www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Domenica 16 Giugno 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[886]   
Da: bollinorosso 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-12-2008]  
Io pure me trovai vicino a Scanno
e sentii de sonà ‘no zampognaro.
Er sono me arivava da ‘n capanno,
c’annai e dentro c’era ‘n pecoraro
vicino ar foco che stava sonanno
seduto sopra un basto de somaro.
Je dissi: “Ma nun è tradizzionale!
Sonare a sede è erore madornale!"

Lui me guardò e me disse: “L’ideale
sarebbe de sonà come me pare,
ma ho camminato sotto a ‘r temporale
sò stanco e me volevo a riposare.
In più, Sor Dotto de lo mio stivale,
dentro ar capanno nun me posso alzare.
Prima de fare tanto lo smargiasso
ma nun lo vedi ch’er soffitto è basso?


Risposta Condividi


[887]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[23-12-2008]  
Chi sdrajato, chi 'n piedi o sopra a n sasso,
potrà sona' lo stesso i sartarelli
e libbero sarà da fa 'gni passo.
Però me pare sete birbantelli;
ve metto tutti quanti nell'ammasso;
ce state a pija' tutti pe' i fonnelli.
Er sono, ar pecoraro quello vero,
je piace solo quello ch'è sincero.

Risposta Condividi


[888]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[23-12-2008]  

Perchè non s'interessa il Ministero,
con un quesito su quest'argomento,
riguardo a quale scuola di pensiero
potrebbe prevalere sul momento?
Se fosse necessario, pure al clero,
si chieda un'opinione sull'evento.
Al suono che propaga la zampogna,
l'ascoltatore, in ogni caso, sogna.

Peppino di Rosa

Risposta Condividi


[889]   
Da: Giulio 
(Pietrasecca)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-12-2008]  
Si, sogna se chi sona la zampogna
è uno che c’ha l’arte ne le vene
se ‘nvece la zampogna se la sogna
non so si sona come se conviene
e pe’ chi stà a sentì è ‘na bella rogna.
Pja l’amico d’Eudizi per esempio,
sona che fà sognare o fà uno scempio?


Risposta Condividi


[890]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-12-2008]  
Tra li due nu' lo so chi è più empio:
chi ascorta e poi giudica l'artista
o chi sta della musica nel tempio.
Er messaggio che te dà er musicista
po' piacette oppure no, pe' fa' 'n esempio,
ma senz'artro te trasmette 'na notizia.
Er miracolo, però, ma quello vero,
è: chi sona nun po esse che sincero

Risposta Condividi


[891]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-12-2008]  
Oh Pino, io te voglio accenne un cero
e come a un santo ti vorrei implorare
per chiederti 'na grazia, pe davvero
a noi che suoniamo popolare
svelace adesso quel mistero
e senza indugi continua a declamare
facce la grazia , o suonatore Magno
spiegace che se pò sonà senza guadagno.


Risposta Condividi


[892]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-12-2008]  

Alfonso lancia un sasso nello stagno
chiedendo di svelare un bel mistero.
Lo zampognaro in piedi sul calcagno,
può farci solo un brano del Bolero,
o se, stando seduto, dentro al bagno,
suona un preludio dolce e lusinghiero.
Una risposta serve a questo tema,
risolverete a tutti un bel problema.

Peppino di Rosa


Risposta Condividi


[893]   
Da: Antonio Eudizi 
(Poggetello )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-12-2008]  

Ricordo a Giulio che nel suo "poema",
un verso s'è perduto per la via.
Non so se conteneva un anatema,
od una frase con la garanzia.
Il suo, comunque, è l'unico sistema
per un'ottava senza melodia.
Oh Pietrasecca mia 'n cima a na vena
di sangue ricca e di quattrini piena.

Risposta Condividi


[894]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-12-2008]  
Antonio mio', ho da risponne ar tema
de sussistenza caro a Pier Filippo:
sonà o no pe' sordi, ecco 'r problema.
Si serve pe' magna', li sta l'inghippo.
ma la soddisfazione, ecco 'r teorema,
(mo pe' sarva' la rima fo 'no scippo)
l'avrai quanno chiedi la moneta,
si te la danno è quella la tua meta.

oppure poi fa' sempre er profeta,
si t'accontenta solo er battimani;
e ne consegue che farai la dieta
senza sape' si magnerai domani.
Pe' fatte la questione più completa,
a me basta 'na stretta de mani;
e quanno 'n'è possibbile l'offerta,
la remissione allora è cosa certa.

C'è 'n'artra via poi che te sconcerta,
che quanno senti d'esse necessario,
po esse' che tu fai la scoperta
che poi sonare senza alcun salario,
e ce rimetti pure la trasferta;
e si lo fai te senti miliardario
perché regali, a chi ne ha bisogno,
un sentimento bello come un sogno.

Risposta Condividi


[895]   
Da: Giulio 
(Pietrasecca)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-12-2008]  
Fior de cipresso e fiore de scalogno
“ Poca pagazio la cantazio è poca
(diceva er prete), e nun me ne vergogno”
Chi canta e sona alla finfine gioca,
pò esse pure che nun c’ha bisogno,
ma dà er fegato aggratis solo l’oca”
Se fa più allegri lo spettacoletto
si s’arimedia quarche bajocchetto.

Vero, nun posso fà ‘r cacazibbetto,
ammetto, Sor Antonio, che sbagliai,
che ce volete fà, sò ormai vecchietto
e la rima che dite la sartai
puro s’era assai facile er versetto
de quelli che nisuno sbaja mai.
Ma dite, er vostro amico zampognaro
sona aggratisse o solo per denaro?


Risposta Condividi


[896]   
Da: Alfonso 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-01-2009]  
fiorin fiorello e fior de liquerizia
quest'anno inizia bene pè quarcuno
perchè c'ho risaputo 'na notizia
che pò interessà tutti e nisuno

fiorin fiorello e fior de peperone
dopo 'na vita passata a nun fà gnente
'sto mese quarcheduno va 'npensione
e s'aritrova a spasso immantinente

fiorin fiorello e fiore de ginestra
mò io nun voglio certo fa er fanella
ma si 'sto tizio nun organizza festa
glie possa venì forte cacarella !!


Risposta Condividi


[897]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-01-2009]  
L'idea mi sembra proprio bella
di festeggià l'amico suonatore
e se ho capito bene la storiella
è uno che è anche un forte bevitore
e penso che nasca sotto buona stella
l'idea di fa baldoria pe' 10 ore
diteme della festa la scaletta
che io porto la battente e l'Anisetta.

Risposta Condividi


[898]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-01-2009]  
'Sta festa sarà proprio benedetta,
ma ancora nu' l'ho manco organizzata.
Nun ce sarà né l'acqua benedetta
e manco quella più o men gassata;
de vino più de quarche cupelletta,
naturalmente d'uva blasonata.
Insomma, appena ch'ho trovato er sito,
v'arriverà, sicuro, un bell'invito.

Risposta Condividi


[899]   
Da: Gioia 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-01-2009]  
Fateme sape' dove se canta
che io porto me stessa e...sono tanta
fateme sape'dove se magna
che io porto la banda in pompa magna
e cantamo al Pino nazionale
"Bona pensione" con tutta la corale.
Grazie Pinu', ce piace assai
l'idea d'Arfonzo d'apricce 'nbaccanale!

Risposta Condividi


[900]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[15-01-2009]  

Ci vuole proprio un fisico bestiale
per vincere, quest'anno, l'influenza,
perchè, questo malanno stagionale,
si manifesta con una violenza
che ti fa stare alcuni giorni male,
con tosse, febbre alta e sofferenza.
Alla fine di alzi da quel letto
e, respirando, emetti anche un "fischietto".

Peppino di Rosa

Risposta Condividi