www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Giovedi 20 Giugno 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[856]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[04-12-2008]  

Questo ricatto ha il sapore antico,
la classica commedia all'italiana,
due belle tette sopra l'ombelico,
la coscia lunga senza la sottana.
L'uomo somiglia al bullo di Panìco,
prima la moglie e poi ... la Parulana.
la moglie ingelosita fino al punto
che all'ottava ancora un verso ha aggiunto.

Peppino di Rosa

Risposta Condividi


[857]   
Da: 'A Parulana 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[04-12-2008]  
LaPina e Caxtità, veniamo al punto
siccome che ho veduto la Madonna
la quale mesta e austera mi ha ingiunto:
"Colui tu lascia star con la sua donna"
ed io giammai familiari ho disgiunto
e ligia e dritta son come colonna
vi lascio a vostra pace familiare
lieto final, sparisco, ite a ciulare!




Risposta Condividi


[858]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[04-12-2008]  
E allora mò ve devo riccontare
quello che veramente è succeduto.
Io Pino l’ho voluta sempre amare
ma è lei che, a un certo punto n’ha voluto,
l’ho trovata che stava a sbaciucchiare
lo strumento che io, da sprovveduto
un giorno, sù in soffitta, ho ritrovato
e ingenuamente a casa l’ho portato.

E’ d’allora che lei nun m’ha ppiù amato
ma io sò ‘n omo, c’ho le mie esiggenza,
lei stà co lo strumento abbraccicato
la notte e ‘r giorno, e io, de conzeguenza,
da ‘n artra parte me sò rivortato.
Mai che c’avesse avuto l’avvertenza
de famme ‘na carezza o dà un bacetto.
Pe’ lei ce stà sortanto l’organetto.

Ma dico Santo Iddio benedetto
armeno se ‘mparasse un pò a sonare!
Invece no, lo tiene stretto stretto
e l’apre e chiude come a smanticiare
ma nun ce cava un sono ch’è un sonetto
e dice a tutti che lei sà sonare!
E invece no, lei nun ha mai sonato,
er sono che se sente è reggistrato!

Mo lo capite perchè sò angustiato
e in un momento de grande sconforto
un artro affetto m’ero ritrovato?
Pè lei l’amore coniugale è morto
dice che l’organetto l’ha sposato
è inutile che faccio er cascamorto.
Inzomma s’è impazzita e, quest’è bello,
dice che io so uscito de cervello.


Risposta Condividi


[859]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[05-12-2008]  
Mo qui stamme a senti', marito bello:
ne 'sto rapporto, mo, che s'è 'ncrinato,
nun da' la corpa a me, caro porcello,
così come tu prima hai affermato.
Se io ci'ho corpa, e questo è er mio fardello,
lo stesso tu nun sei senza peccato.
E' vero che me piace l'organetto,
ma da quer dì ch'er tuo io l'aspetto.

La Parulana io mo la rispetto,
pure si lavrebbe fatta a pezzi.
Sei tu che nun dovevi annacce a letto,
e adesso, poveraccia, la disprezzi.
Che s'era 'nnammorata, lei l'ha detto,
ma mo s'è ravveduta e ci'ha li mezzi
pe' risorve da sola la frittata,
infatti dice ch'è miracolata.

Risposta Condividi


[860]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[05-12-2008]  
Ormai la verità l’ho rivelata,
è inutile che metti il falso in piazza,
è inutile che giri l’inzalata,
ce lo sà tutto er monno che sei pazza
e che nun soni perchè sei sonata.
Purtroppo c’è chi gode a dà la guazza
e dice che sei brava all’organetto,
... ma io vorei che fussi brava a letto.


Risposta Condividi


[861]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[05-12-2008]  
Mo dice che te vò “fasse” n’organetto
e dice che vòi "fasselo" c’a canna!
Che tu l’amavi tanto s’era detto
ma Giancarlo nun è mica Sant’Anna
si lui te fà de canna er ciufoletto
(mamma stà moje pazza che cundanna!)
all’organetto manca l’orifizzio
adatto pe sfogà questo tuo vizzio!


Risposta Condividi


[862]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[05-12-2008]  
Mo dice che vò “fasse” l’organetto
e dice che vò fasselo c’a canna!
Che tu l’amavi tanto s’era detto
ma Giancarlo nun è mica Sant’Anna
si lui te fà de canna er ciufoletto
(mamma stà moje pazza che cundanna!)
all’organetto manca l’orifizzio
adatto pe sfogà questo tuo vizzio!


Risposta Condividi


[863]   
Da: mao 
(guidonia)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[05-12-2008]  
la bella figlia ci ha 'n core dovizio
e ci ha 'l piacere di far l'organetto
lo vuol suonare con l'amico egizio
con suoni lievi su quell'ampio letto
cosa t'importa s'è soltanto sfizio
se la cosa comporta sol diletto?
genero caro, lei frquenta i vivi
tu cornuto perchè n'te resorvivi.


Risposta Condividi


[864]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[06-12-2008]  
Ma perchè tra i parenti più cattivi
ce stà sempre ‘na socera ch’è peggio?
Nun esiste ‘na jena che l’arrivi
quanno che apre bocca pe’ dileggio,
nun è mai pe’ penzieri positivi.
Ogni vorta che parla è un sacrileggio.
Ma che vaneggi dell’ ”amico egizio”?
Sarei cornuto perchè lei c’ha er vizzio.

Vojo vede si er giorno der giudizzio
sarai mannata ‘n cielo o ggiù all’inferno.
Che si ce fusse ancora er Sant’Uffizzio
già saresti addannata pe’ l’eterno
co’ le streghe bruciate ner supplizzio.
Quann’è che la finisci co’ lo scherno.
Famme capì ma a te pare coretto
a volesse ‘ngroppare ‘n organetto?

Una che dice er giusto la rispetto
ma tu socera mia nun c’hai cervello
per la tua fija Pino hai un farso affetto.
Invece de dì: Annamo da Morello,
ch’è ‘n terapista de tutto rispetto,
pe fà guarì mi fja da ‘sto fraggello.
Tu m’inveisci e mi trafiggi il cuor,
io che, come Fabrizi, soffr’ognor.


Risposta Condividi


[865]   
Da: mao 
(guidonia)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[06-12-2008]  
la figliola l'è figlia dell'amor
con sacrifici noi l'abbiam cresciuta
per lei mi giochereri anche l'onor
perc'è l'unca figlia che ciò avuta
se t'ha sposato con tanto furor
perchè 'n sapeva d' essere fottuta
fottuta solo in senso metaforico
perchè l'amor l'ha fatto col bucolico



Risposta Condividi


[866]   
Da: Parulana 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[07-12-2008]  
Egizio bucolico arcadico
che vesti magliette in acrilico
tu che non sai scrivere acrostico
e seppure parli sei afasico
tu Iside adori o sei agnostico?
l'amor fai moderno od arcaico?
or scioglimi sto dubbio amletico:
ma a letto Pontuale l'è ritmico?




Risposta Condividi


[867]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[08-12-2008]  
Quale metaforico! CANONICO
l’avemo sempre fatto Sora Cosa!
Vedo che ‘r cervello c’hai ner panico.
Solo la Parulana, generosa,
ha capito er mio dramma domestico.
E doppo la vision miracolosa
pur’a mme m’ha convinto a ppoco a ppoco
a chiede grazia in quarche Santo Loco.

Ce lo sapete che nun sò bizzoco
ma parto e me ne vado a un Santuario
e lì la grazzia a Pino mia invoco.
Co’ ‘na foto de Pino e co’r rosario
chiederò ch’er Maligno torni ar foco
e lasci Pino e tutto er circondario.
Salendo penitente fino ar Santo,
come de tradizzione, farò er canto:

“Io sò romano e vengo qui ognitanto,
famme la grazzia che t’accenno er cero.
Si tu nun me la fai te canto er canto
che li napoletani (e sai ch’è vero)
canteno pe costringe il loro Santo
a fasse fà le grazzie per davero.
O se tappeno drento ar tabbernacolo
oppure sò costretti a ffà er miracolo!”


Risposta Condividi


[868]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-12-2008]  
De lo mio amore qui se fa spettacolo.
Pe' questo ero annata in un convento.
Me confessai p'elimina' l'ostacolo,
er Santo lì m'apparve, in un momento
tutto me fe' capi' cor suo oracolo.
Allora che il mio core fu contento.
Marito caro adesso so' tornata,
e dentro so' pulita e 'mprofumata.

Risposta Condividi


[869]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-12-2008]  

Stavo aspettando il bus alla fermata,
con l'acqua che cadeva a catinelle,
questa mattima, appunto, era la data,
mi son tornate in mente le storielle,
di Caxtità e della sventurata,
compagna sua che porta le bretelle
e s'accapiglia con la Parulana,
almeno quattro volte a settimana.

Peepino di Rosa

Risposta Condividi


[870]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-12-2008]  

Nei giorni scorsi stavo in carovana,
oltre lo stretto dei Dardanelli.
Lì c'è la religione musulmana,
per cui con tre caprette e due cammelli,
un uomo sposa più d'un'ottomana,
e queste non si strappano i capelli.
Per non soffrire più di gelosia
le due signore vadano in Turchia.

Peppino di Rosa

Risposta Condividi