www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 21 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Giancarlo Petti 
  Costruttori di flauti di canna.
[06-07-2007]  
Vogliamo provare a fare un censimento dei costruttori di flauti di canna, magari per Regione?

Risposta Condividi


[31]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[21-09-2007]  
Ciao Giancarlo, ho visto che hai il "vezzo" di costruire i flauti utilizzando la parte di canna comprensiva del nodo.
A parte che mi sembrano più belli, ma il nodo contribuisce alla qualità del suono (anche perché comporta più lavoro) oppure è solo un fatto estetico che ti distingue?
Con ammirazione
Pino

Risposta Condividi


[32]   
Da: Giancarlo Petti 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[21-09-2007]  
Ciao Pino, realizzare dei flauti con il nodo della canna più o meno nella parte finale dello stesso, non è solo un "vezzo" ma un elemento in più che contraddistinque la qualità acustica dello strumento.
Il nodo contribuisce alla qualità del suono o meglio agendo sulla larghezza del foro che si pratica sul "diaframma" che chiude il nodo stesso, si riesce ad accordare alla perfezione ed ottenere delle sfumature diversamente impossibili.
Inoltre il nodo conferisce una maggiore rigidezza e resistenza allo schiacciamento del "cifello", per verificarlo basta provare a schiacciare un pezzo di canna senza nodo ed un'altra con il nodo! E' facile immaginare quale si rompe prima!
La parte di canna che va dal nodo in giù,si chiama "culazza" ed accorciandola, la tonalità base dello strumento sale!!!
Sempre a disposizione per ulteriori chiarimenti... ti saluto con affetto.
Ciao, Giancarlo.


Risposta Condividi


[33]   
Da: Alfonso 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[21-09-2007]  
caro Giancarlo, ci stai dando delle notizie preziosissime, non avrei mai immaginato che la parte oltre il nodo potesse influenzare l'accordatura

come sai anch'io sto iniziando ad avvicinarmi alla costruzione però procedo a caso, e quindi ogni informazione mi fa risparmiare mesi di esperimenti..

Risposta Condividi


[34]   
Da: Giancarlo Petti 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[21-09-2007]  
Hai ragione Alfò!!!
In genere i pochi che ancora costruiscono cifelli, flauti e friscaletti, non mollano un'informazione neppure sotto tortura, ma tu conosci lo spirito con cui faccio queste cose!
L'unico mio interesse e preservare e tramandare certe tradizioni ed allora sono felice di poter contribuire!
Certo ogni flauto "è una storia a parte", perchè ogni canna è diversa dall'altra.
Non ci saranno mai due flauti di canna perfettamente uguali tra loro.
Uguale sarà invece il suono prodotto, se è questo che si vuole!
Per la tonalità è importante la lunghezza ed il diametro della canna, per l'accordatura la distanza tra i fori ed il loro diametro.
Ma ci sono tante variabili: il cananaletto, lo scivolo, la stagionatura ed altre ancora!
...sembra facile!!!
Saluti.

Risposta Condividi


[35]   
Da: mimmo 
(lanciano)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[21-09-2007]  
Ciao Giancarlo,
pur non essendo un suonatore di flauto, sono proprio attratto dai tuoi strumenti.
Dato che non siamo lontani (Lanciano CH), ti lascio la mia casella...mi piacerebbe vederli. Magari ci si può vedere in qualche occasione.
mimmospadano@yahoo.it


Risposta Condividi


[36]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[21-09-2007]  
Ciao Giancà
Un uccellino mi informa che, una certa persona, parte proprio stasera per Montefalcheon....hai visto mai!

Scherzi a parte, i tuoi ciufill sono davvero belli, COMPLIMENTONI

Edoardo

p.s.
Appena avrò il tempo per registrare ti voglio inviare una "nostra" versione di : - NTELL NTELL se mi prometti di non ridere troppo per la mia pronuncia Molisana.

Risposta Condividi


[37]   
Da: Alfonso 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[22-09-2007]  
vi propongo questa foto che "documenta" l'uso del flauto a paro nel territorio cilentano, per gentile concessione del fotografo Salvatore Lembo http://www.salvatorelembo.it/index.htm








Risposta Condividi


[38]   
Da: giancarlo petti 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[24-09-2007]  
Ciao Edoardo!
...Qualcuno mi ha chiesto se il tuo "Ciufille" (pronunciasi ciufill, perchè la e si legge solo se accentata) fosse pronto!
Per rassicurarti ti mando una foto sullo stato dei lavori!
..Questa di un nostro pezzo, NDELL NDELL, inciso da voi m'incuriosisce! Non riderò per la pronuncia!
PS siccome foglio farne uno apposta per te, di flauto, non ti mando qualcosa che ho di pronto e ti chiedo di pazientare ancora una diecina di giorni.
Ogni promessa è debito!

Saluti, Giancarlo,







Risposta Condividi


[39]   
Da: giancarlo petti 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[24-09-2007]  
Grazie Alfò!
E' una bellissima foto!
Magari ve ne sono altre in giro!
...chissà!!!!



Risposta Condividi


[40]   
Da: giancarlo petti 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[24-09-2007]  
Ecco un'altra foto:






Risposta Condividi


[41]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[26-09-2007]  
Questi sono quelli che faccio io. la canna utilizzata è quella autoctona di Fiumara Grande, zeppa in oleandro.
Anche io utilizzo la "culazza" come potete vedere, quindi non dovrebbero essere dissimili da quelli costruiti dal M° Giancarlo Petti di Montefalcone sul Sannio, (del quale sono in attesa di provare le creature)












Se volete sentirne il suono:
http://www.exaequoclub.com/ciufill.mp3

sono solo 400 k

Risposta Condividi


[42]   
Da: Giancarlo 
(Montefalcone)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[26-09-2007]  
Ciao Edoardo.
Ma sei un maestro!
Io avevo capito che volevi imparare a costruire flauti. In realtà lo sai gia fare... e pure bene!
Mi sa che non te lo mando più! .... Scherzo!
La zeppa in oleandro è tradizione tipicamente siciliana, ma causa la sua tossicità, io non la uso.
In molise si usava legno di fico, per la sua lavorabilità e per la forma dei suoi rami, di sezione perfettamente rotonda, ma anche il fico è tossico...
Una curiosità: quanti fori ha posteriormente il flauto della foto?
Dal suono credo sia solo uno!
saluti

Risposta Condividi


[43]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[26-09-2007]  
Giancà, io ho un sacco da imparare, soprattutto dagli esperti come te, non mi accontento mai di quello che riesco a fare ;)))

E' vero, l'oleandro è di tradizione siciliana ed è tossico, ma (per ora) ancora non mi è successo nulla ;)) D'altra parte come giustamente sottolineavi tu anche il fico è tossico. Ahimè... nel mio giardino però, abbondano gli oleandri ma c'è anche un fico... vedrò. In realtà ho provato, ottenendo buoni risultati, con i rami di alloro (qui da noi abbondano) soprattutto i giovani esemplari hanno una sezione perfettamente tonda e molto lavorabile e hanno il vantaggio di non essere tossici.

L'esemplare che senti suonare ( quello della foto) ha DUE buchi posteriori, nel brano però erano tastati entrambi. Ne ho altri anche 7+1 oltre ad una piccola collezione di traversi (sempre in canna)

p.s.
indovina chi suona il tamburello invece?? :))
Il piccolo frammento audio lo abbiamo registrato al laboratorio di Musicoterapia del centro riabilitativo

Risposta Condividi


[44]   
Da: Giancarlo Petti 
(Montefalcone)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[26-09-2007]  
Grazie delle belle parole!
Non accontentarsi di quello che si fà è sempre positivo, in tutti i campi.
E' uno stimolo in più a fare meglio.
Comunque il tuo flauto ha un bel suono.
Una curiosità: anche se non si vede molto bene dalla foto, mi sembra che la canna sia stata usata alla rovescia, cioè a testa in giù, rispetto a come naturalmente cresce! E' vero? Dall'osservazione del nodo si direbbe di si!
Ti mando in anteprima per E-mail, un'articoletto, che ho inviato anche ad Alfonso che pare voglia pubblicarlo sul Forum.

Risposta Condividi


[45]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumicino)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[26-09-2007]  
E' vero Giancarlo; acutissima osservazione, l'ho usata al contrario, per ottenere un leggero effetto conico a scendere. Per il suono...beh, secondo me esce troppo "soffiato" sulle note molto acute e spero che tu potrai consigliarmi in merito.
Attendo con ansia di leggere l'articolo.

un abbraccio


Risposta Condividi