www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Lunedi 23 Settembre 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Andrea 
  Lira Calabrese
[12-12-2006]  
Sono alla ricerca di una buona Lira Calabrese..ho visto molti siti e conosco qualke suonatore...ovviamente i prezzi variano...volevo sapere se sapevate qualkosa e magari a quanto la posso trovare...grazie ancora e scusate il disturbo.
Potete rispondermi anke via mail...

Risposta Condividi


[31]   
Da: Betsabea 
  Re: Lira Calabrese
[01-04-2009]  
Popolare, non popolare, definiscila come ti pare.. io non l'ho definita in alcun modo, non mi interessano le definizioni, ho detto che non mi piace come è suonata la lira in quel video.

Questa o un'altra sonata, tradizionale o inventata... spesso non mi piace come viene suonata la lira da alcune persone.. non c'è niente da riflettere in questo, piuttosto c'è da criticare eccome perchè io alla lira ci tengo, ci tengo tantissimo e penso con orrore alla possibilità che non resti più nessuno a suonarla come si deve! Che resti l'oggetto e si perderà traccia del suono antico.. i giovani spesso non sono interessati a queste cose, loro magari suonano e basta.. in questo senso criticare è anche spronare (compà facitilu scurrira stu cazzu d'arcu! gridava Fragomeni dentro al microfono amplificato, sul palco, rivolto ad un "giovane" suonatore)...

A me piace la lira, mi piace per come è (era) concepita, per i suoni che emette.. se la sento suonare(anche meravigliosamente) come un violino mi sconforto.. penso che si sono perse tutte le potenzialità e sfumature di quel pezzo di legno, le sgracchianti melodie che la distinguono.. amo la quarta aumentata, amo le note non necessariamente pulite, amo le minime variazioni di cui ti accorgi quando senti suonare senza altri accompagnamenti (spesso disturbanti). Se la maggior parte delle persone che vedo su youtube suonassero senza accompagnamento ti romperesti a sentirli non dopo 5 minuti ma dopo 30 secondi.. quindi secondo me terzinare a yoyò è sinonimo di non aver niente da esprimere con quella unica corda che si tasta.

Mi invento una definizione per rispondere ad una domanda fatta sopra: chi è bravo a suonare la lira? chi riesce a tenere una sonata per mezz'ora e a non renderla ripetitiva e banale, non solo variando (o inventandosi passate sempre diverse) ma interpretando in modi diversi la stessa passata ora giocando con le svirgolature, ora con la velocità e la pressione dell'archetto etc. etc. allora.. la terzinatura è bella se inserita in questo contesto.. e ti assicuro che si può anche terzinare in mille modo diversi..

Basta.. ho riflettuto abbastanza.. mi fa male la testa!




Risposta Condividi


[32]   
Da: Salvatore 
(Venerato)
  Re: Lira Calabrese
[02-04-2009]  
http://www.youtube.com/watch?v=lDhfhHkybQs&feature=related

Risposta Condividi


[33]   
Da: NicMizar 
(MezzaItalia)
  Re: Lira Calabrese
[02-04-2009]  
Betsabea, sono completamente daccordo con te, inutile aggiungere orpelli ad uno strumento dal suono semplice e antico. Nessuno dei musicista tradizionali avrebbe mai potuto verniciare il suo strumento o laccarlo o metterci i regolatori "fini" dell'accordatura. Il virtuosismo dell'esecuzione poi non consisteva nell'esecuzione veloce (che poi nessuno sarebbe riuscito a ballare) ma nel cercare passate nuove e originali.

L'unica cosa è che non si potrà riprodurre in modo tradizionale è la qualità del suono. Io "provo" a suonare la lira da quasi un anno (ne ho una di Micu Paglia, l'ho scelta provandone diverse sotto l'occhio attento del costruttore), ma per quanto mi sforzi non potrò mai conseguire il suono di Iervasi o di Fragomeni, non ho le stesse mani grandi e forti, non ho la stessa sensibilità musicale, non ho la fortuna di poterli ascoltare e vedere dal vivo per "rubargli" la tecnica.
Cerco di non snaturare troppo il suono e soprattutto cerco di dargli una cadenza "da ballo", ma non posso non essere quella che sono, con le mie mani e le musiche che ho ascoltato...

Ciao e grazie per la discussione interessante
Nic

Risposta Condividi


[34]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Lira Calabrese
[02-04-2009]  
Io ho deciso di costrurmela la lira, di lasciarla povera e di
cercare di suonarla avendo in testa il ballo, la serenata e, soprattutto, la zampogna.
Non dimentichiamo che tutti i suoni degli strumenti popolari
sono.....la capra che canta.
ciao Bet
Pier Filippo

Risposta Condividi


[35]   
Da: leonardo 
(tiriolo)
  Re: Lira Calabrese
[23-04-2009]  

Danza albanese (pezzo non tradizionale... ma molto suggestivo da ascoltare)

http://www.youtube.com/watch?v=dm_ys8aUbwM

che ne pensate ?

Risposta Condividi


[36]   
Da: Alfonso 
  Re: Lira Calabrese
[23-04-2009]  
bello, il violinista è molto bravo

Risposta Condividi


[37]   
Da: leonardo 
(tiriolo)
  Re: Lira Calabrese
[23-04-2009]  
hai proprio ragione alfonzo, per essere un violinista è molto bravo sulla lira
(anche se non suona alla maniera tradizionale)

saluti a tutti

Risposta Condividi


[38]   
Da: antonio 
(brindisi)
  Re: Lira Calabrese
[04-05-2009]  
io invece la lira me la voglio costruire da solo...mi potete inviare disegni consigli, etc...
grazie a tutti...

Risposta Condividi


[39]   
Da: Alfonso 
  Re: Lira Calabrese
[06-05-2009]  
ciao Antonio, fossi in te comincerei col procurarmi una pezzo di legno adeguato..

e chiedo pure io un consilgio agli "ascoltatori":

sia per la forma tondeggiante della lira che per effetto del grado di levigatura del legno, anche se non rifinita a gommalacca, spesso risulta problematico tenere ferma la lira fra le ginocchia,

l'ideale sarebbe una finitura con una vernice "aggrappante" o comunque ruvida, o comunque che non scivola, come si può fare ?

Risposta Condividi


[40]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Lira Calabrese
[06-05-2009]  
x antonio
io me la sono costruita da solo.
ho anche i disegni ma, come dice
giustamente pat la lira è un fatto personale.
fermo restando alcuni elementi fissi,
il resto è gusto personale.
Comunque se vai sul topic "ingegnamoci" vedi le fasi costruttive
della mia lira.
Poi, caso mai, ne parliamo via Email.

x alfonso
incollaci un pezzo di pelle di daino
o di tela grezza o juta.

Risposta Condividi


[41]   
Da: Alfonso 
  Re: Lira Calabrese
[06-05-2009]  
caro Pierfi ma lo sai che proprio pochi minuti fa sono arrivato alla stessa conclusione ? sto cercando una pelle scamosciata, o addiruttura delle bande antisdrucciolo !!?!

Risposta Condividi


[42]   
Da: Alfonso 
  Re: Lira Calabrese
[06-05-2009]  
ha ragione Bet, la lira è come lo spazziolino da denti, questa per esempio l'ho fatta ispirandomi ad una foto di Pierfilippo,
naturalmente ci devo ancora fare i baffi..






Risposta Condividi


[43]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Lira Calabrese
[06-05-2009]  
Alfò, secondo me devi interrompere la dieta.
Vedo che stai nella fase.....psichedelica.
Pure le lire antropomorfe.
Spero che la chiamerai lira PFM
ciao
Pier Filippo

Risposta Condividi


[44]   
Da: Betsabea 
  Re: Lira Calabrese
[06-05-2009]  
Sentiti beddi.. io non ho detto che la lira è un fatto personale: ad alfonso gli ho massacrato i zebedei per anni dicendogli di attenersi ai modelli tradizionali!!! : )

Mi sono solo rassegnata al vostro estro... ; )



Risposta Condividi


[45]   
Da: Alfonso 
  Re: Lira Calabrese
[06-05-2009]  
cara Commare,
secondo me farsi una lira diversa da tutte le altre
(cioè a gusto proprio) è tradizionale, la riprova è che,
prima che nascessero i "costruttori",
ogni lira era diversa dall'altra..



Risposta Condividi