichè tirare fuori la farina del tuo sacco cerca di trovare qualcosa di attinente alla discussione..



Risposta Condividi