www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Domenica 21 Ottobre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Vincenzo Cipriani 
  Musica popolare ..e liuteria
[07-12-2006]  
Ciao Alfonso,
la mia generazione, quella del dopo-guerra, ha vissuto l'oblio forzato della nostra musica. Personalmente mi sono battuto da sempre: il risultato che oggi mi sento un po' un Don Quijote de la Mancha......ma, nel vedere il video, mi è parso di scoprire un risveglio della nostra musica popolare e, ancor di più, della nostra fantasia.
Vincenzo Cipriani - Assisi

Risposta Condividi


[61]   
Da: vincenzo 
(assisi)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[27-03-2007]  
Tradotto letteralmente dallo spagnolo, vuol dire "torna la voce".
L'invenzione è attribuita ad Antonio de Torres nella seconda metà dell'800......ma sembra che già altri liutai spagnoli l'avessero sperimentato alcuni decenni prima.
Viene realizzato o con del cartoncino o lamierino di ottone.
Aumenta la proiezione del suono dello strumento.............ma a scapito dell'esecutore che non percepisce bene il volume emesso. In parole povere un emettitore di suono direzionale.
Personalmente non ho mai provato chitarre con tornavoz. Suppongo che dia l'effetto di una specie di megafono o come quando portiamo le mani alla bocca per direzionare la voce.

Risposta Condividi


[62]   
Da: vincenzo 
(assisi)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[27-03-2007]  
Immagine del tornavoz






Risposta Condividi


[63]   
Da: giuseppe lerose 
(modena)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[04-04-2007]  
caro maestro cipriani volevo chiederle un consiglio siccome costruisco chitarre battenti per hobby, non so se ha visto nel mio topic amico della musica, oppure il sito che ho fatto dove ho inserito tutte le mie creature, http://digilander.libero.it/stefanolerose/ faccio il foro a una certa misura e una certa larghezza volevo sapere da lei l'importanza che ha .
la ringrazio in anticipo e le auguro BUONA PASQUA

Risposta Condividi


[64]   
Da: vincenzo 
(assisi)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[06-04-2007]  
Ciao Giuseppe,
prima di rispondere ho visitato il sito: Complimenti!

Riguardo le tue chitarre battenti devo dire che è interessante l'incatenatura "alla Torres". Sicuramente deve dare un ottimo risultato anche se, come ho già scritto nel forum, non sono esperto di chitarre battenti e non entro in discussione sulla "tradizione della costruzione".

Posizionamento delle buca. Io ricavo tutte le misure partendo dal diapason (lunghezza della corda a vuoto "el tiro" come dicono più appropriatamente in Spagna) e le sviluppo in base ai nodi (i più importanti sono al XII-ottava=1/2, VII-quinta=1/3 e V-terza maggiore=1/4).
Pertanto posiziono l'inizio della buca sul punto dove c'è la V^ della seconda ottava (ad esempio se la corda è Mi, il punto è dove si trova il Si della seconda ottava).
Il diametro della buca lo ricavo dividendo il diapason per 30 e moltiplicando per 4 - Es: se il diapason è 650 mm. divido per 30 e moltiplico per 4 = 86,6 mm. di diametro). Detto diametro è però modificabile. Se si vuole più sustain si diminuisce di 3 o 4 mm. al contrario si aumenta se si vuole un suono più immediato.

Ho provato a spiegarmi........se non ci sono riuscito......riscrivimi!

Risposta Condividi


[65]   
Da: giuseppe lerose 
(modena)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[06-04-2007]  
caro maestro lei si e spiegato molto bene, sono formule che io purtroppo non sapevo e ho fatto tutto per caso, ho preso delle misure indicative su una battente che ha mio fratello comprata a un mercatino che facevano anni fa al mio paese per la cifra di 50.000 lire.
comunque le chitarre sono tutte a 4 corde solo tre le ho fatte a sei , cioe due doppie, devo dire che suonano meglio.
siccome quasi tutti gli anni , l'ultima costruita la porto al mio paese e la confrondo con una che ha un mio vicino e il suono e quasi uguale.
con l'occasione le faccio i migliori auguri di buona pasqua insieme alla sua famiglia
grazie ancora per i consigli

Risposta Condividi


[66]   
Da: vincenzo 
(assisi)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[07-04-2007]  
Ciao Giuseppe,
non ti chiedo scusa per averti dato del "tu" e mi dispiace che tu mi dia del "lei".
Penso che tra musicisti si debba dare del "tu". A volte uso il "lei" per "tenere le distanze" da certi "personaggi".....e non è rispetto!
Poi, ti debbo dire che la prima volta che mi sono sentito "vecchio", fu quando una bella ragazza mi diede del "lei".
A presto e tantissimi auguri di BUONA PASQUA


Risposta Condividi


[67]   
Da: giuseppe lerose 
(modena)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[07-04-2007]  
caro maestro io non volevo prendere le distanze anzi mi fa molto piacere sentirmi un tuo amico pero' maestro lasciati chiamare perche lo SEI .
grazie per gli auguri che ricambio a te e alla tua famiglia

PS: sai che a Modena hai un amico e se capiti da queste parti fatti sentire

Risposta Condividi


[68]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[12-04-2007]  
Gentilissimo Maestro Cipriani,
vorrei essere sicuro di avere capito bene la faccenda del posizionamento della buca:

se prendiamo una corda di diapason 650, per esempio MI, con il programma del calcolo dei tasti devo posizionare la buca dove cadrebbe il tasto SI dopo il secondo MI ?
in questo caso la distanza sarebbe 433,095, ho capito bene ?

un'altra domanda:
è possibile che questo calcolo vada "aggiustato" , nel caso della battente, in considerazione del particolare "range" di ferquenze emesse ? nel caso lo ritenesse possibile come "aggiusterebbe" questo calcolo ? e per quanto riguarda il diametro della buca ?





Risposta Condividi


[69]   
Da: giuseppe 
(modena)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[20-04-2007]  
caro Maestro Cipriani, voglio ancora chiederti una cortesia e un chiarimento siccome sto preparando dei manici per chitarre battenti per la lunghezza ho una misura ricavata da una vecchia battente che ha mio fratello, per la larghezza purtroppo ho trovato dei pezzi di mogano che non riesco a farli piu larghi di 45 mm addirittura mi qualcuno mi viene largo appena 41mm ha importanza la larghezza????
siccome ho trovato il sistema per sgrossarli ne sto preparando una 15na e prima di rifinirli mi piacerebbe sapere se continuare oppure lasciare perdere quelli che mi vengono piu stretti ti ringrazio a risentirci giuseppe



Risposta Condividi


[70]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[22-04-2007]  
Giusè, devi avere pazienza perchè il Maestro sarà senza computer per 2 o 3 settimane, appena può ti risponderà,

Risposta Condividi


[71]   
Da: vincenzo 
(assisi)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[11-06-2007]  
Caro Giuseppe,
mi dispiace che tu abbia aspettato tanto per la mia risposta che, purtroppo, non può esserti di aiuto dato che la mia produzione è specializzata in cordofoni medievali e chitarre classiche da concerto.
La tua domanda può essere risolta da un costruttore di chitarre battenti.
A presto
Vincenzo

Risposta Condividi


[72]   
Da: Giuseppe Lerose 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[12-06-2007]  
caro maestro come sempre sei stato gentile a rispondermi, io ti ringrazio .
siccome faccio chitarre per solo uso personale le costruisco sempre con materiali che trovo , addirittura sto facendo una chitarra battente usando un'anta di un armadio del 1940 circa per fare la tavola armonica , l'ho abbassata a 3,5 mm piegata e incollata alle fasce. l'ho quasi terminata mi sono rimaste le finiture, speriamo nel suono, è un esperimento........
buona musica a tutti

Risposta Condividi


[73]   
Da: Alfonso 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[12-06-2007]  
A nome di tutti i frequentatori di questa chiazza dò il bentornato al Maestro Cipriani che, di ritorno dal viaggio di studio/preghiera a Santiago de Compostela, è tornato fra noi purificato nell'anima (e spero anche nel corpo) e mondo dei suoi peccati si riaccinge ai quotidiani impegni, con rinnovato entusiasmo e corroborata fede,

insomma bentornato !

Risposta Condividi


[74]   
Da: Avvocatista 
(Lucania)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[13-06-2007]  
Esimio Maestro,

Santiago de Compostela, oltre ad essere luogo di preghiera e meditazione è anche fonte inesauribile di stimoli intellettuali per chi, come Lei, coltiva l'antica arte della liuteria.

Come non ricordare le superbe raffigurazioni degli "accordatori" di Organistrum e tutto il simbolismo celato in quelle sculture.

E allora, vorrebbe essere tanto gentile da raccontarci qualcosa proprio di questo mirabile - quanto sconosciuto - strumento musicale?



Risposta Condividi


[75]   
Da: Vincenzo 
(Assisi)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[13-06-2007]  
Ciao Avvocatista,
hai capito il vero spirito che mi ha portato, per la seconda volta, a Santiago.
Certo l’anima…….ma per questa spero che, quando sarà il momento, il buon Dio avrà bisogno di me per accordare la chitarra.
Riguardo il corpo sta molto meglio grazie alle abbuffate di “pescado” e di “vino tinto”.
………….…ma il vero scopo sono stati gli strumenti musicali e ne ho fatto “caccia grossa”……

L’ Organistrum rappresentato nel Portico della Gloria è stupendo e ve ne sono diversi raffigurati in varie forme in diverse chiese e cattedrali lungo il “Camino”. Lo strumento, che produceva un basso continuo, era usato nelle chiese per accompagnare i canti Uno dei musici, girando la manovella, mette in azione la ruota che agisce sulle corde come un archetto di violino….ma con un movimento continuo. L’altro musico agisce sui tasti “tirandoli” verso l’alto. Questi tasti hanno delle tangenti che a contatto con le corde ne modifica la lunghezza e quindi la frequenza. Nel XIII secolo diverrà più piccolo (Symphonia) per essere usato da un solo musico e produceva anche la melodia. Questo strumento fu adottato anche dal popolo e in particolare dei mendicanti ciechi (il suonatore non vede la tastiera) e prese il nome in volgare di Viola da orbo”.
Un caro saluto a tutti
Vincenzo












Risposta Condividi