www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 21 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Giancarlo Petti 
  Costruttori di flauti di canna.
[06-07-2007]  
Vogliamo provare a fare un censimento dei costruttori di flauti di canna, magari per Regione?

Risposta Condividi


[76]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[16-10-2007]  
Ciao Edoardo!
Un calibro può servire, ma potrebbe anche essere eccessivo!
Io non lo uso, ma uso un normale righello, così da poter avere dei riferimenti.
Misure "standardizzate" non sono facili da rispettare: la canna non è come il legno tornito: basta una impercettibile bombatura, un piccolissimo restringimento o imperfezione e tutte le altre misure (diametro dei fori, distanza tra i fori ecc,) cambiano ogni volta!
Però per avere strumenti più o meno della stessa lunghezza e diametro, è utile qualcosa per misurare.
Per quanto riguarda la dimensione dei fori, hai ragione, anche io preferisco i piccoli: sono quelli amati dagli intenditori, chiramente "l'esecuzione" del pezzo, risulterà leggermente più difficoltoso.


Risposta Condividi


[77]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[16-10-2007]  
Grazie, come sempre, per le risposte.
E' certamente anomalo che un'intenditore e abile costruttore, quale tu sei, metta a disposizione il suo "sapere". Tu hai già spiegato più volte il perchè lo fai, e sinceramente credo di condividere in pieno il tuo punto di vista. Nel mio piccolo ho sempre cercato di fare lo stesso.

Tornando ai "ciufille" credo che esistano delle misure standard entro le quali giocare con l'intonazione. Come d'altra parte esisteranno le famose "regole d'oro" : la distanza del primo foro dalla finestrella, le dimensioni della stessa, la distanza tra i fori etc..etc... E' bello anche scoprirli strada facendo. L'unica cosa negativa sono le canne sprecate, ma in un'ottica di riciclaggio le mie serviranno ad accendere il camino.

buona giornata


Risposta Condividi


[78]   
Da: Alfonso 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[16-10-2007]  
scusate se faccio la Betsabea ma appunto mi chiedevo il pecoraio dove se lo mettesse il calibro durante la transumanza per non correre il rischio di perderlo..

Risposta Condividi


[79]   
Da: giancarlo 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[16-10-2007]  
Ah! Ah! Ah! Ah!!!!!!!
Hai ragione Alfò! ... il calibro non serve!!!!
Basta un pò di esperienza e comunque si riesce ad ottenere strumenti "buoni".
Tu però da costrutture poliedrico quale sei, sai bene che è utile avere un qualcosa per almeno "avvicinarsi" a delle proporzioni da rispettare!
...Va bene anche una cannuccia di paglia!
Con profonda stima,
Giancarlo

Risposta Condividi


[80]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[16-10-2007]  
Alfò, ma come, non sai dove metteva il calibro il pecoraro?? - nell'ordine: prima il calibro e poi ...per rifinire, il tappo di sughero :))

Risposta Condividi


[81]   
Da: RonnaPaulina 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[16-10-2007]  
Non so se possa interessare un confronto con costruttori di pifferi, pive e muse e strumenti a fiato della tradizione popolare di altre regioni italiane, ma su:
http://www.appennino4p.it/bani/
ho trovato: L’officina dei Suoni con la Cronaca della costruzione di un piffero ( documentario audiovisivo di 32 min); "un'ancia che va bene", ministage audiovisivo (41 min); altri audiovisivi su Muse e pive; esperimenti. Ettore Lòsini detto Bani da molti anni costruisce e suona strumenti della tradizione popolare delle Quattro Province. Il suo laboratorio si trova nel comune di Bobbio, nell'Appennino piacentino. Queste pagine descrivono la sua attività e le caratteristiche dei suoi prodotti: pifferi, cornamuse e altre creazioni... Saluti!



Risposta Condividi


[82]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[17-10-2007]  
Interessantissimo Ronna
Soprattutto ad un emigrante in terre del centro sud come me.

Risposta Condividi


[83]   
Da: giancarlo  
(montefalcone)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[17-10-2007]  
Grazie davvero Ronna!
Il forum serve anche a questo.
Chiunque abbia qualcosa di interessante da segnalare lo faccia!
Non è frequente trovare dei filmati che illustrino la realizzazione di strumenti tradizionali che non siano a pagamento!
Saluti, Giancarlo.

Risposta Condividi


[84]   
Da:  
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[17-10-2007]  
Giancarlo, Edoardo, grazie del vostro feedback positivo, ne avevo davvero bisogno, perchè io (che non me ne intendo) spesso sono dubbiosa se postare o no, se sto andando OT...; in una discussione tecnica cerco di non mettere mai becco, per timore di abbassare il livello; soprattutto sono consapevole che in un forum dedicato alla musica centro-meridionale, gli accenni ad altre culture e tradizioni non devono mostrarsi troppo... invadenti. Davvero grazie! Ciao!
R.P.

Risposta Condividi


[85]   
Da: Alfonso 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[19-10-2007]  
Giancarlo, ecco una foto un pò più grande (anche se non migliore) della tibia di cui abbiamo parlato in privato, come vedi ha anche il portavoce e stando alla svasatura dei fori questi sembrano fatti "a punta di coltello", ti pare ?






Risposta Condividi


[86]   
Da: giancarlo  
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[22-10-2007]  
E' un pezzo bellissimo!
Sicuramente è fatto a "punta di coltello".
Oltre alla svasatura dei fori, lo conferma la forma trapezoidale della finestrella.
E' più semplice farla di quella forma, usando il solo coltello.
Grazie, davvero!
Sarebbe interessante vedere una foto della "zona zeppa".
Saluti, giancarlo.

Risposta Condividi


[87]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[13-11-2007]  
Oggi mi è arrivato "lu ciufille" del m° Giancarlo Petti. Beh, è stata una gioia e un dolore insieme. Perchè? Da novizio costruttore di flauti canna ho amaramente capito quanta, ma quanta, strada devo ancora percorrere ;))
E' davvero uno strumento molto bello. Curato nei particolari, con un bel suono equilibrato su tutta l'estensione della scala.

GRAZIE INFINITE!!!

Edoardo

Risposta Condividi


[88]   
Da: giancarlo petti 
(montefalcone nel sannio)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[13-11-2007]  
Caro Edoardo, sei troppo buono!
Spero di aver fatto cosa gradita e ti auguro di poter trarre da quel piccolo strumento tante soddisfazioni!
E' solo uno degli infiniti modelli che si possono realizzare! Quasi quasi cambio lavoro!!!
Sempre pronto ad aiutarti a progredire nella tecnica di costruzione, ti saluto cordialmente e saluto tutti gli amici del forum!

Risposta Condividi


[89]   
Da: Alfonso 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[01-12-2007]  
cari amici a proposito di flauti date un pò un occhiata qui

http://it.youtube.com/watch?v=_GabHGlGm14

Risposta Condividi


[90]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[02-01-2008]  
Credo sia una cosa interessante:


2, Via dei Portoghesi
I-00186 Roma
Tel.: (+39)06-68-80-24-96
www.ipsar.org
Email: segreteria@ipsar.org


Venerdì 4 Gennaio, ore 21:00 - Chiesa di Sant’Antonio dei Portoghesi
Lezione – Concerto sul “Friscalettu”
a cura di Carmelo Salemi
Lo strumento a fiato per eccellenza della tradizione agro-pastorale è il flauto a becco di canna degli antichi pastori greci che in siciliano diventa “friscalettu”, così viene chiamato in diverse parti dell’isola.


Risposta Condividi