www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Sabato 25 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Giancarlo Petti 
  Costruttori di flauti di canna.
[06-07-2007]  
Vogliamo provare a fare un censimento dei costruttori di flauti di canna, magari per Regione?

Risposta Condividi


[496]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[16-05-2008]  
Da un pò di tempo, capita sempre più spesso, che alcuni di voi mi scrivano in privati, via e-mail, per avere consigli, su comee realizzare flauti e friscaletti, sull'intonazione, sulle scale ecc.

Chiaramente mi sto impegnado a rispondere a tutti, anche se credo sarebbe più utile, nell'interesse collettivo, di discuterne sul forum.

In particolare, Pippo dalla Sicilia, mi ha inviato un suo friscaletto, chiedendomi un parere e dei consigli su come migliorare la costruzione.

Dopo aver "controllato" il suo friscaletto e dopo avergli chiesto l'autorizzazione a pubblicarlo sul forum, riporto la mia risposta:

"Gentilissimo Giuseppe,
con grande piacere ho ricevuto il tuo friscaletto che conserverò gelosamente, nella mia collezione!

Dici di non averne avuto altri tra le mani?
Visto la bellezza del tuo friscaletto, è un po' difficile crederci!

Dal punto di vista estetico è molto curato e ben fatto.
La canna usata è bella, senza difetti, di colorazione perfetta, così come risulta molto piacevole la “brunitura” ottenuta a fiamma, anche se come ho già detto, io preferisco la colorazione naturale.

Le rifiniture “da taglio”, nella zona “becco-canaletto-finestrella”, sono curate, precise, nette, levigate alla perfezione, così come è molto ben rifinito la zona del “nodo”.

Molto bello il becco e la zeppa: praticamente perfette!
Belli i fori anche se qualcuno è leggermente “scheggiato” sul bordo.

Davvero complimenti!!

L'intonazione è quasi perfetta, e non potrebbe essere diversamente visto che sei un musicista,
giusto un po' calante il La a fori tutti chiusi e qualche piccolezza sulle note alte (Si, Sib), ma complessivamente è ottima!

La canna che pur si presenta stagionata a sufficienza, sembra essere stata raccolta in un periodo in cui non era completamente a riposo vegetativo (o mi sbaglio?) e lo si capisce dalle “rigature” dei canali linfatici, un po' in risalto, all'interno della stessa.

Quello che purtroppo non è ottima è la media difficoltà con la quale si ottiene l'emissione del suono:
serve molto fiato e occorre soffiare “forte” per ottenere le singole note.

Cosa puoi fare per migliorare?
-Innanzitutto pulire bene l'interno della canna, facendoci “roteare” una limetta o almeno usare uno straccetto bloccato su un bastoncino.
-“Affilare” un po di più lo “scivoletto”, rendendo il taglio più netto e sottile.
-Pulire meglio il bordo inferiore-interno dei fori.

- Il vero grande difetto, responsabile di quanto detto precedentemente, per l'emissione del suono è la finestrella troppo grande, per la misura della canna usata, avresti dovuto farla almeno un millimetro più stretta ed almeno 1,5 mm più corta.

Sperando di esserti stato utile, ti saluto cordialmente,
Giancarlo"




Risposta Condividi


[497]   
Da: Pippo 
((Sicilia))
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[17-05-2008]  
Carissimo Giancarlo, ancora una volta ti ringrazio pubblicamente per i preziosi consigli che ci dai, se puoi, posta qualche foto del particolare di uno scivoletto per farmi meglio l'idea, in quanto all'emissione di fiato credo non mi sarà difficile alleggerire, non sapendo, mi ero abituato a suonare così, da questo come ti avevo detto anche in privato si deduce che veramente non ho avuto altri friscaletti fatti da altri tra le mani o solo per una manciata di secondi, mannaggia alla gelosia, da quando frequento questo forum, anche se ho avuto solo il tempo di costruire pochissimi esemplari, devo dire che lo scarto si è ridotto quasi a zero, per questo vi ringrazio tutti.

Per avere un parere sull'estetica potevo pubblicare benissimo una foto ma per avere un parere su tutto ho ritenuto opportuno inviare un friscaletto a Giancarlo che lo reputo uno dei pionieri in materia.
Quest'anno ho raccolto canne da diversi posti, sia in marina che in montagna così potrò fare una selezione quali sono le migliori, purtroppo devo attendere che seccano.

Ciao Pippo

Risposta Condividi


[498]   
Da: Calogero 
(licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[17-05-2008]  
per Pippo.
io abito in una citta di mare e ho usato per la costruzione dei miei strumenti canne sia di mare che di pianura e onestamente devo dire che preferisco quelle di pianura distandi dall'ambiente salmastro, questo e un mio parere molto soggettivo...

per Giancarlo
anche Pippo ti ha sgamato... Ha capito anche lui che sei un grande...
per quanto riguarda la facilita di emissione del suono io la correggo 'giocando sulla finestrella' e sullo scivolo.. a volte se ho la voglia di farne uno squillante inclino un po le due pareti perpendicolari alla tacca dello scivolo e raccordo le stesse con il rettangolino che si crea tra la parte interna della canna e la zeppa facendolo diventare quasi di forma trapezia (ma non troppo) sono poche le frazioni di millimetri su cui lavoro..
solo che da un po di tempo mi succede una cosa (per me ) abbastanza spiacevole, mi è capitato negli ultimi friscaletti di intonare tutte le note fino al do alto (quindi tutto aperto tranne il foro di dietro) in modo impeccabile e poi ritrovarmi a forare l'ultimo foro di dietro per il re e sentire nello stesso tempo tre note differenti, mi spiego meglio, a seconda dell'emissione di fiato mi escono do diesis, re, e mi bemolle. la differenza di emissione , credimi, è minima!!! a te è mai capitato qualcosa di simile?( la domanda è rivolta a tutti) secodo te il problema quale puo essere? sto uscendo pazzo!!!
ho provato a cambiare zeppa, spingere la zeppa piu indietro, allargare il rettangolino da dove esce l'aria,modificare la finestrella in vario modo....
attualmente mi riescono bene 3 friscaletti su 10, ormai mi è rimasta quasi come una paura a forare l'utimo buco e 'APPIZZARE' una canna per cui avevo aspettato tanto tempo!!!!
secondo te dove sbaglio? e una cosa che prima non mi succedeva mai!!!!!!
AIUTOOOO!!!!!

Risposta Condividi


[499]   
Da: Calogero 
(licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[21-05-2008]  
forse ho capito dove sbaglio!!!
ho notato che negli strumenti che non suonano bene le finestrelle presentano lo scivolo corto, e quindi ,forse, il vortice d'aria uscente che si dovrebbe creare all'esterno non si adagia bene.... un po il suono si è assestato ma i friscaletti sono talmente rovinati a causa degli innumerevoli tentativi che ho fatto per aggiustarli che ormai mi resta soltanto di buttarli...

il flusso d'aria uscente provoca il suono nel momento in cui sbattendo contro lo scivolo inclinato si divide in due parti , uno verso esterno e l'altro verso l'interrno della nostra canna. ora il mio dilemma sta nel posizionare correttamente lo spigolo dello scivolo rispetto al rettangolinodella zeppa che si crea tra la zeppa e l'interno della canna.
all'inizio pensavo che il problema fosse il settimo foro( indice meno sx), perche di solito mi viene piu largo del normale
vi mostro uno schizzo per essere piu comprensivo

cliccate qui per vederlo: www.alfonsotoscano.it/beccogrande.jpg

Risposta Condividi


[500]   
Da: giancarlo 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[22-05-2008]  
Calò, ..ho il computer fuori uso!!!

appena posso ti rispondo.

Risposta Condividi


[501]   
Da: Calogero 
(licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[23-05-2008]  
l'immagine è troppo grande cerco ora di rimediare..

cmq secondo me, dopo tanti rigiri credo di aver capito che il problema sta nella finestra. ho dato via tutti i miei friscaletti e ormai non ne ho piu per orientarmi sulle dimensioni della stessa, pagherei per poterne rivedere almeno uno !!!!!!!!!
la cosa strana è che non ho mai sentito, o meglio letto, domande a tal proposito, quindi è un problema che ho soltanto io di non riuscire a stabilizzare il re alto ( tutto vuoto)
per il resto gli strumenti sono registrati abbastanza bene...
buuuuu, io non so piu che pensare, forse sara il fatto che amo costruire strumenti squillanti ed esagerando un po troppo con i tagli e colpi di lima mi escono fuori queste 'porcate'......?











Risposta Condividi


[502]   
Da: alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[30-05-2008]  
Moussà l'ha azzeccata in pieno:

“..Il flauto di canna non suona mai altrettanto bene quanto nella solitudine dello spazio, dove nessuno ascolta

(Moussa ag Amastane, “amenokhal” dei Tuareg Kel Ahaggar)




Risposta Condividi


[503]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[02-06-2008]  
cari flautari, flautaròli, fruscarieddàri.. insomma voi che vi dedicate alla costruzione dei flauti, vorrei il vostro parere su questo attrezzo, ricavato da uno di quegli utensili cinesi che si trovano su tutte le bancarelle, opportunamente modificato per adattarlo alle esigenze di un costruttore di flauti di canna






l'attrezzo richiuso






Risposta Condividi


[504]   
Da:  
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-06-2008]  
Sembra un'idea eccezionale quella di provare a racchiudere tutto in un'unico attrezzo multiuso però:
le lame riescono ad essere affilate abbastanza? io uso un cutter e cambio spesso le lame, se si rovinano e continuo ad usarle corro il rischio di impiegare troppa forza in un taglio e....esperienza insegna... se ti scappa dalle mani e distrattamente non ti sei messo le mani bene rispetto allo strumento, rischi di perderci un dito... più sicura una lama affilatissima che ti fa usare poca forza (previo buon posizionamento prima del taglio, così se scappa non mi faccio male)
per essere completo servirebbe un succhiello per tracciare il foro prima della foratura, io lo faccio sempre per evitare che poi il saldatore (o il trapano per chi lo usa) scivoli.
comunque può essere un buon punto di partenza per sviluppare uno strumento capace di fare ottimi strumenti...
Scusate l'assenza, si prolungherà ancora un po'... saluto tutti!


Risposta Condividi


[505]   
Da: Pippo 
((Sicilia))
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[05-06-2008]  
Ciao Alfonso, un attrezzo cinese multiuso potrebbe andare bene utilizzando le sole limette, la lama sicuramente da escludere, da quelli provati da me non si riescono ad affilare per bene come dice il post sopra senza nome, forse ha risposto Giancarlo, io personalmente uso un coltello forgiato a mano, con una semplice passata diventa affilatissimo, ho evitato sempre il cutter, lo ritengo pericoloso, troppo debole la lama, appena posso pubblico la foto del mio coltello.

Ciao Pippo

Risposta Condividi


[506]   
Da: Calogero 
(Licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[05-06-2008]  
ogni operazione ha bisogno del suo strumento di lavorazione.
è vero che si puo costruire friscaletti con pochi attrezzi... io prima adoperavo soltanto il cutter e una piccola lima, attualmente, uso non so neanche io quanti attrezzi....
alcuni li ho costruiti io usando la mia immaginazione altri li ho comprati,
credo di essere capace a costruire un friscaletto usando solo quel multiuso made in china'.. pero ci metterei sicuramente molto tempo in piu, (di solito impiego meno di un ora inclusa l'accordatura)
cmq a conti fatti lo consiglio anche a chi come me a tanti strumenti, non si sa mai potrebbe sempre servire...
ah... sono riuscito a risolvere il mio problema finalmente!!!!!!!!!!!!!!!!!
non ne sgarro piu neanche uno!!!!!!!!!

Risposta Condividi


[507]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[05-06-2008]  
caro Calogero, quell'utensile l'ho creato pensando all'avvicinarsi della bella stagione che è il periodo in cui pi possono verificarsi circostanze "di emergenza", diciamo un utensile "da viaggio", per esempio d'estate è facile che ci si possa trovare per qualche ora in campagna, o su una bella spiaggia, e trovare una canna che dice "prendimi prendimi"...

comunque l'ho collaudato e funziona, naturalmente ero certo che il nostro amico ingegnere dubitasse dell'efficienza di alcune soluzioni, conosco bene il modo di pensare della categoria avendo la disgrazia di averne uno (anzi una) in casa..,

cari Pippo e Giancarlo, il problema dell'affilatura esiste per me che non sono un affilatore di mestiere, eppure sono riuscito a renderla acettabile, ma mi sono riporposto alla prima occasione di portarlo ad affilare ad un professionista, che sono sicuro riuscirà ad affilarlo a dovere,

la lama per la finestrella poi è così sottile che l'affilatura è quasi superflua, e la punta per forare, opportunamente modificata, è ottima per forare senza che la canna si spacchi, l'ho provata più e più volte, e il gambo della punta per forare l'ho sagomato e affilato in modo da permettere un agevole allargamento del foro dopo forato,

caro Calogero, e ci vuoi dire come hai risolto il tuo problema oppure te lo vuoi mantenere segreto ?!?


un abbraccio a tutti

ps: Giancà, scapoli si avvicina.. stai lavorando sì ?

Risposta Condividi


[508]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[05-06-2008]  
Ciao Alfonso!
L'utensile da te realizzato è semplicemente stupendo!

Il problema dell'affilatura, è facilmente risolvibile.
Preciso però che il post, non firmato, che tu hai creduto fosse mio in realtà non lo era. (forse era Michele?)

Sarà stato il riferimento all'assenza che ti ha ingannato.

Sono reduce da un viaggio in germania, insieme ad un gruppo di amici suonatori e ballerini.

Norimberga ha potuto apprezzare, tra l'altro, le zampogne, le ciaramelle, i flauti molisani!

Scapoli è davvero vicina. Dovrò intensificare la produzione, anche se ho davvero pochissimo tempo a disposizione.

Calogero....dopo che ci hai assillati e preoccupati con il "tuo problema", dacci qualche lume!

PS: se ci metti meno di un'ora per fare un flauto, sei un costruttore.... da corsa!

Io in un'ora scelgo solo la canna ed il lato della stessa dove fare i fori, in considerazine della curvatura, della colorazione, del "germoglio" ecc.ecc.ecc.!!!

Due o tre ore per far finestrella, zeppa, canaletto.
Diverse ore per ...cambiare zeppa, se non mi soddisfa, forare e soprattutto accordare.

Uso pochisssimi strumenti: Taglierino, carta vetro, cacciavite per forare.

Risposta Condividi


[509]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[05-06-2008]  
caro Giancarlo proprio poche ore fa sono riuscito a trovare un dignitosissimo alloggio a Scapoli, l'anno scorso ho dormito per tre giorni di seguito per terra, nella palestra della scuola messa gentilmente a disposizione del comune, assieme ad un'altra trentina di malcapitati..,

se sorvoliamo sul fatto che affianco a me dormiva uno strano essere mezzo zampogna e mezzo uomo e con tendenza a gonfiare l'otre anche di notte, ripondente al nome di T.S., l'unico problema abbastanza serio era il bagno, e quindi per quest'anno mi sono premunito..

quell'attrezzo come dicevo certamente può essere migliorato, intanto quello che mi ha colpito è la robustezza e la precisione dei vari componenti dell'oggetto tanto che sospetto fortemente sulla sua provenienza, che forse ho superficialmente attribuito ai cinesi, per esempio il meccanismo che regge le varie lame è perfettamente scorrevole pur non avendo nemmeno 1/decimo di millimetro di gioco, inoltre il perno su cui ruotano le lame è costituito da una vite a cannocchiale di diametro adeguato (4 mm) e le cui a teste (con chiave a brugola da 2,5 mm) si incassano perfettamente nelle faccette del coltello rendendo tutto l'utensile solido e robusto, un bell'attrezzino considerando anche il prezzo, la pinza poi ha una presa perfetta

comunque a Scapoli mi porterò alcune canne a cui ho già fatto la finestrella e spero che troveremo il tempo e la tranquillità per farmi vedere dal vivo come procedere, ti dico subito che sono interessato a imparare la tecnica di costruzione dei flauti con un solo buco sotto e con il becco senza canaletto, quindi il tipo più semplice..



Risposta Condividi


[510]   
Da: Calogero 
(Licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[07-06-2008]  


ho risolto il problema aumenando la distanza tra la finestrella e il foro vicino ad essa,
in pratica avevo la tendenza a costruire strumenti un po piu corti del solito,
il La riuscivo ad accordarlo allargando l'internodo o accorciando l'estremita le altre note le accordavo pure mentre il nono foro del re non aveva stabilita.
grazie al confronto di alcune foto sono riuscito ad arrivare alla soluzione, adesso gli strumenti suonano bene ed è per me una grossa soddisfazione personale essere stato in grado di capire il perche di tale anomalia..
detto cosi forse puo sembrare adesso molto scontata la soluzione ma vi assicuro che per me non lo era anche perche su 11 note (la - re) 10 erano perfettamente accordate e 1 no...
cmq ormai è acqua passata ed un isegnamento in piu....

Risposta Condividi