www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 24 Aprile 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[76]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-10-2007]  
Io, anche se der sesso so' 'n ossesso,
vojo segui' la tua indicazione,
e mo a parla' de te io me so' messo.
Se po' sape' perché l'ammirazione
ci'hai pe' 'n omo che certo nun è fesso
ma che je rode spesso er chiccherone ?
Penza che s'era tanto spaventato
giacché l'ottava mia ha cestinato.

Risposta Condividi


[77]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-10-2007]  
Per come hai trattato l'argomento,
sei stata veramente delicata,
hai definito l'uomo del Cilento,
col tratto d'una bella pennellata.

Si comprende nel tuo componimento,
redatto in forma dolce e levigata,
che Alfonso è un'uomo di talento,
dalla fama davvero rinomata.

Manco t'avesse fatto un versamento
di somma di denaro esagerata!



Risposta Condividi


[78]   
Da: SfacciataPitintosa 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-10-2007]  
Nun me l’ha fatto no il versamento
ma monachella son del suo convento,
non somma de denaro esagerata
ma a lui e al suo Cilento i son votata.
“Chero ca nun se paa, nun s'apprezza...”
me ro ddiceva pure ‘a capa ‘e pezza,
ma a vote se pò ffà n’ eccezione
Peppì,e tu nun’o piglià a canzone!

E sape cocinare le frettate,
la nobbele menesta mmaretate,
vruòccoli e molegnane da stordire,
vascuòtti e no sciuscièllo da stopire,
peparuoli mbuttunate e autre sapure,
p’e gusti d’e cafune e d’e signure.
‘A foto soja l’aggio già studiat:
chill’è nu masculon esaggerat!!!

R.P.



Risposta Condividi


[79]   
Da: Esulcerato 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-10-2007]  
Segreta (ma non tanto), traditora!
Traditora di tutti noi meschini
che siamo stati, ora dopo ora,
imploranti, in ginocchio ai tuoi piedini,
sperando in uno sguardo che rincuora
degli occhi tuoi ridenti e sbarazzini.
E ci lasci per delle frittate
e per dei “peparuoli mbuttunate”

Sfacciata Pitintosa, quant’ambascia,
m’hai dato un gran dolore in mezzo al cuore
mi son vestito a lutto e nera fascia
ho messo al braccio per il gran dolore.
Pensavo: “Se l’Irpino Ronna lascia,
potrò dire alla fine quanto amore
nutro per Lei che stà così lontano
… e invece te la fai col cilentano!

Non voglio più ascoltar pizzicarelle
solo il Requiem di Mozart io sentirò,
della zampogna faccio tagliatelle
e l’organetto al fuoco butterò.
Basta con tamburello e tarantelle
le tradizioni al fuoco io brucerò.
...Poi vado a Reggio Emilia e metto mano
pure a quelli che ballano occitano!!!!


Risposta Condividi


[80]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-10-2007]  
Che ed'è alfine tutto 'sto baccano ?
Qui stamo a litica' pe' 'sta gran tresca
ch'è nata tra la donna ed un marrano.
Che ed'è 'sta voja un po' troppo manesca
de roppe du' stumenti e 'n marranzano ?
Ma che ce voi capi' ! Vattelappesca !
E' mejo consolasse, senza pianti,
co' 'n fiasco de merlot, o mejo un chianti.

Risposta Condividi


[81]   
Da:  
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-10-2007]  
Qui nun c'è nisciuna tresca
Pino mio, come s'intende?
Chianti sol, pane e ventresca:
compagnucci de merende!

Pè lli smanie e lo dolore
Calavrese è 'nzallanuto,
ca m'ha ditto: "Tradetore!"
'na zampogna s'è agliuttuto!

Crepentuso e scurrucciato
sconcecare vò la festa,
l'organetto l'ha jettato:
ch'ha magnato, sorva o agresta?

Ma tu, Pì, sta sempe allèr,
l'organetto sai sonà,
chi 'n te dà 'a tabbacchèr
...ca se pozza 'nfracetà!!!

RonnaPaulina

Risposta Condividi


[82]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-10-2007]  
Lo sapevo, cara Ronna, che voi fa' ?
su de te se po' contare bene assai,
'ché l'artisti a te te fanno 'nnamora'
e d'ascortalli nun te stanchi mai,
'ché er tempo te piacerebbe de ferma'.
La musica fa scompari' li guai.
L'invito io rinnovo, l'ho già detto,
bevemese 'n ber chianti, oppur dolcetto.

Risposta Condividi


[83]   
Da: Esulcerato  
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-10-2007]  

Inzallanuto si, PER COLPA TUA ,
ma Calavrese no cara donzella,
tu m’hai ferito il cuor, m’hai fatto bua,
nella mia terra, in mezzo all’Umbria bella.
Quand’ho saputo che t’ha fatto sua,
il “marrano”, con qualche verdurella.,
confesso che m’è andato il sangue agli occhi,
e son caduto, affranto, sui ginocchi.

Ma adesso, grazie pure al saggio Pino,
ritroverò la voglia di gioire
berrò due o tre bicchieri di buon vino
e poi tranquillo me ne andrò a dormire.
Quando mi sveglierò, di buon mattino,
nessuno più però mi dovrà dire:
“Mangia verdura” perché, da domani,
io la verdura lascerò ai MARRANI.

La musica riprendo a frequentare
che come dice Pino scaccia i guai
un organetto nuovo vò a comprare
e mai più male al cuore mi farai,
perché non mi farò mai più ammaliare
dalle mille bellezze che tu hai
e mi dedicherò mattina e sera,
alla caccia… di un’altra tabacchiera.


Risposta Condividi


[84]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-10-2007]  
R-icomincio da dove t'ho lasciata
O-grande poetessa letterata
N-el verso davvero raffinata
N-apoletana al nord trapiantata
A-desso non sentirti amareggiata

P-resumo di averti smascherata
A-ncora non suonar la ritirata
U-nica voce della barricata
L-ucida mente tanto infervorata
I-nsomma un'amante dichiarata
N-on t'ho precisamente collocata
A-mica della vita scapigliata?

Risposta Condividi


[85]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-10-2007]  
Tra acronimo e la rima baciata,
te sei, caro Peppino sputtanato;
hai confessato, a quella bella amata,
l'amore che t'ha tanto attanagliato.
'n te pare 'na faccenna sfortunata
che quella ci'ha un artro 'nnammorato ?
Per cui tu si voi spera', tu spera;
Esurcerato, intanto, va a barbera.

E l'ha trovata la giusta maniera
d'evita', de testa, de fa er botto,
'ché 'n'artra troverà de tabbacchiera
o tazza pe' pote' 'nzuppa' er biscotto.
E, visto che 'n se mette più in preghiera,
lo 'nvito a magna' lo lampredotto,
così ce se scolamo 'n par de fiaschi,
'ché ce piaceno le donne e no li maschi.

Risposta Condividi


[86]   
Da: Chittepare  
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-10-2007]  
Mejo der fiasco è bbeve alla cupella
er vino se mantiene mejo assai;
o bbianco o rosso co’ ‘na cannicella
‘ncarcata a cavoletta beverai.
Dieci fojette c’ha la botticella,
Se bbeve tutti a rota ce lo sai
e quanno la cupella resta asciutta
vordì che te la sei bevuta tutta.


Risposta Condividi


[87]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-10-2007]  
Se avessi studiato dai Somaschi
sarebbe già arrivata la risposta,
versi precisi ricchi di damaschi
con la rima precisa fatt'apposta.
Se mi ritiro nei Paesi Baschi,
mi viene rilasciato il nullaosta?
Sperando che quest'altra primavera,
possa trovare un'altra capinera.

La monachella dalla vita austera,
devota solamente al Cilentano,
ha reso incandescente atmosfera,
ha scatenato più d'un uragano,
quindi con disinvolta sicumera,
ha preso le distanze piano piano.
Acrosticando la rima baciata
m'illudevo di averla conquistata.

Rimani col tuo re delle frittate,
non seguirò il consiglio del bicchiere,
preparerò pietanze prelibate,
avendo fatto il cuoco di mestiere.
Non amo plateali sceneggiate,
pur non essendo nato cavaliere.
Mi unisco al resto della compagnia,
correndo il rischio della glicemia.

PdR

Risposta Condividi


[88]   
Da:  
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-10-2007]  
Peppo, io non ho studiato
non posso darti risposta
nè verso sì ricamato
scrivere molto mi costa!

Peppo, lo temp'è venuto
ch'eo me vorìa dichiarare
Alfio al m'è sì plazuto
no'l te podria mai contare.

Tanto 'l so sbaffo m'attizza
soi portament'e i semblanti
che del suo volto bellizza
sempre voria aver davanti.

Peppo, qui tosto concludo
sono amorosa e conquisa
avere voria 'l me drudo
visino plu che camisa.

L'abrazaria en tal guisa
che 'l cor poria ralegràs
nè mai voria ser devisa
dal so Cilento...JAMAS!!!

Antonia Guidonis de Argele R.P.



Risposta Condividi


[89]   
Da: Exulcerato 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-10-2007]  
L’Anguillarese Pino, in verso ganzo,
non riferito certo al nostro Alfonzo,
disse, in pubblico convivio, dopo pranzo:
“ma ne ‘sto monno, fatto ‘n po’a bigonzo,
ho visto donne, bbone più der manzo,
innamorate perse de ‘no stronzo”
Per dire che cercare di capire
le donne è cosa che ti fa stordire

D’altronde il “Drudo” è “uomo di misura”
e chi l’apprezza assai questa virtù,
e ama così tanto la verdura,
null’altro dalla vita cerca più.
E’ inutile mostrare ogni premura,
né quella mia nè quella che usi tu.
(Forse,chissà, può darsi, dando prova
di aver radici a Agropoli e Trentova)


Risposta Condividi


[90]   
Da: Felippo Sgruttendio de Scafato 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-10-2007]  
Ma qualo mal peccato io facietti
ca cheste scempietà àggia suffrire !
chi me tormenta l’anema e lu core
vusciànno commo rinto a musciatòre ?

oppuramente como a na vessìca
m’abboffa e pogne carna com’ortica ?
mango li cani spierzi, eppò a scadenza
ma chi m’ha restinàto suffarenza ?

aggio mai fatto corna o mal riàto ?
re pèreta alloffiose aggiò sparàto ?
salvo la maldiciosa vocca vosta
panza me regge a sfuòrzo fatt’apposta

e arrigrazziando a lo Signore nuosto
conservo mèco ancora frìsco e tuòsto,
e forze chesta è sciorta oppure mmìria
c’a sango ha arrevutato La Valchiria !

Puzziàti scenne rràreche a le cosce
e cresse v’anna n’ate ddoie paposce,
a Pino, Chittepare e a lo Di Rosa
v’àdda succère l’una e l’ata cosa

e a lo Exulcerato uallarùso
cacàsse lo citrato a lu pertùso,
nu vaso corre a zòria e aggio firmato
Felippo so’ Sgruttendio de Scafato.


Risposta Condividi