www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Domenica 16 Dicembre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[496]   
Da: mao 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[06-09-2008]  
ma diteme un pò, sta frenesia
de raccontare a tutti la durezza
come se fosse pur 'na malattia
tenerlo addormentato de stanchezza
lasciandolo dormir per cortesia
e non mostrarlo al vento ad ogni brezza
è questo il bello dell'età matura
sparare, ma mirar prima con cura.
ciao
mao

Risposta Condividi


[497]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[08-09-2008]  
Da troppo, 'sto discorzo, mo che dura.
Pe' quer che me riguarda, immantinente,
nun cambio l'argomento pe' paura,
è che dell'artrui 'ccello 'n frega gnente.
Pertanto mo, la cosa più sicura,
pe' ritemprare l'anima e la mente,
è de parlare de gastronomia,
de musica, de donne e così sia.

Risposta Condividi


[498]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[08-09-2008]  


Non serve lavorar di fantasia,
come qualcuno aveva suggerito.
Se una sera ti trovi in trattoria,
mangiando una bistecca o del bollito
ti dà sollievo e infonde l'allegria,
pare che tocchi il cielo con un dito.
Se poi una bella donna t'accompagna
quella serata diventa una cuccagna.

Peppino di Rosa



Risposta Condividi


[499]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[08-09-2008]  


Non serve lavorar di fantasia,
come qualcuno aveva suggerito.
Se una sera ti trovi in trattoria,
mangiando una bistecca o del bollito
ti dà sollievo e infonde l'allegria,
pare che tocchi il cielo con un dito.
Se poi una bella donna t'accompagna
quella sera diventa una cuccagna.

Peppino di Rosa




p.s. Caro Alfonso ti chiedo di cancellare il post n. 498 in quanto l'ultimo rigo non è
un endecasillabo.
Saluto e ringrazio
Peppino


Risposta Condividi


[500]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[08-09-2008]  
Antipasto: prociutto de montagna
con po' de coratella, ma d'agnello,
e doppo tocca a 'na bella lasagna
accompagnata da 'n rosso vinello;
co' 'na 'nsalata mista de campagna,
ben ce sta un ruspante pollastrello.
'ché senza fa la panza troppo piena,
co' la compagna gusti er doppo cena.

Risposta Condividi


[501]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[08-09-2008]  
A Mao, che dici, ‘sta cantasilena
che se conclude sempre a San Frattàmo
è normale de ogni doppo cena
oppuro è un:”Aiutatece, affogamo!”
lanciato a quarche Santa Maddalena
che fà l’orecchia sorda a quer richiamo?
Tu le conosci ddue bbone de core?
O deveno da annà ar divino Amore?.


Risposta Condividi


[502]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-09-2008]  
Nun te scapicolla', mo tu nun core.
Nun te pija' 'sta pena, penza ar tuo.
Ch'a me e Peppino basta 'n po' d'odore
de una che ce stà, a piacer suo,
e che je serva un bravo sonatore,
che je la sona bene, a fasse 'n duo.
Insomma nun è solo: si se move.....;
è che sta sempre all'erta in ogni dove.

Risposta Condividi


[503]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-09-2008]  


Col mio ragionamento vado altrove,
cioè riporto il cibo in argomento
insieme a quella cosa detta 'love',
che per i musicisti è un gran tormento
e li costringe a far grandi manovre
per dominare invano il sentimento.
Perchè l'amore è come un'altalena
e a volte fa venire il mal di schiena.

Ora leggete questa cantilena
fatta di 'Matriciana' e Carbonara,
che fanno la comparsa sulla scena
con una 'Coda alla Vaccinara'
ed una 'Torta Rustica' ripiena,
se c'è qualcuno che ve la prepara,
insieme a 'Rigatoni alla Pajata'
con le classiche 'Penne all'Arrabbiata'.

Una zuppa di fagioli scodellata
nelle fette di pane abbrustolito,
questo piatto vien detto la 'Mpanata'
con le cotiche e salsiccie va servito.
E se non basta questa scorpacciata,
un pò di 'Costolette Scottadito'.
Per contorno vi fanno compagnia
'Carciofi alla Romana e alla Giudia'.

Se poi passate per la Lombardia,
'Risotto e Cotoletta Milanese',
la 'Pasta con le sarde' è un'armonia
ma senza il 'Pesto alla Genovese',
Il 'Fegato alla Veneta' in corsia
con tanta 'Soppressata Calabrese'...
...La sete la si toglie con il vino
bevendo 'Cannonau' e 'Vermentino'!!!

Peppino di Rosa



Risposta Condividi


[504]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-09-2008]  
Già sento de 'sta robba l'odorino,
e me se scioje l'acquolina 'n bocca.
Già me so' messo a sede' ar tavolino
cor vino bello fresco ne la brocca,
co' la forchetta 'n mano, er bavajino,
'ché qui c'è da magna', sott'a chi tocca.
Se po' magna' come lupi mannari,
ma le bevute guai si nun so' pari !

Risposta Condividi


[505]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-09-2008]  
Mi nonna, ch’era fja de contadino,
sapeva cucinare ogni pietanza,
ma je piaceva tanto er semmolino,
mi nonno la sfotteva: “hai mar de panza?"
“No, rispondeva lei, tu sei burino
ma te sei abbituato all’abbondanza,
io so nata burina tale e quale
ma quanno magno ancora sò frugale.”


Risposta Condividi


[506]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[10-09-2008]  
Saggezza de le nonne. Nun c'è uguale;
'ché patirono fame e carestia.
Pe' loro la salute 'nè banale,
e magna' poco resta 'na mania.
La mia mai conobbe l'ospedale,
però beveva tanta marvasia;
co' l'acqua ce puliva i pavimenti
e tutti, drento casa, era contenti.

Risposta Condividi


[507]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[10-09-2008]  
Quanno mi nonno stava coi parenti
o co’ l’amici a cena oppure a pranzo
diceva: “Ve pijasse ‘n accidenti
bevete er vino che ce nn’ho d’avanzo
mentre che sò lontane le sorgenti
e l’acqua devo falla beve ar manzo.
Pe’ l’acqua tocca annà a la funtanella
mentre er vino ce ll’ho a la cantinella!”


Risposta Condividi


[508]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[10-09-2008]  
Pe' beve vino, sempre a garganella,
quann'eravamo in tanti ed assetati,
lo bevevamo da 'na botticella
uno pe' vorta, come li sordati;
lo facevamo usci' da 'na cannella,
'ché li schizzi 'n annassero sprecati.
Lì l'acqua nun veniva nominata
pe' nun fa' rovina' la cupellata.

Risposta Condividi


[509]   
Da: cericè 
(piccolo lazio)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[10-09-2008]  
Quanno la mietitura era iniziata
pe’ le campagne c‘era un gran calore
e la cupella doppo la magnata
girava sverta pe’ ogni mietitore
prima de ripijà la faticata
che durava ancora pe’ tant’ore!
E la parola d’ordine era quella:
Padrò, fà callo, dacce la cupella!


Risposta Condividi


[510]   
Da: mao 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[10-09-2008]  
cupelletta parea 'na cosa bella
col vino che nel ventre refrescava
te sentivi 'n so che nelle budella
e 'n vapor che la mente t'appannava
" forza cafò " gridava dalla sella
il primo servo mentre controllava.
e tu a corre pensando d'esse forte
il più veloce o il più vicino a morte.






Risposta Condividi