www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Giovedi 23 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Giancarlo Petti 
  Costruttori di flauti di canna.
[06-07-2007]  
Vogliamo provare a fare un censimento dei costruttori di flauti di canna, magari per Regione?

Risposta Condividi


[376]   
Da: Edoardo 
(Fiumara Grande)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[01-04-2008]  
riporto da:http://www.ittiricannedu.it/suoni.php
La nota grave è la sensibile (7° della scala), seguita da tonica, 2° maggiore, 3° maggiore e 4°.
Il taglio dello strumento è dato dalla “tonica”, quindi uno strumento tagliato in “DO”, avrà come nota più grave il “SI”.

spero possa essere utile

Risposta Condividi


[377]   
Da: giancarlo 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[01-04-2008]  
Questa si che è musica! :-))

Grazie!!

Saluti, Gianca.

Risposta Condividi


[378]   
Da: Edoardo 
(Fiumara Grande)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[01-04-2008]  
inoltre un sulittu in azione
http://www.youtube.com/watch?v=KNbYtNrm25s&feature=related

Risposta Condividi


[379]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[01-04-2008]  
visto che si parla anche di flauti di altre regioni vorrei contribuire mostrandovi il modello più diffuso di flauto cilentano, che tanto per la cronaca in dialetto viene detto fràulo, per ora vi metto le misure e $appena posso ne faccio una foto






Risposta Condividi


[380]   
Da: Edoardo 
(Fiumara Grande)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[02-04-2008]  
OTTIMO Alfò!! grazie

Risposta Condividi


[381]   
Da: Peppe 
(Napoli (prov 'e munnezz'))
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[02-04-2008]  
Si Pippo anche io non la incollo fin quando non mi soddisfa nel suono. Cmq posto le foto appena possibile, ne ho uno fatto cosi per caso all'inizio è il mio primo falutino che ha un suono acutissimo bellissimo non fa un po' d'aria, però alcune note sono stonate, poi vi farò vedere la foto e vi metterete a ridere....

Risposta Condividi


[382]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
Per Peppe e Pippo:

I flauti migliori, quelli veramente buoni, hanno la zeppa non incollata.
Credo di averlo detto in uno dei primissimi post.

Ricorderete i flauti dolci scolastici dove il cilindretto-zeppa si sfila?
Dovrebbe funzionare così!

Questo presuppone di dover modellare perfettamente il corpo della zeppa rispetto al fusto della canna.

Perchè non si dovrebbe incollare?

..Perchè per tradizione era così: una volta la colla non esisteva, anche se per "sigillare" si usava cera d'api ecc.ecc., ma non coglio riprendere un argomento trattato in precedenza.

...Non incollarla, ha il vantaggio di poterla pulire, cambiare,arretrarla, avanzarla, correggerla "in corso d'opera".

Sapete sicuramente che esistono diversi tipi di zeppa, per esempio piatta oltre che a becco, tonde, piatte dritte,piatte a salire)

Se qualcuno ci fa vedere qualche zeppa piatta, ne posto anchi'io alcune.


Risposta Condividi


[383]   
Da: Edoardo 
(Fiumara Grande)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
Io normalmente tendo a NON incollare la zeppa, proprio per i motivi che sottolineava Giancarlo, ma soprattutto perchè gli interventi in corso e post opera dei miei flauti sono piuttosto numerosi ;).

Una piccola notazione a proposito di SULITTU CAMPIDANESE : Ieri ho avuto il piacere d parlare a lungo con Sergio Balia un Suonatore/costruttore della provincia di Oristano il quale si è dimostrato veramente un'ottima persona e molto disponibile (cosa rara e preziosa di questi tempi). Tra le tante cose che mi ha detto, ha confermato quanto avevo "immaginato": uno dei segreti del Sullittu è proprio il diametro del foro praticato nella membrana di separazione del nodo centrale. Mi ha svelato un piccolo segreto confidandomi che, i "vecchi" , danno come misura la stessa dell'ultimo foro in alto praticato sul corpo della canna.
Inoltre ho scoperto, con mia somma soddisfazione che il mio prototipo costruito suona INTONATO in SOL con piccoli interventi di accordatura.Uno degli errori commessi per sbadataggine è stato il foro praticato "sopra" il nodo. Purtroppo in quel punto ho dovuto intervenire con la cera d'api.... pazienza... Altro errore è stato inevitabilmente la misura, appunto, dell'apertura della membrana (ancora non lo sapevo). Sostanzialmente quindi il mio prototipo è da considerarsi una SOTTOSPECIE di Sulittu:))

Saluti

p.s.
Sono venuto in possesso (non vi spiego come) di canne molto molto stagionate pochissimi esemplari, ma da tenere come reliquia in attesa di diventare un buon costruttore.


Risposta Condividi


[384]   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
Edoardo casomai dovessi affinare la costruzzione del flauto sardo, potresti inserire sia la misura del diametro interno della canna che quella dell'apertura all'altezza del nodo? credo sia importante

Giancarlo interessante l'idea di postare più tipi di becco quanto prima farò una foto e la inserirò...
Mi preme però sottolineare una cosa: La colla si usa fin dall'epoca in cui l'uomo ha avuto necessità di incollare qualcosa, basti pensare al bianco d'uovo usato per incollare le pelli ai tamburelli, alla colla di cozze, cristallina e resistentissima usata dai liutai, creata bollendo in acqua la polvere di cozze, alle varie resine, alla colla di pesce anche se penso questa non rientri nella costruzione di alcuno strumento, e chissà quant'altrti tipi che io sconosco... io la colla la uso per i flauti di canna, lo faccio perchè non sono un bravo costruttore e penso che sia un modo per evitare eventuali sfiati...ma anche per rendere lo strumento stabile....

Vorrei fare uno strumento con zeppa d'olivo, mi piacerebbe un sacco ma il ramo d'olivo è tomentosissimo, non ha la regolarità, la perfetta sezione circolare del fico o dell'oleandro.... avete qualche suggerimento? io il tornio non ce l'ho! circa la durezza del legno sono disposto a sudare un po' di più, pur di avere quelle bellissime venature.... a poi!

Risposta Condividi


[385]   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
Pardon la misura interna del nodo, ho letto con distrazione....
Edoardo per trovare canne vecchie anche di vent'anni bisogna chiedere in montagna, alcune famiglie le tengono accatastate da generazioni, io appena possibile andrò in missione con questo obiettivo!!!

Risposta Condividi


[386]   
Da: calogero 
(licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  

per alfonso

purtroppo i miei studi sulla teoria della musica si sono conclusi, a mio rammarico, un po troppo presto
credo che la settima sensibile del sol sia il fa??????????????
qundi chiudendo tutti i fori dovrei ottenere il fa e di seguito sol la si do re mi fa sol ???????
chiedo conferma
grazie mille anticipato!!!!!


Risposta Condividi


[387]   
Da: giancarlo 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
Per maggior chiarezza devo dire che anche io spesso incollo la zeppa, specie quando regalo i flauti a persone poco esperte oppure quando ...non mi va di perdere troppo tempo per arrotondare a mano, senza tornio, la zeppa (quasi sempre di olivo).
Si può partire dai rami giovani che sono scarti di potature: sono perfettamente tondi, come il fico e l'oleandro, l'importante è che siano stagionati.
Usare collanti naturali è apprezzabile, anche se dalle mie parti non si usava mai una vera e propria colla.
Erano materiali che servivano più a sigillare, che non ad incollare (cera d'api, pece, pasta di sale, farina impastata ecc.ecc.)
Saluti, Giancarlo.


Risposta Condividi


[388]   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
Giancarlo la sensibile della scala maggiore di sol è fa#, se vuoi in pvt (qui nn è il caso) ti spiego il circolo delle quinte e come si determinano le tonalità....
In realtà nel friscaletto in sol viene messo il fa e non il fa# per una ragione precisa, perchè un friscaletto in sol maggiore è facile da suonare anche in la minore, che infatti ha il fa anzichè il fa#.... tutto questo tenendo però conto del fatto che il friscaletto è uno strumento cromatico per cui in realtà puoi ottenere qualsiasi scala...
appena posso la spiego meglio sta cosa...
Per il circolo delle quinte basta che ci sentiamo... potresti passare ad esempio ad un mio concerto...
sabato suono al Parco Letterario Gppe Tomasi di Lampedusa in via della Neve all'Alloro, mentre domenica, verso le 9 suono a Bagheria in un posto bellissimo e sarò con un'organico favoloso per cui ti consiglio di fare un salto, il posto è magnifico e si chiama Villa Villarosa, in paese sanno tutti dov'è basta chiedere...
salutamu!!!

Risposta Condividi


[389]   
Da: Giancarlo 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
MICHELE ...Continui a fare confusione tra Calogero e Giancarlo!!!!!

saluti...Giancarlo ...o Calogero??

Risposta Condividi


[390]   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[03-04-2008]  
Scusaaaaaaaa
hai ragione, mi autoflagello per 5 minuti così espìo....
Uno dei due deve cambiare nome, uffa! allora Giancarlo sarà Carlogianni e Calogero sarà Celoggero! Oh!

Risposta Condividi