www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Lunedi 20 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Giancarlo Petti 
  Costruttori di flauti di canna.
[06-07-2007]  
Vogliamo provare a fare un censimento dei costruttori di flauti di canna, magari per Regione?

Risposta Condividi


[541]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[13-06-2008]  
lo so che sei oberato, ma per facilitarti le cose potresti farla per esempio al tuo paese

Risposta Condividi


[542]   
Da: giancarlo 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[13-06-2008]  
Per Alfonso:
Credo che sia ancora molto prematuro parlarne, però è un'idea da tenere in considerazione per il futuro.

Per Peppe: In un altro post si è parlato di come "preparare" e lavorare le ossa in liuteria, comunque in sintesi:
-occorre farle bollire un bel poco per poter eliminare ogni residuo di carne, tessuti, cartilagini
-meglio partire da ossa "vecchie" già pulite, trovate magari, come diceva, mi pare, Alfonso "in fondo a qualche burronne".
Queste sono state già ripulite da formiche ecc. , oltre ad essere ben sbiancate dal sole e dalle intemperie, (comunque fatele bollire per disinfettarle).
-Fatele asciugare e successivamente date loro una bella lavata con amuchina o "varrechina", per disinfettare ulteriormente.
-iniziarne la lavorazione, tenendo conto che piu tempo sono restate al sole e all'aperto e meglio è!
-sperare che nonostante tutte le disinfezioni fatte, non ci si trovi a dover fare i conti con qualche virus o batterio ribelle, o peggio ancora, con qualche prione (che non subisce affetti dei normali disinfettanti)! ...Ah..Ah..Ah! ...(naturalmente scherzo...però attenzione!)

-Nel taglio e nella lavorazione è buona norma usare la mascherina.
-L'odore che si sviluppa durante il taglio, non è molto gradevole (una puzza di bruciato...strana!)

-La zeppa di un flauto in osso, è difficile da realizzare, perchè ha dei contorni ed una forma molto irregolare, che segue l'interno dell'osso.
-va realizzata "per tentativi", tagliando e misurandola nell'alloggiamento un numero infinito di volte.
-il suo in genere è più acuto, dovuto... alle dimensioni del pezzo di partenza.

Saluti, giancarlo




Risposta Condividi


[543]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[13-06-2008]  
non per interrompere questo bellissimo topic ma per tenere le cose in ordine, accessibili e trovabili anche da chi non frequenta assiduamente il forum, consiglio se volete continuare di trasferirsi sul topic "flauti NON di canna", gia aperto..

Risposta Condividi


[544]   
Da: Calogero 
(Licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[22-06-2008]  
Giancarluccio....
questa è la prova che da oggi in poi mi potrai chiamare Nikon la macchina fotografica...








{{img:-1318898245}}

{ {img:-2142505802}}

Risposta Condividi


[545]   
Da: Calogero 
(Licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[22-06-2008]  












Risposta Condividi


[546]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[23-06-2008]  
Bravo Calogero!

Lo hai fotografato perfettamente!

Mi raccomando: quando sarai diventato un grande e famoso "produttore" di flauti di canna a livello industriale (bravo artigiano lo sei già!), ricordati di me e di a tutti: questo è uno dei modelli di flauto in canna (nello specifico in Re 6+1) che un amico molisano un po' pazzo, che pur avendo un sacco da fare, perdeva tempo a scriver nei forum, di nome Giancarlo, ha inventato.

....Vedi? ....avevo ragione a non mandare foto di altri pezzi unici!!!
....Sei peggio (o meglio?) dei giapponesi: fotografi (e riproduci) tutto, in maniera davvero eccezionale!!!

Ah...Ah...Ah!!! ....scherzo!...

Saluti, Giancarlo.


Risposta Condividi


[547]   
Da: Calogero 
(Licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[23-06-2008]  

l'ho costruito dopo aver visto il tuo, solo il tempo di cercare la canna giusta....
tenevo a farti vedere questa replica del tuo strumento, purtroppo la macchina fotografica mi è arrivata adesso
il diametro mi sembra un po piu piccolo rispetto al tuo, questo è di circa 1,7 cm (esterno), l'unico difetto che ha è l'ultimo foro che non è uguale agli altri fori, li ho fatto cilecca dovevo farlo un po piu in alto, cmq suona lo stesso bene... le note basse sono dolci e profonde per poi diventare squillanti e compatte con un solo aumento di insuflazione, a dir poco stupendo, secondo me è piu bello di un normale friscaletto in la (7+2)... poi sono gusti...

stai attento a non farmi vedere piu niente!!!... scherzavo, anzi, quando mi mostri la prossima invenzione?

mai nessuno s'è preso la cura di insegnarmi qualcosa ho fatto sempre tutto da me, montando smontando numerose volte i miei strumenti fino a raggiungere il livello in cui mi trovavo prima di conoscere gli amici del forum i quali ringrazio publicamente per i numerosi consigli di perfezione, cmq un ringraziamento speciale va soprattutto a te per i tuoi numerosi insegnamenti e per tutto il tempo che hai perso con noi...
grazie MAESTRO Giancarlo!
ora torno a studiare
un abbraccio Calogero.


Risposta Condividi


[548]   
Da: Giancarlo Petti 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[23-06-2008]  
Sei troppo gentile!
Non sono affatto un Maestro!
...Se poi per maestro intendi una persona disposta a insegnare qualcosa a qualcuno, per amor di tradizione, allora va bene.

Di sicuro saprai che "Tradere" è un verbo latino che sta per "consegnare".
La parola tradizione, ha quindi il significato di trasportare, di consegnare agli altri ed ai posteri un sistema, un insieme di regole, un ordine, un insieme di norme, sperimentate e verificate.

Tradizione sifignica anche "consegnare" per "conservare" ed io sono felice quando qualcuno decide di "conservare", attraverso il proprio lavoro e tempo speso, qualcosa di, originariamente e solo originariamente mio!

Certo, mi hai già detto che hai bisogno di vendere i tuoi flauti, allora di a chi compra quel tipo, che sono di tipo molisano o meglio di Montefalcone Nel Sannio, ideato da giancarlo petti.
Questa sarebbe la più bella ricompensa.

Calò, sei un allievo volenteroso e ti voglio fare un regalo: dimmi che tipo di flauto ti piacerebbe realizzare e che non sei riuscito a fare: vedrò di aiutarti.

PS: un foro diverso dagli altri non è un difetto, ma è garanzia dell'unicità ed artigianalità dello stesso strumento! In poche parole, dal mio punto di vista, lo impreziosisce.
Hai ragione, il suo suono è davvero bello!

...Non devi ringraziarmi di nulla.
Torna pure a studiare con serenità.
Ho tanti amici ad AVOLA... chissà!!!

Saluti Giancarlo.


Risposta Condividi


[549]   
Da: Calogero 
(Bennici)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[24-06-2008]  

ieri sera ho inciso anche il tuo nome vicino al mio, come ho tempo ti faccio vedere la foto,
cmq voglio che tu sappia che ho deciso di dare via solo e soltanto i friscaletti di mia costruzione e inventiva, per tutto il resto ho deciso di iniziare anche io una mia collezione personale che servira solo e soltanto come materiale dimostrativo, per tutti coloro che verranno a trovarmi, di una cultura che tutti noi stiamo cercando di conservare e tramandare...
Cmq non perdero l'opportunita che mi hai concesso,
una cosa che mi piacerebbe tanto realizzare è il clarinetto ad ancia battente ho visto solo la foto è non sono riuscito a capire il suo funzionamento, be tu hai detto flauto e io rilancio col clarinetto ... come dire mi hai dato il dito e io mi sono preso la mano...
ti chiedo scusa se ancora non ti ho inviato il tuo strumento ma per adesso cerco di non distrarmi e quindi concentrare la mia attenzione sullo studio . Ad Avola non conosco nessuno, cmq se scendi in sicilia fammelo sapere.
Calogero.

Risposta Condividi


[550]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[24-06-2008]  
caro Giancarlo, mi è capitata per caso un bel pezzo di canna molto spessa (4-5 mm) però con la cavità interna (ed esterna) di un ovale molto accentuato, pensi che valga la pensa di provare a farci qualcosa o me lo sconsigli ?

un'altra cosa: ti è mai capitato di vedere qualche flauto con la zeppa costituita da un pezzetto di canna opportunamente sagomata e messo in modo da infrangere il soffio sul filo dello scivolo della finestrella ?


x Calogero: caro Calogero, vedrai che è molto più facile fare un clarinetto ad ancia smeplice battente che un flauto...

Risposta Condividi


[551]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[25-06-2008]  
Ciao Alfonso.
-La canna di cui parli è molto "interessante" da un punto di vista "sperimentale".
Vale sicuramente la pena di utilizzarla per qualche strumento.

Chiaramente la costruzione sarà meno agevole e probabilmente "disturbata" dalla sezione così irregolare, ma fondamentalmente la procedura è la stessa.
Magari sarà più difficile realizzare la zeppa, ma avrai uno strumento unico, diverso da altri.

-Se per "zeppa costituita da un pezzetto di canna opportunamente sagomata", intendi dire piu semplicemente "zeppa piatta", certo che mi è capitato di vedere dei flauti funzionanti con quel meccanismo.

Sono quella famiglia di flauti di tipo veramente "pastorali" ed estemporanei, a dire il vero molto usati in molise.

Mi sembra di aver accennato qualcosa nei precedenti post, comunque esistono, dalle mie parti, diversi tipi di "zeppa piatta".
Possono dividersi in due famiglia: Zeppa piatta dritta e zeppa piatta inclinata.

La prima è una "tegolina" di canna, di larghezza costante, infilata in orizzontale che forma il canale in cui l'aria scorre, andando poi ad infrangersi sullo scivoletto.

La seconda è una "tegolina" di canna, da una parte più larga e dell'altra più stretta, cosa che la fa posizionare in maniera inclinata verso l'alto e verso lo scivoletto.

Entrambe dividono la sezione rotonda della canna, in due parti, una delle quali, quella inferiore,quando si soffia, deve essere chiusa con il labbro del suonatore.

Superiormente, possono essere lasciate con la curvatura naturale o leggermente appiattite.

Comunque, per farmi comprendere meglio, edrò di mandare qualche foto nei prossimi giorni.

Saluti, Giancarlo Petti




Risposta Condividi


[552]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[25-06-2008]  
Caro Calogero, ti ringrazio dell'apposizione del nome sul friscaletto realizzato con il mio aiuto.

Fai bene a preparare una collezione personale.
Lo avessi fatto anch'io, dall'inizio, ora ne avrei una immensa, ma non è mai troppo tardi, sicchè ne ho una discreta.

Chiaramente sei liberissimo di dare via dare via tutti i friscaletti che vuoi, così come sei liberissimo di imitare quelli pubblicati sul forum, da me o da altri.
Chi decide di scrivere o mandare foto e misure degli strumenti sul forum, metta in conto anche questa possibilità.

Parli però di strumenti "di tua costruzione e inventiva", intendi dire che ne hai ideato qualcuno?
Se è così, aspettiamo le foto con grande curiosità!

L' opportunita che mi ti ho concesso, riguardava chiaramente la realizzazione di un flauto ed era una piccola sfida con me stesso, perchè poteva anche darsi che tu mi avessi chiesto notizie di strumenti anche a me sconosciuti!

Ha ragione Alfonso: realizzare strumenti ad ancia semplice battente è piu facile che fare flauti di canna.
Prima però devi aver ben chiara la maniera di costruire un'ancia e di questo abbiamo parlato in passato e sono stati citati anche dei video, che si possono vedere, che aiutano molto.

Saluti, Giancarlo.


Risposta Condividi


[553]   
Da: Giancarlo 
(Montefalcone)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[30-06-2008]  
Ecco un flauto di canna a "zeppa piatta".

Il costruttore è Antonio Cordisco di Montefalcone Nel Sannio.








Risposta Condividi


[554]   
Da: Giancarlo 
(Montefalcone)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[30-06-2008]  
Ed ecco lo stesso flauto, con la zeppa tirata fuori.








Risposta Condividi


[555]   
Da: Giancarlo 
(Montefalcone)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[30-06-2008]  
Ed ecco un altro bellissimo esemplare di flauto Montefalconese.
E' un 4+1 (tipo canna della zampogna).
Di particolare ha (come il precedente) il taglio della finestrella e la zeppa.

E' un tipo di zeppa "piatta e inclinata", davvero molto ingegnosa, pratica, resistente, stabile e veloce da realizzare.

Non l'ho mai vista in altre zone d'italia.
Sarei grato a chi può testimoniare, magari con foto, l'uso in altre parti d'italia, di tali tipologie di zeppe.







Risposta Condividi