www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Sabato 25 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Giancarlo Petti 
  Costruttori di flauti di canna.
[06-07-2007]  
Vogliamo provare a fare un censimento dei costruttori di flauti di canna, magari per Regione?

Risposta Condividi


[46]   
Da: Giancarlo Petti 
(Montefalcone)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[26-09-2007]  
Eoardo, "l'effetto conico" è proprio la cosa a cui pensavo quando ho visto la canna alla rovescio.
...Secondo me tu la sai lunga, anche se non vuoi farlo capire.
Comunque "l'effetto conico" si può sfruttare anche con la canna dritta, scegliendo quelle naturalmente più sottili verso il nodo.
Se non fosse possibile, poco male: avrammo solo una piccola differenza nella distanza tra i fori o nel diametro degli stessi.
L'effetto "soffiato" può dipendere da vari fattori:
1) la finestrella potrebbe essere troppo lunga
2) lo spazio tra la zeppa ed il fusto potrebbe essere troppo largo
3) il diaframma-nodo è stato troppo allargato, in rapporto alla forma complessiva dello strumento
4) il flauto è troppo "grosso" in rapporto alla tonalità (il primo foro inferiore mi sembra troppo lontano dalla parte finale della "culazza".
Non preoccuparti però, ....anche a me spesso escono non perfetti.
Sono ugualmente belli ed adatti ad imparare a suonare.

Ma ripeto quello che ho sembre detto: ogni canna è una storia a parte!

Saluti.

Risposta Condividi


[47]   
Da: Avvocatista 
(Lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[26-09-2007]  
Vediamo se stavolta ne sa qualcosa qualcuno...

perchè un anziano costruttore usava bollire le canne per i flauti nella cera d'api?

siete a conoscenza di questa pratica?

Risposta Condividi


[48]   
Da: Giancarlo Petti 
(Montefalcone)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[26-09-2007]  
Ciao Avvocà!
E' una pratica che qualcuno usava perchè la cera dovrebbe riempire i pori lasciati liberi nel legno dall'acqua residua che evapora.
Non è necessaria se la canna che si usa è stagionata bene, almeno un anno dopo la raccolta che deve avvenire in dicembre a linfa assente.
...Vado di fretta, ma ne riparleremo!
saluti.
Giancarlo.

Risposta Condividi


[49]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
Questi sono altri due dei miei flauti di canna.
Come potete vedere si tratta di un tradizionale friscaletto siciliano a 7+2 fori e un traverso, costruito sul modello di un "piffero" Piemontese.

piccolo O.T.
I due flauti poggiano su un tamburo a cornice molto vecchio con pelle d'asino che mi è stato donato da un collega. Avrebbe bisogno di una "tirata di pelle" essendo rimasto per anni in una cantina. Se qualche anima buona si offre... io con le pelli sono un disastro!









Qui potete ascoltare il suono del traverso. Il tamburo di sottofondo è suonato da uno dei miei ragazzi del laboratorio di musicoterapia che, nonostante le gravi difficoltà motorie, come sentirete, riesce anche a tenere discretamente il tempo ;)
http://www.exaequoclub.com/traverso.mp3

circa 580K

Risposta Condividi


[50]   
Da: Avvocatista 
(Lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
Io sconsiglierei di smanettare su quel bellissimo tamburello.

In un caso analogo ho visto inserire tra la pelle e la cornice - con molta delicatezza - uno spago da imballaggio.



Risposta Condividi


[51]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
Bisogna inserire lo spago delicatamente, per non danneggiare la pelle, con l'aiuto di uno stecchetto in legno con la punta arrotondata, ma bisogna esercitare una certa pressione per ottenere, per attrito, il tiraggio della pelle.
Dopo lasciala un pò al sole o comunque esposta ad una fonte di calore vivo: caminetto o fiamma.
Dovresti migliorare la situazione.... speriamo!
Giancarlo

Risposta Condividi


[52]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
Proprio per questo io nemmeno ci provo.....
Ogni tanto ho provato a lasciarlo un pochino (non troppo) al sole e l'effetto si sente...ma dura decisamente poco.
Mi spiace però tenerlo così... praticamente insuonabile

grazie comunque per i preziosi consigli...

Risposta Condividi


[53]   
Da: Avvocatista 
(Lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
Altrimenti suonalo alla lucana.

Come sai spesso noi non gradiamo gli armonici e bagnamo le pelli proprio per ottenere l'effetto CUPO:

Tuppete_Tuppete_Tuppete

Risposta Condividi


[54]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
Anche io non amo particolarmente gli armonici (sul tamburo) ma questo diventa davvero troppo "cartonato". Inoltre tieni presente che è pelle di ciuccio...
Spero non verremo bacchettati per essere andati troppo O.T.

Risposta Condividi


[55]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
Il Topic lo lanciato io e sono ben lieto di ospitare anche i ciucci!
Nel mio paese ne sono rimasti solo due!
Dico rimasti, non comprati da poco, nel senso che da sempre i proprietari li accudiscono e li usano ... al posto della macchina.
Non a caso, da noi si chiamano "vetture" (pronuncia Vttiur)!!

Risposta Condividi


[56]   
Da: Alfonso 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
Edo, ma la nonna non t'ha detto niente ? non è che vi voglio spaventare ma è meglio che si sappia che anche l'alloro è tossico, tant'è che la nonna ne raccoglieva le foglie prima dell'estate e le seccava all'ombra per qualche mese prima di usarle per insertare i fichi secchi in settembre, a le raccoglieva con tanto anticipo perchè da fresche sono tossiche ma col tempo la tossicità si attenua fino ad essere tollerata (per dosi ragionevoli), occhio !

io che sto facendo ancora la gavetta mi alleno usando i tappi di sughero, ma quando capita uso anche il salice o il pioppo

Risposta Condividi


[57]   
Da: Ronna Paulina 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
<non è che vi voglio spaventare ma ... anche l'alloro è tossico, ...le foglie ... da fresche sono tossiche ma col tempo la tossicità si attenua fino ad essere tollerata (per dosi ragionevoli), occhio !>


Eh, infatti, scusate l'intromissione, noi Pitonesse diviniamo meglio se aspiriamo i fumi dell'alloro crepitante, sapete? Bssssssss... ! Torno nell'antro coi serpenti...

Risposta Condividi


[58]   
Da: Alfonso 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
Ronna ! torna nell'antro, questo è un topic serio..

Risposta Condividi


[59]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
Mannaggia alla nonna!!! Pensare che lei ci cucinava pure... ecco perchè sono così acciaccato!
E io che invece mi vado a fidare di:
http://www.vitanaturale.it/piante_medicinali_tossiche/piante_medicinali_tossiche_a.php

dove si recita: "Alloro Laurus nobilis Considerato relativamente innocuo se assunto in quantità appropriate per brevi periodi di tempo".

quello decisamente più tossico è invece:

"Alloro di montagna Kalmia latifoglia Considerata pericolosa, soprattutto per i bambini, per le persone oltre i 55 anni e per coloro che ne assumono quantità superiori a quelle consigliate, per lunghi periodi di tempo ".

da notare la definizione dell'ORTICA. Chi non ha mai mangiato un buon risotto alle ortiche? A me pare molto simile a quella dell'alloro:

"Ortica Urtica dioica Considerata relativamente innocua se assunta in quantità appropriate per brevi periodi di tempo".

Da notare inoltre che si parla di "assunzione". Ora, è vero che uno può stare anche ore ed ore con il ciufille in bocca, ma da qui a considerare "assunzione" questo gesto ... beh. Inoltre, l'alloro che io utilizzo è la prima specie citata e non la seconda (vivo in riva al mare e non c'è l'alloro di montagna) Inoltre parliamo quasi sempre di rami quasi secchi o in via di essiccazione. A scanso di equivoci comunque, farò le zeppe con il sughero come te caro Alfonso ;)))

Mi chiedo invece quanti morti ci saranno stati in Sicilia dove la tradizione vuole che le zeppe vengano fatte con l'oleandro che è DECISAMENTE più tossico.

Ahhhh, dimenticavo. Non passate mai da Viale Marconi il Sabato pom con un ciufille in bocca...è ALTAMENTE TOSSICO!!!

:)))) Ciao bella gioventù!!


Risposta Condividi


[60]   
Da: Alfonso 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[27-09-2007]  
certo, immagino che nessuno abbia mai subito seri danni ciufolando in una canna, anche perchè se parliamo di tossicità dovremmo distinguere fra le varie parti della pianta, la nonna per esempio mi diceva che I FIORI di oleandro erano tossici, le altre parti non so..,.

è chiaro che la concentrazione di sostanza tossica può variare sensibilmente secondo se parliamo di radici, foglie, fiori, frutti, parti legnose ecc... ma pure io direi che possiamo continuare tranquilli e che eon corriamo grossi rischi..

comuqnue i tappi (di sughero) si sono sempre usati, e vanno bene in quei casi un cui non c'è una esasperata ricerca della perfezione, in effetti hanno la controindicazione che la superficie del canaletto non è perfettamente levigata come si può invece ottenere con i legni,

ma presentano il vantaggio della facile reperibilità e lavorabilità, e se c'è qualche imperfezione nella tenuta si può dempre adoperare un pò di cera..

questa estate ho preso un appalto di "ritiro sugheri" con un ristorante cilentano e in circa tre mesi mi sono fatto una scorta di tappi (usati ) che mi basterà per i prossimi anni, e comunque anche fra i tappi ci sono tappi e tappi !

ma questa è un'altra storia..



Risposta Condividi