www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 23 Ottobre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Tarantelle Calabresi
[22-11-2009]  
Vorrei aprire un topic su quella che ritengo essere una delle piu belle forme di tarantella, ovvero quella calabrese, in particolare nello stile Riggitano. So' per certo che il sito di Alfonso, pur essendo destinato alla chitarra battente, è frequentato da validi organettisti e a loro mi appello per avere, anche se capisco che a parole è molto difficile spiegarlo, indicazioni e suggerimenti per eseguire il classico terzinato che l'organetto fa in questa tarantella, parliamo ovviamente e tassativamente di 2 bassi, capisco che ciò che trasmette la cadenza tipica sono le braccia che muovono a tremolo il mantice, ma guardando i molteplici video di T. calabrese presenti in rete, sembra che queste non si muovino affatto, allora debbo pensare che i movimenti sono molto fini e lenti, io ho provato a dare il ritmo con il mantice ma viene fuori una specie di crisi convulsiva, con una fatica bestiale, nei video invece gli organettisti sono freschi come rose e vanno avanti spediti anche per ore.
La mano sinistra esegue sui bassi il tum ta ta , con tum intendo la nota bassa e ta ta la nota alta, e la mano destra fa la melodia che però è notevolmente diversa se ci si aggiunge il giusto terzinato. Insomma chiedo tanto, è difficile esprimerlo con le parole e mi scuso con i cultori dello strumento per come ho descritto la dinamica del brano, ma io, come evidente, non ho studiato musica. Grazie anticipatamente

Risposta Condividi


[61]   
Da: TIZIANO 
(MARE)
  Re: Tarantelle Calabresi
[25-05-2012]  
confermo che si tratta di una sovrapposizione... è la prima cosa che ho notato

Risposta Condividi


[62]   
Da: barbara 
  Re: Tarantelle Calabresi
[25-05-2012]  
Grazie del link Pino, bello il video e coinvolgente la tarantella, anche presi separatamente.
Per quanto riguarda l'incontro.... beh... dopo la fatica dello studio bisogna pur mettere qualcosa sotto ai denti... lo sanno tutti... e poi ...quel bel maialino... se non lo prendo io dal norcino (li alleva lui...) chissà in quali mani finisce, e come lo cucinano... NOOOO!!! Solo al pensiero rabbrividisco... ci pensa MAMMA... viè quà bello viè...


Risposta Condividi


[63]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Tarantelle Calabresi
[25-05-2012]  
M° Pontuali...... era solo per sottolineare la non
completa originalità del filmato......un conto è il sapore antico
e un'altro è la suonata ripresa negli anni '20.
Ma probabilmente chi suona avrà appreso la suonata
in maniera tradizionale e quindi giusta la tua osservazione.
Sarebbe bello invece avere un filmato (audio e video) originali.....
sempre ammesso che ce ne siano in giro e, vorrei aggiungere, il video
è in puro stile MinCulPop dell'epoca fascista........

Risposta Condividi


[64]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: Tarantelle Calabresi
[26-05-2012]  
Circa 35 anni fa fu prodotta una serie di LP "Albatros" sulle musiche per zampogna, tra cui anche delle tarantelle calabresi, Molte di quelle registrazioni furono fatte in America nel periodo della prima guerra mondiale. Chi ha quei dischi lo può verificare.

Risposta Condividi


[65]   
Da: Francesco Benevento 
  Re: Tarantelle Calabresi
[27-05-2012]  
CIao a tutti, ciao Pino e Pfm, dunque il video in questione è stato sicuramente trattato e quindi immagini da una parte ed audio dall'altra e siccome la tarantella è materia mia da buon calabrese, ho riconosciuto subito l'audio sovrapposto a questo video penso degli anni '20.
La sonata di sottofondo è stata registrata in occasione della festa della Madonna di Polsi e qui sotto vi posto il video dal quale è stata estratta.... ed è Lei!!
Ho un gran bell'orecchio lo ammetto::: ahahah ciao
Dubbio risolto

http://www.youtube.com/watch?v=E9BM9ayaCBo

Risposta Condividi


[66]   
Da: tiziano 
  Re: Tarantelle Calabresi
[27-05-2012]  
COMUNQUE SIA LE ANTICHE SUONATE CALABRESI PER ORGANETTO ED ANCHE PER LIRA AVEVANO CARATTERISTICHE MOLTO MENO VIRTUOSISTICHE DI QUELLE ATTUALI, NELLE QUALI SUONANO RAGAZZI POCO PIU' CHE 15ENNI CON LE BRACCIA AGILI E LE DITA PURE, FANNO COSE MERAVIGLIOSE, MA SPESSO SI FERMANO LI NON VANNO OLTRE, FORSE PROPRIO PER QUESTO MOTIVO RIESCONO A RIPRODURRE LA LORO TARANTELLA IN MANIERA COSI' UNICA IN QUANTO NON INFLUENZATI DA ALTRI RITMI E MELODIE, LO ZIGHETE ZIGHETE TIPICO PRODOTTO DAL MANTICE E' UNA COSA SUCCESSIVA RISPETTO ALL'EPOCA DEL FILMATO, LO STESSO DISCORSO VALE PER LA LIRA DOVE IL RITMO SCANDITO DALL'ARCETTO ERA BINARIO E SUCCESSIVAMENTE E' ENTRATA LA TERZINA, CHE HA PRESO TALMENTE PIEDE CHE A TUTT'OGGI MOLTI ESECUTORI GIOVANI SUONANO SOLO CON TERZINE.
LE MANI DEI CONTADINI, CALLOSE, CON DITA TOZZE , SPESSO SOFFERENTI ,OLTRE CHE DI ARTROSI DEFORMANTE, DI TUNNEL CARPALE E QUANT'ALTRO POTESSE DERIVARE DAL LOGORIO LEGATO AL LAVORO QUOTIDIANO, DUBITO CHE AVREBBERO POTUTO COMPIERE SIMILI EVOLUZIONI.

Risposta Condividi


[67]   
Da: alfonso 
  Re: Tarantelle Calabresi
[27-05-2012]  
Tizià, a volte certe cose non rispondono alla logica..

http://www.youtube.com/watch?v=0aS1AM8DgN4

Risposta Condividi


[68]   
Da: Rino 
(Roma)
  Re: Tarantelle Calabresi
[05-06-2012]  
http://www.youtube.com/watch?v=bBXXtG8LaO0

Risposta Condividi


[69]   
Da: Barbara 
  Re: Tarantelle Calabresi
[19-06-2012]  
...tornando a noi...
Tiziano, hai per caso i turni per le prossime settimane?
Io nel frattempo sto aspettando un "contatto" con un ragazzo calabrese che, ovviamente, conosce alla perfezione la tecnica sull'organetto per quelle tarantelle. Sto aspettando la sua disponibilità per incontrarlo.
Proverò a coinvolgerlo nella nostra giornata studioso-mangereccia .... altrimenti metterò a disposizione quello che avrò imparato.
Vi tengo informati.
Tizià, probabilmente noi ci vediamo il 22 per il vostro spettacolo, farò del tutto per essere presente.
Baci e abbracci a tutti.

Risposta Condividi


[70]   
Da: Barbara 
  Re: Tarantelle Calabresi
[30-06-2012]  
Ragazzi, non ci siamo dimenticati. Io e Tiziano ci stiamo sentendo in privato per organizzare qualcosa di costruttivo.
Purtroppo i nostri due contatti si trovano proprio in Calabria. Appena riusciamo a sapere quando saranno di nuovo di ritorno a Roma vi avvisiamo.
Nel frattempo, si pensava di organizzare in ogni caso una "seduta spiritica", dove bicchieri di vino si spostano da soli ad accompagnare ora un maialino al forno, ora una patata arrosto, ora un pomodoro al riso... per far sì che i nostri "Maestri" siano propensi a "manifestarsi".....
Chi di voi è disposto a fare questo sacrificio?

Risposta Condividi


[71]   
Da: alfonso 
  Re: Tarantelle Calabresi
[01-07-2012]  
se vi serve un Maestro io mi difendo bene a spostare bicchieri di vino senza apparentemente toccarli, ma il mio carnèt de ball dice che sarò disponibile solo da settembre.. :)

Risposta Condividi


[72]   
Da: Raoul96 
(Calabria)
  Re: Tarantelle Calabresi
[22-12-2014]  
Ciao a tutti ,

Sono un nuovo utente , e dopo circa 3 anni volevo essere d'aiuto per chi volesse avviarsi alla tarantella riggitana ;)

Premetto che sono un ragazzo calabrese e che per quanto riguarda l'organetto sono un ignorante, perchè non so suonare e non conosco null' altro all'infuori della riggitana.

Detto questo, purtroppo non ho video sul cell. di passaggi (o passate) , nè spartiti , che non esistono per la riggitana... Se però davvero volete vedere e ascoltare dei passaggi tipici , fatti lentamente , posso certamente adoperarmi in tal senso.

Cercherò per il momento di fare chiarezza su alcuni punti, anche se la tecnica per suonare le passate varia da esecutore (sonaturi) ad esecutore:

- Non è una musica vaga ed imprecisa: il ritmo è scandito, preciso e con figure ritmiche complesse. (Chi la suona può essere qualcuno che ha imparato a memoria i tasti da premere , ma nella maggior parte dei casi l'esecutore è qualcuno che di musica se ne intende un po', non un paesanotto dilettante... io non sono un paesano, io ed altri amici la suoniamo con organetto e tamburello , e facciamo il liceo classico. l'ho imparata perchè è tradizione, ma il mio strumento principale è il pianoforte da quando avevo 5 anni , fatto il conservatorio fino al 5º anno e con licenza di solfeggio) ... Questo per sottolineare , vi prego di non fraintendermi :D , che è una musica che piace perchè bella, umile, poetica e che tutti possono suonare con passione.

- La tecnica alla tastiera non è difficile. Il tempo è in 8avi, scansione ternaria, quello che rende la cadenza tipica è il rapporto tra le figure ritmiche nella tastiera e i bassi. Il mantice e la smanticijata contano ma si usano in modo particolare quando si ha padronanza delle passate. L'effetto vibrato,contrariamente a quanto vi può sembrare, è dovuto per l'80% alla tastiera e ai bassi, e solo in parte al movimento del mantice. Ad orecchio vi sembra di sentire semplicemente 3-4 note , ed invece ci sono molte altre note che si inseriscono e sono queste quelle che danno effetto!

- Ci sono passate continue (ritmo "i paru") e passate cadenzate. Molte passate che sentite con l'organetto solista, in realtà sono stornelli da vecchio canzoniere che si tramandano tradizionalmente... Stornelli che riguardano detti popolari, sulla famiglia, il matrimonio, la società, l'amicizia, l'onore e sono (non lo nascondo, anche si chissu e nu sgarru ahaha) collegate alla 'ndrangheta.

- Le stesse passate sono espresse in più forme. Intendo che non c'è una passata unica, ma la stessa può essere presentata con variazioni. La passata alla forma più semplice sarebbe caratterizzata da poche note , e con un ritmo molto facile. Ma in torno a queste note si mettono abbellimenti (acceccature e gruppetti) , terzine e sincopi.

- Mi sembra chiaro che l'organetto in alcune passate imita la zampogna, in altre la lira, in ogni caso confermo quanto ho letto prima, e cioè che noi, le ultime generazione , tendiamo a suonare con virtuosismo ritmi più complessi.

Perdonatemi se vi ho riempito la testa di parole, se mi suggerite qualche programma per creare spartiti posso pure provare a fare qualche passata... tanto è musica fatta di ritmi e note precise , anche se oggetto di variazioni personali.



Risposta Condividi


[73]   
Da: Raoul96 
(Calabria)
  Re: Tarantelle Calabresi
[22-12-2014]  
P.s.: volevo aggiungere che il ritmo standard dei bassi è per la stragrande maggioranza dei casi

Tuum-ta-Taa-ta , Tuum-ta-Taa-ta / cambio mantice e si ripete .

Quindi sono 4 in tutto.

Senza dubbio si usa il 2 bassi.

Risposta Condividi


[74]   
Da: ivan  
(genzano rm)
  Re: Tarantelle Calabresi
[07-09-2015]  
salve forum .... volevo intervenire in questa bellisima discussione in quanto da appassionato di tarantella calabrese e nonché avendo le mie radici piantate li... sono un musicista e più precisamente percussionista , il mio strumento e il djembe tamburo africano.. e la kora arpa africana... ma da qualke anno ke mi sto concentrando sulla tarantella tradizionale calabrese ,, sto imparando a fare le passate sulla lira e sull'organetto .... volevo ringraziare raoul96 per il suo intervento portando chiarezza sul discorso iniziale di questo topic, mi piacerebbe conoscere a roma e dintorni qualkuno che sappia suonare l'organetto a tarntella calabrese...Raoul ma tu vivi in calabria?

Risposta Condividi


[75]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: Tarantelle Calabresi
[09-09-2015]  
Ciao Ivan. Qui in provincia di Roma non conosco suonatori calabresi però c'è una persona che, pur non essendo calabrese, suona bene la tarantella calabrese. Si chiama Andrea Delle Monache. E' molto conosciuto qui da noi.

Risposta Condividi