www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Domenica 23 Settembre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  L'armonica a bocca...è lecito usarla
[10-11-2008]  
In alcuni filmati e leggendo le formazioni
di alcuni gruppi di musica popolare (parliamo
di musica del centro sud) ho notato che
viene usata l'armonica a bocca (diatonica)
che ripropone, sostanzialmente, il repertorio dell'organetto.
Premesso che suono da diversi anni tale strumento (harp)
ma utilizzato prevalentemente per il blues o il folk/rock americano,
chiedevo se era lecito, utilizzare tale strumento specialmente quando
suona insieme con organetto o zampogna.
Personalmente non sono contrario a contaminazioni
come per esempio l'uso del basso elettrico o del contrabasso,
perchè crea un basso profondo assente, normalmente nella musica popolare
(salvo nel centro dove si utilizzava lu rebbeco') e quindi la
sua introduzione rafforza il sound ma, utilizzare
l'harp quando ci sono a disposizione altri strumenti diatonici
tipici della tradizione mi sembra un po' "riempiticcio".
Che ne pensate?
Pier Filippo

Risposta Condividi


[16]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[21-12-2010]  
...bravissimo lorenzo...tanti auguri
Pier Filippo

Risposta Condividi


[17]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[07-02-2011]  
l'ho trovata in un mercatino dell'usato-antiquariato.
Si tratta di una rara armonica a bocca di produzione italiana degli anni '50 della ditta di fisarmoniche "Archimede Mancini" attiva dal 1951 al 1962.
Ci sono notizie di altri due artigiani che hanno prodotto armoniche a bocca: La ditta "Prestini" (1930 circa) e la ditta "Carloni" di Stradella (1940 circa).













Risposta Condividi


[18]   
Da: alfonso 
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[09-02-2011]  
bella!

Risposta Condividi


[19]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[09-02-2011]  
Tra l'altro è perfettamente funzionante, tonalità SOL e DO.


Risposta Condividi


[20]   
Da: Giancarlo  
(molise)
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[09-02-2011]  
Bellissima Pino!
Complimenti!

..."Riesumando" un giochino di qualche anno fa... io so perchè l'hai presa:
ARMONICA CANTO PER TE anagrammata dice PINO MO NE RACCATTERA.
:-)
Saluti.

Risposta Condividi


[21]   
Da: alfonso 
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[10-02-2011]  
sol e do oppure sol e RE ?

Risposta Condividi


[22]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[10-02-2011]  
Alfo', me pareva d'esse' stato chiaro....... comunque SOL e DO.

Gianca', l'armonica a bocca è stato il mio strumento per circa venti anni, poi, scoperto l'organetto, l'ho riposta in un cassetto.
Trovare quell'armonica mi ha risvegliato la voglia di suonarla, oltre all'intrigante fatto di possederne una di fabbricazione italiana.
Ero sicuro che nessun artigiano italiano avesse mai "osato" insidiare la qualità delle Hohner, delle Tombo e dei giapponesi Yamaha, e invece quando l'ho provata (prima di comprarla) mi sono reso conto che, nonostante abbia più di mezzo secolo di vita, può competere con quelle marche più blasonate.
Poi, rovistando nel web, ha scoperto che altre due ditte, ancora prima di questa, già costruivano ottime armoniche a bocca.

Risposta Condividi


[23]   
Da: Giancarlo  
(molise)
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[10-02-2011]  
Caro Pino,
...come darti torto?
Anche io sono molto legato all'armonica a bocca!
Anche per me, come per te e per tanti, è stato il primo strumento.
Dopo averla desiderata a lungo, riuscii a mettere da parte le 35 lire necessarie ad acquistarla.
Vederla esposta nella vetrina dell'unico negozio del paese, che non fosse di soli generi alimentari, suscitava infinite fantasie.
Le poche volte che avevo avuto modo di vederlo e, soprattutto, sentirlo “dal vivo”, era in mano ad un anziano vicino di casa che, ogni tanto eseguiva brani legati alla vita militare, alla sua prigionia in Jugoslavia, oppure in mano ad un vecchio e caro parente che però non amava prenderlo spesso: era sempre in uno stato di “lutto ingiustificato” ai miei occhi di bambino.
Solo dopo anni capii che non amava suonare in pubblico perchè “il pensiero” del figlio emigrato in Germania gli negava la serenità necessaria per farlo.
..Erano brani tristi, malinconici, ma che ogni tanti scivolavano in allegri saltarelli e tarantelle, senza tralasciare i classici della tradizione paesana: “lu Capedanne” “La pasquètte” “Lu Sant'andune”...
...Il pensiero volava anche ai personaggi dei film western in cui l'armonica aveva un ruolo importante: erano le colonne sonore di Ennio Morricone ed i film di Sergio Leone;
...“Armonica” era il soprannome del protagonista di “C'era una volta il west”.
...Mi piacevano maledettamente alcuni pezzi di musica country, con l'armonica regina indiscussa.
Più tardi l'apprezzai, come protagonista della storia del blues dei neri americani.
Poi la vidi usata insieme alla chitarra da tanti musicisti famosi, come Bob Dylan, Edoardo Bennato, Bruce Springsteen , ma anche tanti umili e bravi artisti di strada.
...La curiosità di bambino mi spinse a verificare l'origine della “magia” di quell'oggetto misterioso, che si concretizzava nel duplice suono emesso dallo stesso foro: come potevano essere due note diverse, soffiando o aspirando?
La smontai quasi subito: quattro piccole viti tenevano, i gusci metallici esterni, attaccati al corpo centrale di legno.
Il suono era prodotto dalla vibrazione provocata alle ance dell'aria.
Le sottili lamine d'ottone fissate sotto e sopra una piccola placca di metallo, il tutto montato su un “telaio” con una doppia fila di scanalature rettangolari, atte a convogliare l'aria sulle ance.
Capii che, forse, si chiamava armonica, perchè era quasi impossibile suonare note singole!
Mi resi conto che “genialità” fosse quella di far emettere due suoni allo stesso foro e che il principio era quello base, poi ripreso negli “organetti”.

Risposta Condividi


[24]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[10-02-2011]  
Gianca', Mi si sono inumiditi gli occhi.
La mia prima armonica fu una "Bravi Alpini" della Hohner, poi scoprii la "Piccolo", sempre della Hohner, a dieci buchi e mi si aprì un mondo nuovo: quella piccola armonica apriva possibilità performanti eccezionali.
Dopo aver imparato tecniche varie, passai alla "cromonica" (con il pulsante per passare da DO a DO#) ma senza abbandonare la "Piccolo".
Infine incontrai l'organetto (avevo 34 anni) e fu tutta un'altra storia............

Risposta Condividi


[25]   
Da: afonso 
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[11-02-2011]  
personalmente non mi ha mai preso, però ricordo che nel catalogo della storica ditta Bagnini ce n'erano in vendita delle bellissime

Risposta Condividi


[26]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[11-02-2011]  
La ditta Bagnini, Alfo', faceva solo la vendita di strumenti musicali e non la costruzione; quindi non c'era in commercio un'armonica "Bagnini".

Risposta Condividi


[27]   
Da: alfonso 
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[12-02-2011]  
si si certo, mi riferivo alla vendita,
il catalogo Bagnini per gran parte della popolazione che viveva nei paeselli spesso era l'unico "negozio" dove era possibile vedere e acquistare uno strumento musicale

però sarebbe interessante ripescare no di questi cataloghi perchè questa ditta prediligeva i prodotti italiani, e solo per alcuni articoli si rifaceva a importazione dall'inghilterra, sarebbe interessante vedere che armoniche proponeva..

Risposta Condividi


[28]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[12-02-2011]  
Spero che qualcuno abbia conservato uno di quei cataloghi, e se è così che si faccia vivo.

Stiamo diventando dei ricercatori di reperti "archeologici" ......................

Risposta Condividi


[29]   
Da: Giancarlo  
(molise)
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[12-02-2011]  
Su Ebay è in vendita un catalogo “Bagnini” del 1959, ma tratta di Fotocamere.

C'è invece un catalogo di fisarmoniche a 35,00 €uro: “Fisarmoniche. Catalogo strumenti musicali. Berlino 1890”

“Splendido catalogo di strumenti musicali con moltissime incisioni che raffigurano strumenti, per lo più fisarmoniche e macchine a rullo per la riproduzione musicale”

(Specialites: Accordeons, Manopans, Herophon, Seraphin)

PS: se cercate su youtube Manopan o Herophon troverete dei filmati molto interessanti.

Risposta Condividi


[30]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: L'armonica a bocca...è lecito usarla
[13-02-2011]  
Vorrei dare un piccolo contributo visto che per tanti anni
ho suonato l'armonica (blues).
Intanto debbo dire che l'armonica, va suonata nota per nota....se si suonano due o
tre adiacenti si produce l'accordo.......
per il blues si suona prevalentemente in prima posizione cioè, detto in
parole povere, producendo le note dei vari riff soprattutto aspirando
e quindi utlizzando l'armonica accordata in 4^ rispetto a alla tonalità
in cui si sta suonando (se il blues è in Mi l'armonica da usare è in LA).
per questo genere secondo me le migliori sono le Blues Harp della Honer
oppure le giapponesi Lee Hoskar.
Per quanto riguarda invece la musica popolare che va suonata
con l'armonica in 1^ posizione (usando prevalentemente le note soffiate e
l'armonica nella stessa tonalità in cui si suona) ritengo che la migliore
sia la Marine Band sempre della Honer che veniva usata dai bluesman e dai
suonatori bianchi per eseguire brani di country music.....ha un suono, secondo il
mio modesto parere, che si avvicina molto al suono dell'organetto.
Sono sostanzialmente armoniche che hanno un ottimo rapporto tra potenza sonora
e quantità di aria da utilizzare a differenza, per esenpio delle armoniche tipo
Bravi Alpini, che, sempre secondo il mio modesto parere, hanno bisogno di più
aria e inoltre la loro conformazione non agevola la velocità di esecuzione.




Risposta Condividi