www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Lunedi 17 Giugno 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[871]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-12-2008]  
Ma statte zitto, Pè', la pena è mia.
'ché lì, a le donne, fanno er contropelo.
nun c'è preghiera e manco litania
che me convinca pure a mette er velo.
Io sempre ho da penza' a la famija,
prima che vada troppo a lo sfacelo.
Pertanto, Caxtità, so' persuasa
che prima o poi ritorni dentro casa.

Risposta Condividi


[872]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[12-12-2008]  

Al suolo in questi giorni è stata rasa,
la piantaggione d'ogni 'parulana'.
Nonostante l'intervento della 'Nasa'
non si salva una sola 'mulignana'.
La terra coltivata è stata invasa
dall'alluvione dell' acqua piovana,
che in questi giorni, prima del Natale,
da sud a nord colpisce lo stivale.

Peppino di Rosa

Risposta Condividi


[873]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[12-12-2008]  
Co' 'sto grande disaggio nazzionale,
nun me la sento de sta' a fa' er poeta,
perché, ve ggiuro, me ce sento male.
Frattanto, ormai, già tutt'er pianeta
porta la faccia come a 'n funerale;
'ché qui già tutti se so' messi a dieta.
Tra guerre, alluvioni e fallimenti
ne vedo pochi de visi contenti.

Risposta Condividi


[874]   
Da: mao 
(guidonia)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[12-12-2008]  
è perchè non usi tutti gli strumenti
che servono all'uman per ragionare
ma non t'accorgi che li più lamenti
vengono sol da chi sa guadagnare
i guadagni di banche eran tremendi
eppur son stati i primi a lamentare
c'è il nano che gli da l'aida seria
pel povero c'è sol carta miseria

Risposta Condividi


[875]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[15-12-2008]  

I governanti su questa materia
danno sostegno alle forze umane
stanno iniettando in ogni nostra arteria
nuove ricette originali e strane.
Mobilità: ti mandano in Siberia;
un mese durerà tre settimane.
Spariscono a dicembre senza affanno
Natale, il giorno appresso e fine d'anno.

Peppino di Rosa

Risposta Condividi


[876]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[15-12-2008]  
Ma quante zozzerie che ce fanno
i governanti mia e quelli sua
ogni mossa che fanno fanno danno.
Toccherebbe ‘mpiccalli a dua a dua
e a Pasqua, a Natale e a Capodanno
cantaje in coro: “ Li mortacci tua!"
Ma tanto pè sortì da ‘sta miseria
torno, e concludo, sù una cosa seria.

P’avè la grazzia fino alla Sibberia
sò annato a cercà santi a ‘gni santuario
ma santi nun ce sò pe’ ‘sta materia!
Ho ‘ncontrato però frà Berengario,
esperto in organetti de Barberia,
che m’ha svelato un fatto straordinario.
Lo sò che a me nun me volete crede
però è già successo e arisuccede.

Praticamente quello che succede,
nei casi come quello de mi moje,
si a uno piace tanto quer che vede
je possono venìre strane voje
e piano piano poi ‘ncomincia a crede,
e più da la capoccia nun se toje
d’essere diventato quell’oggetto;
ner caso de mi moje ... ‘n organetto.

Quanno che la vedevo sopra al letto
penzavo che faceva zozzerie
co’ lo strumento stretto forte ar petto
che farfugliava de stregonerie
anzimando a modo de soffietto.
Ma Pino nun faceva porcherie.
La metamorfosi era ‘ncominciata
e adesso ‘n organetto è diventata!

Appena ch’ho capito l’ho portata
a fà tutti l’esami in gran segreto,
p’esse sicuro che nun è malata,
da un grande specialista de Loreto
che l’ha accuratamente visitata
e doppo ha dichiarato quieto quieto:
“Lei si stà trasformando lentamente
nello strumento ch’ama ardentemente!

Anche se il suono ancora non si sente
vedrà che presto se farà sentire
ar posto dei pormoni c’ha, attualmente,
un mantice che fà entrare e uscire
l’aria che serve. Non so onestamente
quando questo processo può finire.
C’ha già un’ancia a ‘na corda vocale
l’arte je cresceranno tale e quale.

Il braccio sinistro è già un manale
e in bocca tutta quanta la dentiera,
co’ questo cambiamento generale,
ormai je diventata ‘na tastiera
e pure er collo, com’è naturale,
nun c’ha più la trachea ma ‘na soniera.
E l’organo sessuale è trasformato,
come si vede, in valvola di sfiato.

A suo conforto posso solo dire
che, a trasformazione terminata,
il suono finalmente potrà udire
e allora se darà’na consolata.
Perchè quello che lei potrà sentire
nun sarà una semplice sonata.
E posso assicurarle, in fede mia,
dopo tanto dolore ... l’allegria.”

Quella ch’ho detto pare ‘na frescaccia
ma io me la sò fatta ‘na raggione,
speramo che mi socera mò taccia
e nun ritorni a rompe er chiccherone
inventanno nun so quale storiaccia.
E’ propio verità quella ch’ ho detto:
persa la moje ho trovo ‘norganetto!


Risposta Condividi


[877]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-12-2008]  
Er matrimonio è sempre più perfetto
quanno che 'nsieme fanno 'na sonata.
Si lui spigne co' dorcezza sur soffietto,
l'ancia che vibra è bella e preparata;
si tocca er tasto, quello prediletto,
me sento tutta quanta sdilinguata.
Perciò, marito mio, ecco l'invito:
sonamo tutti 'nsieme 'sto spartito!

Risposta Condividi


[878]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-12-2008]  

Altro che ottava hai fatto un poemetto,
che andrebbe espresso in forma musicale.
Tua moglie è veramente un bel soggetto!
Chissà cosa prepara per Natale!
Restate a casa o fate un viaggetto
in qualche amena spiaggia tropicale?
Ovunque il fine d'anno passerete
auguri tanti e buone feste liete.

Peepino di Rosa

Risposta Condividi


[879]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-12-2008]  
Cari amici miei mi scuserete
se fin'ora so' rimasto un po' azzittito
è perchè, ora che parlo capirete,
il tema della coppia mi ha intristito.
Pertanto rientrerò nella rete
quanndo 'sto argomento sarà esaurito.
In attesa di interventi futuri
a tutti voi amici, tanti Auguri.

Pier Filippo


Risposta Condividi


[880]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-12-2008]  
Nun esse triste pe’ ‘sti du figuri
che Pino e Caxtità sò bontemponi,
si pigli ‘na bottiglia e si la sturi
doppo du sorsi, ma de quelli boni,
potemo tutti quanti stà sicuri
che te ne freghi de ‘sti buggeroni.
Auguri Pier Filìppo (l’architetto),
da me e da mi moje ... l’organetto


Risposta Condividi


[881]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-12-2008]  
Pur'io, a fa' l'auguri, me ce metto
e brindo cor bon vino ne la tazza,
e mentre che je sono l'organetto,
le bone feste do a tutta la chiazza.
A Pier Fili', brindamo cor dorcetto,
pure si mo nun c'è la tu' regazza.
Ce so' l'amici pe' magna' 'n torrone!
Se 'na porta chiude, s'apre 'n portone!

Risposta Condividi


[882]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-12-2008]  

E non dimentichiamo il panettone,
se non c'è quello sembra che il Natale
è quella festa senza tradizione,
è solo una trovata commerciale.
Se prima c'era tanta religione
è il consumismo adesso che prevale.
Stai fresco a far suonar le ciaramelle
al canto di "Tu scendi dalle stelle".

Peppino di Rosa


Risposta Condividi


[883]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-12-2008]  

Il "trentuno" facevano frittelle
col baccalà, carciofi e cavolfiore,
il broccolo romano e le animelle
e la ricotta fritta è di rigore.
Le tradizioni un tempo erano quelle,
ognuno si sentiva un gran signore.
Vigeva questa usanza al mio paese.
A tutti buone feste a più riprese.

Peppino di Rosa


Risposta Condividi


[884]   
Da: mao 
(guidonia)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[20-12-2008]  
il natale è la festa delle chiese
e tutti, insieme al cristo, pregan bacco
perchè chi magna e beve a più riprese
anche se l'ha, dimentica l'acciacco.
e questo l'è miracolo palese
miracolo che a me mi piace un sacco.
se poi aggiungi che l'è il mio compleanno
ecco perchè è 'l miglior giorno dell'anno

Risposta Condividi


[885]   
Da: Armedo Carnera 
(Pietracquaro (Aq))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-12-2008]  

Alcuni giorni fa, vicino a Scanno
sentivo la zampogna risuonare.
Il suono proveniva dal capanno,
dove c'era perfino il focolare:
Seduto accanto al fuoco sullo scranno
lo zampognaro m'invitò ad entrare.
In quella capannina bassa e stretta
volle suonare un'altra mezz'oretta.

Quando che fu finita la "scaletta",
chiesi perchè suonasse da seduto.
"Quest'è la posizione prediletta";
-disse- "così mi sento sul velluto".
"Pure quando guidavo la lambretta,
con la zampogna ho fatto qualche acuto.
Adesso faccio prima una caciotta,
suono seduto, e faccio la ricotta".

Risposta Condividi