www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Sabato 20 Ottobre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[24-04-2008]  





E' uno strumento che amo, ho imparato a suonarlo mentre imparavo a parlare, da mio padre a suonarlo, da solo a parlare.
Vediamo se riusciamo a confrontare tecniche esecutive e di eventualmente anche modifiche allo strumento, comincio io dicendo quel che so, per ora mi limito alla struttura:
- Lo strumento di migliore qualità è in ferro battuto, quelli fatti in serie iperdefiniti e luccicanti non sono buoni.
- La migliore fabbrica si trova a Marineo, in provincia di Palermo.
- E' possibile alterare l'intonazione, di poco, con una raspa: se si raspa la parte terminale dell'ancia si sale, se si raspa la barte basale si abbassa, se si raspa la parte centrale si alleggerisce lo strumento. Raspando troppo lo strumento si può indebolire e rompere, attenzione!
- Stringendo le parti laterali, vicino all'ancia, fino a quasi toccare l'ancia stessa, è possibile quasi raddoppiare il volume.

Ho dato un'input, dando la mia.... vediamo se riusciamo ad approfondire l'argomento, date la vostra!


Risposta Condividi


[61]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[14-03-2009]  
Gentile Milvus, si capisce bene dai suoi interventi che per costruire un buon marranzano bisogna aver dimestichezza con forgia, martello, tenaglie, carboni, quindi in teoria ogni bravo fabbro potrebbe diventare un bravo costruttore?
Ho due amici che sono dei veri artisti del ferro battuto.
Si chiamano Giovanni e Pietro D. e per rendervi un pò l'idea di quello che fanno, posto qualche foto-stralcio di un loro presepe, fatto completamente a mano.
Nella scena ho messo una pila (l'unico oggetto che avevo quando ho fotografato) per permettere di valutare le dimensioni.














Risposta Condividi


[62]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[14-03-2009]  
Un particolare dei pastori








Risposta Condividi


[63]   
Da: Pippo 
(Sicilia)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[15-03-2009]  
Ho comprato questo marranzano, mi hanno detto che è accordato e dal suono brillante (senza un microfono non si direbbe), non ne ho mai suonato uno, che prove posso fare per vedere se quello che mi hanno detto corrisponde a verità?










ciao Pippo

Risposta Condividi


[64]   
Da:  
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[15-03-2009]  
Complimenti a Michele anche io ho riscoperto la bellezza di questo strumento ma ultimamente si portandolo in tasca si e' rotta nella curvatura la linguetta per suonarlo era secondo me e confermato da chi me lo ha venduto costruito da un nomade che lavora alla forgia il suono era ottimo come posso fare per recuperarlo?

Risposta Condividi


[65]   
Da: Michele 
(Palermo)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[15-03-2009]  
Pippo ad occhio sembra in ferro battuto, buono, lo deduco dalle strisciline che si vedono, di solito questi sonoin ferro battuto e non in ghisa. Prova a respirare più forte mentre suoni ma attento a non andare in iperventilazione, casomai assicurati di avere qualcuno in casa, così se svieni...
Proprio come fanno i cantanti e degli ottonisti... ci si esercita... pian piano ci si abitua a respirare forte... prova pure a controllare se chiudi il palato con la lingua, magari aumenti il volume mettendo in gioco i seni nasali, frontali...

"x"... se la linguetta si è spezzata alla fine prova a piegarla un po' o a mettere un po' di cera mo' di tappo (con la cera ti si abbassa la nota per cui controlla e lasci nella nota che vuoi usare).
Se è spezzata assai credo che non ci sia niente da fare... purtroppo, leva la lamella allarga i braccini e facci una microfionda :-).

Risposta Condividi


[66]   
Da: Pippo 
(Sicilia)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[16-03-2009]  
Grazie Michele, ora faccio qualche prova, non sapevo della respirazione, confermo quanto hai detto, questo marranzano è di ferro battuto.

ciao Pippo

Risposta Condividi


[67]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[16-03-2009]  
Cari Pippo e Michele, se può essere utile alla discussione, aggiungerei che il marranzano di Pippo, mi pare sia stato ottenuto utilizzando una barra di acciao Feb 44k, di quelle ad aderenza migliorata, che si usano in edilizia. E' possibile guardandolo, vedere quello che resta delle "alette" che caratterizzano quel profilo.
Dovrebbe trattarsi di una barra di 6 mm di diametro, perchè si trovano solo nei diamteri pari e siccome non mi pare un 8 mm, ed il 4 mm è praticamente introvabile.... credo sia poprio un 6 mm!

Saluti, Giancarlo!

Risposta Condividi


[68]   
Da: Michele 
(Palermo)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[16-03-2009]  
Utile a sapersi! me la segno sta cosa...

Risposta Condividi


[69]   
Da: Milvus 
(Catania)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[16-03-2009]  
Per Giancarlo
Di certo un fabbro che si autodefinisce tale in virtù della sua capacità di attaccare due pezzi di ferro con la saldatrice non potrà mai e poi mai realizzare un marranzano in ferro battuto alla maniera tradizionale. Quindi la dimestichezza con forgia, martello, tenaglie e carboni è condizione necessaria per la realizzazione di un buon marranzano . Viene quindi naturale ipotizzare che ogni bravo fabbro della serie "come quelli di una volta" possa riuscire nell'impresa, ma la verità è che il fabbro deve essere anche artista e preferibilmente suonatore. Quindi, approfittando della loro vena artistica, insegna a questi tuoi due amici a suonare il marranzano e sono sicuro che verrà loro la voglia di costruirsi personalmente degli strumenti. Se dai loro un marranzano come modello e qualche consiglio relativo a tutti quei piccoli dettagli che poi fanno la differenza potrebberò realizzare dei buoni strumenti e col tempo chissà...
Complimentissimi per il presepe, la vena artistica è più che notevole!




Risposta Condividi


[70]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[16-03-2009]  
Grazie per avermi risposto!
Sono due ragazzi veramente bravi ed anche ottimi suonatori, non di marranzano però!
Mi riprometto di fare come tu dici: regalerò loro un marranzano di quelli buoni, (regalatomi da un amico siciliano di Avola) e... sono sicuro ci penseranno da soli a provare!
....Un'altro piccolo particolare:







Risposta Condividi


[71]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'nganna
[16-03-2009]  
Ho seguito in religioso silenzio il vostro scambio di informazioni, ed alla fine non ho resistito (anche perché anch'io sono un patito dello "scacciapensieri").
Premesso che costruirne uno per forgiatura necessita non solo di saper limare, piegare e martellare un pezzo di ferro (meglio se di acciaio), ma che la cosa più importante sia riuscire a dare la giusta tempra (trattamento termico dell'acciaio) alla lamina che emetterà il suono, credo che la lamella rotta si possa riparare con una saldatura autogena (ovvero con materiale di apporto dello stesso tipo della lamina) eseguita con una fiamma all'acetilene (detta anche a cannello) e quindi raffreddandola velocemente in acqua fredda.
La fiamma all'acetilene rilascia all'interno del ferro, che nel punto di saldatura diverrà di colore quasi bianco, il carbonio, che viene assorbito dal ferro infuocato e poi raffreddandolo in acqua fredda lo si imprigiona nel materiale stesso facendolo diventare acciaio elastico.
Se poi il materiale dovesse diventare troppo duro e poco elastico allora bisogna riscaldarlo fino a fargli assumere un colore rosso ciliegia e poi raffreddarlo nell'olio freddo.
Mi sono permesso questi suggerimenti perché in gioventù ho lavorato presso un vecchio fabbro espertissimo nella tempra degli utensili di ferro.
Quindi è necessario trovare un fabbro molto anziano.
Pino

Risposta Condividi


[72]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[17-03-2009]  
Ciao Pino.
Grazie per l'intervento preciso e prezioso, con il quale concordo perfettamente, tranne che nell'ultima frase: "Quindi è necessario trovare un fabbro molto anziano".
Sono sicuro tu volessi riferirti all' "anzianità" intesa come "esperienza" e non a quella anagrafica.
Un trentacinquenne con venti anni di esperienza non è forse più "anziano" di un settantantenne con esperienza minore?


Risposta Condividi


[73]   
Da: Pippo 
(Sicilia)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[17-03-2009]  
X Giancarlo, dalla forma sembra proprio il classico ferro da 6 mm usato in carpenteria, comunque vi garantisco che è privo di qualsiasi saldatura, stasera se ho tempo cerco di postare un particolare di come è incastonata la linguetta.

Ciao Pippo

Risposta Condividi


[74]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[17-03-2009]  
Ciao Pippo!
Si, è proprio un tondino di acciaio per il cemento armato.
Aspettiamo il particolare dell'incastro.
Sono curioso di sapere se la linguetta è "passante" (ma non credo) o incastonata e schiacciata anteriormente.

Risposta Condividi


[75]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: Marranzano, scacciapensieri, 'ngannal...
[17-03-2009]  
Certo Gianca', intendevo un fabbro esperto. Ma credo siano rari quelli esperti nella tempra degli acciai. Anche perché oggi si usano preferibilmente le lamine industriali di acciaio armonico. Distolgo il discorso postandovi la foto (se ci riesco) di un "maranzano" esotico costruito nell'est asiatico in bronzo fosforoso (credo sia questo il materiale usato, dal momento che ha una elasticità incredibile). La lunghezza, tra le estremità, è di cm. 7,5; lo si suona appoggiando le labbra nella parte centrale tenendolo fermo dove c'è la scritta e pizzicando delicatamente l'altra estremità. Vi giuro che il suono è dolcissimo e straordinariamente potente. Nella 1° foto c'è la vista d'insieme co la sua custodia di legno tornito e nelle altre due le veste delle due facce.

















Risposta Condividi