www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Venerdi 23 Febbraio 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[91]   
Da: RonnaPaulina 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-10-2007]  
Scrive Felippo e scrive Exulcerato,
e Pino e Chittepare e lo Di Rosa,
solo chi ha da sentì nun s'è scetato,
ancora a lu cuscino s'arreposa?

E io ch'aspetto invano 'a crapa cotta
io comm'a cani spierzi aggia suffrire,
viscuotti e pò raviuoli cu 'a ricotta
stu "frisco e tuosto" me ne fa patire.

E io che stongo appriesso 'o cantatore,
ca canto 'e mille e mille soi bellizz!
Meglio si te 'mparavi zappatore:
'o zappatore nun s'a scorda 'A ZIZZ !!!

Risposta Condividi


[92]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-10-2007]  
Lo vedo, cara Ronna, che t'attizzi
pe' uno che mill'artri ci'ha penzieri,
che nun te po' penza', nun ci'ha più vizzi.
Li tempi se ricorda, ma de ieri,
speranno che ancora je s'addrizzi
er "fato", senza più che si disperi.
Ma tu che sei di 'sì tanto ardore
vai da chi sempre t'ha donato er core.

Risposta Condividi


[93]   
Da:  
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-10-2007]  
E torno sì da cu mi dette u cori
e torno sì cu tantu e tantu ardori

lu vecchiu auceddu torna a vecchiu nidu
lu vecchiu risignolu ha megghiu gridu
di vecchia spata assai mi ndi cunfidu
e... la gaddina vecchia fa bon brodu!

Lìgami amuri miu, vincimi e strinci
lìgami cumm'a curti ca custrinci
liga cu ddui, si picca è un sulu lazzu
lìgami mani e piedi, gamba e brazzu,
liga si voi sta fimmina, la liga
ca sulu al "Liga" io darei la ...spiga!

R.P.

Risposta Condividi


[94]   
Da: Chittepare 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-10-2007]  
Ma…ronna Caro Pino liga, liga,
vole che gliele leghi braccia a mani
e doppo ha detto che te dà … la spiga.
Sbrighete, n’aspettà fin’a domani,
che già ce sò parecchi messi in riga
e la spiga, lo sai, c’ha pochi grani.
Ma co’ ‘sti grani, quanno li macini,
te ce scappeno o no ‘n par de panini ?


Risposta Condividi


[95]   
Da: RonnaPaulina 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-10-2007]  
All'osteria pur'io ci sono ita
e ci ho trovato Chittepare pure
ma la mia rima ahimè nun l'ha capita
('ndialetto le parole sò un pò oscure).
Quel "Liga" a cui la spiga dò in omaggio
è quer bonazzo "Liga" de Correggio.

Lo so mi sveglierò da questo sogno
e drent'ar piatto suo io nun c'intigno...
Chi troppo in alto va cade sovente
precipitevolissimevolmente...

Risposta Condividi


[96]   
Da: Chittepare  
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-10-2007]  
Ce faccio pranzo cena e colazzione
a chiacchierà de donne all’osteria
sia che so’ donne giovani o babbione
belle, brutte o co’ qualche bizzarria.
Ebbene ce lo sò, so’ birbaccione
manco una ce va ‘n cavalleria.
Je vado a ffà la spesa e le trastullo
che, pe’ l' artro me mannano a “ffanciullo”


Risposta Condividi


[97]   
Da: Ronna Paulina 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[23-10-2007]  
Oi bona gente, oditi che dice questa ria
oditi et entenditi stornello d'osteria.
Andai ispessamente con l'Irpino all'"hostal"
che l'è veracemente osteria provenzal.

Nfrin nfron, nfrin nfron, prenez u chitarròn,
viulùn e la musetta, ghironda e poi dansom!

Gh'erano tal brigate, garzoni e fantelletti,
zovane e maritate, babbione e verginette:
"Pur bii del vin, comadre, e non lo mescolare
chè se lo vin è forte, la testa fa scaldare".

Nfrin nfron, nfrin nfron, prenez u chitarròn,
viulùn e la musetta, ghironda e poi dansom!

Bevon cinque boccali, per boca savorare,
quand'entran preti e frati e cominciano a cantare:
"Venez, venez, filhetas, guardate u cardinal
cun la chamisa curta mustrava u ...pistasàl!"

Nfrin nfron, nfrin nfron, prenez u chitarròn,
viulùn e la musetta, ghironda e poi dansom!

Se in Occitania andate, guardatevi mariti
donne vostre dà preti, che sono ben forniti!

Nfrin nfron, nfrin nfron, prenez u chitarròn,
viulùn e la musetta, ghironda e poi dansom!






Risposta Condividi


[98]   
Da:  
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-10-2007]  
Ben lo ricordo, moglie, cosa è assai perigliosa
per l'Irpin emigrare in Piemonte con la sposa.
Gh'eran int'a l'hostal gibus, bagas, bandits,
sunadur d'urganetto, poeti infin maudits.
Danzavan la courento, countrodanso e la giga
(per la qual cosa ogn'uomo sì suda e sì fatiga).
Seimper sott'al pumier Margùtun s'ressulava
la crisi industriale ognun dimenticava.

Nfrin nfron, nfrin nfron, prenez u chitarròn,
ghironda e la musetta, viulun e pò ballom!

"Bouvez del vin, Paulina, ma non lo mmescetare
ca si lu wino è forte, la capa fa aggirare"
"Lo vino piemuntese non è Greco di Tufo
me pare pisciazzella, io me ne bevo a ufo".
Beviam sette barili, tomini accompagnando,
ma non ricordo i preti che andavano mostrando...
Nè quella del pestello, o sposa, non ricordo
poichè da quest'orecchio, lo sai che sono sordo.
Gl'Irpini ovunque vanno non temon paragoni,
frati e Pastor Tedeschi, mettetevi carponi!

Nfrin nfron, nfrin nfron, prenez u chitarròn,
ghironda e la musetta, viulun e pò ballom!

La rima che ho cantato: meiro, balà e virà
la l'è per ogni Irpino che al Nord al l'è emigrà.

Nfrin nfron, nfrin nfron, prenez u chitarròn,
ghironda e la musetta, viulun e pò ballom!


L'Irpino




Risposta Condividi


[99]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-10-2007]  
Sta' attento Irpino quanno venghi a mete,
che da le parti nostre 'n c'è ghironde
e ne violini e muse le sentete
ma solo organetti e mazzafionde,
e quanno che ci'avrete 'na gran sete
cor vino v'affogamo in mezzo a l'onde
ch'a le donne er vino nu' lo damo,
le convincemo sol col baciamano.

noi co li preti nun ce se mischiamo,
li frati poi li lascio a li credenti,
da me dovranno stare ben lontano
coi loro miserere nei conventi,
che se pestello o se cordone in mano,
o artri arnesi ch'abbiano pennenti,
se vonno aver sollazzo senza doli
dovranno maneggiarseli da soli.

Risposta Condividi


[100]   
Da: Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-10-2007]  
M’hai fatto aricordà la prima gara
che de' stornelli ebbimo fatto all’ara.
Quando cantò lo fico der bigonzo
grande stornellator, compare Arfonzo:
“Ammè m’hai detto “attento”?!? ah Pontuello !
purtroppo nun sò Irpino d’artri tempi..
sinnò t’avrei già detto: pja 'r cortello !
e in meno che se ne parli o se ne dica,
t’avrebbi ornato er fronte o la mascella
co’ ‘n ghirigoro largo quattro dita !
purtroppo so’ passati i tempi belli
quanno per pari offesa, come gnente,
t’aritrovavi senza li budelli !
ma l’onta è troppa e tosto va lavata
nun se po’ fà passà, question d’onore,
sta cosa ‘un po’ passà inosservata,
E’ giunta la tua ora, caro Pino:
te sfido all’urtim’ora coi sonetti
a te la scerta ! tiòrba o chitarrino ?”
“Se storia nun ce n’ho, io me la faccio !
e me la faccio senza arcun timore
la sfida è cominciata a core a core
emmò l’ho sfoderato er coltellaccio
e quanno ho sfoderato l’aripongo
solo quanno er nemico è sgominato,
e sse tu t’annasconni ar patronato
te pisto, t’arivorto e ricompongo
fino a chè t’arimane er fiato corto
poi co ‘na strofa sola t’arimbarzo,
co ‘na quartina stenno e t’ariarzo,
e con sonetto ar bacio te deporto,
perciò Pinuccio mio, stà ‘n campana
che te le rompo tutte le dentiere
che me te fumo come marjuàna
te manno a ripijarla ‘nder sedere !”




Risposta Condividi


[101]   
Da: RonnaPaulina 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-10-2007]  
Irpino mio, ma lassa stà er cortello
e come bon sfidante apri er ballo,
sappi che qui la sfida è de stornello
e sì lo disse puro Essabballo:

“Si tu me fumi come marijuana
io me te bevo come fussi vino
gl’Irpini che me fanno sta ‘n campana
me fanno n’baffo lungo e ricciolino.

Io la dentiera ancora nun la porto
e magno la carnaccia quale sia
s’arivo a mozzicatte sei già morto
e de sicuro perdi all’osteria.

Ma me dichi davero? o me canzoni?
Me ggiri, me rivorti, me macelli..
e com’è che te ritrovi a pennoloni?
Ma posa, tristo Irpino, sti cortelli!

Nun fa er bravaccio ch’io nun me spavento
e nemmanco me serve er coltellaccio
smargiassi come tte n’ho visti cento
e m’è bastato fà ‘no stornellaccio”

Rispose Alfò: “ Se ancora c’hai li denti
e t’è rimasta un pò de competenza
famme vedè ddù strofe sorprendenti
caro Essabbà (parlanno cò decenza)

e se t’azzardi a mozzicà sta pelle
de certo t’aritrovi senza mole
so tutto n’osso, io, ah brutto imbelle !
te manno steso a rimirà lo sole

e ssè me fate arzà, in du minuti
a ttè e quell’artro vecchio sbarbatello
ve manno dritti all’arberi pizzuti !
artro che rime e strofe de stornello...”

“Ce manni su pe' l'arberi pizzuti?
Sta' zitto, capo de' rincojoniti.
Li verzi nostri a tutti so' piaciuti.
Te cacciarraggio n'uocchio co' sti diti!

Lo vedi che t’arabbi, sei smargiasso,
pija esempio da Pino ch’è pacioso
e forze riuscirai a tenecce er passo.”
Irpino mio, non essere più iroso.



Risposta Condividi


[102]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[25-10-2007]  
Fortuna che ce sta 'sta donna bella,
che ci'ha la testa, er core e tutto er resto,
e che ce fa fini' tutti 'n padella
si noi nun rinunciamo ar palinsesto.
T'avrebbe messo in mano le budella,
caro Irpino che dichi quello e questo,
ma Ronna, ch'è de core e de cervello,
se vole diverti' co' lo stornello.

Per cui nun minacciamme 'sto macello,
ch'avrai capito che nun me spavento;
ch'er chiodo te ribatto cor martello
fintanto che nun t'è riemtrato drento.
Perciò te do la mano amico bello
'che lo stornello lascia più contento.
E mo un complimento t'ho da fare
che tu sei bravo pure a stornellare.

Risposta Condividi


[103]   
Da: RonnaPaulina 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[25-10-2007]  
E no che non va in vacca questa gara
che non si sguasta tutto il palinsesto
nun pò finì così tutto ‘ncagnara
io de stornelli ce n’ho ancora un cesto!
O caro cantator coi squinci e linci,
con filo-logico anco unquanco lei,
apperrocchè ai stornelli non rinunci
a dare un senso, per tutti gli Dei!
Io ti ringrazio, Pì, pei complimenti
(dici che ho core e pure c’ho un cervello)
oggi Garbato tu me lo rammenti
che un giorno m’ossequiò co sto stornello:

“Ronna Paulina facce ‘no stornello
lo so che sei capace de cantallo
e si lo fai cor core lo fai bello.
Doppo te porto via sur mio destriero
e annamo verso er sole all’orizzonte
co’ la lancia e ‘r pennacchio sur cimiero.
E si er cavallo mio nun è mai nato
quello de San Francesco ce ll’ho pronto
te porto, cor tassì, a magnà er gelato
… e so disposto puro a pagà er conto.”

Peccato che Garbato non è più
ca nun sona grancascia o putipù
peccato che Garbato non sia qui
che gli direbbo ancora un altro “SI’”!!!


Risposta Condividi


[104]   
Da: L'Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[25-10-2007]  
E che ci azzecca mò questo Garbato?
Vabbeh, che presto è il due di novembre...
Perchè quest’ombra hai tu resuscitato?
A chi hai detto “Sì" e desti le "membre"?
Fedifraga tu, Ronna, e concubina
ncavallo cu ‘o gelato e “isso” isti?
A quel Garbato oi tu, mia culumbrina,
scrofella, so che tu nci rispunnisti:

“Tu sì Garbato e generuso assaie
comme squaglià lu core tu lo ssaie
d’austera nubbildonna o de... paisana!
“Gelato” e pò “cavallo” sò argumente
ca smoveno li femmene cchiù toste
si pav’ pur‘o cunto... stammo apposta!
Liggenno ‘e nzuccarate chiacchiarelle
mmocca m’he fatto fà la sputazzella
ca nobbile nun sò, io sò vaiassa!
Famm’afferrà ‘o ventaglio ‘e pressa ‘e pressa
ch’è caudo comm’e o sole stu sunetto
sinnò jetto li càuze e lu curzetto!”

Si tu, Garbato, ancor tra noi ci sei
e al “non è più” le palle ti grattasti
risponni qui agli stornelli miei
mostra che Uomo sei e pur lo fosti.
...
(che a volte quando tu li credi morti
come l’anguilla- pluf!- sono risorti!)


Risposta Condividi


[105]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[25-10-2007]  
Sono stato tre giorni a meditare,
su quiei comonimenti spiritosi,
raccontati da questo o quel giullare,
che parlano di luoghi religiosi,
di preti con lunghissime zimare,
di avvenimenti alquanto misteriosi,
di donne dapprima confessate,
e nel corpo toccate e ritoccate.

Oppure le vicende di quel frate
che in trasferta fuori dal convento,
faceva delle lunghe cavalcate
a briglia sciolta e tanto godimento,
con giovani fanciulle maritate
bisognose di valido argomento
da meditare religiosamente
con un'azione ricetrasmittente.

All'epoca attuale, nel presente
avvengono dei fatti sconcertanti
che voglio presentare brevemente
a chi frequenta il "sito" ed ai passanti.
Mi pare che in Padania, di recente,
un certo Irpino s'è portato avanti,
il quale con liguaggio minaccioso
ha proclamato d'essere tignoso.

Marito dal carattere nervoso,
se ti trasformi in un pacioccone,
diventi maggiormente spiritoso,
entrando di diritto in formazione,
giocando nel ruolo prestigioso,
di specialista della tradizione.
A patto che tua moglie Paulina
continui a far la donna biricchina.


Risposta Condividi