www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Sabato 21 Luglio 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  scambiamoci le canzoni
[22-10-2008]  
Vorrei invitare tutti gli amici del forum a inviare il testo e le carateristiche esecutive di canzoni
che ritengono particolarmente significative della zona di loro appartenenza.
Ritengo che possa essere utile a chi come me (pur appartenendo al territorio delle
Marche basse) ritiene che sia lecito rappesentare un repertorio popolare che può
interessare tutto il centro sud.
Non credo che un marchigiano non possa eseguire (magari mediandolo) un canto alla cilentana
o un siciliano eseguire un saltarello abruzzese.
Che ne pensate?
Io, per il momento inserisco una canzone forse poco nota appartenente alla
tradizione laziale-abruzzese-marchigiana.


Lu Cacciatore Caitano

In terra di Romagne
Ce stava nu patro, un matro e un figlie
Successe un parapiglie
Lu patro li ‘ccidò

Li ‘ccidò li ‘ccidò li ‘ccidò li ‘ccidò ‘ccidò ‘ccidò
Li ‘ccidò li ‘ccidò li ‘ccidò li ‘ccidò ‘ccidò ‘ccidò

Lu Cacciatore Caitano
Andando a spasso col suo cano
‘ncontrossi in una coccia di cristiano
dai carbonieri s’arricò

S’arricò s’arricò s’arricò s’arricò rricò rricò
S’arricò s’arricò s’arricò s’arricò rricò rricò

Lu capitano dei carbonieri
Sapute di queste fatte
A momenti ce diventava miezze matte
E di a Caitano:
“Tu sarai lu testimonie de questa coccia de cristiane senza lu troncò

Lu troncò lu troncò lu troncò lu troncò troncò troncò
Lu troncò lu troncò lu troncò lu troncò troncò troncò

La Vergine Santissima
Cacciateve lu cappielle
Armetteteve lu cappielle
La grazia gli faciò

Gli faciò gli faciò gli faciò gli faciò faciò faciò
Gli faciò gli faciò gli faciò gli faciò faciò faciò


La canzone si sviluppa su due accordi (tonica e dominante La Mi)
e i versi sono alternativamente recitativi (con la dominante fissa)
e a tempo (....gli faciò, gli faciò, ecc. con tonica e dominante)

(sembrerebbe che sia stata raccolta negli anni '60 a Roccaraso - portatore un montanaro)

Saluti a tutti


Risposta Condividi


[16]   
Da: Damiano 
(Martina Franca TA)
  Re: scambiamoci le canzoni
[10-11-2008]  
Ciao Piero,

sono Damiano Nicolella, uno degli ex utenti "storici" (ci sono stato almeno due anni!) di pizzicata.

Eh sì, tutti sentiamo la nostalgia di pizzicata, comunque è vero che ci si bisticciava troppo...

Ascolta, un'amica mi ha contattato per dirmi che cercavi i testi della "Passione di Cristo" delle varie regioni italiane. Io a casa, fra i tanti libri che ho, possiedo una biblioteca specializzata sul folklore pugliese, comprendente qualcosa come 150 pubblicazioni, e sui canti popolari pugliesi ho un'infinità di testi, anche inediti (qualcuno mi ha definito "etnomusicologo", ma io non mi arrogo questo titolo che non ho... tutt'al più sono un piccolo ricercatore che investe in questo i suoi pochissimi quattrini per evitare che tale patrimonio vada perduto e fra qualche anno facciamo la frittata...). Se vuoi ti posso aiutare, però (e te lo dico solo perchè sono un disoccupato cronico) dietro modico compenso ti posso mandare i testi della "Passione di Cristo" con le innumerevoli varianti dei seguenti paesi pugliesi:

(Provincia di Taranto)

Taranto
Martina Franca
Avetrana
Massafra
Statte
Palagiano
Palagianello
Montemes ola
Ginosa
Laterza
Grottaglie
Mottola
Manduria
Castellaneta
Sav a
Monteiasi

(Provincia di Brindisi)
Fasano
Francavilla Fontana
Cisternino
Ostuni
Ceglie Messapica...

...insomma, questi sono quelli che mi ricordo di avere, così a volo d'uccello. Te li posso mandare per posta o se vieni in Puglia ti posso portare in biblioteche, archivi sonori e ricercatori che li hanno trovati. Qui te ne trascrivo alcuni per darti un'idea di quello che ti posso trovare:


MASSAFRA (Taranto):

LU SCIOVEDIA SANDE
(Tratto da “Canti popolari della Settimana Santa a Massafra”
di Cosimo Scaligina, Edizioni “Tre ternise”, 2006)

Iosc’è lu Sciovedia Sande
e scenne Marì’ se mette lu mande,
non aveve chi ci scì,
sola sola si partì.

E acchiò San Pietre danande:
“Mamma Marì ce vä truvanne?”.
“Voche truvanne lu mio figliole,
l’ho perdut’e non lu trove”.

“Rete li porte di Peläte
‘ddä stä lu tuo figlie ‘nghiodäte”.
“Rete li porte di Peläte
‘ddä stä lu tuo figlie ‘nghiodäte”.

Tuppe-tuppe. “Ci è alli porte?”.
“So’ Marì lo sbinduräte”.
“Mamma mè no’ pozz’aprì,
li Ggiudè m’oni legäte”.

“M’one strinde o m’oni legäte
come nu misere carciaräte”.
“M’one strinde o m’oni legäte
come nu misere carciaräte”.

“E vä aggire da l’olda porte,
vite ca stä ‘na zingaredde.
Fatteli fä ‘nu pare de chiuove,
no te li fä fa longh’e suttile”.

Cheda zinghera maledette
‘ngi li fäsce longh’e strette.
Ggesù Criste lo molediscì,
sembe sperte lo fäsci scì.

Ggesù Criste lo molediscì,
sembe sperte lo fäsci scì.

Oggi è il Giovedì Santo
e scende Madre Maria e si mette il manto,
non aveva con chi andare,
sola sola se ne partì.

E incontrò San Pietro:
“Madre Maria che vai trovando?”.
“Vado trovando il mio figliolo,
l’ho perduto e non lo trovo”.

“Dietro la porta di Pilato
là sta il tuo figlio inchiodato”.
“Dietro la porta di Pilato
là sta il tuo figlio inchiodato”.

Toc toc. “Chi è alla porta?”.
“Sono Maria la sventurata”.
“Mamma mia non posso aprire,
i Giudei mi hanno legato”.

“Mi hanno stretto e mi hanno legato
come un misero carcerato”.
“Mi hanno stretto e mi hanno legato
come un misero carcerato”.

“E vai a girare dall’altra porta,
vedi che sta una zingarella.
Fatti fare un paio di chiodi,
non te li far fare lunghi e sottili”.

Quella zingara maledetta
glieli fece lunghi e stretti.
Gesù Cristo la maledì,
sempre sperduta la fece andare.

Gesù Cristo la maledì,
sempre sperduta la fece andare.

TARANTO:

IL LAMENTO DELL'UCCELLO AL DOLORE DI MARIA
Tratto da "U Briviarie d'a nonne", a cura di Claudio De Cuia, 2005 Scorpione Editrice

Figliole d'a Vergena Marije,
trendatré janne 'u munne camenaste,
tridece discepule le chiamaste,
te le purtaste pe' 'na cumbagnije,
jndr'o' deserte 'a Duttrine le 'nzignaste.
Le benediciste a ttavole quedda sere,
mmienze a ttutte stave l'anema nere.
"Vune de chiste amiche m'à da tradire;
quidde ca cale 'u prime vuccone,
quidde à da essere 'u tradetore mije".
A vune a vune le piede lavave.
Stave San Bietre, sule se lagnave.
"Pietre, ci le piede tue nò te le lave,
facce de paradise tu nò ne guede".
"Me lave da cape 'o piede, Maestre mije!
Vù stateve bbuene, file mije,
ca jie me n'hagghia scere;
jndr'o Sciardine sté a lucia vere.
Addà m'aspette l'Angele d'u Padre mije,
l'hagghia ffà quedda granda vije".
Ma come a ttanda cane
le Giudeje 'u vulevene 'mmane.
"Ma ce sciate fanne, file mije?!".
"Sciame truvanne Criste Nazzarene!".
Ma se menarene le cane arraggiate,
Criste 'u purtarene tutte attaccate.
N'acijdde ca stave suse a n'alije
sendije 'a voce de Matra Marije:
"Matre de Criste, Matre de Criste,
ije a ffigghieTe l'agghie viste;
l'hagghie viste murtefecate.
Osce nò me la fazze 'na candate!".
Figliolo della Vergine Maria,
trentatrè anni il mondo camminasti,
tredici discepoli li chiamasti,
te li portasti per una compagnia,
nel deserto la Dottrina gli insegnasti.
Li benedicesti a tavola quella sera,
tra tutti c'era l'anima nera.
"Uno di questi amici dovrà tradirmi;
quello a cui do il primo boccone,
quello dovrà essere il mio traditore!".
Ad uno ad uno i piedi lavava.
San Pietro solo si lagnava.
"Pietro, se i tuoi piedi non lavo,
faccia di paradiso non ne godrai".
"Mi lavi dal capo ai piedi, Maestro mio!".
"Statevi bene, figli miei,
chè io dovrò andarmene;
nel Giardino c'è la luce vera.
Là m'aspetta l'Angelo del Padre mio,
la dovrò fare quella grande via".
Ma come tanti cani
i Giudei lo volevano tra le mani.
"Ma che fate, figli miei?!".
"Andiamo cercando Cristo Nazareno!".
Ma si avventarono i cani arrabbiati,
Cristo lo portarono tutto legato.
Un uccello che stava su un albero d'olivo
sentì la voce della Madre Maria:
"Madre di Cristo, Madre di Cristo,
io a Tuo figlio l'ho visto;
l'ho visto mortificato.
Oggi non me la sento di cantare!".

Inoltre te ne scrivo una io inedita del mio paese, MARTINA FRANCA (Taranto), che ho registrato di persona:

'U VENERDEGGHIA SANTE

'U venerdegghia sante (x 2 volte)
Matre Maria s'a puste 'u mante (x 2 volte).

Non ge n'aveve pe ce scé, (x 2 volte)
e pi la lone se ne parté (x 2 volte).

Acchié San Pitre dananze: (x 2 volte)
"Matre Maria pecciè ste chiange?" (x 2 volte)

"Jé voche 'ncierche du fegghie, (x 2 volte)
ce l'eta véste me lu descète" (x 2 volte).

Il venerdì santo
Madre Maria si è messa il manto.

Non aveva con chi andare
e con la luna se ne andò.

Incontrò San Pietro:
"Madre Maria, perchè piangi?"

"Io vado in cerca di mio figlio,
se l'avete visto me lo dite".

E te ne posso mandare molti altri, basta che mi contatti al 328/7024035 o mi mandi un'e-mail a elrescador@libero.it.

A presto!

Damiano Nicolella

Risposta Condividi


[17]   
Da: Alfonso 
  Re: scambiamoci le canzoni
[14-11-2008]  
ragazzi, un'amico mi ha chiesto il testo di questo brano, c'è qualcuno in grado di aiutarmi ?

http://www.youtube.com/watch?v=tr89bmvNQjg

Risposta Condividi


[18]   
Da: Emilio 
(XX)
  Re: scambiamoci le canzoni
[15-11-2008]  
Egregio Pierfilippo.
Mi sorprende che ti poni la domanda se un Marchigiano puo' eseguire ....
La musica è un'arte ed in quanto tale tutti possono ascoltarla/esuguirla/pensarla/"ballarla" (fondamenti di estetica della musica) che si tratti di musica d'autore o di musica tradizionale.
Restando nell'ambito del forum,.
Se vieni a conoscenza di qualsivoglia forma locale / tradizionele dal polo nord al polo sud con tutto quello che c'è in mezzo chi ha il diritto di dirti che non puoi suonarla ...a quale titolo ...
anche se oggi il trend è quello di fare delle "leggi" che proteggano non so che cosa ... e non so da chi...
insomma non scendiamo al bassissimo livello di festival capitanatico/messapico.
Un cordiale saluto con i migliori auguri nella speranza di beccare qualche tuo video in cui esprimi la tua passione musicale.
Emilio





Risposta Condividi


[19]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: scambiamoci le canzoni
[15-11-2008]  
Caro Emilio,
la mia perplessità scaturisce dal fatto che,
purtroppo, il mondo è popolato
di "puristi" che spesso, di fronte
a operazioni che si discostano, ma sempre con il dovuto rispetto,
dalla rigida tradizione o comunque non ripropongono
fedelmente il repertorio popolare, storcono il naso.
Io ritengo che attualmente l'interesse verso la musica, e più in generale, verso
le tradizioni popolari, sia cresciuto anche se gli "addetti ai lavori"
sono ancora una minoranza e spesso divisa sui temi generali.
Chi invece questa tradizione la vive quotidianamente il problema
non se lo pone: continua la tradizione, la diffonde, spesso la usa, e quindi la tramanda.
Io non appartengo al mondo e alla cultura "altra", almeno ora non più, sono però convinto che
per andare avanti e migliorare bisogna ritrovare le notre radici e raccontrle alle
future generazioni (imbastardite dai continui messaggi culturali della
civiltà capitalistico/moderna/liberale/guerrafondaia/opportunista/individuali sta/egoista/ecc.)
A questo punto vorrei essere una sorta di "diffusore" della cultura popolare, che si
contrappone a quella dominante, operando nello specifico musicale, e penso che qualunque mezzo sia lecito per diffonderla e per affiancare l'opera, prestata spesso inconsciamente, di chi
questa cultura la vive e ne è artefice.
Per cui io vado avanti per la mia strada, che ritengo
essere corretta e, soprattutto, fattiva.
ciao
Per Filippo

Risposta Condividi


[20]   
Da: Emilio 
(xx)
  Re: scambiamoci le canzoni
[15-11-2008]  
Egr. Pier Filippo.
A me il concetto di purista mi puzza un po' "dietrologia"... ovvero quello che appartiene al passato è tutto buono quello che appartiene al presente al futuro è tutto sbagliato. Ovvero, quello che canta mio nonno è buono quello che canto io è sbagliato. Così mi raccontava mio nonno di suo nonno :-)
Secondo me quello che regge è la preparazione , lo studio, insomma la passione, concetto estremamente relativo all'individuo...
Non c'è cosa meno rigida della tradizione popolare: non dobbiamo cadere nel concetto positivistico-romantico in cui si credeva di poter risalire al Giorno Zero della musica tradizioniale.
Questa è una cosa che era in evoluzione, è in evoluzione e sarà in evoluzione ...
Se leggi i pionieri della etnomusicologia (allora ricerca folklorica) che so tipo V. Embriani, Il Pitrè,C. Nigra, A. D'ancona, L Sinigaglia oppure G.Fara per la Sardegna traspare un pensiero di fine della musica tradizionale italiana, un po come il Sig.Damiano, eppure son passati più di cento anni... ed il Carnevale Barbaricino esiste ancora... Stessa cosa nel settecento ...
Quindi è tutto in trasformazione, in perenne ...mutamento...come l'uomo ...
Sulla subalternità della musica tradizionale è stato scritto è riscritto... così come i latini americani oggi sostituiscono i lisci la quadriglia sostituì la furlana nell'ottocento...
Allora la quadriglia era la cultura dominante oggi tradizioanlissima ... tutto scorre... oggi essendoci i mezzi di registrazione a portata di tutti ... tutto si somma...
Questo mio intervento deve essere visto come uno stimolo all'approfondimento (per tutti i lettori, incluso il sottoscritto)
Cordiali Saluti.
Emilio






Risposta Condividi


[21]   
Da: Emilio 
(vv)
  Re: scambiamoci le canzoni
[17-11-2008]  
Caro Pier Filippo.
Accontentiamoci del picere di qualcosa non di cosa potrebbe significare, di cultura altra o meno.
Se ci piace la facciamo indipendentemente se sia altra o meno, lascimo decidere a chi ci ascolta e proseguima per nostra strada.
Dai per prova a chiedere all'utente Marcello quanto a sudato per comprende la Blues Note quella brutta specie di cosa non descrvibile con un sistema tonale temperato equabile imposto dalla cultura dominante.
Un fondo accontentiamoci di piccole grandi emozioni, una di queste per me è stata quella di vedere in questo forum tante chitarre battenti tutte insieme.
Saluti
Emilio

Risposta Condividi


[22]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: scambiamoci le canzoni
[20-11-2008]  
cari amici,
cerco il testo della canzone di Eugenio Bennato
"Garofano d'ammore" contenuta
nel suo primo LP con
il gruppo MusicaNova.
grazie
Pier Filippo

Risposta Condividi


[23]   
Da: la Parolaia ('a Parulana) 
  Re: scambiamoci le canzoni
[20-11-2008]  
Do# Sol#
Bella Figliola Ca Staje 'Nfenesta
Do#
mèname 'nu garofano dess'asta
Sol#
Staje 'Nfenesta
Do#
mèname 'nu garofano dess'asta

Strumentale: Do# Sol# Do# Do#
Do# Sol# Do# Do#
Do# Sol# Do# Do#
Do# Sol# Do# Do#

E si lo vuo' mena, ménalo presto
ménalo chiano chiano ca nun se guasta
ménalo presto
ménalo chiano chiano ca nun se guasta

Strumentale: Do# Sol# Do# Do#
Do# Sol# Do# Do#
Do# Sol# Do# Do#
Do# Sol# Do# Do#

Lo voglio mette 'mpetto a la festa-festa
garofano d'ammore e tanto abbasta
la festa-festa
garofano d'ammore e tanto abbasta



Risposta Condividi


[24]   
Da: Damiano 
(Martina Franca TA)
  Re: scambiamoci le canzoni
[20-11-2008]  
Ciao Pier Filì,

forse è questa?

http://it.youtube.com/watch?v=cWBGRNt_Orw

A proposito del cosiddetto "Garrofano d'ammore", volevo spendere qualche parola sul perchè di questo titolo. "Garrofano d'ammore" è il vero titolo della cosiddetta "Tarantella del Gargano", poichè, al tempo in cui si portavano le serenate qui in Puglia all'innamorata, sia sul Gargano che qui sulla Murgia, la donna corrispondeva gettando un garofano dalla finestra. E se l'innamorato lo portava nel taschino del gilet alzato (cioè con la corolla in su) voleva dire che era stato accettato dalla donna che amava, altrimenti se lo portava capovolto voleva dire che era stato lasciato. A Molfetta (Bari) si cantava:

Bella mè ca stè alla fenesta
ammine nu garofene dalla grasta,
amminele chiano chiano nella coppola
amminele chiano chiano ca nò se uaste.

(Chiedo scusa ad eventuali molfettesi su questo sito per aver massacrato il loro dialetto).

Risposta Condividi


[25]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: scambiamoci le canzoni
[20-11-2008]  
riferendomi a "la Parolaia ('a Parulana) "

non è che voglio fare il difficile ma a Napoli " 'a Parulana " è la contadina, non la parolaia..




Risposta Condividi


[26]   
Da: Raffaele Andreoli 
(Campania)
  Re: scambiamoci le canzoni
[20-11-2008]  
a parulana (o padulana) è l'ortolana, mentre la contadina è : cafona,furetana,massara,pacchiana paisana, terrazzana,quasciana, quatrana o quatranella

Risposta Condividi


[27]   
Da: la Parolaia ('a Parulana) 
  Re: scambiamoci le canzoni
[20-11-2008]  
è l'Ortolana, Alfò, è l'Ortolana... come non ricordare quella situazionista indiana metropolitana dell'Ortolana, la buonanima della vispa stornellatrice che un dì apparve purdunque su codesto sito? ...

ahimè, Alfò, quante deludenti pecche colgo nel tuo disquisire, non hai colto il gioco sull'equivoco?... il nonsenso e la consapevole dadaista manipolazione verbale con l'arbitraria giustapposizione?... ma anche... come non cogliere la traduzione volutamente paradossale, maccheronica e détournante come il latinorum della missa potatorum che non è la messa dei potatori ma quella dei bevitori, etc etc?...

alfò, ma che t'è magnato, 'a cianfotta crura?...

strizziamo l'occhio e pure le recchie a Marinetti e Debord, passando per... "E dice 'o parulano embè parlammo..."

un salutone annisessanta pacifico amoroso e detournante: "pis en lov" che non significa "Pissia nelle uova" ...

Risposta Condividi


[28]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: scambiamoci le canzoni
[20-11-2008]  
carissima rp confesso che non ho colto, ma pure tu c'hai disabituato.., fannullona !

Risposta Condividi


[29]   
Da: 'a Parulana 
  Re: scambiamoci le canzoni
[20-11-2008]  
AHAHAHAHAHH!!!! ti ho spiazzato fonzie......

Risposta Condividi


[30]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: scambiamoci le canzoni
[20-11-2008]  
ultimamente non è difficile..

e per rimanere in tema beccati questa:


a la città re Pavone, gente
se nc'era edificato nu serpente
ca se nce manetnìa lu vierno e la state

nganna la purtava 'na scrittura
ca ogni juorno la vulìa na crìatura
e tutte le criature s'avìa mangiate

e solo a me ronzella m'avia restata
Santa Margherita se mise 'ngammino
se ne scese indo nu deserto

le lacrime le ìano fino a lu pietto
poi se ne scese indo na valle
e truvào nù giovane a cavallo

che hai ronzella mia ca forte chiangi ?
o giovane cavaliere
oggi me ne debbo andare a la morte

ìamo a ch'era frescura a reparare
San Giorgio se crerìa ca chiuvìa
era la ronzella ca chiangìa

che hai ronzella mia ca forte grìri ?
lo drao a la mia via vèo venire
San Giorgio a lo drao s'avvicinao e disse

chiùri l'uòcchi e apri la vòcca
ca sta runzella te voglio menàra
tanti fracassu ca lo drao facìa

ca puro San Giorgio se ne 'ntemorìa
sentette na voce ra lo cielo
Animo Giorgio Cavalier di Cristo

oggi è lo juorno ca l'onor t'acquista.




Risposta Condividi