www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Sabato 25 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Alfonso 
  evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[07-03-2007]  
Ammesso che interessi a qualcuno, vorrei dire la mia OPINIONE su: Come si fa a fare una cosa “secondo tradizione”:

All’appropinquarsi del Natale nel Cilento si usa fare un dolce che si fa solo in quell’occasione, le pasticelle, per farla breve una specie di tortello fritto ripieno di una pasta dolce.

Quello che caratterizza questo dolce sono TRE COSE: la forma rotonda, l’esistenza di una farcitura e il metodo di cottura (frittura), ebbene, pur rispettando queste TRE COSE, da un paese all’altro del Cilento non si vedono due pasticelle uguali, e anche nello stesso paese c’è differenza fra la quelle fatte da una famiglia e quella di un’altra,

anzi, siccome è usanza sotto Natale scambiarsi questi dolci e quindi ci si ritrova con la credenza piena di pasticelle di ogni provenienza, un pranzo di Natale non è tale se arrivati al dolce non si comincia il gioco di “indovina di chi è la pasticella !” , e quindi giù ipotesi, scommesse, illazioni ecc..: “questa è di zia Catarina!” perchè si sentono le pere cotte ! , “questa viene da Torchiara, solo loro ci mettono le castagne !” oppure “quella è di commare Rosina” è bianca come la faccia sua ! oppure “questa è di montagna” (cioè dei paesi lontani che non guardano sul mare..), salvo inorridire davanti a qualche “esemplare” cotto al forno anziché fritto.. (sperimentazione/contaminazione..)

e allora se gli ingredienti e il risultato sono diversi mi chiedo, dov’è la tradizione ? è semplice: nel rispettare le TRE COSE ma soprattutto nel rigore DEL METODO, cioè nel procedimento usato per arrivare al risultato.
Mi spiego: per fare la farcia delle pasticelle non mi faccio arrivare le nocciole da Benevento né le prungne dalla California, uso i prodotti locali, quindi se sto a Torchiara ci metto le castagne, se sto a Acciaroli ci metto i pinòli, SI E’ SEMPRE FATTO COSI’ eppure le pasticelle vengono sempre diverse, perché i prodotti cambiano, le colture pure, se un’anno mi regalano le noci ci metto le noci ! ma allora dov’è la tradizone, ergo:

se mi faccio arrivare le prugne dalla California commetto una “contaminazione”, se ci metto le noci che mi hanno regalato “sto rispettando la tradizione”, LA TRADIZIONE E’ SOPRATTUTTO NEL RISPETTO DEL METODO, E QUESTO PERMETTE LA NATURALE EVOLUZIONE.

Ecco che non c’è nessuna contraddizione tra tradizione ed evoluzione, anzi vanno a braccetto, la tradizione si evolve da sé, è in continua evoluzione, fare le cose secondo tradizione non significa farle UGUALI ma farle con METODO UGUALE, se non fosse così oggi Marcello Vitale suonerebbe la “mascella di cavallo” e Alessandro Mazziotti studierebbe ancora il suono della sua panza durante la digestione.

Questa premessa era per riallacciarmi al discorso sull’uso del compensato nella costruzione delle chitarre battenti, secondo il mio (sopraillustrato) modo di pensare, chi negli ultimi decenni ha realizzato chitarre battenti in compensato, non ha fatto altro che rispettare la tradizione che prevede che queste si facciano con il legno disponibile, delle proprie zone e comunque nelle proprie disponibilità, non credo che i falegnami/liutai si facessero spedire le tavole armoniche di abete della val di fiemme COME INVECE SI FA OGGI, e sono questi che, secondo me E AL DI LA’ DEI RISULTATI CHE POSSONO ANCHE ESSERE ECCELLENTI, non rispettano la tradizione (ammesso che gli interessi farlo..)


Risposta Condividi


[46]   
Da: giuseppe 
(modena)
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[04-10-2007]  
si alfo' nel punto vita, ascoltando il suono mi sembrava che la musica usciva anche dai fori,( forse una mia impressione)
alfo' come sei messo con le cinchie????? ho le altre fammi sapere ciao e buona musica a tutti

Risposta Condividi


[47]   
Da: Alfonso 
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[05-10-2007]  
Giusè, comunque è deciso, la prossima nasce co' li recchie.. e la chiamo Giuseppina !
la cinghia che ho sotto adesso comincia a sgranare troppo, però ora è un periodo che non la userò almeno fino a novembre, tranne qualche piccolissimo lavoretto, poi a novembre-dicembre metto su quella che mi hai mandato adesso e dovrà lavorare molto, dovrò fare un pò di castagnette, che sono in assoluto la cosa più faticosa, anche per i poveri attrezzi !

Risposta Condividi


[48]   
Da: Alfonso 
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[12-10-2007]  
il nostro amico Giuseppe mi ha confermato che dalle parti sue fanno le recchie alle battenti una volta ultimata la costruzione, usando uno spiedo arroventato, c'è qualcun'altro a conoscenza di questa usanza ?

e il nostro un pò latitante Marcello che ne pensa ?

Risposta Condividi


[49]   
Da: alfonso 
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[07-01-2009]  
cari ragazzi se qualcuno fosse interessato vi ricordo che in questa pagina http://www.alfonsotoscano.it/battente-costruz.htm sto iniziando a descrivere passo per passo la costruzione di una chitarra battente, chiunque volesse può intervenire con domande, consigli ecc..





Risposta Condividi


[50]   
Da: Alfonso 
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[09-01-2009]  
continua l'agggiornamento..e invito eventuali interessati a farsi vivi

Risposta Condividi


[51]   
Da: Nicola 
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[09-01-2009]  
ho iniziato a leggere qualcosa. molto interessante. Continua a scrivere non si sa mai che ne esca anche un bel libro o qualcosa di simile!!! Ciao Nicola
P.S. Carnevale si avvicina hai pensato di fare un giro dalle mie parti? fammi sapere

Risposta Condividi


[52]   
Da: Alfonso 
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[09-01-2009]  
caro Nicola grazie dell'incoraggiamento,
magari farò un salto a Montemarano e te lo faccio sapere certamente, abbracci a Razziella e Lioncino

Risposta Condividi


[53]   
Da: guglielmo 
(pozzuoli)
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[13-01-2009]  
Alfò, premesso che ho difficoltà a piantare un chiodo nel muro e pertanto non mi cimento con costruzioni di alcun genere, volevo segnalarti il seguente sito che forse contiene informazioni interessanti tra cui l'algoritmo di calcolo della suddivisione della tastiera in base alla lunghezza del diapason

http://www.rafaellopezehijo.com/index.htm

A presto

Guglielmo

Risposta Condividi


[54]   
Da: Gigi Rizzo 
(Monopoli)
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[06-02-2009]  
Scusate mi intrometto, intanto saluto a tutti,
Alfonso prima che esco pazzo, che sono quei numeri prima dei
singoli messaggi ?

se sono date siamo già nel futuro?

fatemi capire.

Gigi Rizzo

Risposta Condividi


[55]   
Da: Gigi Rizzo 
(Monopoli)
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[06-02-2009]  
Scusatemi,
ma non prendetemi per scemo,
solo ora mi sono accorto, dopo aver inviato il precedente
che erano date giuste, solo che le leggevo come se fossero
febbraio e no gennaio, percio mi sembravano strane,
mi rendo conto che la senilità inizia anche così,
eppure mi sento così giovane!!!
Spero di fare nel prossimo futuro interventi più intelligenti,
in questo caso ho fatto pure la rima.

Gigi Rizzo

Risposta Condividi


[56]   
Da: Gigi Rizzo 
(Monopoli)
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[08-02-2009]  
La spiegazione per la costruzione del manico è molto chiara e dettagliata,
non credo che ci possano essere problemi per nessuno, in quanto suffragata
da esplicite foto che rendono perfettamente l'idea del tuo dire, credo che potremmo
passare, almeno per quanto mi riguarda alla fase successiva.

Resto in trepida attesa.

Risposta Condividi


[57]   
Da: alfonso 
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[08-02-2009]  
ma perchè, già hai finito il manico ?!?

Risposta Condividi


[58]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[08-02-2009]  
Buonasera Alfonso e buonasera maestro Rizzo!
Certamente per un maestro come Gigi Rizzo, abituato a tornir Zampogne,costruire ance, otri, lavorare la pietra ecc.ecc, non deve essere stato molto difficile realizzare un manico.
Per chi non lo sapesse lui è un gran costruttore e suonatore, punto di riferimento di molti zampognari.
"Folgorato" dalla zampogna acquistata del 2002 dal maestro Gerardo Guatieri di Scapoli, diventa in pochi anni, un grande artista ed artigiano della zampogna!
E' molto noto nell'ambiente!!!!
...mi scusino il maestro Rizzo ed il maestro Toscano, ma ci tenevo a farlo sapere a chi non lo conscesse.
Sauti, Giancarlo Petti



Risposta Condividi


[59]   
Da: alfonso 
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[09-02-2009]  
caro Giancarlo conosco bene il Maestro Rizzo per averlo incontrato in più occasioni, e per lui parlano la sua zampogna e le belle campane intarsiate dalle sue abilissime mani,

sono certo che per lui fare quattro tagli e incollare due pezzetti sia una sciocchezza, ma io speravo che documentasse anche lui il lavoro in modo da aggiungerlo a quello degli altri "autocostruttori" che sono già nella pagina dedicata alla costruzione,

sono certo che se dispone di una macchinetta digitale lo farà con piacere, inutile dire che lo scambio di informazioni può essere ultilissimo a me e a tutti noi,

Risposta Condividi


[60]   
Da: Gigi Rizzo 
(Monopoli)
  Re: evoluzione/tradizione nella costruzione della battente
[09-02-2009]  
Cari amici Alfonso e Giancarlo,

sono lusingato dalle belle parole che avete speso per me, non chiamatemi maestro,
sono un modesto ragioniere con un'attività commerciale da portare avanti con
i miei fratelli (vendo prodotti siderurgici e ferramenta per i fabbri), con questo
lavoro soddisfo la pancia e tutto il lato materiale della vita, con l'arte nelle sue varie
sfaccettature soddisfo lo spirito.
Maetro sei tu Alfonso che insegni a me il tuo sapere, io ho solo la volontà e la
capacità di raccogliere al meglio questo tuo donarti agli altri, sono stato molto fortunato
ad incontrare tanti "Maestri" che hanno avuto e hanno l'intelliggenza di trasferire
ad altri il loro sapere, rendendo ancora più preziosa la loro esistenza stessa,
ne cito alcuni a cui gli debbo eterna riconoscenza, Leonardo Lanza, Antonio e Vincenzo Forastiero,
Luigi Ricci, Leonardo Riccardi, Michele Strollo di Colliano, Pinello Drago e Salvatore
Vinci dalla Sicilia, Domenico Gazzaneo in Calabria, loro mi hanno insegnato
con l'esempio visivo alcuni particolare che hanno suscitato in me l'interessse
a costruire la zampogna, io ho messo la mia manualità, la mia volontà e tutto
l'amore trasferitomi, insito in quelle persone su citate, fatto di semplicità,
ospitalità e creanza, scusatemi mi sono dilungato, ma è troppa la passione che nutro
e che vorrei trasferire a parole agli altri.
Mi dispiace per alcuni giovani che vanno per la maggiore, che si sentono dei
mammasantissima, li vorrei più umili, più simili a quegli anziani pastori, che pur
miseri pensionati, quando li vado a trovare si sentono orgogliosi di essere
ancora considerati, pur non suonando più e ultraottantenni ti invitano al loro
tavolo e con un pezzo di pane e formaggio e un bicchiere di vino, ti raccontano la
loro vita.
Giancarlo, scusami ma non riesco a collegarti ad un volto, l'alzaimer comincia a manifestarsi,
ho capito che mi conosci, ricordami chi sei e dove ci siamo incontrati.
Promesso che appena comincio vi mando foto inerenti, è doveroso da parte mia.

Un saluto a tutti.
Gigi



Risposta Condividi