www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Venerdi 25 Maggio 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[391]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[04-06-2008]  



Da quarche giorno che provo a rilegge
l'ottava de Gianluca Zammarelli.
Gliè posso dì che er vino me sorregge
la voce se ce canto li stornelli.
Si bevo troppo partono le schegge.
Li canti poi diventano duelli.
Er vino, allora, piglia er sopravvento,
...e perdo pure l'orientamento.

Peppino di Rosa (PdR)




Risposta Condividi


[392]   
Da: RonnaPaulina 
(Emilia/Campania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[05-06-2008]  
‘O vino arregge ‘o ricco e lo pezzento
Si nun lo rieggi tu, sì puveriello,
Canta voce a Levanto e at Occidento
E fattose st’ottave nu fardiello
Bevette troppo Irpino, alleramento,
Che ghieva a beverare l' asiniello:
e mentre isso beveva, accarezzanno,
credìa... Paulina soja steve vasanno!


Risposta Condividi


[393]   
Da: Irpino 
(Emilia/Irpinia)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[05-06-2008]  
Stu fatto ca tu cunti, mò fa n’anno
Ca io te volli in asena mutare
A la fonte strillaie forte arraglianno:
“Fa' priesto, o Giove, chello ch' haie da fare:
Si pozzo stà la Ronna mia vasanno,
E tu falla 'n sommiera trasformare !”
Ma tu, mia Ronna, a rire te mettiste
e cù Zi Peppe ‘a Nguenta te ne iste!!!


Risposta Condividi


[394]   
Da: Insolito 
(Roma)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[06-06-2008]  
Giggetto regazzino der Tufello
inziste de sape’ com’è ch’è nato
la madre ji’arisponne u’ ritornello
è la scicogna fijio che t’ha portato
mamma mia co’ ‘sta scicogna
ma ‘sta casa è ‘na vergogna
o me cojioni
oppuro tu e papà nun sete boni


Risposta Condividi


[395]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[06-06-2008]  
Aho! nun ce provà, per dinci bacco
questa nunn'è farina der tuo sacco !

e prova a ffà 'na botta de cervice
e lo stornello t'uscirà felice

sennò prova a magnà 'na coratella
e t'uscirà 'na rima bona e bella

oppuro 'na 'nzalata de rinforzo
insomma, Giovannì, e fà no sforzo !

Risposta Condividi


[396]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-06-2008]  


Con tutta questa pioggia e questo vento
che batte l'entroterra e i litorali,
andare in ferie in questo momento
può procurare danni eccezionali.
Anche se porta appresso il suo strumento
mi chiedo cosa suoni Pontuali.
"Scende la pioggia" oppure "Piove Piove".
Vecchie canzoni ma pur sempre nuove.

Peppino di Rosa



Risposta Condividi


[397]   
Da: invecedepinoarmare 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-06-2008]  
Che me ne frega a me si piove forte
l’organetto che c'ho nun fà la ruggine
je faccio fare mille giravorte
lo sono a ritmo folle, da vertiggine,
lo sono e lo risono mille vorte
e nun me fa né ruzza nè fuliggine.
Dici che piove… e a me che me ne fotte
l’acqua stà fora, mica nella botte.

Io sono l’organetto e bevo er vino
guardo le donne belle e, de soppiatto,
m’azzardo puro a faje l’occhiolino.
Si qualcuno me vede me ne sbatto,
tanto mi moje schiaccia un pisolino
(e poi l’occhietto lo fò quatto quatto).
E ‘ntanto m’ariposo, ve ce rode?
Puro si piove forte … Pino gode!






Risposta Condividi


[398]   
Da: Ciggièll e Cisleuìll 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-06-2008]  
L'organetto di Pino chiede l'aumento

Speciale nove giugno, vertenza sindacale,
ha chiesto un aumento l' "organo" nazionale:
<<Faccio lavoro fisico, a gran profondità
pur anche nei week ends, mmezz'a l'umidità;
niente straordinari in notturna lavorata,
Lavoro in posto buio, senz' aer condizionata.
Alte temperature vuol sempre il mio servizio,
a malattie infettive esposto e non è un vizio!>>
Dopo aver letto ciò l'azienda non disposta
a dargli quest'aumento, stila questa risposta:
<<L'aumento te lo scordi, o caro il mio Pinotto,
perchè consecutive non "fai" per ore otto;
T' addormenti in ufficio dopo breve attività,
non ami il doppio turno, quest'è la verità.
Non sempre tu obbedisci a esigenze del cliente,
e tra un "lavoro" e l'altro, riposi lungamente!
Non sempre sei fedele al tuo posto di lavoro,
ma con la concorrenza te la "fai": non è decoro!
Non hai iniziativa, per farti lavorare
in un modo o nell'altro, ti devon stimolare!
Il luogo di lavoro non lo lasci pulito
(anzi... a volte lo lasci, prima d'aver finito...)
Infine, entri ed esci, sor Pino e fai le corse,
di continuo dall'ufficio con... due sospette borse!
Visto e considerato come svolgi il tuo lavoro
l'aumento ti neghiamo, noi tutte quante in coro!>>

Ciggièll e Cisleuìll


Risposta Condividi


[399]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-06-2008]  
regà, semo alla frutta !
amo toccato er fònno,
e pè cantalla tutta
s'è arivortato er mònno:

la ggente nun se ‘ntigna
manco d'arza 'na paija
e senza un po’ de gogna
er webbe se scandaija

ma 'ndò se so' arichiusi
li poeti cò la grolla,
che fioccheno l’illusi
che fanno er copincolla ?!


Risposta Condividi


[400]   
Da: invecedepinoarmare 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-06-2008]  
Ma quale copincolla e Webbe benedetto.
E’ che li sindacati ormai sò senza ossetto!
Ah, voi me lo negate l'aumento all'organetto?
poi nun ve lamentate si 'ndo lo metto metto.
Ma voi che ve penzate n'è mica un merluzzetto,
care mie sindacate. Pe ripija l'occhietto
nun basta che annacquate, ABBIATE più rispetto!
Tutti lo sanno Pino n’è mica un moccoletto
che pe’ faje pjà foco basta ‘n fiammiferetto
è n’arbero gigante, n’è mica un rigazzetto
che “basta che respira”, lui vò lo “scampoletto”,
inzomma pe capisse, tanto pe’ parlà schietto,
E’ ER POSTO DE LAVORO CHE ORAMAI È VECCHIETTO!!


Risposta Condividi


[401]   
Da: gianluca zammarelli 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[10-06-2008]  
aò ma che d'è tutte ste rime in etto
ormai semo arrivati all'Ariosto
se dovemo comporre ar gabinetto
me pare tutto fumo e niente arrosto
sarà che manca Pino a mette er detto
mo solo la caciara ha preso posto
ma mo ve dico, teneteve forte
li miei stornelli reggono alla morte

e poi battete un colpo si ce state
co li stornelli miei nun se compète

Risposta Condividi


[402]   
Da: invecedepinoarmare 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[10-06-2008]  
Me so permesso a ffà veci de Pino
perché quanno che sona l’organetto
nun è sono de omo ma è di vino
Ner senzo che lo sona cor concetto
che quanno senti er sono cristallino
te senti allegro come co ‘n goccetto
de vino bono che te scalla er core
e te fa diventà de buonumore.

Certo nun gradirebbe rime in “etto”
perché in ottava rima se cimenta
e poi je piace a fallo appett’appetto
perché pe’ scritto poco s’accontenta
e se li canta sopra all’organetto
(magara doppo un piatto de pulenta).
Però m’era sembrato immeritato
l’attacco che j’ha fatto er sindacato.

Premesso questo, visto quer che dite,
Egregio Portator de Tradizione,
nun sò si i Vostri versi, Voi capite,
potranno avè la Sua benedizzione.
Pe’ carità, nun Ve ce risentite,
nun posso certo davve ‘na lezione.
Però sò strofe un poco scolorate.
Fatele come l’unghie che portate.


Risposta Condividi


[403]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-06-2008]  



A voi che in questa fase recitate
nel ruolo di Pontuali d'Anguillara
pure se, con impegno, voi cercate
di fare interessante questa gara;
anche, secondo me soltanto, fate
un grande polverone e una cagnara.
Sono d'accordo anch'io con Zammarelli,
finitela con questi "caroselli".

A te Gianluca re degli stornelli,
rispondo con dei versi improvvisati
tagliati usando solo dei coltelli,
per questo non ancora raffinati.
I versi tuoi son come capitelli
di sopra alle colonne sormontati.
Risponde al colpo tuo questa bussata
perciò lascia la porta spalancata.

Peppino di Rosa



Risposta Condividi


[404]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-06-2008]  



Mi scuso se l'ho fatta esagerata.
Spero che il "sostituto" non si senta
offeso dall'ottava indirizzata
a lui che ha nominato la polenta.
Che preferisco ad ogni altra portata
condita in forma più che succulenta.
La mangio stesa sulla spianatora,
la foto tutto spiega ed avvalora.

Peppino di Rosa













Risposta Condividi


[405]   
Da: Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-06-2008]  
A pulènt', a pulènt'
prim' t'abbòtt' po' t'allènt'
e diciteme mò gent
si stu vierz è malament!
si stu vierz è sì fetent
a me a sasiccia e a vuie 'a pulent!



Risposta Condividi