www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Sabato 20 Gennaio 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[511]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[10-09-2008]  
L’umanità purtroppo nun c’ha svorte
chi stà in sella se crede de stà bene
è perciò che continua a ffà la corte
(perché penza che certo je conviene)
a quello che considera er ppiù forte.
Ormai c’ha stò veleno nelle vene:
pe stà in sella s’acciacca li cojoni
… e vota tutto fiero pei padroni.


Risposta Condividi


[512]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-09-2008]  
Mao lo sò che so’ amari ‘sti bocconi
ma mò damo de mano all’organetto
che nun serve mannà maledizzioni
e godemose er nostro ber banchetto,
senza calacce troppo li carzoni,
fatto a suon de stornelli pettapetto.
In fondo, pe ballà ‘na tarantella
abbasta puro pane e mortadella!


Risposta Condividi


[513]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-09-2008]  
E che me dichi de 'na panzanella
cor pommidoro fresco appena corto,
cor vino che te scalla le budella ?
E prova, adesso, a dimme che ci'ho torto,
'ché doppo poi balla' co' 'na donzella
financo che nun cashi stracco morto;
'ché si er ballo è lungo oppure è stretto
dipenne da chi sona l'organetto.

Risposta Condividi


[514]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-09-2008]  
Co’ la cipolla e cor pommodoretto
la panzanella è il re delle merende
cor basilico sopra c’ha un aspetto
e un profumo che ppiù nun poi pretende
si doppo te ce bevi un ber goccetto
er lavoro tranquillo pòi riprende.
Ce pò concore solo la bruschetta
o n' ber panino co’ la cicorietta.


Risposta Condividi


[515]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-09-2008]  



Un giorno al mio paesello un ometto
riempiva alla cantina una 'cupella'
fu proprio allora che passò un soggetto
che andava a bere alla fontanella.
"Amico mio viè' quà fatte un goccetto",
"che l'acqua fa venì la sudarella".
Uscirono di lì ch'era già notte,
"una doga e vinu ce manchea alla otte"!!!

Peppino di Rosa





Risposta Condividi


[516]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-09-2008]  
Diceva nonno:” Annateve a fà fotte
voi che bevete l’acqua pe’ la sete
è sempre mejo er sugo dela botte
ch’er sugo de funtana che bevete.
Usate l’acqua pe’ le peracotte,
se a mme me date l’acqua m’accidete.
E quanno morse disse:”Mo c’ho sonno,
… chissà se ce stà er vino all’artro monno”


Risposta Condividi


[517]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-09-2008]  
Ero munello, senza le culotte,
quanno trovai mi' nonno all'osteria
che stava a spilla' vino da 'na botte.
Me chiese d'aiutallo e così sia,
così me 'mbriacai e bona notte;
de casa nun trovammo più la via;
fortuna che mi' patre, poveretto,
ce venne a carica' sopra'n carretto.

E me ricordo che da piccoletto
'na cura se 'nventò er sor dottore,
vedennome sur viso pallidetto:
- 'n bicchiere de marsala alle prim'ore,
e fatejelo beve co' l'ovetto;
vedrete che ripijerà colore.-
Infatti fu così, e ve lo giuro
nun ebbi più problemi ner futuro.

Risposta Condividi


[518]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-09-2008]  
L’ovo co’ la marsala, e er battimuro,
ddù passioni de quanno ero fanello
co’ l’ovo in corpo er punto era sicuro
e na’ vorta ce vinsi un ber cortello.
“L’hai vinto onestamente so sicuro,
ma se lo tieni io te ce sbudello!
Me disse nonno mio, ch’era n’omone,
… e lo ridiedi subbito ar padrone!


Risposta Condividi


[519]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-09-2008]  



Di quel che dici io ne son sicuro
su quella cura ricostituente.
"Ma con le mani suona un bel tamburo"
disse il dottor con tono convincente.
"Che quel pallore non è un male oscuro,
te lo può procurare solamente,
una tal particolare.... 'attività',
praticata tutti i giorni a quell'età".

Peppino di Rosa



Risposta Condividi


[520]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-09-2008]  
“Er vizzio de Sant’EGA, ce se sà,
te dà prima pallore e occhi cerchiati
ma poi te porta puro a cecità-
come spesso diceveno li frati-
perciò bisogna vive in castità
e rifugge da tutti li peccati!”
Io preferivo annare dalle moniche
che daveno facioli colle cotiche.


Risposta Condividi


[521]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[13-09-2008]  
Ce so’ certe pietanze che sò mitiche
pure se le magnaveno in campagna:
una tazza de vino co’ le perziche,
er presciutto nostrano de montagna
e, appunto, li facioli colle cotiche,
sempre cor vino inzieme che li bagna.
Ma si nun ce stà gnente, sono pratico,
va bbene er pane senza companatico.

Oddio, nun è che è tanto simpatico
magnasse er pane solo, si te tocca,
però, pe’ chi ricorda er tempo bellico,
la pagnotta è reggina dela bocca
perchè pe’ la fame è grande medico,
(magari ‘ntinta ar vino dela brocca).
Certo che ddù sarcicce, quelle autentiche,
cor pane, stanno in testa alle classifiche

Ce stanno pure le pietanze esotiche
(o pe’ la moda o pe’ curiosità),
io tifo pè quelle ancora zotiche
perché, quanno che magno, ho da magnà!
me rimbocco tutteddue le maniche
e che me frega se fanno ingrassà.
Quanno che moro e devo uscì de scena
preferisco de fallo a panza piena!


Risposta Condividi


[522]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[15-09-2008]  
Magari 'na crostata all'amarena;
ma qui s'allenta a cinta a li carzoni,
per cui è da finilla 'st'artalena
parlanno mo de digestivi boni,
che ponno accompagna' er doppo cena.
Co' grappe e amari, noi, semo campioni;
ne basta 'n bicchierino, è la prassi,
e te fa diggeri' pure li sassi.

Risposta Condividi


[523]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[15-09-2008]  
Sò sicuro che se n’abbisognassi
er diggestivo me lo pijerebbe,
ammesso che pè casa lo trovassi,
ma lo stomaco poi se crederebbe
ch’ è normale che io lo aiutassi
e er dovere suo più non farebbe.
Si lui nun diggerisce me dispiace
ma magno uguale quello che me piace!


Risposta Condividi


[524]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[15-09-2008]  
Lo vedo ch'a magna' tu sei capace,
se capisce da quanto tu ne scrivi,
e si nun magni, pare, 'n trovi pace,
'ch'è tra le cose che tu mejo attivi
e che te vie' ner modo più efficace;
nun è che in diggestione tu soffrivi,
la grappa nun se beve pe' gastrizia
ma pe' consolidare un'amicizia.

Risposta Condividi


[525]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[15-09-2008]  
Der Magnebbevi stò nella Milizzia
e pè l’amaro, grappa o p’er nocino,
tra amici, ogni occasione m’è propizzia
pè bevene de ppiù d’un pochettino
ma, siccome lo stomaco se vizzia,
io lo chiamo sortanto “goccettino”.
Che se invece, lo chiamo “diggestivo”
poi me s’abbitua a fare er lavativo !


Risposta Condividi