www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Lunedi 23 Luglio 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Michele 
(Sicilì)
  Ingegnamoci
[16-10-2008]  
Molti di voi non sono solo semplici utenti appassionati, ma anche costruttori (più o meno alle prime armi). Sicuramente quindi oltre a costruire friscaletti, chitarre battenti e tamburelli chissà cosa avete nel cassetto!
L'artigianato per professione o per hobby è la base attraverso la quale l'uomo è riuscito a rendere reali i suoni che immaginava... e non solo i suoni!
Per cui... tiriamo fuori ciò che abbiamo realizzato, nella speranza di, scambiandoci trucchi e metodi, migliorare le nostre tecniche e perchè no, di applicarle anche agli strumenti (nonchè alle custodie).
Comincio io.



E' una pipa in legno di castagno. Il legno proviene da un tronco residuo di potatura e destinato al camino. Nella foto ho messo anche gli accessori per la manutenzione lgati in un laccetto di cuoio.



Risposta Condividi


[346]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(a)
  Re: Ingegnamoci
[02-01-2011]  
...bella idea Lorenzo.....
se mi dici come poter fare utilizzando il PC
provo a metterci sopra qualche strumento
ciao e buona anno
Pier Filippo

Risposta Condividi


[347]   
Da: alfonso 
  Re: Ingegnamoci
[02-01-2011]  
idea eccellente, suggerisco che il primo che realizza un file me lo mandi in modo che io possa metterlo sul forum a disposizione del prossimo volontario

pronti, via !

Risposta Condividi


[348]   
Da: Pelizzari 
  Re: Ingegnamoci
[02-01-2011]  
Io attualmente uso garage band, un programma installato nei computer della Apple.
Garage band è un programmino di facile utilizzo, consente di registrare più tracce.
Purtroppo sono un profano e non so cosa serva con il sistema Microsoft, secondo me si può cercare in internet un programma che consente registrazioni multi traccia.
Avevo fatto prove anche con due registratori, c’è però una perdita di qualità sonora.
lorenzo


Risposta Condividi


[349]   
Da: ANTONIO 
(VITERBO)
  Re: Ingegnamoci
[04-01-2011]  
Siete una massa di vecchi...
scaricatevi Audacity dal sito e divertitevi...
p.s. : se fate i bravi per lòa befana vi spiego come esportare i file in mp3!


Risposta Condividi


[350]   
Da: alfonso 
  Re: Ingegnamoci
[06-01-2011]  
allora per l'esperimento di telecomposizione proposto dal nostro Lorenzo mi è sembrato opportuno aprire un topic apposito

http://www.alfonsotoscano.it/forum/Subject.asp?S_ID=761&H_ID=36&pagei d=2&show=1

Risposta Condividi


[351]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Ingegnamoci
[14-01-2011]  
...stavolta mi sono ingnato al massimo ed è nata
"doppietta"...battente a doppio manico: il primo normale a 5 cori doppi
e il secondo con scordino.






Potete ascoltarne il suono su yotube a questo indirizzo
http://www.youtube.com/watch?v=dDcrN3qHS9k&feature=player_ embedded

Risposta Condividi


[352]   
Da: Antonio 
(Viterbo)
  Re: Ingegnamoci
[18-01-2011]  
Veramente i miei complimenti più sentiti...
a quanto pare i commenti alla costruzione di strumenti non si usano più! (tranne Giancarlo nessuno ha detto niente della mia Battente)
Scusa ma tu non eri quello contrario alle chitarre a doppio manico? (vedi commento a riturnella di A. Ricci)... !-P
Anche io sto pensando ad una doppio manico ma di altra natura (un ibrido fra battente ed un altro strumento)..
Ciao, Antonio

Risposta Condividi


[353]   
Da: Pelizzari 
  Re: Ingegnamoci
[20-01-2011]  
Pier Filippo, vedo che sei lanciatissimo.
Fai come gli alpinisti più abili, quelli che per ogni nuova ascesnsione cercano di aumentare il grado di difficoltà.
Mi sembra che suoni anche bene.
Complimenti
Lorenzo

Risposta Condividi


[354]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Ingegnamoci
[20-01-2011]  
ti ringrazio caro Lorenzo.
Vorrei chiederti la tua mail perchè vorrei parlarti di una cosa
in privato.
Scusate se uso questo topic.

Risposta Condividi


[355]   
Da: mario 
(noto)
  Re: Ingegnamoci
[08-02-2011]  
salve, mi chiamo mario
vengo da noto(SR)
mi piacerebbe costruire uno strumento che ho visto in qulache video in internt.
lo strumento in questione alcuni lo chiamano cupa cupa altri vurre vurre,
dovrebbe essere abbastanza semplice
barattolo + stoffa + canna

ora pero avrei qualche domanda
1 il barattolo si deve aprire su entrambe le 2 facce o solo una sola?
2 la stoffa o pelle va suonata bagnata?
3 come attacco la pelle alla canna? , alcuni dicono con lo spago ma credo rischio che mi scivoli e mi resti la canna in mano.
4 io non ho a disposizione pelli ne di capretto ne di capra.. scusate la mia ignoranza, posso mettere la pelle daino per lavare le macchine..?
5 ma la canna non rischia di sfondare la membrana?

grazie tante a coloro che vorranno chiarire i miei dubbi!!!!!!

Risposta Condividi


[356]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: Ingegnamoci
[08-02-2011]  
ciao Mario, io tidico come ho costruito i miei:
il baratttolo o il bidone o la botte non va aperta sotto
la pelle è meglio se lo fai di piccole dimensioni, anche perche pelli piu o meno piccole le puoi trovare, ma se lo defi fare grande (tipo bufu' molisano) meglio la stoffa, ovviamente robusta calcola che suonandolo devi bagnare la mano ma l'acqua scende inevitabilmente sulla stoffa e a lungo andare la macera un po', oppure usa la pelle per pulire la macchina. che fisserai al margine del bidone o barattolo con un laccio ben serrato assicurati che il bidone abbia un minimo di bordo onde evitare che la pelle scivolando, mentre lo suoni venga via, fatti aiutare per mantenere in forte tensione il laccio, alcuni usano fare un tourniquette con un bastone infilato nel laccio che girandolo stringe in laccio e fa da fascetta intorno alla pelle.
Veniamo alla canna, deve essere dritta, di diametro proporzionato alle dimensioni del bidone, o meglio per un bufu' fatto con botti da 70 100 litri meglio usare una canna grossa del diametro di 1\2 cm per cupa cupa piccoli basta una canna del diametro di una sigaretta o poco piu'.la canna deve essere lucida non rovinata e con il coltellino devi spianare il piu' possibile i nodi presenti lungo il decorso di questa, rendila piu uniforme possibile onde evitare di ferirti le mani.
Come fissarla alla pelle? ovviamente la pelle non va bucata, ma avvolta a dito di guanto intorno alla base della canna, questa operazione va fatta prima di fissare la pelle al barattolo, la base della canna verra' preventivamente tagliata in modo da formare una zona circolare scavata in corrispondenza di un nodo, attento poiche' questa è la fase piu' delicata del procedimento, se intacchi troppo la canna rischi di indebolirla e di romperla mentre la stai suonando, allora a questo punto sulla pelle\stoffa che hai posizionato su questa zona intaccata della canna puoi mettere della corda impeciata o del filo di acciaio stretto in modo da trattenere e fare corpo unico con la base della canna stessa.
a parole non è facile farti capire la procedura, cerchero' di fare un disegno che pubblicherò.
Il suono è prodotto dalla frizione della mano bagnata, lungo la canna, alcuni suonatori tengono in mano una spugnetta bagnata, altri bagnano la pelle riempendola di acqua e bagnano li le mani, nel Gargano ho visto usare gli spruzzetti del sapone, quelli che nebulizzano il contenuto, tipo quelli per innaffiare i fiori ...buon lavoro a te e in bocca al lupo.

Risposta Condividi


[357]   
Da: mario 
(noto)
  Re: Ingegnamoci
[09-02-2011]  
Tiziano ,
piacere di fare la tua conoscenza
ti ringrazio mille per la risposta immediata..
sei stato chiarissimo, credo di aver capito tutto..
ora pero mi è venuta una cosa in mente,
come giustamente dicu tu , il filo va legato tra canna e stoffa/pelle facendo un alloggio nella canna in prossimita del nodo
ora se io reiesco ad inserire un cilindro di legno all'interno della canna non faccio
altro che irrobustire la stessa.. e se poi l'estremita del cilindro lo sagomo a sfera, la membrana forse dura di piu?
spero di essere stato chiaro..

Risposta Condividi


[358]   
Da: alfonso 
  Re: Ingegnamoci
[09-02-2011]  
segnalo che abbiamo anche un apposito topic per il putipù, dove forse si può trovare qualche altro elemento utile:

http://www.alfonsotoscano.it/forum/subject.asp?Page=2&S_id=458&H_ID=36&pageid=2&show=1

Risposta Condividi


[359]   
Da: tiziano 
(roma)
  Re: Ingegnamoci
[14-02-2011]  
grazie mast'Alfonso mi reco in loco per dare risposta

Risposta Condividi


[360]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Ingegnamoci
[24-02-2011]  
Vorrei presentarvi l'ultima creatura...un sogno
che covavo da tempo perchè è uno strumento che mi affascina
e cioè il calascione anzi un 1/2 calascione.
Per quanto riguarda le notizie sulle strumento vi invito
a leggere l'apposito topic presente sulla "chiazza".
L'ho realizzato utilizzando tiglio e noce per il fondo
e per il manico, nell'ipotesi in cui l'eccessiva lunghezza
potesse creare problemi di deformazione, ho usato legno di abete
messo controvena con un rinforzo centrale in mogano.
(il M° Scala sostiene, e lo ha dimostrato, che l'abete è il legno che si deforma
meno degli altri più nobili)
La ta è di abete val di fiemme di una stagionatura di 40 anni
donatami dal M° Liutaio Tumiati che mi ha fornito anche
la forma in schiuma di poliuretano e preziosissimi consigli.
La tastiera è in acero e noce nazionale e i bischeri sono
realizzati da me a mano in palissandro come pure di palissandro
è il ponticello con inserto di osso presente anche nella parte
fronatle del cavigliere dove è inciso il mio logo...PFM.
Il rinforzo del fondo è in acero.
Insomma ho utilizzato il legno che avevo disponibile.
Le corde e i tasti mobili sono di nylon (va benissimo e ce lo
avevo disponibile) al posto del budello.
Accordatura re,la,re...quindi lo strumento a corde vuote da
il modo maggiore di RE.
Debbo dire che nonostante le ridotte dimensioni del guscio
lo strumento ha un bel suono forte e squillante....certo deve maturare.
Finitura in gomma lacca decerata.
Ecco alcune foto:
Vista frontale






particolare fondo






particolare cavigleire e bischeri







Risposta Condividi