www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Giovedi 26 Aprile 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Michele 
(Sicilì)
  Ingegnamoci
[16-10-2008]  
Molti di voi non sono solo semplici utenti appassionati, ma anche costruttori (più o meno alle prime armi). Sicuramente quindi oltre a costruire friscaletti, chitarre battenti e tamburelli chissà cosa avete nel cassetto!
L'artigianato per professione o per hobby è la base attraverso la quale l'uomo è riuscito a rendere reali i suoni che immaginava... e non solo i suoni!
Per cui... tiriamo fuori ciò che abbiamo realizzato, nella speranza di, scambiandoci trucchi e metodi, migliorare le nostre tecniche e perchè no, di applicarle anche agli strumenti (nonchè alle custodie).
Comincio io.



E' una pipa in legno di castagno. Il legno proviene da un tronco residuo di potatura e destinato al camino. Nella foto ho messo anche gli accessori per la manutenzione lgati in un laccetto di cuoio.



Risposta Condividi


[31]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: Ingegnamoci
[23-12-2008]  
cari amici i vostri consigli sono tutti preziosissimi, la sabbia mi sembra una eccellente idea, ora devo pensare a cementarla nel modo migliore, ma sto studiando il sistema per imbullonare il corpo della resistenza al tubo, si può fare perchè usando il tubo in orizzontale se ci sono un paio di bulloni sulla superficie inferiore del tubo non danno alcun fastidio, ma si può fare una filettature nell'alluminio ? ma dovrei usare dei bulloni di alluminio per non vanificare l'unione con dei materiali con diverso coefficiente di dilatazione..

caro Giuseppe, ho una piccola mola proprio per ceramica con la quale cercherò di mangiare 1 mm della filettatura che vedi, in modo che possa entrare giusta giusta nel tubo, il tubo all'interno è 29 mm e la resistenza 27,

Risposta Condividi


[32]   
Da: tiziano 
(Ostia)
  Re: Ingegnamoci
[26-12-2008]  
Alfò io sono di servizio in Pronto Soccorso il 26-il 29 ed il 30...spero di non vederti

Risposta Condividi


[33]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: Ingegnamoci
[26-12-2008]  
Tizià, grazie dell'avvertimento, starò ben attento ad evitare questi molteplici rischi,

e se v'avanza un femore (possibilmente di adulto) tienimi presente..

Risposta Condividi


[34]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Ingegnamoci
[26-12-2008]  
Carissimi Alfonso e Tiziano, anch'io avrei bisogno di un femore! :-)
Ha le misure buone per essere trasformato in un ottimo strumento in Sol, tanto richiesto dagli zampognari.
Presumo sia un pò difficile averlo.... nel frattempo mi arrangio "riciclando" gli avanzi ossei ovini e caprini del pranzo di natale:








Risposta Condividi


[35]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: Ingegnamoci
[28-12-2008]  
Giancà, sembra di stare in un covo di avvoltoi..

volevo chiederti, tornando al mio riscaldatore di ceramica: ho deciso di non mettere l'olio e quindi di non sigillare il tubo, mi creerebbe troppi problemi (perdite, pressione..)

quindi il tubo rimarrà aperto ad una estremità, comunque vorrei immergere la resistenza in qualche materiale (argilla, pasta di sabbia e qualcosa, non so..) in modo che, una volta seccatasi, oppure sfruttando il calore emesso dalla resistenza stessa (1000 W), questo materiale faccia presa e irrobustisca il tutto

ma ci vorrebbe qualcosa che, una volta seccatosi, poi non risenta dei sbalzi di temperatura ripetuti nel tempo ogni volta che l'accendo,

tu pensi che un impasto di sabbia e REFRAX possa fare al mio caso ? (dobbiamo pensare anche a soluzioni che trasmettano bene il calore..)

oppure potrebbe esere meglio solo il REFRAX ? non so se si usa impastato con altre cose
oppure potrei suare solo la sabbia, ma in questo caso dovrei chiudere l'estremità del tubo (anche se non ermeticamente), come potrei fare ?

queste le carattersitiche del REFRAX che ho trovato si internet: "è fornita in una miscela pronta per l'uso, basta aggiungere acqua grande rapidità di presa, REFRAX indurisce entro poche ore dalla sua applicazione realizzano un'elevata resistenza meccanica, già dopo 6 ore dall'applicazione da una presa completa con resistenza fino a 250 Kg./cmq. e dopo 24 ore il totale indurimento è dotata di alta resistenza termica, la sua speciale composizione con elevate qualità refrattarie permette l'impiego in zone calde con temperature fino a 1.100 gradi centigradi consente la presa a basse temperature, per effettuare i lavori in esterno anche con temperature rigide, indurendo prima che l'acqua geli. non teme l'acqua e l'umidità, dopo la presa. "

Risposta Condividi


[36]   
Da: Giancarlo Petti 
(Montefalcone )
  Re: Ingegnamoci
[28-12-2008]  
Alfò io sarei propenso ad usare solo la sabbia lavata e sottile.
Qualsiasi impasto resistente ad alte temperature potrebbe andar bene, ma è necessario (e non è facile saperlo) se ha lo stesso coeficiente di dilatazione termica della ceramica.
Metti caso non fosse così e che "l'impasto" (refrax) o altro, si dilati più della ceramica, il tubo andrebbe in pezzi.
Senza dimenticare il fatto che non si potrebbe, ad indurimento effettuato, smontare il tutto e provare diversamente, nel caso in cui non dovessi essere soddisfatto.
La sabbia trasmette ottimamente il calore e permette di smontare il tutto, magari solo per cambiare la resistenza, nel caso te ne capitasse una più adatta.
Inoltre potresti riempire il tubo da sopra (è aperto vero?), una volta posizionato la resistenza e sigillare il foro con un tappo di materiale neutro (legno di quercia andrebbe bene).
Sempre leggermente conico, così da poter essere rincalzato se si dovesse allentare.
Lascerei un mezzo centimetro di vuoto tra sabbia e parte inferiore del tappo.
Se poi il tubo è chiuso superiormente (ma credo non sia il tuo caso) è meglio ancora.


Risposta Condividi


[37]   
Da: alfonso 
  Re: Ingegnamoci
[23-01-2009]  
accingendomi alla realizzazione di una "chitarra per spaghetti" (vedi foto) mi sono chiesto: vuoi vedere che con qualche modifica sia possibile dare una valenza musicale allo strumento ? avete qualche suggerimento in proposito (oltre quello di prendermi una vacanza) ?






Risposta Condividi


[38]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: Ingegnamoci
[23-01-2009]  
Alfo', se il telaio fosse stato di forma trapezoidale avresti potuto ricavarne un salterio (o dulcimer) a martelletti.
Oppure, montandoci corde di spessore diverso, potrebbe funzionare anche così com'è.

Risposta Condividi


[39]   
Da:  
  Re: Ingegnamoci
[23-01-2009]  
cari
credo che lasciarlo così com'è non emette nessun suono... manca la cassa armonica e le "corde" non sono abbastanza tese, quindi accordabili.

Risposta Condividi


[40]   
Da:  
  Re: Ingegnamoci
[23-01-2009]  
p.s.
il post di sopra e mio
Tempesta

Risposta Condividi


[41]   
Da: alfonso 
  Re: Ingegnamoci
[23-01-2009]  
bravo Antò, hai centrato il problema, era proprio per risolvere questo busillis che ho chiesto i vostri consigli



Risposta Condividi


[42]   
Da: Giancarlo 
(Molise)
  Re: Ingegnamoci
[23-01-2009]  
Una cassa di risonanza si potrebbe ricavare chiudendo il fondo ed i lati della parte sotto le corde, naturalmende facendo il foro.... da richiudere temporaneamente qualore si volesse, in maniera saltuaria, usarla secondo l'uso originario, cioè per far spaghetti!!!

Risposta Condividi


[43]   
Da: alfonso 
  Re: Ingegnamoci
[23-01-2009]  
caro Giancarlo, certo che trasformare l'attrezzo in una cassa armonica come tu dici è la prima cosa da fare , ma il problema vero secondo me è dato dal fatto che le corde essendo necessariamente ancorate a due supporti molto solidi non possono trasmettere adeguatamente e sufficientemente le vibrazioni alla cassa,

e scusatemi se le sparo a raffica ma avrei anche bisogno di informazioni da qualcuno che abbia mai usato la colla Titebond Liquid Hide Glue

Risposta Condividi


[44]   
Da: Giancarlo 
(Molise)
  Re: Ingegnamoci
[23-01-2009]  
Sono sicuro che tu abbia bene in mente cosa fare...
Aspettiamo!!!


Risposta Condividi


[45]   
Da: guglielmo 
(pozzuoli)
  Re: Ingegnamoci
[23-01-2009]  
Alfò ti può essere utile ?









vedi un pò anche il sito:

http://www.liuteriadinsieme.it/strumenti/lire.html





Risposta Condividi