www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 24 Aprile 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Betsabea 
  tre domande per Carlo
[08-02-2007]  
Caro Carlo.. tre domande:
1) ho visto il vostro sito, voi dite che volete fare“unicamente un lavoro di informazione e di conoscenza della cultura calabrese”… certo non è possibile mettere tutto in rete ma.. vorrei sapere se è realmente possibile usufruire del frutto delle vostre decennali ricerche sul campo. Non parlo delle rielaborazioni ovviamente, di cui tuttavia vai fiero, ma a me (e credo a molti) interesserebbe sapere se avete (o pensate di fare) un bell’archivio serio di tutto questo materiale.. sarebbe cosa sana e giusta oltre che meritoria!

2) A proposito della nostra discussione sulle contaminazioni e sul doversi avvicinare alle altre culture: il video dove canti pizzicarella mi ha fatto venire da piangere.. come mai?
(Nel video subito sopra invece c’è un saltarello -suonato e cantato- spacciato come tarantella calabrese (di Belmonte Calabro)..... ?????.... no comment)

3) Infine, caro Carlo, quando la farai finita a mettere in ogni topic e/o risposta su questo forum una foto o un logo o”una parolina su” Calabria Logos? Ti vogliamo bene anche senza tutte queste markette…


Senza rancor
Patrizia


Risposta Condividi


[31]   
Da: Maruko 
  Re: tre domande per Carlo
[13-02-2007]  
Hem, visto che sto alle "strette" mi copincollo:

"Dopo aver letto la "tua analisi di quello che penso", visto che è totalmente sbagliata e screditante nei miei confronti (nel senso che enuncia chiaramente cose non vere di cui io non mi macchierei mai) ti prego di chiarire che sono tuoi pensieri e la finisci con dignità."

E dopo quest'autocitazione non vedo nessuna domanda. Io ti sto dicendo di specificare che sono pensieri tuoi.

"Credi di essere migliore?"

Se ti riferisci a questa domanda scusami... in quanto da persona rompiballe, ma perbene, non posso autoconsiderarmi migliore o peggiore di qualcuno a priori. Soprattutto in questo caso dove il problema te lo poni tu, mica io. E l'ho spiegato con la lunga analisi che ho fatto sopra.

Ma mi sa che sto perdendo tempo... uff avanti, che altro c'è... spara...


Risposta Condividi


[32]   
Da: Betsabea 
  Re: tre domande per Carlo
[13-02-2007]  
In Italia-purtroppo-mi pare che non esista un vero e proprio corso di Laurea in Etnomusicologia, ci sono però delle cattedre, degli esami, ci sono delle tesi di dottorato e i corsi di perfezionamento (anche di specializzazione?). Non c’è dunque (e questa volta per fortuna) un “albo professionale”, quindi definire chi è un etnomusicologo e chi non lo è diventa spesso solo una questione di 'riconoscimento' da parte del mondo accademico e/o di pubblico. Il riconoscimento lo si conquista - in qualsiasi campo - con il duro lavoro.. (mio cognato il piastrellista comunque chiede se si vuole fare a cambio con lui..).

Naturalmente anche io non sono affatto d’accordo che questa sia l’unica strada: conosco molte persone che per il bagaglio di conoscenze definirei senza dubbio veri Etnomusicologi anche se non sono legati al mondo accademico (e a questa logica distruttiva e castrante: l’università, le pubblicazioni, il professore-barone..). Non parlo del 'informante nativo' (troppo facile) ma di gente come il già citato Valentino che per essere quello che è studia veramente tantissimo (sui libri e sul terreno) e.. alla fine infatti pubblica cose di qualità!
L’essenza dell’essere o meno un vero e bravo ricercatore secondo me è tutta qui: raccogliere, catalogare, ordinare, studiare, tentare di capire/spiegarev etc... e poi divulgare (pubblicare), mettere a disposizione degli altri il frutto del proprio lavoro.. in una parola far progredire la conoscenza (di tutti)… se una cosa la tengo per me non sono un vero ricercatore… se pubblico tanto per averci due titoli in più per il concorso tante grazie ma non sono un vero ricercatore… etc.

Io credo che Carlo possa a buon diritto considerarsi un etnomusicologo perché il suo curriculum e l’argomento dei suoi studi lo attestano (oltre che il tuo percorso di vita).
Mi piacerebbe dunque che la si facesse finita di dire che la mia è una “critica all’operato degli altri”. Io non critico niente perché (ripeto) continuo a non sapere niente di preciso su di loro, io ho mosso critiche solo sul modus operandi di Carlo all’interno di questa comunità e… ok anche su due cosette che non mi sono piaciute sul suo sito.

Intanto non ancora non sono riuscita ad aprire il filmato/intervista in cui c'è “la sintesi dell’ attività” dei CL: quindi insisto che mi piacerebbe che Carlo provasse a rispiegarcela: ovvero ho capito che come Gruppo musicale fanno concerti, spettacoli, teatro, riproposta etc. etc. ok, fin qui si tratta del “repertorio di un gruppo” che può piacere o meno, quello che ancora non capisco è quali sono appunto le attività dell’associazione “volte a promuovere e valorizzare il patrimonio musicale calabrese”! Ho chiesto troppo? ho chiesto male? Sono stata inopportuna? E vabbuò..

---

Lucio.. se ti interessa la mia opinione rispiegamelo come se (io) avessi sei anni: perché la domanda 2 o non l’ho capita o (se l’ho capita) allora non è vero che penso sia un bene…
Se invece vuoi imbarcarti in una dissertazione puramente accademica sull’argomento rivolgiti altrove: io al più ti posso spiegare come si fa ‘a Pastiera a Napoli…


Risposta Condividi


[33]   
Da: Semmentone 
(Pollena Trocchia)
  Re: tre domande per Carlo
[13-02-2007]  
Mi annoia doverti rispondere ulteriormente Caro Maruko, aspetto piuttosto la risposta di betsabea che a quanto pare pure si stà tirando indietro per mancanza di argomenti.

Risposta Condividi


[34]   
Da: Semmentone 
(Pollena Trocchia)
  Re: tre domande per Carlo
[13-02-2007]  
Mi sà manco quella Patrì....

Risposta Condividi


[35]   
Da: Semmentone 
(Pollena Trocchia)
  Re: tre domande per Carlo
[13-02-2007]  
Fammi capire cosa hai capito

Risposta Condividi


[36]   
Da: Betsabea 
  Re: tre domande per Carlo
[13-02-2007]  
Se proprio vogliamo ammorbare gli altri con questa discussione, che prevedo già difficile, allora ti invito ad aprire un altro topic, perchè qui aspetto nuove da Carlo, vuoi?

Comunque la mia non era una affermazione ironica: non ho capito la domanda.

Se vuoi essere così gentile da riformularla... non sono la Sibilla..




Risposta Condividi


[37]   
Da: Semmentone 
(Pollena Trocchia)
  Re: tre domande per Carlo
[13-02-2007]  
Per Ambros ma è possibile avere una risposta senza tergiversare?


Risposta Condividi


[38]   
Da: Betsabea 
  Re: tre domande per Carlo
[13-02-2007]  
Semmentò.. e falla finita va..


Risposta Condividi


[39]   
Da: Maruko 
  Re: tre domande per Carlo
[14-02-2007]  
Semmentò... ma che vuoi fare? Riosolare le congetio di un rupestre coitale o di un mefisto informatico? Ti prego di farmi partecipe dei lumici e dei nardini. Se non ti lussa...

Io credo fermamente che se opiscole congruano, ti fulvio di lavarmene un fatto.

Risposta Condividi


[40]   
Da: Semmentone 
(Pollena Trocchia)
  Re: tre domande per Carlo
[14-02-2007]  
Maruko a quanto pare ti avevo giudicato male perchè sei l' unico che ha colto nel segno della mia domanda.
Come sai un' opercolo malato della fondazione ndt ha introdotto in italia questa malsana abitudine che ha portato all' inspessimento dei codici di riferimento di tutti coloro che si occupano di musica di tradizione.Ed è in questo che si inserisce la mia riflessione sù Carlo Grillo ed il mio plauso per lui,difatti è uno dei pochi in italia ad aver avuto il coraggio di ammettere che nonostante il suddetto inspessimento lui avrebbe continuato a marciare dritto per la sua strada.
Ed i risultati sono evidenti ed ammessi dalla stessa Betsabea negli ultimi righi del suo ultimo post.
D' altronde in italia mi perdonerete ma abbiamo anche persone che la pensano come l' utente Avvocatista di cui leggo alcuni post in queste pagine, che decisamente farebbe rizzare il pelo al grifone,per quanto la sua desamina sull' alternanza tra giorno e notte (definiamola così con un pò di buonismo)nella musica di tradizione orale ha qui e là dei punti che in qualche modo convalidano la mia tesi precedente, e leggibile tra le righe della domanda n°2 che tanto ha messo in difficoltà betsabea(per quanto sia scritta in un italiano quanto mai corretto).
Lucio Semmentone


Risposta Condividi


[41]   
Da: Ronna Paulina 
(Emilia/Campania)
  Re: tre domande per Carlo
[14-02-2007]  
Caro Carlo,
ho visitato il tuo sito, soffermandomi solo un pochino perchè è ricchissimo.
Su un solo partiolare mi soffermerò. I Giganti di pietra a Campana mi hanno fatto sobbalzare di piacere e meraviglia. E’ vero, gli antichi sapevano utilizzare le pietre come catturatori di energia: esse manifestavano una potenza sacra. Sono stati i profeti, gli apostoli e i missionari a convincere il mondo occidentale che una pietra (già considerata sacra) non era che una pietra e in seguito a questo processo di dissacrazione della Natura l'uomo è riuscito a vedere un oggetto là dove i suoi antenati vedevano delle presenze sacre. La fede nell'energia della pietra non è ancora del tutto scomparsa nei paesi celtici: durante la seconda guerra mondiale, le pietre incantate a macchie di Inishmurray (co. di Sligo) furono "girate" contro Hitler!
Non entro in merito al particolare rabbrividente del sacrificio dei bambini (reminiscenza, "secondo me", antichissima di un tempo in cui il sacrificio umano non era ancora stato rimpiazzato da quello di animali e cereali, miele, arrosti, primizie alimentari, fave, uva, brocche di vino, cavallo, bue, montone, porco, capro...), poichè nel caso segnalato dal tuo sito potremmo trovarci, se le ipotesi della geologia venissero confermate, di fronte alla scultura preistorica più grande d'Europa; ma oltre a pensare che sotto di esse si nasconda un tesoro, sai se intorno alle Pietre dell'Incavallicata avviene o sia mai avvenuta una circumambulazione ? Te lo chiedo, perchè questa è una tecnica di guarigione usata ancora oggi; le credenze che attribuiscono alle rocce e alle pietre forze guaritrici e virtù fecondatrici sono molto antiche; le spose sterili andavano a strofinarsi, gonne alzate, contro le rocce in Bretagna. Oppure tra i contadini europei fino al principio del Novecento, le donne praticavano la "scivolata" lungo una pietra o la "frizione" sedendosi sui monoliti o strisciando il ventre contro determinate rocce. Vista l'antichità dei colossi di Campana, può darsi che nel passato essi assicurassero (oltre che la prosperità materiale, il “tesoro”) anche matrimonio, fecondità e un felice parto?
Continua con la tua passione! E grazie di averci parlato di queste “Pietre” giganti dotate, secondo le credenze, di energia particolarmente concentrata!



Risposta Condividi


[42]   
Da: Betsabea 
  Re: tre domande per Carlo
[14-02-2007]  
Non vorrei mostrarmi candide.. ma ancora non ho capito.. era una supercazzola la domanda due??!!






Risposta Condividi


[43]   
Da: Semmentone 
(Pollena Trocchia)
  Re: tre domande per Carlo
[14-02-2007]  
Betsabè ti ripeto è italiano corretto se non conprendi ciò che leggi quantomeno non dubitare sulla serietà
di ciò che è scritto.D' alronde non mi sembra così ostico dato che maruko mi ha risposto.

Risposta Condividi


[44]   
Da: Betsabea 
  Re: tre domande per Carlo
[14-02-2007]  
Tamarrazzi tutti e due!!! e certo che ti ha risposto tra voi vi intendete!

Ed io tapina che ci persi svariate ore notturne.. sobh!

Comunque finitela di stuprarmi il topic che sono in attesa di risposte da parte del grande assente..




Risposta Condividi


[45]   
Da: Luca 
(Caserta)
  Re: tre domande per Carlo
[14-02-2007]  
Si betsabè ma tu ci caschi sempre.....Ok oramai sono scoperto semmentone(in dialeto campano l' idiota,pollenatrocchia: si dice "provieni da pollenatrocchia" di chi si ritiene sia fuori dal mondo,dunque non dite che non vi avevo aiutato a scoprire la magagna dato che mi ero loggato come l' idiota fuori dal mondo)torna a Pollena.
Tuttavia lo scerzo ha avuto i suoi frutti ,difatti trovandosi a cospetto con l' enorme imbecillità di semmentone betsabea ha firmato una vera e propria attestazione di stima nei confronti di Carlo. Dandoci prova che non c'è astio nelle sue considerazioni ma una reale esigenza di chiarimento di alcuni punti...atteggiamento che generalmente non si assume nei confronti di chi non consideriamo in alcun modo valido.Lo stesso discorso vale anche per maruko che per un buon pezzo non era consapevole che avessi cominciato ad operare subdolamente anche nel forum di Alfonso.Approfitto inoltre per fare i complimenti a quest' ultimo per questo nuovo elemento (il forum) che rende ancora più interessante il suo prezioso sito.Saluto tutti gli utenti del forum e mi scuso con tutti quelli che sono stati coinvolti dalla supercazzola.(tranne avvocatista che se lo merita ).
Luca

Risposta Condividi