www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Giovedi 20 Giugno 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[826]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  
Ma sentila mi moje, s’è fatta audace
eppure je l’ho detto tante vorte:
A Pino statte zitta nun me piace
che parli de mi madre e della morte
abbisogna che te ce fai capace
la socera cell’hai, lo pòi dì forte.
Però se ‘mpiccia de li fatti sua
nun è ‘mpicciona come mamma tua!


Risposta Condividi


[827]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  
De anni ce n’avevo ventidua
quanno ho incontrata Pino ner vigneto
Era settembre e vennegnava l’ua
a ‘n podere che stà vicino a Orvieto.
Je dissi: Attenta nun te fà la bua,
e je misi ‘na mano sur dereto!
Me disse: Ma che fai, nun c’hai creanza!
... e ‘me mise 'na mano ar sottopanza .


Risposta Condividi


[828]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  
defatti, doppo fatta l'adunaza,
sarà che je piaciuto, lui m'ha detto:
- bisogna rinsarda' 'sta circostanza. -
me fece arisona' quell'organetto.
E doppo 'n par de mesi, ecco la panza.
mi patre te lo prese per colletto,
je disse nell'orecchia 'na tal cosa,
e lui, defatti, me se prese in sposa.

Risposta Condividi


[829]   
Da: 'a Parulana 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  
Ma statte zzitta Pì, brutta vavosa
ca io resto sempe ‘a primma nnammurata
sò fresca cumm’erbetta sapurosa,
cù me passa ‘gni tanto ‘na nuttata,
tra fiordalisi e spighe luccicose,
nun sì la sola tu a esse vasata
da Caxxità, pirciò lièvet’a ‘nanza
ca pur’a mmè m’è già crisciuta ‘a panza!


Risposta Condividi


[830]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  
Ma chi te l'ha 'nsegnata la creanza?
Brutta ladraccia dell'artrui mariti.
Ma chi te credi d'esse', Sancio Panza?
Poi solo soddisfa' quell'impuniti
che vonno magna' sempre 'na pietanza,
abbasta che con cenno tu l'inviti.
Ma si tu nella panza ci'hai quarcosa,
è allora che diventi pensierosa.

E' da quer dì che più nun se riposa.
"La donna della casa è la reggina"".
E' questo che ce riccontorno in prosa.
Ma quanno che ci'hai un maschio e 'na bambina,
diventa dura a esse' calorosa
co' quello che vo' fa' 'na scopatina
quanno ci'ha voja, nbè?. 'na vorta ar mese,
pure si 'r piacere, pe' me, nun è palese.

Risposta Condividi


[831]   
Da: 'a Parulana 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  
Cu ttè s’arrusciulèa ‘na vota ‘o mese
pecchè sì secca comm’a ‘n’alicella
a me, cummà, (furnito de turnese)
spisso lo Caxtità me monta in sella;
nun ‘o sai tu ma ‘o ssa tutt’o paese
a me diamante e a te manco fresella;
chiagne, cummà e tribbulea tanto
c’assaje io tengo gusto a chistu chianto!


Risposta Condividi


[832]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  
Nun te gonfia', cumma', de tanto vanto.
si lui nun me soddisfa stai tranquilla
che me lo feci pure 'n artro amanto,
che sempre tiene pronta la sua anguilla.
sappi, bella, che finto era er pianto
e 'nvece mo me sento ben più arzilla.
' ché doppo fatto, quanno l'ho lavata,
de sicuro nun pare addoperata.

Risposta Condividi


[833]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  

Con questa moglie tanto delicata,
il matrimonio è l'unica certezza.
Rispetto all'uomo è molto navigata,
lo porta a spasso usandola cavezza.
Anche se a lui diventa coniugata
può risultare vana ogni prodezza.
Se Caxtità si chiama suo marito,
il sesso come viene garantito?

Peppino di Rosa

Risposta Condividi


[834]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  
Peppì ma che domanda hai partorito?
Da quanno er monno è monno tutti sanno
come funziona tra moje e marito.
Si all’età tua nun sai come lo fanno
francamente arimango sbalordito.
M’hai fatto troppo ride, c’ho l’affanno!
Prima se fanno li preliminari
... e poi se gioca a penne e calamari.


Risposta Condividi


[835]   
Da: mao 
(guidonia)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  
pe sta figlia mia so c..... am..... (uccelli senza zucchero)
e sto marito a guardà l'altre pensa
senza pensà che questi sono affari
di gente che frequenta la malpensa
ma quando si è burin di casamari
bisogna ragionar di farne senza.
figlia mia bella guarda sempre attorno
comincia a ragionar di qualche corno

Risposta Condividi


[836]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-12-2008]  

Vi comportate come i missionari,
predicatori dell'amor cortese,
che dicono tre poste di rosari,
il primo venerdì di ogni mese
e sono degli acerrimi avversari,
del sesso consumato a più riprese.
Vi faccio i più sinceri complimenti,
vivrete più felici e più contenti.

Peppino di Rosa


Risposta Condividi


[837]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[02-12-2008]  
Chi ci'ha 'r pane, succede, 'n ci'ha li denti.
E' proprio l'appetito, quer che conta.
Cari mariti, ve dico, state attenti;
la moje, lo sapete, nun è tonta;
si nun sapete faje i comprimenti,
da 'n'artra parte va a cerca' la monta.
Si nu' la soddisfate 'n po' più spesso,
co' quarcun artro. questa, farà sesso.

Risposta Condividi


[838]   
Da: Caxtità 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[02-12-2008]  
Veramente l’ho fatto adess’adesso
chè senza quello io nun sò campare.
A mi moje j’ho detto stamm’appresso
che si me scappa c’ho da fornicare.
L’ho pregata, davero, genufresso,
Pino, nun m’ha voluto accontentare.
M’è scappò che compravo l’inzalata,
l’ortolana, gentile, s’è prestata.


Risposta Condividi


[839]   
Da: 'a Parulana 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[02-12-2008]  
No, tu mi ha dice mò chi è chest'ata
certo ca tiene proprio 'a faccia 'e cuorno
muglièreta t'a tiene mmaculata,
pò a Parulana, e ancor te guarde attuorno
lo saccio ca ogni ghiuorno na scupata
sicuro t'alluntana a lu taluorno
ma mò pè t'abbuscà 'nu sottencopp'
te vai accattà a 'nzalata all'Ipercoop !!!!



Risposta Condividi


[840]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[03-12-2008]  
Ammazza, Parula', sei dispettosa.
'n t'abbasta de rubbamme lo marito,
me lasci pure a rima perniciosa,
ma dalla rima tua sono uscito
perché co' te nun vojo sparti' cosa.
Se Caxtità, adesso, s'è smarrito
nun te penza' d'avemmelo fregato
'ché prima de tre giorni è ritornato.

Risposta Condividi