www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Sabato 25 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Giancarlo Petti 
  Costruttori di flauti di canna.
[06-07-2007]  
Vogliamo provare a fare un censimento dei costruttori di flauti di canna, magari per Regione?

Risposta Condividi


[721]   
Da: calogero 
(licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[16-10-2008]  
michele ringrazio tanto te per averm incentivato nella ricerca!
una cosa miche, ma il friscaleto in sol non ha la stessa estensione di quello in do (la sib do re mi fa sol la si do re mi fa fa# ) vero?

lo stesso pe quello in la?


Risposta Condividi


[722]   
Da: Michele 
(Sicilì)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[16-10-2008]  
Si, a parità di categoria si (7+2, 6+1...) semplicemente sono "trasposti", ad esempio il flauto in re è trasposto di un tono rispetto a quello in do.

Risposta Condividi


[723]   
Da: Michele 
(Sicilì)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[17-10-2008]  
Sottolineo però una cosa, l'estensione dipende dalla fattura dello strumento, a volte qualcuno mi riesce meglio e riesco a prendere un tono più in alto di un'altro.... magari un costruttore bravo e provato dall'esperienza come ne abbiamo in questa chiazza saprà ovviare rendendo i propri strumenti tutti ugualmente efficienti....

Risposta Condividi


[724]   
Da: gianluca zammarelli 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[20-10-2008]  
cari amici amanti alla follia dei flauti, devo dire che effettivamente quel flautino di Alfonso è stato costruito da me; seppure amo il vino, possiedo una grande memoria, riconosco l'oggetto e soprattutto ricordo il momento in cui l'ho dato ad Alfonso che, con mio stupore, era quasi emozionato da un flauto che reputavo un giocattolo.
Non dico questo per vantare diritti d'autore, per cui non sono capace...mi hanno rubato in prestito stornelli, suonate, testi e poesie, ricerche popolari nel Cilento, strumenti di mia propietà e ora di altri (che spesso sono donne), libri.

Vorrei solo dirvi che io possiedo un oggetto simile usato da mio nonno per la caccia (cercherò di darvi una foto) e certamente quello che oggi cerchiamo di inventare è già stato inventato nei secula seculorum per necessità varie.
Sicuramente, però, a tutti voi va il merito di rendere questi strumenti pari in dignità ad altri più famosi, ed io non sono poi così disturbato se Calogero lo ricostruisce e lo vende su ebay, neppure sono in ansia se Giancarlo è il proprietario del brevetto. Quello che a me piace è la verità unita ad una sicera amicizia per tutti voi (anche se non vi conosco).
Ora sta girando una nuova ocarina costruita con il corno di bue, è vero che l'ho inventata e venduta su una bancarella, ma non sono poi così sicuro che non sia stata mai costruita.

Inoltre vi ringrazio se mi nominate ma non ho tanto tempo da dedicare al forum....PROPONGO una reale data per vederci, una sorta di FLAUTO DAY, se me lo permettete posso tentare di organizzare in questo modo:
1) STAND espositivi internazionali
2) SUONATORI tradizionali
3) SUONATORI innovativi
4) CONCERTO dal titolo "Il flauto accompagnato" cioè delle performance di flauto accomapgnato da vari strumenti (organetto, chitarra battente, lira, pianoforte, ecc
5) LABORATORIO DI COSTRUZIONE

che ne pensate?

P.S. il flauto doppio:
posto che esistono vari flauti doppi, dico che esso si accorda come la zampogna a paro in cui il foro della canna sinistra (a 3 fori) detto PUNTO MASTRO l'ultimo in alto è accordato sulla nona; se è "a mezza chiave" è accordato sulla quarta. In relazione a questa scelta si accorda la destra come un flauto normale a 4 fori.

saluti e scusate la lungaggine
Gianluca

Risposta Condividi


[725]   
Da: giancarlo 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[20-10-2008]  
Carissimo Gianluca, grazie per la tua partecipazione al forum, che mi auguro possa essere sempre più frequente.
Hai perfettamente ragione quando dici: "Quello che a me piace è la verità unita ad una sicera amicizia per tutti voi (anche se non vi conosco)."

E' proprio in nome della verità, dell'amicizia e del rispetto reciproco, che è giusto e doveroso, citare sempre l'autore delle foto, degli strumenti, dei libri, ecc., ai quali ci si ispira o dai quali si traggono spunti.
Sono daccordo quando dici che spesso si "reinventano" cose che in realtà sono esistite o esistono.
Nel caso specifico ero contrariato più per il mancato riferimento allo strumento di tua sicura costruzione, postato da Alfonso, che alla mia "probabile" ma non certa paternità del "genere" e ti credo perfettamente quando dici di possedere uno strumento appartenuto a tuo nonno.

Sono felice del fatto che se qualcuno faccia propria una tua idea, e la usi su ebay non ti dia fastidio, ma credo tu sia daccordo nel pensare che se non si indica la provenienza (in quel caso cilentatna) di un qualcosa, l'oggetto stesso perde gran parte della sua importanza antropologica e didattica

Sempre in nome della massima chiarezza dico che non ho "ancora" il brevetto dello strumento al sicuramente rinuncerò, visto che probabilmente è un tipo di strumento che già esisteva nella cultura popolare.
Il raduno? E' una bella idea, ma è prematuro parlarne!

Saluti a Gianluca



Risposta Condividi


[726]   
Da: Edoardo 
(Fiumara Grande)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[20-10-2008]  
Ciao a tutti
Mi riaffaccio al forum dopo qualche tempo e qualche vicissitudine, ma non ho mai smesso d leggerVi con attenzione. L'idea di "mastro" Zamma non è male e sono sicuro che a tempo debito sia da realizzare.
Nel frattempo io ho continuato nel mio training costruttivo e devo dire con discreti risultati.
Ho affinato la tecnica e imparato un sacco di cosette interessanti.
Mi manca ancora la capacità nella determinazione della tonalità, mi spiego meglio: riesco ad intonare bene ogni flauto che costruisco, ma esistono delle tonalità "ostiche" tipo il sol, per le quali riesco ad ottenere solo flauti di determinate dimensioni e non riesco invece a ridurre i diametri in proporzione per ottenere delle sonorità diverse (es: più acute).

Ho invece acquisito una certa dimestichezza nella costruzione di flauti sardi : sulittu e pippiolu.
La lavorazione con il "pattada" (tipico coltello sardo) è davvero affascinante. E' infatti tradizione che si utilizzi unicamente quello strumento per l'intera costruzione (a parte i buchi che vanno fatti con il solito ferro arroventato).

una saluto a tutti

Edoardo Morello


Risposta Condividi


[727]   
Da: gianluca zammarelli 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[21-10-2008]  
ecco il flauto che vi dicevo, non so che età abbia, so solo che fu costruito da mio nonno e lo ha usato fino alla morte per andare a caccia.





















questo era usato per fare il richiamo della civetta, ma alcuni bravi ci facevano anche i valzer









P.S. per Giancarlo....certamente sono daccordo con te che bisogna rispettare le fonti, sono un uomo pacifico ma non coglione.

cari saluti

Risposta Condividi


[728]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[21-10-2008]  
Caro Gianluca, grazie per le belle foto.

Molto bello il richiamo da caccia, anche se è molto diverso, per uso, numero di fori, disposizione degli stessi, estensione, dalle mie flautocarine, alle quali è accomunato dalle dimensioni.

Comunque è una bella testimonianza di una precisa espressione culturale (quella agricolo, pastorale e venatoria) di una ben precisa località geografica (quella cilentana).

Queste sono le informazioni che contano e che devono accompagnare la "diffusione" di uno strumento.

Per questo so bene che sei daccordo con me, sulla necessità di citare le fonti.

Peccato che lo strumento usato per il verso della civetta non si veda molto bene.

Se puoi ti chiederei di mandare qualche altra foto, dove si veda un pò meglio.

Grazie di cuore per il tuo contributo.

Saluti, Giancarlo

Risposta Condividi


[729]   
Da: Michele 
(Sicilì)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[21-10-2008]  
Rispondo a Zammarelli circa l'idea de raduno: personalmente sono al momento privo di tempo, se vuoi organizzare mi piacerebbe partecipare ma purtroppo sono parecchio impegnato e i momenti disponibili per me sarebbero fine novembre e natale, almeno al momento.... ma è tutto da verificare.
A Roma ho pure mio fratello che mi ospiterebbe.
Eventualmente il mio contributo potrebbe consistere nel portare qualche brano per friscaletto della tradizione siciliana (nonchè parecchi canti), se va bene mi porto la ragazza, così ho chi mi accompagna.... e se va benissimo (ma valli a convncere)... tutto il gruppo... :-) .... se riesco ad organizzare i posti potrei portare pure Calogero.
Sperando sempre di trovare il tempo al momento opportuno... altrimenti divertitevi che mi dovete raccontare tutto...

Risposta Condividi


[730]   
Da: Michele 
(Sicilì)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[28-10-2008]  
Caro Giancarlo.
Scusa il ritardo ma sono stato un po' fuori e un po' a casa ma molto impegnato.
Il flauto di cui hai chiesto notizie è un Moceno boliviano. E' un flauto lungo che presenta il foro di insufflazione separato dal resto della canna e montata in un pezzo di canna a parte. I due pezzi di canna (spero si veda dalla foto) sono congiunti fra di loro, questo sistema consente di soffiare non proprio all'estremità dello strumento, che essendo lungo risulterebbe scomodo da suonare. Lo scivolo si trova comunque nella canna grossa e lunga e non in quella piccola. La struttura riprende quella del flauto armonico, infatti è in grado di prendere note sia molto basse che acute.
Lo strumento è colorato con una tecnica già discussa in passato nel forum: colore coprente e disegni ottenuti raschiando il colore.
Circa il tipo di canna...bambù o quello che è non lo so.... ma un peruviano con cui ho suonato per molto tempo mi ha detto che da loro esiste una varietà di canna particolare, con cui realizzano i loro strumenti a fiato.



Moceno boliviano, detto anche Mohozeno.






Risposta Condividi


[731]   
Da: Michele 
(Sicilì)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[28-10-2008]  
Circa invece le tue flautocarine... guarda che ho fotografato in un mercato equo e solidale a Petralia Sottana, in occasione della fiera della castagna...







Risposta Condividi


[732]   
Da: giancarlo 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[28-10-2008]  
Grazie Michele!
Il flauto è molto bello.
Di quelli che somigliano molto alle flautocarine, non hai chiesto notizie?
...Tipo provenienza (peruviane?), da quando le vendono ecc.?
Certo che è strano!!!!
...Esistono brevitti nazionali e internazionali!!
:-)))


Risposta Condividi


[733]   
Da: Michele 
(Sicilì)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[28-10-2008]  
Purtroppo non sono riuscito a chiedere perchè ero con gli amici e sai com'è... mi tiravano, ho comunque comprato lì un flauto (€.1,60) di fattura bagladeshiolitana, ma ricorda molto i flauti sudamericani, l'ho preso perchè mi piaceva il disegno e perchè era accordato bene, appena posso posto la foto, magari per qualche delucidazione, se qualcuno lo conosce...


Risposta Condividi


[734]   
Da: calogero 
(licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[29-10-2008]  
buon giorno a tutti
un friscaletto in RE minore porta con se 5 bemolli ( per lo schema che ho riportato).
le dimensioni sono simili al friscaletto in DO con la variante che a posto del LA finale dovebbe uscire il SIb?
quindi solo 2-3 cm in meno del friscaletto in DO????????

Risposta Condividi


[735]   
Da: Michele 
(Sicilì)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[29-10-2008]  
Calogero il Re minore è la relativa minore di Fa maggiore, per cui hanno stesse alterazioni, nel caso specifico solo il Sib.

Risposta Condividi