www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Venerdi 19 Ottobre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Vincenzo Cipriani 
  Musica popolare ..e liuteria
[07-12-2006]  
Ciao Alfonso,
la mia generazione, quella del dopo-guerra, ha vissuto l'oblio forzato della nostra musica. Personalmente mi sono battuto da sempre: il risultato che oggi mi sento un po' un Don Quijote de la Mancha......ma, nel vedere il video, mi è parso di scoprire un risveglio della nostra musica popolare e, ancor di più, della nostra fantasia.
Vincenzo Cipriani - Assisi

Risposta Condividi


[286]   
Da: Antonio 
(Viterbo)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[26-06-2010]  
io l'ho fatto....
il mio era praticamente insuonabile....
ma non mi sono curato del valore commerciale
ciao!

Risposta Condividi


[287]   
Da: Giancarlo  
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[27-06-2010]  
Benissimo!
...Allora perchè non mi dai qualche consiglio su come procedere?
...Ps: ho chiesto del valore per tre motivi:
-se dovesse valere qualcosa, (anche dal punto di vista artistico, non solo economico) non rischierei un "restauro" che non ho mai fatto e, magari, farei esperienza su qualcosa che vale di meno!.
-voglio vedere se l'ho pagato il giusto.
-potrei anche decidere di cederlo a parziale recupero delle innumerevoli ed esagerate spese che affronto nell'acquisto di strumenti ...e poi non è che posso regalare tutto ed a vita! :-)

Risposta Condividi


[288]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[29-06-2010]  
Ripeto quando detto in precedenza, chiedendo espressamente aiuto a Lorenzo o al maestro Scala, nel caso si trovassero a passare di qui.
"Sono in possesso di un bellissimo mandolino del 1854 ed il mio dilemma è se tentare un restauro radicale (so cosa rischio!), fare piccoli interventi "conservativi" e ridargli voce o... venderlo (con gran dispiacere) solo per permettere a chi ne sa di più di procedere ad un restauro professionale.
Qualcuno mi può aiutare consigliandomi come procedere?
Mia intenzione sarebbe: smontare e pulire le meccaniche, scollare la tastiera e pulirla con una paglietta molto sottile, pulire i tasti e limare (?) leggermente la parte sporgente (benchè minima), scollare la tavola armonica, rincollare le due doghe non perfettamente riattaccate in un antico restauro, riparare la piccola fessura della tavola armonica, sostituire la carta applicata sulle doghe, lasciando la targhetta originale dove si legge: CEA C. A. WUNDERLICH geugrundet 1854 Siebenbrunn Vogtl. Germany.
Rimontare il tutto, e dopo aver pulito con acqua e sapone, dare una piccola mano di gommalacca!
Grazie anticipatamente.


Risposta Condividi


[289]   
Da: Francesco 
(roma)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[29-06-2010]  
Ciao, mi inserisco in questa discussione ma il mio giudizio ha un valore solo da profano perciò nessuno di fronte a chi si intende. Io penso che dovresti affidarlo a mani esperte di cui ti fidi e farlo restaurare; questo significa che chi lo restaura terrà conto della storia che ha il mandolino e manterrà le stesse caratteristiche senza alterarne troppo l'identità stessa dello strumento. Chi rstaura solo mandolini d'epoca, io non ne conosco però mi viene da suggerisrti questo. Scusa l'inromissione, e buona giornata. F

Risposta Condividi


[290]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[29-06-2010]  
Ciao Francesco.
Il tuo consiglio è semplice, pulito, sincero ed apprezzabile.
E' anche una cosa di buon senso, ma a volte, specie chi un pò di manualità ce l'ha, "rischia" e prova a farlo direttamente! :-)
Certo...il risultato non è garantito, per questo chiedevo agli esperti del "valore" : una cosa è distruggere 50 euro, altro cosa è se il valore è maggiore.

Saluti, Giancarlo.

Risposta Condividi


[291]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[29-06-2010]  
Qui, credo che ti possa aiutare solo il M° Scala oppure il M° Cipriani, credo che mettersi a fare da se una tale operazione sia estremamente a rischio, pur avendo la migliore manualita' o possedendo tutti gli utensili del mondo credo che ti esporresti comunque ad una situazione dalla quale non c'è ritorno se non con l'aiuto diretto, e non via mail, di un esperto...per il resto fai tu... in bocca al lupo

Risposta Condividi


[292]   
Da: Giancarlo  
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[29-06-2010]  
Grazie Tiziano.
Vi farò sapere.

Risposta Condividi


[293]   
Da: Giancarlo  
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[03-07-2010]  
Acora qualche foto del mandolino:














Risposta Condividi


[294]   
Da: Giancarlo  
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[03-07-2010]  













Risposta Condividi


[295]   
Da: Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[09-07-2010]  
Giancarlo,
quando si apre uno strumento, le varie parti tendono a muoversi e farle tornare nella posizione iniziale è sempre complicato.
Se lo strumento fosse mio, mi comporterei in questo modo.
Non lo aprirei, cercherei di incollare la crepa sulla tavola armonica con colla di coniglio, a mandolino chiuso.
Incollerei anche la fessura tra le doghe e la rinforzerei con una strisciolina di carta incollata sempre con colla di coniglio, entrando dalla buca.
Non smonterei la tastiera, non la levigherei; eventualmente registrerei i tasti (se non sono a livello).
Lascierei alle meccaniche la patina del vecchio, le lubrificherei se non girano bene.
Terrei il colore originale evitando la riverniciatura.
Non rifarei nemmeno la parte mancante del fiore a campana, quello verso le corde basse.
Lo armerei e lo suonerei.
Qui ci vorrebbe il maestro Pasquale Scala.
Lorenzo


Risposta Condividi


[296]   
Da: Giancarlo  
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[09-07-2010]  
Salve Lorenzo!
Finalmente qualche risposta!
Ti ringrazio molto!
Quesi tuoi consigli mi confortano perchè corrispondono, alla perfezione, a quanto ho deciso di fare.
Condivido tutto quello che mi hai detto, ma in più volevo ricostruire il fiore in osso, perchè nella sede si vede il residuo di colla... e non mi piace, ma potrei anche ripensarci e non farlo!
Nel frattempo vorrei procurarmi (o fare) ponticello e cordiera.
...Non smonterò nulla e tutti gli interventi avverranno a "strumento chiuso".

Grazie mille!
...Vi farò sapere!


Risposta Condividi


[297]   
Da: antonio 
(viterbo)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[10-07-2010]  
la carta e la colla da soli non bastano...ci vogliono i diamantini.
Ciao

Risposta Condividi


[298]   
Da: Giancarlo  
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[10-07-2010]  
Antò... per applicare i diamantini bisogna aprire!
...Siamo punto e a capo...

Risposta Condividi


[299]   
Da: tiziano 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[10-07-2010]  
RIFARE IL TRIANGOLO DEL FIORE IN OSSO NON E' COSA DIFFICILE, CI PUOI PROVARE TRANQUILLAMENTE

Risposta Condividi


[300]   
Da: Antonio 
(Viterbo)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[10-07-2010]  
fai un buco da dietro con una carotatrice!
naturalmente scherzo...ma parlo per esperienza personale...
se lo suoni le vibrazioni sollecitano la TA.
basta anche uno sbalzo di temperatura....
se vuoi fare una cosa non filologica ma che regge puoi applicare i diamantini con un qualche accrocco che ti inventi da solo attraverso la buca usando un collante bicomponente e che quindi per fare presa ci mette meno della colla di coniglio...
ma lì e una tua scelta...
magari fatti un giro nel sito degli strumenti antichi del museo dell'auditorium...ci sono le schede di restauro e puoi trarre ispirazione...
ciao, Antonio

Risposta Condividi